Silvano Lorenzoni ( alias Silvio Waldner) ha pubblicato questi due interessanti testi che si possono richiedere alla libreria SottoMondo di Treviso via Pancera 38 [email protected]

(sempre nella stessa libreria sono disponibili non solo tutti i libri del dott. Lorenzoni

ma anche altri titoli controcorrente e "pericolosi")



Sottomondo, Sovramondo e centralità umana

Di Silvano Lorenzoni

pp. 102. Copertina rigida

Euro 15,00.

Edizioni CONGRESSO OCCIDENTALE, Trieste 2003

In un mondo perfettamente allineato con i dettami della scienza ortodossa ecco finalmente un autore che rema controcorrente.

Silvano Lorenzoni propone con "Sottomondo, sovramondo e centralità umana" un saggio che è al tempo stesso un esercizio spericolato sul filo del possibile/impossibile, e un viaggio ai limiti della conoscenza, destinato a fini palati che sono stanchi dei soliti sapori e desiderano scoprire i nuovi orizzonti di ciò che la scienza si ostina a non vedere da anni.

Nella sua prefazione l’Autore cita Goethe che già due secoli fa contrastava la visione copernicana del mondo, augurandosi che qualcuno si facesse avanti per mettere un nuovo ordine "Io maledico questo pazzesco confusionismo che è il nuovo modello del mondo; e mi sento sicuro che qualche giovane di spirito insorgerà presto che avrà il coraggio di contrastare lo squilibrato consenso di cui esso gode". Son dovuti passare due secoli prima che qualcuno si facesse avanti.

L’Autore, nella sua ampia analisi, non tralascia nessuno degli aspetti del sotto-sovramondo, a partire dalla visione cosmica nelle varie religioni, fino alla moderna letteratura, toccando naturalmente Verne, Lovecraft, Poe, e anche Collodi.

Un capitolo particolare è dedicato alla proposizione di teorie scientifiche eretiche, che si contrappongono nettamente alla teoria copernicana proponendo "fisiche" coerenti ed alternative, vengono ricordate anche le intercapedini gravitazionali di Luciano Buggio e la Hohlwelttheorie ("Teoria della Terra Cava") di Joannes Lang. Larga parte del libro lascia poi spazio al sottomondo quale sede dell’occulto e al mito di Agarta e Sciambala, per giungere, nella seconda parte del libro, alla nuova collocazione scientifica della centralità umana, all’unicità dell’uomo nel Cosmo eterno e alla panspermia.

Tutto il libro è corredato da numerose note, questa volta agevolmente consultabili, data la veste editoriale particolarmente insolita, che rimanda il lettore non alla fine di ogni capitolo, ma molto più comodamente, a margine del testo.





TOMAS FUNES, l'ultimo caudillo

Vita E Morte Del 'Terrore Dell'amazzonia'

di Silvano Lorenzoni

pp. 46 Copertina rigida

Euro 10,00.

Edizioni CONGRESSO OCCIDENTALE, Trieste 2003




In questa estate infuocata l’agile biografia di Funes, redatta da Silvano Lorenzoni, si legge in poco tempo, perché è ricca di notizie storiche, geografiche e sociali per lo più sconosciute, perché verificatesi in quella parte di emisfero a noi così lontana quale è il Venezuela.

L’Autore, ottimo conoscitore della regione iberoamericana, traccia con disinvoltura il quadro dello Stato agli inizi del secolo scorso, e vi pone le gesta di Tomas Funes, un duce che visse e dominò dal 1913 al 1921 sul SUO impero amazzonico, quasi un condottiero utopico alla stregua dei personaggi descritti da Herzog nei suoi film "Aguirre" e "Fitzcarraldo".

L’Autore si avvale qui anche di documenti inediti per descrivere la storia vera di un antieroe che si è fatto da solo, contrastando coraggiosamente lo strapotere e gli interessi statunitensi, sempre intesi a sfruttare l’Iberoamerica quasi come una colonia.