User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Massoneria e aborto,femminismo e molto altro

    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    MASSONE ED I GRANDI TEMI ETICI: L’ABORTO

    di Sergio Frangioni

    Ritengo che l’essenza del tema proposto si riduca a questa "semplice" domanda: l’appartenenza alla Massoneria ( ma meglio dire "essere" Massone: non sempre è la stessa cosa) fornisce una determinata visuale al problema aborto, pone per così dire dei paletti morali, determina una univoca risposta morale, quale che sia, oppure è del tutto indifferente, cioè è del tutto indifferente essere Massone, ed ognuno di noi si dovrà porre di fronte a tale problematica unicamente con la propria sensibilità, cultura, storia, religione?

    Per tentare una qualsivoglia risposta non sarà inutile un breve sguardo storico alla evoluzione della moralità dell’aborto in Occidente1 Nel mondo greco e romano l’aborto non poneva grossi problemi etici (feto pars viscerum matris). In stridente contrasto però con questo è il giuramento di Ippocrate che proibiva ( e se si vuole tuttora proibisce) ai Medici ogni pratica abortiva.2 Un cambiamento deciso di rotta avviene con l’avvento e la supremazia del Cristianesimo e va detto che con ammirevole coerenza la Chiesa in 2000 anni non ha modificato le sue posizioni.

    Quello che però molti non sanno, anche quelli fra di noi diciamo così "abortisti" perché anticlericali è che in epoca illuminista (che è poi l’epoca in cui maggiore si fa la medicalizzazione della gravidanza e quindi anche dell’aborto) la legislazione di questi Liberi Pensatori e persino quella Napoleonica del Codice Napoleonico (quel Napoleone che arrestò il Papa) è decisamente antiabortista. Ugualmente fa la Legislazione Inglese nel 1803 (non certo papista). Ugualmente fanno nel 1828 gli Stati Uniti. Fino agli anni 60 le uniche legislazioni abortiste erano quella svedese e quella sovietica.

    Sul finire degli anni 60 (il 68…) con il diffondersi di un femminismo sempre più esigente e, parallelamente, di tecniche abortive semplici e sicure (la isterosuzione) si è fatta strada l’idea addirittura del "diritto all’aborto" (non più concessione o autorizzazione ma addirittura diritto): facendo leva anche e soprattutto sui rischi dell’aborto clandestino e si è verificato un adeguamento delle varie legislazioni occidentali in senso abortista.

    Ora non è il caso di ripercorrere le varie interpretazioni scientifiche e filosofiche sulla natura dell’embrione, se persona o "come" persona, se abbia o meno diritti; anche perchè "l’interpretazione ontologica dei dati biologici finisce col risultare influenzata dalle opinioni morali dell’interprete, ossia dal modo in cui egli avverte, in coscienza, di doversi atteggiare di fronte all’embrione sin dalla fecondazione"3 certo è che al di là degli eccessi dell’una o dell’altra parte, cioè di sostenitori o contrari, eccessi che si sono spesso configurati come vere e proprie crociate pro o contro, certo è, dicevo, che questa tematica non può non indurre le persone più riflessive, mature ed intelligenti a pensare profondamente; altrettanto certo è che il Massone non si può sottrarre a questo compito: "La M. non può sottrarsi dal compito che le è stato assegnato più di tre secoli fa, quello di essere fucina di studio e di riflessione, contemperatrice delle opposte esigenze di sviluppo e di salvaguardia della funzione umana…" 4 E così si torna alla domanda iniziale, perché l’affermare che il Massone non può sottrarsi alla presa d’atto e riflessione sulla drammaticità dell’evento aborto non significa che ne debba trarre una conclusione "come" Massone ma solo che per la sua attitudine al ragionamento, a non accettare limiti alla ricerca, al dover essere pensoso dei destini dell’Uomo e della Umanità la sua sensibilità, coscienza ed intelligenza non possono eludere l’eticità dei comportamenti umani. Ed a proposito di etica nell’attuale nostra Società difficile non concordare con M. Bianca quando parla di "frontiera etica" o "etica di frontiera"5; etica di frontiera "che è il risultato-scrive-del passaggio da etiche riferite a un solo insieme di valori, prospettive e culture a etiche che provengono dall’incontro tra culture e prospettive diverse e che rispettano tali diversità pur mirando alla formulazione di valori e norme valide per le diverse culture e prospettive"6. Il discorso, essenzialmente riferito dal f.llo Bianca al problema della globalizzazione ed interculturalità ormai delle società occidentali, può, al limite, essere esteso al singolo individuo il quale ha oggi la possibilità di formare la propria convinzione anche etica e morale su una mole di dati prima inpensabile e questo è vero anche per l’aborto. In questo campo la linea di demarcazione morale è fra quanti sono sostenitori dell’etica della "sacralità della vita" e quanti invece sostengono l’etica della "qualità della vita"7: Il massone ha o no possibilità di scelta? Io ritengo che il suo compito, come sempre, sia quello di porsi in una prospettiva laica: Il principio cardine laico liberale della convivenza tra individui diversi (quanto a convinzioni religiose e culturali) è che una convinzione personale, per quanto del tutto legittima (in questo caso il considerare l’aborto come fatto moralmente riprorevole) non possa divenire atto "socialmente " riprorevole, perché vi sono persone che altrettanto legittimamente giudicano l’aborto lecito e legittimo: "la prospettiva cambia: le convinzioni personali dovrebbero divenire le convinzioni morali della società"8. E’ a questo tipo di visione che il Massone dovrebbe opporsi. Con il medesimo spirito egli potrà o meno approvare l’aborto ma non cercherà di impedire a chi la pensa diversamente di impegnarsi a convincere quanti più potrà della bontà e giustezza delle sue tesi: non dovrà impedire, ad esempio, se abortista, alla Chiesa ed al Clero di "tuonare" contro l’aborto. E se così facendo e permettendo si giungerà ad una maggioranza parlamentare e nella popolazione antiabortista , gli abortisti dovranno adattarsi al ripristino di una legislazione repressiva? Il problema è annoso quanto la democrazia moderna e già Tocqueville metteva in guardia contro i rischi di una "dittatura della maggioranza" ma vi sono alternative, se non rinunciare ai cardini della democrazia liberale, della libertà di pensiero e così via?9 Scrive Norberto Bobbio: "La laicità esprime piuttosto un metodo che un contenuto. Tanto è vero che quando diciamo che un intellettuale è laico… intendiamo dire che quale che sia il suo sistema di idee…rifiuta il braccio secolare per difenderle"10 e ancora: "il laico è tenuto al rispetto di chi professa una qualsiasi religione, mentre chi professa una religione…può anche non avere rispetto per il non credente. Deve tutt’al più tollerarlo, nel senso della tolleranza negativa"11 Non è facile essere Laici !

    Come si vede il tema dell’aborto può portare non solo a considerazioni morali ma può essere utilmente analizzato sotto implicazioni più generali di prassi della democrazia e del liberalesimo: il Massone non potrà esimersi, come detto di partecipare a questo dibattito e potrà, ritengo, con pari dignità, essere contrario a favorevole alla interruzione volontaria di gravidanza. Certo però, se bene si intende il Laicismo, il giorno, per pura ipotesi di studio, di una maggioranza massonica parlamentare "antiabortista" questa maggioranza non potrà comportarsi come una maggioranza Cattolica, imponendo agli altri la propria morale: "di Chiese ne basta una sola"…..
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27-01-11, 21:48
  2. Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 12-10-06, 19:14
  3. Altro che aborto!
    Di bianconero (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 16-11-05, 14:26
  4. Bossi contro massoneria, immigrazione, aborto
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 03-11-05, 14:16
  5. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 18-05-05, 09:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226