User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lo spopolamento dei paesi di montagna (da Meteolive.it)

    Un interessante articolo tratto da Meteolive.it, che offre spunti di riflessione e di discussione.


    Lo spopolamento dei paesi di montagna.

    Un fenomeno mai drammaticamente attuale come oggi: molte frazioni alpine ed appenniniche sono state definitivamente abbandonate, e molte altre subiranno la medesima sorte nel giro di qualche anno. D’altro canto, la vita di montagna è molto dura, e i giovani di oggi vivono di ben altre aspettative... Le radici del problema, forse - è proprio il caso di dirlo - stanno ancora più a “monte”...

    Autunno: la montagna si spopola...molte vallate hanno visto diminuire notevolmente la propria popolazione.

    L’autunno mette a nudo tutta la grande solitudine della montagna. I turisti che vanno via, lasciando liberi spazi fino a qualche settimana prima occupati da centinaia di persone, sono un po’ la fotocopia di uno spopolamento che nel corso degli ultimi anni ha portato molti villaggi a desertificarsi di vite umane in maniera pressochè definitiva.


    I pochi sopravvissuti, anziani dei paesi più fortunati, rimangono così padroni di un mondo dimenticato, tanto bello quanto drammaticamente solo. Parliamo della montagna difficile, quella per certi versi autentica, non quella “televisiva” delle piste da sci o di quella blasonata per terme, centri sportivi e percorsi alpinistici all’avanguardia. Parliamo di una montagna che non c’è più: non perchè qualcuno l’abbia cancellata dalle cartine geografiche, ma perchè non vive di echi commerciali nè tantomeno di “cartoline dalle vacanze”. E’ quella montagna da tutti dimenticata, quella delle terre strappate ad ogni costo, degli animali allevati nelle condizioni più estreme, quella della strenua sopravvivenza e della mancanza di alternative. La montagna dei padri e dei nonni di molti di noi, che grazie ad essa ci hanno testimoniato una realtà distante anni luce dal mondo ipertecnologizzato di oggi. Una montagna oggi spogliata anche della più intima dignità.

    La cosa che più di ogni altra genera rabbia e dolore è il sapere che proprio in questo mondo odierno, così lasso e distratto, non ci sia più spazio nemmeno per il ricordo e per l’apprezzamento di ciò che è stato nei decenni e nei secoli addietro. In una manciata di anni sono stati letteralmente sradicati dalle memorie i sacrifici di generazioni e generazioni; sacrifici di anni, di epoche, di secoli; sacrifici di uomini, di donne, di bambini. Segno evidente che a mancare nelle nuove generazioni è quella cultura della sensibilità e della coscienza storica che ahimè latita come peggio non si potrebbe.



    Non passeranno molti anni che staremo qui a piangere i paesi dei nostri nonni trasformati in villaggi-fantasma, abbandonati alla forza selvaggia della natura che pian piano li riprenderà avvolgendoli nelle proprie forme; come del resto già accade nelle frazioni di alcune vallate alpine, guarda caso proprio quelle non interessate dalla presenza di piste da sci e di strutture alberghiere a quattro stelle. Sono realtà che pagano il disinteresse comune: dei figli degli abitanti di un tempo, delle carenti amministrazioni locali, dello snobbismo delle vie commerciali e dei gusti pretenziosi del turismo di oggi.



    Si salvano invece quei villaggi che, con le poche energie rimaste, almeno d’estate sanno dar vita ad una sorta di “rimpatriata” dei vecchi abitanti, i quali, trasferitisi altrove, nei periodi di ferie tornano a far festa nei villaggi d’origine. Queste realtà si riscontrano oggi in molti paesi che però, pur vivendo un’estate da “tutto esaurito”, per dieci mesi l’anno si limitano a contare poche decine di abitanti, con un’età media non di rado superiore ai sessant’anni.

    E allora, ci si chiede: per quanto tempo ancora questi villaggi saranno in grado di rimanere autosufficienti? E’ logico pensare che tra meno di vent’anni non esisterà più nulla di tutto ciò?


    Ebbene, le risposte, come spesso capita in casi delicati come quello che oggi abbiamo deciso di affrontare su MeteoLive, non sono facili da darsi. Certo è che lo spopolamento dei paesi di montagna è un dato di fatto, tanto oggettivo quanto drammaticamente vero.

    La gente fugge perchè la propria terra non offre più quelle garanzie e quello standard di vita che invece sono richiesti dal mondo di oggi. I modi per salvaguardare questo tipo di montagna ci sarebbero, ma ci si accorge anche che l’unica risorsa adeguatamente sfruttabile, cioè il turismo, arriva in soccorso solo laddove il contesto ambientale garantisce servizi quantitativamente e qualitativamente selezionati. Il che equivale a dire: non dappertutto.


    Sport, cultura ed enogastronomia hanno fatto in tal senso un piccolo miracolo, salvando molte realtà dal totale isolamento col resto della società e dal sicuro collasso. Ma tante, forse troppe, rimangono ancora le valli ed i villaggi da salvare. E comunque i posti di lavoro che vengono a crearsi con strutture ricettive ed aziende operanti nel settore turistico non sempre sono sufficienti per soddisfare le richieste che arrivano da questi paesi, che dunque sono comunque destinati ad un più o meno marcato ridimensionamento.


    E allora si aspetta. Si aspetta che qualcuno arrivi con la bacchetta magica a risolvere un problema che, diversamente da come viene presentato e diversamente da come rimane sottovalutato, è un problema di tutti noi. E ce ne accorgeremo, probabilmente, quando sarà troppo tardi.

    Emanuele Latini


    Tratto da www.meteolive.it
    http://www.meteolive.it/notizia.php3?Id=8585

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Wink 'speta...

    Temo che a breve,causa orde extracomunitarie e meridionali,per stare un po' + tranquilli,saremo tutti sulle montagne

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Dec 2002
    Località
    Bielorussia
    Messaggi
    3,343
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lo spopolamento delle montagne, per secoli e secoli serbatoio etnico e rifugio di molti piccoli popoli europei, è un fenomeno iniziato all'incirca cento anni fa, con l'affermarsi degli stati giacobini contemporanei e la tarda rivoluzione industriale. In Padania, l'unico momento in tutto il XX secolo in cui le montagne si sono ripopolate è stato il periodo 1943-45, quando circa 500.000 tra partigiani, tedeschi e repubblichini della RSI hanno (seppur temporaneamente), ripopolato i nostri monti.
    Dopo il 1946, il tracollo definitivo....ultimamente si è assistito ad un piccolo ritorno ai monti, ma in seno al turismo e all'agriturismo "mantenuto" con i fondi dell'Ue.
    Mi sa che se va avanti così avremo modo noi padani di ripopolare i monti, quando la pianura sarà completamente in mano a terroni e extracomunitari....

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Dec 2002
    Località
    Bielorussia
    Messaggi
    3,343
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dragonball, mi hai tolto le parole di bocca!

  5. #5
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    alcuni lo stanno già facendo...

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Dec 2002
    Località
    Bielorussia
    Messaggi
    3,343
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mi ricordo che nel 1999, dopo le disastrose europee, la Padania intitolo' a tutta pagina: "Tutti in montagna!"....bei tempi....

  7. #7
    Nuovo Iscritto
    Data Registrazione
    18 Sep 2003
    Località
    ROMA
    Messaggi
    21
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono 32 anni che vivo un terzo dell'anno a San Leonardo in val Badia. La popolazione locale è ladina e ha fatto del tutto per proteggere lingua e tradizioni. Lo stato italiano li perseguita in tutti i modi per eliminare la loro identità e la loro cultura del maso. Divisi tra cinque provincie stanno dimenticando il loro passato... Costruiscono alberghi e non allevano più bestiame. Muore la cultura contadina e arrivano i manovali alberghieri, principalmente dall'Austria e sono turchi, macedoni, rumeni, polacchi, georgiani, serbi e albanesi. Con i ricongiungimenti familiari trasfriscono le loro famiglie nella valle e aumentano di numero mentre i ladini hanno una natalità molto bassa. Quando si accorgeranno di cosa gli sta succedendo sarà certamente troppo tardi...

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226