User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito El se scuse,prufesùr..

    S'e scapàt un dè..
    Sarà stat el cald..


    11-01-1918.
    10-08-2001.





    Se vedòm!
    Se vedòm!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Giangranco Miglio. Il professore rimasto fuori dal coro.



    Leonardo Facco*

    Il coccodrillo, che per i non addetti ai lavori è un articolo "piagnisteo" pronto a commemorare il morto autorevole di turno, non lo si nega a nessuno. Per Indro Montanelli, infatti, i direttori dei giornali di tutta Italia ne avevano i cassetti delle scrivanie pieni. Già pronti all'uso. Tanti. Da poter riempire da due a quattro, e più, pagine dei giornali.
    Per il professor Gianfranco Miglio, invece, solo qualche nota d'agenzia (magari evitando di citare la sua morte in prima pagina) o qualche pezzullo insignificante scritto da un cronista di seconda o terza fila.
    Tutto secondo copione. Mi sarei meravigliato del contrario. In fondo, Indro Montanelli, rappresentava la "stecca nel coro", ovvero l'italiano per antonomasia. Quello che nel coro, appunto, ci stava volentieri (da fascista, da democristiano, da antiberlusconiano, ecc. ecc.) pur sbagliando qualche nota della partitura. Quello che faceva lo storico (con una sfilza di premi per contorno), scrivendo i libri "a quattro mani" con i Cervi o con i Gervaso.
    Il professor Miglio no. Era di un'altra pasta, era "scandaloso", era realista. Era così fuori dal sistema da essere uno contro il sistema. Miglio amava ricordare che il Bel Paese non era di suo gradimento. Figuratevi, con Maurizio Costanzo, al telefono, s'è "permesso" di affermare che è cresciuto con sua nonna che parlava in tedesco alle galline. E, soprattutto, ha avuto l'ardire di dare il suo assenso, nonché l'appoggio ideologico, alla più rivoluzionaria idea politica di questi ultimi centoquarant'anni: la secessione.
    Mentre Montanelli le lauree se le prendeva ad honorem, in un paese in cui la laurea è già di per sé un insulto, Miglio faceva il rettore del dipartimento di Scienze Politiche all'Università Cattolica di Milano e faceva crescere fior fiore di giovani studiosi imbevendoli di idee coerentemente liberali. Se Montanelli paludava il suo sapere e le sue rampogne nel Risorgimento savoiardo, Miglio, da vero scienziato della politica, approfondiva i concetti del federalismo, dell'indipendentismo, delle libertà individuali. Proprio così. Montanelli citava Garibaldi? E Miglio ci faceva conoscere Carlo Cattaneo. Montanelli riesumava Giolitti? E Miglio rimpiangeva l'abdicazione delle idee liberali e proponeva di rileggere Carl Shmitt. Montanelli piagnucolava per il fatto che lo Stato abdicasse alle sue prerogative? E Miglio lo Stato lo metteva completamente in discussione, preferendogli le istituzioni policentriche, la libertà di mercato, la concorrenza tout court.
    Ha scritto Carlo Lottieri, sulla rivista Élite, a proposito del professore comasco: "Pensare al politologo lombardo vuol dire riferirsi a uno studioso che durante la seconda metà del Novecento ha avuto pochi rivali, in Italia e fuori, nel suo tentativo di scandagliare con rigore scientifico la realtà del potere: evitando qualsiasi retorica e sforzandosi di osservare la politica quale essa è. Nel corso di questa ricerca, allora, non stupisce che egli abbia finito per elaborare un pensiero non privo di assonanze con quella linea di pensiero che - da Étienne de la Boétie fino a Murray N. Rothbard, passando per i libertari americani del XIX secolo - si è sforzata di sottrarre ogni maschera all'autorità politica". E se non è antisistema, ergo fastidioso, uno così, ditemi voi!
    Montanelli col potere ci sguazzava. Miglio al potere si opponeva. Se per Montanelli il "lutto giornalistico" è durato una settimana, per Miglio nemmeno un giorno. Tutto bene madama la marchesa.
    Se non fosse stato così non saremmo qui a scrivere queste quattro righe zeppe di rabbia. Complimenti professore. Quelli come il sottoscritto, nel frattempo, continueranno a studiare sui suoi libri. Non su quelli del "grande vecchio".

    *Questo articolo è stato scritto il giorno dopo la morte del professore ed è stato inviato, sotto forma di lettera, al quotidiano "Libero". Non è mai stato pubblicato, eppure "qualcuno" l'ha preso come spunto per scriverci un suo pezzo.
    Se vedòm!

  3. #3
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Caro professore, grazie di tutto quello che hai fatto. La Padania, se mai verrà, la dovremo a te, che da Lassù vegli sui nostri sforzi.

    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

  4. #4
    Sposo di Teodolinda
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria: futura terra deislaminizzata
    Messaggi
    1,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quando penso a Miglio non riesco a trattenere un moto di collera. Trovo imperdonabile non aver voluto sfruttare le capacità e la genialità di una mente così lucida. Non riesco a non arrabbiarmi ricordandomi di come è stato trattato da coloro che credeva suoi amici che sono giunti a definirlo "una scoreggia nello spazio".
    Quando il ministero per le riforme istituzionali è stato affidato a Speroni invece che a lui è risultato subito chiaro che non vi era nessuna intenzione di portare avanti un cambiamento. E' stato come affidare un trapianto cardiaco al macellaio sotto casa invece che a Barnard.
    Ciao Professore rimarrai sempre un esempio e un simbolo!

  5. #5
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Gatto rognoso
    Giangranco Miglio. Il professore rimasto fuori dal coro.


    Leonardo Facco*

    Il coccodrillo, che per i non addetti ai lavori è un articolo "piagnisteo" pronto a commemorare il morto autorevole di turno, non lo si nega a nessuno. Per Indro Montanelli, infatti, i direttori dei giornali di tutta Italia ne avevano i cassetti delle scrivanie pieni. Già pronti all'uso. Tanti. Da poter riempire da due a quattro, e più, pagine dei giornali.
    Per il professor Gianfranco Miglio, invece, solo qualche nota d'agenzia (magari evitando di citare la sua morte in prima pagina) o qualche pezzullo insignificante scritto da un cronista di seconda o terza fila.
    Tutto secondo copione. Mi sarei meravigliato del contrario. In fondo, Indro Montanelli, rappresentava la "stecca nel coro", ovvero l'italiano per antonomasia. Quello che nel coro, appunto, ci stava volentieri (da fascista, da democristiano, da antiberlusconiano, ecc. ecc.) pur sbagliando qualche nota della partitura. Quello che faceva lo storico (con una sfilza di premi per contorno), scrivendo i libri "a quattro mani" con i Cervi o con i Gervaso.
    Il professor Miglio no. Era di un'altra pasta, era "scandaloso", era realista. Era così fuori dal sistema da essere uno contro il sistema. Miglio amava ricordare che il Bel Paese non era di suo gradimento. Figuratevi, con Maurizio Costanzo, al telefono, s'è "permesso" di affermare che è cresciuto con sua nonna che parlava in tedesco alle galline. E, soprattutto, ha avuto l'ardire di dare il suo assenso, nonché l'appoggio ideologico, alla più rivoluzionaria idea politica di questi ultimi centoquarant'anni: la secessione.
    Mentre Montanelli le lauree se le prendeva ad honorem, in un paese in cui la laurea è già di per sé un insulto, Miglio faceva il rettore del dipartimento di Scienze Politiche all'Università Cattolica di Milano e faceva crescere fior fiore di giovani studiosi imbevendoli di idee coerentemente liberali. Se Montanelli paludava il suo sapere e le sue rampogne nel Risorgimento savoiardo, Miglio, da vero scienziato della politica, approfondiva i concetti del federalismo, dell'indipendentismo, delle libertà individuali. Proprio così. Montanelli citava Garibaldi? E Miglio ci faceva conoscere Carlo Cattaneo. Montanelli riesumava Giolitti? E Miglio rimpiangeva l'abdicazione delle idee liberali e proponeva di rileggere Carl Shmitt. Montanelli piagnucolava per il fatto che lo Stato abdicasse alle sue prerogative? E Miglio lo Stato lo metteva completamente in discussione, preferendogli le istituzioni policentriche, la libertà di mercato, la concorrenza tout court.
    Ha scritto Carlo Lottieri, sulla rivista Élite, a proposito del professore comasco: "Pensare al politologo lombardo vuol dire riferirsi a uno studioso che durante la seconda metà del Novecento ha avuto pochi rivali, in Italia e fuori, nel suo tentativo di scandagliare con rigore scientifico la realtà del potere: evitando qualsiasi retorica e sforzandosi di osservare la politica quale essa è. Nel corso di questa ricerca, allora, non stupisce che egli abbia finito per elaborare un pensiero non privo di assonanze con quella linea di pensiero che - da Étienne de la Boétie fino a Murray N. Rothbard, passando per i libertari americani del XIX secolo - si è sforzata di sottrarre ogni maschera all'autorità politica". E se non è antisistema, ergo fastidioso, uno così, ditemi voi!
    Montanelli col potere ci sguazzava. Miglio al potere si opponeva. Se per Montanelli il "lutto giornalistico" è durato una settimana, per Miglio nemmeno un giorno. Tutto bene madama la marchesa.
    Se non fosse stato così non saremmo qui a scrivere queste quattro righe zeppe di rabbia. Complimenti professore. Quelli come il sottoscritto, nel frattempo, continueranno a studiare sui suoi libri. Non su quelli del "grande vecchio".

    *Questo articolo è stato scritto il giorno dopo la morte del professore ed è stato inviato, sotto forma di lettera, al quotidiano "Libero". Non è mai stato pubblicato, eppure "qualcuno" l'ha preso come spunto per scriverci un suo pezzo.
    ______________________
    Grazie, Gatto, per aver riesumato per tutti questo bellissimo ricordo di Gianfranco Miglio da parte di Leonardo Facco.
    Io voglio ringraziare Miglio con un sorriso dell'anima, un sorriso d'intesa, come se Egli stesse davanti a me.

  6. #6
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Eh..non c'è di che.. anche,se a dir la verità,mi sono limitato a fare man bassa dal sito di un certo generale non me ne voglia,il milite..
    Cosa è stato il Professor Miglio?
    Lo speciale dei Quaderni Padani riportato all'inizio non potrebbe spiegarlo meglio e il titolo sotto la fotografia la dice lunga..
    Il Professore è stato ciò che di meglio il mondo intellettuale lombardo ha saputo offrire alla Padania e,perchè no,all'italia.
    Il fatto che sia stato praticamente ignorato,se non bellamente sbeffeggiato,dimostra quanta strada ancora resta da fare ai padani per farlo proprio e agli italiani per scrostare via 150 anni di balle governative e marcanzia varia.

    Un brindisi al padre della patria (padana)



    Se vedòm!
    Se vedòm!

  7. #7
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Gatto rognoso
    Eh..non c'è di che.. anche,se a dir la verità,mi sono limitato a fare man bassa dal sito di un certo generale non me ne voglia,il milite..
    Cosa è stato il Professor Miglio?
    Lo speciale dei Quaderni Padani riportato all'inizio non potrebbe spiegarlo meglio e il titolo sotto la fotografia la dice lunga..
    Il Professore è stato ciò che di meglio il mondo intellettuale lombardo ha saputo offrire alla Padania e,perchè no,all'italia.
    Il fatto che sia stato praticamente ignorato,se non bellamente sbeffeggiato,dimostra quanta strada ancora resta da fare ai padani per farlo proprio e agli italiani per scrostare via 150 anni di balle governative e marcanzia varia.

    Un brindisi al padre della patria (padana)



    Se vedòm!
    ____________________
    Un brindisi anche da parte mia

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Trhead, pienamente sottoscritto anche da me, ed è certamente degno di essere messo in rilievo.

  9. #9
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Autari
    Quando penso a Miglio non riesco a trattenere un moto di collera. Trovo imperdonabile non aver voluto sfruttare le capacità e la genialità di una mente così lucida. Non riesco a non arrabbiarmi ricordandomi di come è stato trattato da coloro che credeva suoi amici che sono giunti a definirlo "una scoreggia nello spazio".
    ù

    a proposito di cose imperdonabili .. che ne dice del fatto di essere passato per un ministero non ricevuto al berluska , sparando sul partito che lo aveva fatto senatore ?

    Lo so che in termini di ' tradimento' non sono i picchi della pivetti e di formentini ...ma mi sembrano abbastanza per fare sparare a chi lo aveva portato al proscenio politico qualcuno dei suoi ' ruspanti' ( ...ed idioti ) epiteti ...

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Larth sei pregato di evitare di parlare di cose che non conosci (proprio perchè non le hai vissute) per di più se devi sputare sulla memoria del Professor Miglio.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226