User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito L'anniversario della morte di Battisti....

    A cinque anni dalla scomparsa dell'indimenticabile artista....

    TV: DOMANI SPECIALE SU BATTISTI SU RETEQUATTRO
    Roma, 8 set. (Adnkronos) - A cinque anni dalla morte, Retequattro ricorda Lucio Battisti con uno speciale dal titolo 'Il ricordo lo sai non consola', in onda domani, alle 23.05. Curato da Claudio Cavalli e scritto da Aldo dalla Vecchia e Candido Francica, lo speciale conta anche sulla testimonianza del padre di Battisti, Alfiero, sui ricordi di Cesare Montalbetti, fotografo ufficiale del cantante, Pietruccio Montalbetti dei Dik Dik, Oscar Prudente, Mario Tessuto della Numero 1, la storica etichetta di Battisti/Mogol, i cugini e gli abitanti di Poggio Bustone, Alberto Radius dei Formula 3 e Italo Gnocchi, il piu' importante collezionista di materiale su Battisti. (Sin-Ggu/Pe/Adnkronos)


    una delle mie preferite:

    Anche per te


    Per te che é ancora notte
    e già prepari il tuo caffè
    che ti vesti senza più guardar
    lo specchio dietro te
    che poi entri in chiesa e preghi piano
    e intanto pensi al mondo ormai
    per te così lontano.
    Per te che di mattina torni a casa tua perché
    per strada più nessuno ha freddo
    e cerca più di te
    per te che metti i soldi accanto a lui che dorme
    e aggiungi ancora un pò d'amore
    a chi non sa che farne.
    Anche per te
    vorrei morire ed io morir non so
    anche per te
    darei qualcosa che non ho
    e così, e così, e così,
    io resto qui
    a darle i miei pensieri
    a darle quel che ieri
    avrei affidato al vento
    cercando di raggiungere chi...
    al vento avrebbe detto si.
    Per te che di mattina svegli il tuo bambino
    e poi
    lo vesti e lo accompagni a scuola
    e al tuo lavoro vai
    per te che un errore ti é costato tanto
    che tremi nel guardare un uomo e vivi di rimpianto.
    Anche per te
    vorrei morire ed io morir non so
    anche per te
    darei qualcosa che non ho
    e così, e così, e così,
    io resto qui
    a darle i miei pensieri
    a darle quel che ieri
    avrei affidato al vento
    cercando di raggiungere chi...
    al vento avrebbe detto si.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Battisti, cinque anni dopo

    Il 9 settembre del 1998 moriva il più grande talento della nostra 'musica leggera'. Al di là dei libri, delle testimonianze, degli speciali televisivi e dell'affannosa ricerca di inediti e rarità, sono ancora le sue canzoni a parlarci di lui. Cronaca di questi giorni di celebrazione




    di Enrico Deregibus
    Son cinque anni che se n'è andato e più o meno 25 che ha smesso di comparire, ma il ricordo di Lucio Battisti è ancora vivo e con lui quello del suo grande talento di musicista completo. Dopo la sua morte, Mina ha detto che se Battisti fosse tornato a cantare gli avrebbe fatto volentieri da corista. Qualche tempo fa voci assai di corridoio sussurravano dell'idea di un tributo con calibri come Vasco Rossi, De Gregori e Battiato, ma non se ne sa più niente. Le raccolte con i suoi brani continuano a vendere. E per il quinto anniversario ognuno ha trovato il modo per ricordarlo.

    Alfiero Battisti, novant'anni, il padre di Lucio, si è lasciato intervistare da Sorrisi e Canzoni per raccontare di quella volta che gli aveva spaccato la chitarra in testa e il giorno dopo era andato con lui a ricomprargliela. O per rivelare che "negli ultimi tempi Lucio aveva ripreso a studiare e si stava laureando, stava per discutere la tesi in Matematica. Purtroppo non ha fatto in tempo...". O che "non è vero che aveva chiuso con i concerti. Non lo sapeva nessuno ma una volta al mese Lucio cantava per i bambini down di un istituto di Milano".

    Il TG2 domenica pomeriggio ha trasmesso 'Il nostro caro Lucio', un programma a cura di Michele Bovi che ha offerto testimonianze e rarità, come Unser freies Lied, la versione tedesca de Il mio canto libero in un video girato in Germania nel 1974 e altre immagini recuperate dalle televisioni francese, inglese, tedesca, svizzera e spagnola.

    Molteno, il comune dove Battisti risiedeva e dove è sepolto, nella "Brianza velenosa", anche quest'anno ha messo in piedi una rassegna che sta sempre più acquistando spessore. Oltre al concorso 'Un'avventura' (dedicato ad autori che scrivono in coppia o in gruppo) vinto da Hamid Grandi & The Seven Quartet, ci sono state esibizioni di artisti alle prese con il repertorio battistiano, come Eugenio Finardi e i Ribelli. Nell'ambito del festival è stato presentato Sinceramente non tuo, un disco e un progetto in cui per la prima volta vengono rilette le canzoni del Battisti periodo Panella: la mente dell'operazione è il giornalista musicale Franco Zanetti e il braccio sono gli equiVoci, un trio di giovani vocalisti milanesi accompagnati dal quartetto d'archi femminile della Bengio Orchestra di Benevento.

    Intanto continuano a uscire libri su Lucio Battisti. L'ultimo si intitola 'Innocenti evasioni', realizzato da Italo Gnocchi, Mauro Ronconi e Alfonso Amodio per Editori Riuniti: un'analisi di tutti gli album, canzone per canzone, interviste con collaboratori e addetti ai lavori, una discografia minuziosissima, una montagna di fotografie. Il penultimo è invece 'A Robe' - Lucio Battisti: la nascita di un mito', un excursus edito da Ciliegia Bianca e realizzato da Roberto Matano (che ha vissuto spalla a spalla con Battisti i suoi primi passi artistici), con l'aiuto di Michele Neri e Maria Grazia Bazza.

    In questi cinque anni se ne sono dette di cose su Battisti, dalla storia della presunta figlia segreta alla bufala della medium che sosteneva di parlare con lui. Ma quel che importa sono le canzoni, forse mai come in questo caso sono loro a parlare ancora. In questi anni poi sono spuntati come funghi anche brani più o meno inediti, provini, cose finite in qualche cassetto, versioni in lingue straniere. E ancora si parla di un intero album nuovo, mai pubblicato. Claudio Buja, attualmente alla Universal ma stretto collaboratore di Battisti per i suoi ultimi album, nel convegno che si è svolto a Molteno ha fatto una piccola rivelazione: Battisti gli aveva detto che per il suo prossimo album aveva già trovato un nuovo paroliere. Chi fosse non si sa.

    (9 settembre 2003)



  3. #3
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Battisti: eredità storica, eredità scomoda

    Quattro anni fa moriva il più grande innovatore della canzone italiana. Oggi la gestione di un album mai pubblicato e altri inediti crea tensioni tra etichetta, fan e famiglia dell'artista. Ecco cosa ne pensano alcuni artisti e discografici




    di Enrico Deregibus
    Oggi sono quattro anni che se n'è andato. Ma il vuoto vertiginoso che ha lasciato Lucio Battisti è ancora lì, intatto, come la sua capacità di rinnovare i moduli della musica leggera. Nei giorni scorsi abbiamo parlato di lui con musicisti e discografici che erano a Crotone per ricordare, con una rassegna chiamata 'Una casa per Rino', un altro grande artista che se n'è andato prima del tempo, Rino Gaetano. Le ultime su Battisti riguardano suoi brani inediti: un intero album, il suo ultimo, che la Bmg aveva rifiutato perché le richieste economiche del cantautore erano molto alte, e poi vari brani disposti qua e là nel suo percorso discografico, lasciati fuori dai dischi per vari motivi. La loro pubblicazione ha provocato discussioni, polemiche, fra le pressioni dei fan e l'atteggiamento della famiglia. Ma anche la stessa gestione del catalogo di Battisti in un certo qual modo è una patata bollente.

    Un grande e illuminato discografico, Ennio Melis, a capo della Rca degli anni Settanta, ovvero della casa discografica che aveva in scuderia quasi tutti i più importanti nomi della musica italiana dell'epoca, ci confessa di non avere una ricetta, uno schema predefinito: "Queste cose vanno gestite secondo coscienza e in base alle proprie valutazioni" ci dice. Quel che è certo, per lui, è che "Battisti era un grande artigiano della musica e l'incontro con Mogol è stato fondamentale".

    Per quanto concerne la gestione del catalogo, Rambaldo Degli Azzoni, dell'etichetta Storie di note, che organizza 'Una casa per Rino', sottolinea: "Credo che chi si trova alle prese con questa cosa abbia una grossa responsabilità storica. Il catalogo di Battisti è un patrimonio nazionale. Mi rendo conto che in Italia non è possibile, ma si potrebbe pensare a una valenza diversa da dare al catalogo, farlo diventare veramente un patrimonio nazionale". Riguardo alla pubblicazione dei pezzi inediti, Degli Azzoni fa una valutazione etica: "Fare un business di questa cosa sarebbe davvero brutto".

    Vincenzo Micocci, un passato alla Rca e alla Ricordi, creatore dell'etichetta it, dove hanno cominciato De Gregori, Venditti e Gaetano, spiega riguardo alla gestione degli brani non pubblicati: "Avrei parlato con la famiglia per cercare di conciliare, ma mi rendo conto che non sarebbe stata una cosa facile". Sui fan fa una battuta ironica: "Credo che diano un forte contributo a confondere le situazioni".

    Agli artisti abbiamo chiesto cosa vorrebbero si facesse di loro pezzi inediti, dopo una loro eventuale dipartita. Contrario Erriquez della Bandabardò: "Sono pezzi scartati - ci spiega - o che l'artista pensava di pubblicare in quel momento e avevano senso allora. Pubblicarli è una cosa truce, terribile". "Mi andrebbe bene se fossero pubblicati - ci ha detto invece Claudio Lolli - ad esempio a me sarebbe dispiaciuto se 'Petrolio' di Pasolini non fosse stato pubblicato. E' chiaro, sai che l'autore non considerava quello un lavoro finito, o non ne era soddisfatto, e tu lettore o ascoltatore quindi lo leggi o lo ascolti con quella consapevolezza".

    Sentiamo Max Gazzè: "Non lo so, io faccio cose continuativamente, pubblicarle o no non è un mio problema. Però se fai un buon piatto di pasta perché non offrirlo anche ad altri? Se poi questi inediti sono pezzi brutti va bene lo stesso, io ho anche il gusto del brutto. Se non conosci le cose brutte non puoi apprezzare quelle belle". Teresa De Sio è molto chiara: "Non ho nessun interesse per quel che accadrà alla mia opera dopo la mia morte. Possono farne quel che gli pare". Sergio Cammariere si dice d'accordo, ma fa anche una riflessione diversa: "Più che altro mi domando cosa accadrà agli inediti di artisti che non hanno potuto pubblicare le loro cose, e che magari sono più interessanti degli inediti di artisti conosciuti".

    Quel che è certo è che, come dice Teresa De Sio, "Battisti ha segnato profondamente la storia del pop italiano. La sua eredità più grande sta nell'idea che si possa fare musica leggera in modo autonomo, originale, senza seguire schemi già consolidati. Anzi, Battisti è stato il fondatore di un nuovo schema per fare musica leggera".

    (9 settembre 2002)

  4. #4
    MILANESE DI UNA VOLTA
    Data Registrazione
    25 Mar 2002
    Località
    FUORI DA PORTA CICCA, LUNGO CORSO SAN GOTTARDO...
    Messaggi
    33,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Pace all'anima sua

  5. #5
    Vincent
    Ospite

    Predefinito

    Ritengo che il più grande album della carriera di Battisti sia Dongiovanni, realizzato in collaborazione con il poeta Pasquale Panella.
    Quello che mi fa inc... è che una volta morto gli addetti ai lavori, i critici, i mass-media hanno fatto di tutto per dimenticare o censurare questa stagione della sua carriera.
    Ricordo che in un famoso concerto trasmesso da Canale5 pochi giorni dopo l'avvenimento luttuoso e presentato da Loretta Goggi, a cui erano presenti vari cantanti amici di Lucio delle decine di canzoni interpretate nemmeno una(!) era successiva alla collaborazione con Mogol.
    Secondo me questo è stato un gravissimo oltraggio alla sua memoria.



    DON GIOVANNI
    Lucio Battisti


    Non penso quindi tu sei
    questo mi conquista
    L'artista non sono io
    sono il suo fumista
    Son santo, mi illumino
    ho tanto di stimmate

    Segna e depenna Ben-Hur
    sono Don Giovanni
    rivesto quello che vuoi
    son l'attaccapanni
    Poi penso che t'amo
    no anzi che strazio

    Che ozio nella tournee
    di mai più tornare
    nell'intronata routine
    del cantar leggero
    l'amore sul serio
    E scrivi

    Che non esisto quaggiù
    che sono l'inganno
    Sinceramente non tuo
    (sinceramente non tuo)

    qui Don Giovanni ma tu
    dimmi chi ti paga

  6. #6
    Vincent
    Ospite

    Predefinito

    Ho come l'impressione che il Battisti targato Pasquale Panella non piaccia a nessuno di voi, correggetemi se sbaglio.

  7. #7
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Vincent
    Ho come l'impressione che il Battisti targato Pasquale Panella non piaccia a nessuno di voi, correggetemi se sbaglio.

    Se devo essere sincera io sta roba non l'avevo neanche mai sentita

  8. #8
    Vincent
    Ospite

    Predefinito

    Ma quanti anni hai? Perchè quando avevo sui 12 anni questo disco era un tormentone in tutte le radio. Se hai più o meno la mia età l'avrai sentito di certo.
    Comunque prova a scaricarti da Win Mx un brano come "Equivoci amici", così ti fai un'idea.

  9. #9
    AC Milan 1899
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    12,998
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Onore al Camerata Battisti

 

 

Discussioni Simili

  1. Anniversario della morte di Peppino..
    Di blob21 nel forum Fondoscala
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 12-05-07, 00:03
  2. Anniversario della morte di Mussolini
    Di -Amicco- nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-04-06, 18:56
  3. Anniversario Della Morte Di Gobetti
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 18-02-06, 13:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225