User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    15 May 2003
    Messaggi
    1,335
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un Medioevo diverso, un Medioevo di pace

    Jacques Le Goff: «Non furono secoli bui, anzi. Fiorirono i viaggi, i commerci, l'arte, la filosofia»

    La grande mostra in corso a Parma è l'occasione per approfondire la riflessione sul Medioevo, uno dei periodi più interessanti e controversi della nostra storia. Dopo l'intervento di Franco Cardini, pubblicato nell'edizione del 24 settembre, pubblichiamo oggi un'intervista a Jacques Le Goff, il curatore della mostra.


    Nei libri di scuola il «Medioevo» è un concetto spesso piuttosto vago: indica un periodo che va dalla caduta dell'Impero romano alla scoperta dell'America. Cos'è il Medioevo per Jacques Le Goff?

    «Il concetto di Medioevo è nato nel '300 dal distacco degli Umanisti dall'arte del loro tempo, non a caso qualificata di "gotica", cioè barbarica. Petrarca parla addirittura di "tenebre", dalle quali si poteva uscire solo tornando ai canoni dell'arte e del latino della classicità. Per noi oggi il Medioevo non è né può essere un'unica epoca storica, delimitata da date precise: innanzitutto perché la storia degli uomini non è più solo vista come sequenza di re, papi, imperatori, guerre; oggi ci interessano certo i grandi protagonisti ma anche e forse più ci interessano gli uomini e le donne di tutti i giorni, come vivevano, cosa pensavano, quali eredità ci hanno lasciato: tutti aspetti che hanno una storia scandita in grandi periodi, non certo in giorno mese e anno preciso, come si può fare per una battaglia o un trattato di pace».

    Quali sono le caratteristiche di fondo del Medioevo?

    «I secoli passati, dalla crisi e fine dell'Impero romano in Occidente (IV-V secolo) alla Rivoluzione industriale (XVIII-XIX secolo), sono stati attraversati da alcuni aspetti di lunghissima durata, come la presenza determinante del cristianesimo, la continuità del latino come lingua dei dotti, l'importanza centrale dell'agricoltura per le strutture economiche. Si potrebbe parlare di un "lungo Medioevo", definitivamente superato solo dai rivolgimenti che hanno dato origine alle società del nostro tempo, cosiddette "sviluppate"».

    Il Medioevo è stato il crogiolo dell'Europa. Una terra cristiana, secondo lei?

    «Nel Medioevo affonda le sue radici la costruzione dell'Europa, che impiegherà secoli a nascere - e non è ancora adulta oggi, per così dire - come entità autonoma, dotata di istituzioni politiche, economiche, culturali sue proprie. L'Europa che oggi esiste e quella che vogliamo per il futuro non sarebbe pensabile senza la commistione tra il mondo dell'Antichità classica e quello dei popoli cosiddetti "barbarici" che vivevano ai suoi margini, e finirono per entrarvi poi a pieno titolo. Le periferie sono state altrettanto creative del centro, o dei centri. La nostra cultura deve moltissimo anche alla presenza di popoli diversi, percepiti a volte come pericolosi estranei, come gli ebrei e i musulmani. E per esempio, senza il tramite degli Arabi tra Oriente e Occidente la nostra scienza non sarebbe oggi quello che è».

    Un periodo vitale, di grande progresso, tutt'altro che buio. Un mondo molto concreto ma anche straordinariamente capace di sognare.

    «L'idea dei "secoli bui" è nata dal disprezzo umanistico, ma non è mai stata una realtà storica dimostrabile. E poi, in che senso bui? Certo non dal punto di vista artistico: ai nostri occhi l'arte gotica esprime valori estetici ed etici altissimi; non dal punto di vista economico, o almeno non sempre, se pensiamo alla straordinaria espansione della vita cittadina dall'XI-XII secolo, alle curiosità e al coraggio dei viaggiatori, al dinamismo creativo dei mercanti, alle costruzioni filosofiche paragonabili a quelle della grandi cattedrali. Se poi si vuole suggerire che i secoli "bui" fossero un'epoca di violenza e di superstizione, sarà bene ricordare le immani crudeltà del nostro tempo, davvero senza paragone nel passato, e il fatto che la "caccia alle streghe" non fu un fenomeno medioevale in senso stretto ma piuttosto del cosiddetto Rinascimento».

    Veniamo alla mostra. Ricondurre un millennio di storia a pochi oggetti emblematici non deve essere stata un'impresa facile.

    «Gli oggetti e le immagini sono stati sempre un grande strumento di comunicazione, molto prima che si inventassero la fotografia, il cinema e la televisione. In particolare, il "lungo Medioevo" si è sempre servito delle immagini per trasmettere messaggi e per proporre modelli di ogni genere, religiosi, politici, culturali. Non è dunque insolito, per lo storico del Medioevo, non solo studiare le immagini di quel mondo complesso e lontano, ma anche servirsene per trasmettere i risultati della sua ricerca. Questa non è una mostra di storia dell'arte, né una mostra di storia medioevale in generale. È piuttosto la testimonianza di una visione personale, sentita oggi con maggior forza e ispirata a due elementi determinanti: mettere in evidenza, da un lato, un Medioevo di pace piuttosto che il comune Medioevo dei cavalieri in eterna tenzone o il fenomeno in sé negativo delle crociate; dall'altro lato mostrare un'Europa meticcia, figlia della commistione tra popoli e culture, un'Europa tanto delle periferie quanto del centro».

    Se dovesse indicare al visitatore gli oggetti più emblematici, quali sceglierebbe?

    «La scelta degli oggetti non è dipesa in primo luogo dal loro valore intrinseco, ma dalla loro capacità di esprimere singoli aspetti, dai più elevati ai più umili. Sicché trovano posto qui sia il ferro di una roncola da vignaiolo sia gli ori e gli smalti del pastorale di un vescovo. Ciascuno di questi oggetti ha una sua funzione, senza gerarchia di importanza. Potremmo pensare ai più preziosi, come i gioielli del Tesoro longobardo, o ai più imponenti, come la grande pietra scolpita di Broa (Gotland), ma forse è meglio fermarci al profondo valore simbolico della colomba di Fidenza».
    R. C.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 Aug 2013
    Messaggi
    14,308
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito IL MEDIOIEVO E GLI ILLUMINISTI

    Il MEDIOEVO e' stato molto danneggiato dal pensiero illuminista
    " roba da Medioevo ! si dice ancora oggi.

    E' giusto che venga rivalutato.Fu anche un periodo che ebbe
    come caratteristica una grande spiritualita' cristiana ed ebbe personaggi quali Carlo Magno, Federico II°, etc.et,

    Anche a scuola non e' mai stato insegnato in nmodo adeguato.

    Roba da Medioevo ! Appunto.

    Un saluto

 

 

Discussioni Simili

  1. La Chiesa e la pace nel Medioevo
    Di Cuordy nel forum Storia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-09-13, 21:50
  2. ITALIA E MEDIOEVO
    Di occidentale nel forum Patria Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-05-10, 23:15
  3. Il Medioevo, oggi
    Di pincopallino (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 18-02-08, 02:18
  4. Rigurgiti di medioevo
    Di Kowalsky nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18-09-06, 17:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226