User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 31

Discussione: Bossi = Di Pietro

  1. #1
    FRONTE LEGHISTA
    Data Registrazione
    08 Sep 2003
    Messaggi
    346
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bossi = Di Pietro

    1 Ottobre 2003
    CONFINI. BREVE ELENCO DI SIMILITUDINI POLITICHE RIVELATRICI
    Di Pietro è il Bossi del centrosinistra Dieci buone ragioni per tenerlo fuori


    Nei giorni scorsi, ho usato lo slogan: «Di Pietro è il nostro Bossi». Non è il frutto di una ostilità personale, che sarebbe politicamente inaccettabile, ma di un ragionamento fondato su basi obbiettive: l'elenco delle similitudini tra i due personaggi è infatti lungo, tanto da poter essere riassunto in un decalogo.
    Uno. Di Pietro e Bossi (più il primo del secondo) non si occupano di tutti i problemi politici più importanti, ma di uno solo. Lanciano un unico messaggio, che si rivolge alla pancia più che alla testa di un numero modesto ma certo di elettori: così certo da assicurare una duratura rendita di posizione. Il messaggio di Bossi è: noi del Nord siamo stufi di pagare per quei parassiti di meridionali. Il messaggio di Di Pietro è: rappresento noi onesti contro i politicanti corrotti (quelli di destra, Berlusconi in testa, ma anche, si sottintende, quelli annidati nel centrosinistra).
    Due. Bossi e Di Pietro, per coltivare il loro gruzzolo di voti, non esitano a danneggiare la coalizione cui appartengono. Bossi sa benissimo che insultare «Roma ladrona» giova a lui ma non al governo. Di Pietro sa altrettanto bene che il referendum sulla giustizia sarà una disastrosa sconfitta per il centrosinistra. Ma sa anche che potrebbe trainare utilmente la sua personale campagna elettorale alle europee. E di altro non si preoccupa.
    Tre. Bossi e Di Pietro hanno fatto la propria fortuna aggredendo democristiani e socialisti e sono il simbolo di tale aggressione. Di Pietro è stato infatti il protagonista di un uso forzato e illiberale della giustizia quando Mani Pulite si trasformò in una caccia alle streghe contro i dirigenti politici della prima repubblica. Ma questo uso della giustizia sarebbe stato impossibile se il Palazzo di Milano non fosse stato circondato e protetto dalla jacquerie qualunquista, dalla anti-politica e dalla furia del leghismo nascente, che agitava il cappio all'interno stesso di Montecitorio.
    Quattro. Come rappresentanti, appunto, dell'anti-politica, Bossi e Di Pietro non si definiscono né di destra, né di sinistra. E hanno ragione, anche perché il populismo qualunquista, con i suoi semplici messaggi monotematici, non indica alcuna visione coerente della società e quindi è sempre difficile da catalogare. Non hanno bisogno, né Bossi, né Di Pietro, di programmi coerenti di governo. Per l'uno infatti, tutto si risolverebbe liberandosi dai parassiti meridionali, per l'altro, liberandosi dai ladri.
    Cinque. Come rappresentanti, entrambi, non solo dell'anti-politica, ma anche dell'anti-partitocrazia, Bossi e Di Pietro non sono a capo di un partito dotato di storia collettiva, cultura e democrazia interna. Lega e Italia dei Valori sono «partiti-persona», si identificano con il loro capo, senza il quale non esisterebbero neppure. Per la verità, questa caratteristica comune è più marcata nel dipietrismo che nel bossismo. La Lega infatti è radicata sul territorio e ha ormai una base sociale cui rispondere, Di Pietro no, al punto che non si saprebbe indicare, oltre a lui stesso, un solo dirigente riconoscibile del suo partito. L'Italia dei Valori, in particolare, è un partito virtuale, una sigla in franchising. L'assessore o il notabile locale scontento del suo partito (in genere di centrosinistra) prende la sigla, appunto, in franchising, apre una bottega autonoma, trova qualche giovane portato all'estremismo dall'arroganza di Berlusconi e poi contratta finalmente con il resto della coalizione da pari a pari. In questo senso, l'Italia dei Valori non risolve, ma anzi aggrava e moltiplica le divisioni del centrosinistra.
    Sei. Bossi e Di Pietro (dalla cravatta perennemente slacciata al forte accento provinciale, dall'agitarsi delle braccia al carattere personale e urlato dell'invettiva) hanno lo stesso modello comportamentale: quello del populismo. Entrambi, per questo e per quello che rappresentano, indipendentemente ormai da quello che fanno e che dicono, costituiscono un formidabile irritante e repellente per gli elettori moderati (in particolare ex democristiani ed ex socialisti).
    Sette. Entrambi si dimostrano, in qualunque coalizione si trovino, alleati destabilizzanti, portati costantemente al ricatto, fino a scivolare nel trasformismo e a cambiare schieramento. Le storie di Bossi e Di Pietro sono, sotto questo aspetto, parallele, ancorché rovesciate. Bossi ha governato nel 1994 con Berlusconi, poi lo ha tradito, lo ha fatto cadere, gli ha fatto perdere le elezioni politiche del 1996. Dopodiché, si è riconciliato e oggi lo appoggia, ma sempre agitando la minaccia e alimentando la precarietà quotidiana. Di Pietro è stato eletto ministro e senatore dal centrosinistra. Nel 2000 lo ha abbandonato e ha concorso a fargli perdere le elezioni del 2001. Dopodiché, si è riconciliato ed è ritornato dov'era: anch'egli sempre tra polemiche e minacce di una nuova rottura.
    Otto. Bossi e Di Pietro non attaccano il loro avversario con delle motivazioni politiche. In genere, lo fanno con delle aggressioni moralistiche alla persona. Bossi rimprovera i suoi stessi alleati ex democristiani di provenire da un partito di ladri. Di Pietro ha rotto con il centrosinistra quando e perché Amato è diventato presidente del Consiglio, usando contro di lui, in piena aula del Senato, esattamente lo stesso argomento di Bossi: l'accusa di essere legato alla storia infamante di un partito di ladri (in questo caso, non quello democristiano, ma quello socialista).
    Nove. Bossi e Di Pietro sono degli argomenti viventi a favore dello schieramento avversario. Il centrosinistra addita efficacemente Bossi e i suoi eccessi per dimostrare che il Polo non è affatto una coalizione moderata. Berlusconi addita efficacemente Di Pietro, seduto accanto a Fassino e Rutelli, per dimostrare che esiste davvero una magistratura politicizzata a lui ostile (tanto che Di Pietro il magistrato inquirente si è trasformato in Di Pietro il politico: sempre contro di lui).
    Dieci. Esiste infine l'aspetto più grave, che contribuisce a rendere difficile espungere Bossi e Di Pietro dall'una e dall'altra coalizione. Entrambi lanciano un messaggio populista che non è isolato, ma trova consensi anche in Forza Italia e nei Ds, perché si rivolge alla pancia reazionario-qualunquista della destra, a quella giustizialista della sinistra.
    Il decalogo dunque ci suggerisce che Bossi e di Pietro sono e saranno il castigo quotidiano, rispettivamente, della destra e della sinistra, oltre che una causa continua di instabilità politica. Con una differenza. Berlusconi, Bossi se lo è trovato, già forte e radicato nel territorio. La sinistra, Di Pietro se lo è inventata da sola. E con una conseguenza. Forse, Di Pietro (e sarà comunque di danno) potrà essere un alleato elettorale per l'aggregazione riformista che vogliamo costruire. Mai però potrà farne parte direttamente. Mai, almeno, con la partecipazione di chi, come lo Sdi, contribuisce a rappresentare non da oggi, ma da sempre, la tradizione riformista. O lui, o noi.
    D'altronde, tutto in politica ha una sua logica. Se Berlusconi farà, come pendant alla nostra, una sua lista unica alle europee, dalla lista unica della destra sarà certamente escluso Bossi. Spero che questa sia la undicesima similitudine tra i due capi popolo.

    Da "Il Riformista"

    Bravo riformista, ottima analisi!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Emiliano
    Ospite

    Predefinito

    è veramente un'ottima analisi. Ma dirò di più (premetto di esser dipietrista quindi mi chiamo in causa) io adoro i politici alla Bossi e Di pietro, perchè il populismo (nel senso buono) cazzo è la quintessenza della politica. Alla fine la politica nasce dal popolo e per il popolo...concetto direttissimo nella sua schietta semplicità.
    il fine giustifica il mezzo!

    se volessimo potremmo tirare in ballo la teoria della 'avalutatività' di Weber, e si capirebbe ancora meglio la genesi della vera politica che non rappresentano certo i vari D'alema, Berlusca, Fini, Rutelli ecc...

    Saluti

  3. #3
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    mmmm, io ho la memoria lunga su di pietro... e non mi convince molto il suo discorso ladri contro onesti..
    l'analisi della lega come partito personale di bossi òè profondamente sbagliata. bossi è si un leader, ma non seugue tutto il partito.

    dire poi che la lega e Bossi hanno un messaggio solo è superficiale: vuol dire aver preso in considerazione, al posto della realtà, solo una immagine acchiappata da dei luoghi comuni di giornali tipo novella duemila.

    il progetto politico leghista è organico e spiluppato su moltissimi fronti, dal sociale all'etnico al politico...

    di pietro boh... non ho idea di che cosa faccia nella vita e per vivere..

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da ilariamaria
    mmmm, io ho la memoria lunga su di pietro... e non mi convince molto il suo discorso ladri contro onesti..
    l'analisi della lega come partito personale di bossi òè profondamente sbagliata. bossi è si un leader, ma non seugue tutto il partito.

    dire poi che la lega e Bossi hanno un messaggio solo è superficiale: vuol dire aver preso in considerazione, al posto della realtà, solo una immagine acchiappata da dei luoghi comuni di giornali tipo novella duemila.

    il progetto politico leghista è organico e spiluppato su moltissimi fronti, dal sociale all'etnico al politico...

    di pietro boh... non ho idea di che cosa faccia nella vita e per vivere..
    sì in effetti di pietrus che parla di onestà quando si fa regalare le mercedes dagli amici degli indagati mi fa un po' ridere...nonostante l'appannamento degli ultimi anni penso che un paragone col bossi sia quantomeno una bestemmia a livello logico oltrechè un insulto agli ideali sottesi dai progetti dei rispettivi "movimenti", sempre che dipietro rappresenti qualcosa o qualcuno...analisi superficiale da pseudoaddetto ai lavori ma che della realtà quotidiana (specie del fu moviemnto lega) conosce ben poco.

  5. #5
    Emiliano
    Ospite

    Predefinito

    cari i miei leghisti, se Di pietro non avesse a suo tempo scoperto quello che ha scoperto, oggi il vostro bossi non tuonerebbe contro nessuno a suon di fucilate, e forse la lega non esisterebbe nemmeno, ergo pensiamoci bene prima di analizzare le persone.

  6. #6
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse è vero proprio il contrario

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Emiliano
    cari i miei leghisti, se Di pietro non avesse a suo tempo scoperto quello che ha scoperto, oggi il vostro bossi non tuonerebbe contro nessuno a suon di fucilate, e forse la lega non esisterebbe nemmeno, ergo pensiamoci bene prima di analizzare le persone.
    ma guarda che non ha scoperto niente di così eclatante...che democristoni e socialisti, insieme ai comunisti rubassero qui in Padania la Lega lo denunciava dall'inizio...dipietro poi nonha certo niente da insegnare a nessuno, figlio e portatore del nulla...

  8. #8
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Al contrario, ha ragione Los.

    Se i lombardi prima e altri padani poi non si fossero ribellati alla corruzione
    (portando al successo la Lega come corollario), Di Pietro sarebbe
    ancora oggi alle prese con processi di corna fra terroni in qualche pretura
    di provincia come faceva prima (ricordare i suoi esordi tv...)

  9. #9
    Emiliano
    Ospite

    Predefinito

    no dimentichiamoci, che la maggior parte di chi oggi vota Lega ieri votava senza troppo vergognarsi PSI e DC..e in misura minore MSI e PCI. Quindi cari miei i conti li avete fatti male, perchè adesso vi esaltate che c'è il bossi che arringa le folle con i suoi proclami e slogan, ma quando ancora la 'padania' concettualmente non passava nemmeno nell'anticamera di chi oggi la sostiene, era territorio più che fertile per la partitocrazia corrotta che oggi di pietro ha scovato.

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Emiliano
    no dimentichiamoci, che la maggior parte di chi oggi vota Lega ieri votava senza troppo vergognarsi PSI e DC..e in misura minore MSI e PCI. Quindi cari miei i conti li avete fatti male, perchè adesso vi esaltate che c'è il bossi che arringa le folle con i suoi proclami e slogan, ma quando ancora la 'padania' concettualmente non passava nemmeno nell'anticamera di chi oggi la sostiene, era territorio più che fertile per la partitocrazia corrotta che oggi di pietro ha scovato.
    Mi pare logico che prima dell'avvento della Lega gli attuali leghisti votassero qualcun altro. E mi pare logico che votassero essenzialmente PSI, DC, PCI e MSI, dato che questi partiti raccoglievano circa l'80% dei consensi. I dipietristi, evidentemente, prima dell'avvento di di Pietro, erano tutti minorenni o non votanti. Anche se qualche dubbio mi viene pensando al coordinatore dell'itaglia dei valori delle mie zone, passato indenne da DC, CCD, FI per approdare a Di Pietro.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Bossi e l’overdose di viagra: la Lega infuriata con Pietro Citati
    Di venetoimpenitente nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 29-04-10, 17:18
  2. bossi: di pietro? penso alla sua sofferenza
    Di domics2006 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-12-08, 13:25
  3. Di Pietro copia Bossi e Grillo!
    Di rw1421 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 16-07-08, 15:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226