User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Totila
    Ospite

    Predefinito Giornatuccia per i padamericani, filo-americani,italoamericani

    Gheddafi: sono stati gli americani a buttare giù li DC9 a Ustica;
    GB: il 61% degli inglesi vuole il ritiro delle truppe di Sua Maestà dall'Iraq.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Presidente di Ausonia POL
    Data Registrazione
    13 May 2003
    Località
    torino
    Messaggi
    774
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    chi sono i padamericani???
    Salerno libera nazione del Sud!

  3. #3
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    se lo dice il tuo capo, gheddafi...

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    401 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito pdnus

    Originally posted by Cilento Nazione
    chi sono i padamericani???
    E' un espressione che si usa qui per classificare coloro che credono che l'esistenza degli USA, cosi come sono, ci garantisce una vita migliore di come sarebbe se non esistessero.
    Io sono uno di loro.
    -N-

  5. #5
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se non sbaglio, all'epoca di Ustica il presidente americano era Jimmy Carter: un idolo degli etnonazionalisti keynesiani. Accusa respinta al mittente...
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

  6. #6
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Stonewall
    Se non sbaglio, all'epoca di Ustica il presidente americano era Jimmy Carter: un idolo degli etnonazionalisti keynesiani. Accusa respinta al mittente...
    AH!Ah! la tua solita disinformacija ....

    il nocciolinaro caso mai e' l' idolo dei voltroniani che (tutti possono vedere dall' orginale ) non sono etnonazionalisti e sono keynesiani quanto lo era stalin ...

    perche' per i VERI etno ...il problema non e' MAI la testa di legno che l' establishment USA mette a fare il presidente dell' impero .. Anche Kennedy e' un idolo delle sinistre europee eppure porto' gli USA in guerra contro il vietnam comunista .. e tento' in tutti i modi di riprendere Cuba all' impero ( anche se non gliene fregava niente, e per questo 'fallimento' fu ucciso )

  7. #7
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    per dare un contributo serio alla discussione (oltre a solito sarcasmo verso certo pavlovismo ' padanamerikano' ..) riporto questo ( come al solito ) acuto articolo di blondet pubbicato sull' avvenire del 31-8-03 ..L' articolo e' buono perche' blondet e' un sincero estimatore della storia USA ' quanto e' un profondo critico ' dall' interno' della sua attuale classe dirigente, e coglie appunto che il dramma amerikano e' il dramma dell' occidente e consegue, secondo il ben noto schema del Toynbee, dal tradimento delle elites.


    tristezza per gli usa

    Il gigante che perde sangue


    Maurizio Blondet

    E'consentito provar dolore per l'America nelle sabbie mobili irachene? Aver tristezza per la facilità con cui il gigante globale perde sangue nel nido di scorpioni in cui ha messo il piede volontariamente? L'opposizione alla guerra, in Europa e in Italia, è stata quasi egemonizzata dall'"anti-americanismo" urlato in piazza. Sia consentito in questo momento far ascoltare la voce sommessa di quanti obbiettavano all'avventura bellica di Rumsfeld per amore degli Stati Uniti. La voce di chi, conoscendo e amando l'America, presagiva il pericolo in cui il Paese rischiava di finire. C'era chi agghiacciava del facilismo con cui Rumsfeld e il suo entourage, da Wolfowitz a Perle, proclamavano che sarebbe stata "una passeggiata", che gli iracheni li avrebbero "accolti come liberatori", che la "democrazia" stava per essere portata dalle armi Usa nell'Islam, come fu già portata al Giappone e alla Germania.
    Chi ama l'America sa che un'altra America, inascoltata, obiettava. Parlo per esempio del generale Eric Shinseki, capo degli Stati maggiori riuniti (non un obiettore di coscienza) che aveva avvertito: l'occupazione dell'Iraq richiederà il doppio, il triplo degli uomini che Rumsfeld pensa sufficienti. Rumsfeld l'ha licenziato. Parlo dei tre diplomatici del Dipartimento di Stato, fra loro degli arabisti, che si sono dimessi per non partecipare all'avventura: non in quanto anti-americani, ma da patrioti.
    Rumsfeld, reduce da grandi cariche in imprese private, ha appaltato a privati una quantità di servizi logistici, per risparmiare. Risultato: per quattro mesi i soldati in prima linea hanno fatto i conti - incredibile, vero? - con la fame e la sete. Rumsfeld non aveva capito che portare minestra calda o Coca Cola ghiacciata ai soldati in combattimento non è un atto di generosa ristorazione collettiva, ma un compito bellico. Le imprese private che dovevano assicurare i rifornimenti non si sono fatte vedere sul campo di battaglia. Con dolore si sono visti soldati americani costretti a cannibalizzare gli automezzi colpiti per far funzionare quelli ancora buoni.
    Non è questa l'America che conosciamo. E infatti da qui è sorto il dubbio che con la nuova classe dirigente sia andata al potere un'America in qualche modo "arretrata" rispetto al livello storico che gli Usa si sono guadagnati nel mondo. Se c'è una cosa che gli americani sapevano fare, è organizzare. Imporre regole funzionali, standard tecnici eccellenti, esigenti norme di sicurezza. E ora in Iraq li scopriamo incapaci di assicurare l'acqua e l'elettricità, di amministrare e gestire le infrastrutture fisiche. Incapaci di ispirare, se non amore, rispetto. Certo le condizioni in cui si trovano ad agire sono difficilissime. E tuttavia, come non allarmarsi?
    Una guerra, giusta o ingiusta, obbliga sempre un Paese a mobilitare le sue risorse migliori anche morali; e rivela senza pietà le sue falle. Ciò che vediamo è la falla che le migliori menti americane vanno denunciando da vent'anni: un Paese de-industrializzato. Padrone di alte tecnologie e dell'alta finanza, ma che importa beni e merci dalla Cina. Fra chi li conosce, qui nella vecchia Europa, c'è chi ha dubitato fin dall'inizio che gli Stati Uniti avessero le risorse per le loro nuove enormi esigenze. E ora non si rallegra di quell'annaspare. Perché nell'eventuale perdita di prestigio di quel Paese, nell'impietoso rivelarsi di certe falle umane e tecniche, teme di veder rispecchiato il declino dell'intero Occidente. Con effetti di cui tutti rischiamo di pagare il conto.

  8. #8
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Stonewall
    Se non sbaglio, all'epoca di Ustica il presidente americano era Jimmy Carter: un idolo degli etnonazionalisti keynesiani. Accusa respinta al mittente...

    Ad ognuno il suo, Generale: Carter e Clinton ai veltroamericani; Regan e Bush ai padamericani.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    401 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Grazie !!!

    Originally posted by Totila
    Ad ognuno il suo, Generale: Carter e Clinton ai veltroamericani; Regan e Bush ai padamericani.
    Cosi mi piaci !!! (per davvero)
    -N-

 

 

Discussioni Simili

  1. Filo-russi o Filo-americani
    Di Imperium nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 75
    Ultimo Messaggio: 24-08-08, 20:12
  2. Lettera ai filo americani
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-10-06, 12:48
  3. Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 14-05-06, 23:58
  4. Formule sintattiche (solo per filo americani)
    Di BlocNum nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-05-04, 17:13
  5. per la gioia dei filo americani
    Di Shambler nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-06-03, 12:47

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226