User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bloody Sunday: finalmente qualcosa si muove

    Svolta al processo sulla strage: Don Mullan ne fu testimone
    oggi ha scritto un libro che chiarisce molte cose
    Bloody Sunday, quello scatto
    che ha inchiodato il soldato "F"
    Quel giorno un soldato uccise Barney McGuigan
    Trent'anni dopo lo ammette e lo riconosce in una foto
    DON MULLAN




    HO ancora nelle orecchie il rantolo di Michael Kelly nel momento in cui il proiettile del soldato F gli perforò l'addome. Riempì l'aria di violenta emozione e di incredulità. Cadde ad appena mezzo metro da me, alla mia sinistra, e i gemiti della sua agonia si fecero di secondo in secondo più deboli. Insieme ad un gruppetto di altri accanto alla barricata di calcinacci guardai a nord lungo Rossville Street verso la direzione da cui proveniva lo sparo. Il soldato F era in mezzo ad un gruppo di paracadutisti che si ammassavano dietro il muro di un vicolo, i fucili puntati nella nostra direzione.

    Rossville Street, arteria principale nel cuore del famoso quartiere di Bogside a Derry, risuonò dei colpi secchi di armi ad alta velocità. Dalla barricata sbuffò polvere e le urla di altri alla mia destra mi riempirono di terrore. Sapevo che anche loro erano stati colpiti.
    All'improvviso un proiettile spaccò un mattone in alto sul timpano di Glenfada Park. Esplose come un petardo schizzando schegge di muro in tutte le direzioni. Mi fece tornare in me. Ero in pericolo di vita e mi misi a correre. Ero un ragazzo di 15 anni e quella la mia prima marcia per i diritti civili.

    Dopo aver lasciato la barricata mi si fece il vuoto nella mente. Ci sono tre o quattro minuti, forse più, di cui tutto è stato cancellato. Non ho la minima idea di come riuscii a fuggire.

    Quella sera, pigiati in famiglia intorno ai nostri teleschermi in bianco e nero apprendemmo che tredici persone erano state uccise da colpi d'arma da fuoco e quattordici ferite. Il reggimento paracadutisti, fiore all'occhiello dell'esercito britannico, era stato sguinzagliato contro dimostranti per i diritti civili disarmati e in maggioranza cattolici con conseguenze inumane e letali. I testimoni oculari, me incluso, non avevano dubbi: quelli che avevamo visto cadere sotto i colpi, come Michael Kelly, erano disarmati ed erano stati uccisi o feriti senza motivo.
    - Pubblicità -


    I più vennero colpiti mentre cercavano di scappare, molti alle spalle. Ma senza dubbio una delle morti più toccanti fu l'omicidio del quarantunenne padre di sei figli Bernard McGuigan. Si era rifugiato all'estremità meridionale del blocco 1 dei Rossville Flats con un gruppetto di dimostranti. Non seppe resistere alle invocazioni d'aiuto di un uomo ferito e morente, Patrick Doherty. Incurante del rischio, McGuigan lentamente si fece strada verso Doherty, agitando un fazzoletto. Non lo raggiunse mai. Una forte detonazione proveniente dall'estremità sudorientale di Glenfada Park lo fece cadere. Per l'orrore degli astanti già atterriti il sangue sgorgava come da un rubinetto aperto da un raccapricciante foro sopra il suo occhio destro.

    Il giorno seguente non dimenticherò mai di aver trovato il nostro striscione blu e bianco trasformato nei colori dell'Union Jack dal sangue di McGuigan. Sopra lo striscione macchiato di sangue c'era un mattone e sopra il mattone una scatola aperta di fiammiferi con l'effigie della pastorella Bo-Peep. Qualcuno ci aveva messo dentro una palpebra umana con tanto di ciglia. Era orgogliosa opera del soldato F. Quella scena, più di ogni altra nella mia vita, pose fine per sempre a qualunque possibile rivendicazione che i britannici possano avanzare sulla mia anima. Io sono irlandese.
    All'epoca del Bloody Sunday vivevamo la nostra infanzia politica e non capivamo ancora il potere della prima pagina. I media locali nazionali e internazionali ricevettero l'informazione che al loro ingresso nel Bogside i paracadutisti si erano trovati sotto una grandinata di bombe e proiettili. I soldati, secondo la tesi sostenuta dal governo e dall'esercito britannico, avevano risposto al fuoco per legittima difesa, mirando a uomini armati di fucili e bombe. Un tribunale d'inchiesta convocato su due piedi e presieduto dal Lord Widgery, Presidente della Corte Suprema di Inghilterra e Galles, confermò la versione dei fatti fornita dall'esercito. In realtà nel giro di dieci settimane Lord Widgery dichiarò gli innocenti colpevoli e i colpevoli innocenti.

    Il Bloody Sunday e il Tribunale Widgery erano destinati a proiettare una lunga ombra sull'attuale conflitto irlandese. Molti giovani uomini e donne giunsero alla conclusione che la Giustizia Britannica era un'illusione. Dopo essere stati testimoni di un omicidio "un omicidio puro e semplice" per dirla con le parole del coroner, assistettero all'omicidio della verità per mano di Lord Widgery. Era troppo da digerire. Così per vent'anni il Bloody Sunday contribuì a reclutare volontari motivati per l'Ira.

    Quello che l'establishment britannico non si aspettava fu la forza di carattere e l'insaziabile determinazione delle famiglie dei morti e dei feriti. Questi comuni cittadini non desistettero mai dalla convinzione che un giorno la memoria dei loro cari sarebbe stata assolta da ogni colpa e la loro innocenza dichiarata al mondo intero.

    La settimana scorsa in seno al Tribunale d'inchiesta sul Bloody Sunday a Londra le famiglie dei defunti, i feriti e i testimoni come me si sono trovati faccia a faccia con il soldato F per la prima volta dopo trent'anni. Era tozzo, stempiato niente a che vedere col feroce bulldog del Bloody Sunday.

    Alla fine ha confessato di aver sparato e ucciso Barney McGuigan oltre ad almeno altri tre civili disarmati. Ferì inoltre almeno altre tre persone. Ha mentito, dichiarando che erano armati con bombe molotov e armi. Clarke, pubblica accusa, ha informato il Soldato F che per le deposizioni rese avrebbe potuto essere considerato colpevole del reato di falsa testimonianza. Il presidente Lord Saville lo ha congedato con freddezza. Il soldato F ha lasciato l'aula tremebondo e angustiato. Come il fantasma di Banco nel Machbeth di Shakespeare, le anime inquiete dei morti del Bloody Sunday sono tornate a tormentarlo. "Via, maledetta macchia!" Ma la macchia è indelebile e il soldato F potrebbe ancora affrontare il carcere.

    Traduzione di Emilia Benghi


    (18 ottobre 2003)
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Come lo scrittore irlandese visse quei fatti accaduti 30 anni fa
    Avevo otto anni e mezzo quel pomeriggio, lo seppi dalla tv
    Un giorno di sangue
    in bianco e nero
    di JOSEPH O'CONNOR



    ERA una domenica pomeriggio del 1972. All'epoca dei fatti avevo otto anni e mezzo, ma li ricordo ancora, in bianco e nero. Mia madre e io eravamo da un vicino di casa nella quiete di un quartiere residenziale della nostra città, Dublino. Eravamo fortunati a trovarci in un posto così tranquillo. Altri in Irlanda non lo furono. L'atmosfera era festosa, densa di risate impertinenti. Era la festa di compleanno di uno dei bimbi dei vicini. Avevamo fatto dei giochi. C'erano torta e limonata. Era uno di quei pomeriggi che tanto piacciono ai bambini. Poi uno degli adulti disse che voleva accendere la televisione per vedere il notiziario.

    Era un televisore nuovo, non perfettamente sintonizzato. Le immagini, quando giunsero, erano tremolanti e in bianco e nero. Ricordo i volti, così atterriti, urlanti. Accanto a me qualcuno nella stanza scoppiò in una risata nervosa; era troppo presto per capire che cosa stesse accadendo, suppongo. Che cosa stavamo guardando? Una specie di film dell'orrore? Poi la vista sconvolgente di un prete che camminava chino agitando un fazzoletto macchiato di sangue a mo' di bandiera bianca, mentre alle sue spalle un gruppo di uomini trasportava il corpo martoriato di un ragazzo. Chi era? Che cosa gli avevano fatto? Qualcuno disse che il prete era curvo perché in caso contrario gli avrebbero sparato. Ma chi poteva aver intenzione di sparare ad un prete? E chi aveva sparato al ragazzo? Uno degli adulti disse che tutto ciò stava accadendo in una città chiamata Derry, ma mia madre replicò che non poteva essere. "E' qualche posto dove c'è la guerra", disse. Non poteva essere l'Irlanda.
    - Pubblicità -


    Il ricordo successivo che ho è di un uomo che piangeva con la testa tra le mani, cosa mai vista nei miei otto anni e mezzo di vita. Fino a quel momento non pensavo che gli uomini sapessero piangere. Mio padre non piangeva mai, né lo facevano i miei zii. "Gli uomini non piangono", mi avevano insegnato a scuola. Ma ecco un uomo in lacrime, che singhiozzava come un bambino. E, stranamente, ora non ricordo se l'uomo in lacrime fosse sul teleschermo, un fantasma nell'etere, irradiato dalla remota Derry. O fosse forse uno dei vicini di casa, accanto a me nella stanza con i palloncini e i festoni, e i pezzi di torta con le loro candeline bianche e blu e i soldatini con le loro minuscole mitragliatrici. Ricordo però di aver avvertito l'acuta consapevolezza che non avrei mai dimenticato quel momento. La prima volta che vedevo un uomo adulto piangere. Pensai che non sarebbe più successo. A torto.

    Tutto questo accadeva domenica 30 gennaio 1972, un giorno importante nella mia giovane vita, ma l'ultimo di quella di Jack Duddy. Era questo il nome del ragazzo di cui vidi il corpo agonizzante sul teleschermo quella sera. Aveva 17 anni. Non meritava di morire. Era da poco finito per lui il tempo delle feste di compleanno dell'infanzia. Dovrebbe essere vivo oggi a giocare con i nipotini. Ma all'ora in cui mi coricai quella sera, al sicuro nel mio letto a Dublino, Jack Duddy e dodici altri giacevano morti a Derry, uccisi dai fucili dei soldati del Reggimento Paracadutisti delle forze armate britanniche. Nessun altro reparto di quell'esercito, nessuna singola organizzazione in alcun luogo, contribuì in misura maggiore a reclutare proseliti per l'Ira. Perché il messaggio inviato agli irlandesi di Derry quel giorno era chiaro. Voi non contate nulla. Siete parassiti. Vi spazzeremo via a fucilate dalle strade se sarà necessario. Non valete neppure i proiettili con cui vi distruggeremo. Lo stesso esercito, il solo presente a Derry in quella domenica pomeriggio d'inverno perché il nord dell'Irlanda è giuridicamente un territorio del Regno Unito di Gran Bretagna, metteva in chiaro, con letale limpidezza, che alcuni sudditi della regina valevano meno di altri. Come se non fosse già palese.

    L'Irlanda è una terra di lunga memoria, con una storia di oppressione e di straordinaria crudeltà alle spalle. Non sorprende che un fatto accaduto 31 anni fa rivesta ancora grande importanza in Irlanda. Per dirla con William Faulkner: "Il passato non è morto. Non è neppure passato".

    Quasi ogni settimana della mia vita, da quello sconvolgente pomeriggio del 1972 fino al giorno in cui mi fidanzai per sposarmi nel 1998 (lo stesso giorno in cui venne siglato l'accordo di pace del Venerdì Santo) nel nord dell'Irlanda qualcuno è morto di morte violenta. Nell'ambito della lugubre aritmetica che fa da corollario a questo tipo di discussioni, un numero relativamente ridotto di vittime si registra tra i soldati britannici o i membri della polizia, benché questi gruppi, a loro volta, abbiano sofferto in maniera raccapricciante. In maggioranza i morti sono stati poveri irlandesi di una o dell'altra tribù, uccisi da altri poveri irlandesi. I figli delle classi medie raramente hanno avuto parte alle morti o alle uccisioni ovviamente. Questa è una caratteristica che accomuna il nord dell'Irlanda a qualsiasi altro luogo.

    Quella terra di lancinante bellezza ha visto tanti giorni di sangue. Tante altre domeniche in cui le campane hanno suonato a morto, in cui vedove, madri, figli e mariti hanno pianto per un amato scomparso per sempre. Padre Edward Daly il giovane sacerdote visto in televisione agitare un fazzoletto bianco macchiato del sangue di Jack Duddy, sarebbe in seguito diventato Vescovo di Derry. Avrebbe pronunciato le orazioni funebri su altre centinaia di corpi. Omicidi sono stati compiuti dall'esercito britannico e dalla polizia settaria, in altre parole dai rappresentanti dello stato governante. Altri omicidi sono stati compiuti dai paramilitari lealisti, in palese collusione con quello stesso stato. E omicidi sono stati compiuti dalle forze del nazionalismo irlandese militante, pestaggi, torture, rapimenti, autobombe, nel nome della libertà e dell'unità. Come ha affermato recentemente alla televisione irlandese Gerry Adams, leader del Sinn Fein e architetto del processo di pace in corso: "l'Ira ha commesso molte brutalità". Come davvero ha fatto, a sua onta.

    Ma la vergogna non ha monopolio. Nessuna parte è innocente. Quando la squadra della morte arriva nella notte, equipaggiata di maschere e discolpe, religiosità e mitragliatrici, e cappucci per il cadavere, con la certezza omicida dell'odiante e dell'odiato, se cambia qualcosa, cambia ben poco per chi è in procinto di morire la consapevolezza di farlo in nome di un altrui concetto di libertà. Com'è sporca la parola "libertà".
    Quante atrocità sono state commesse in suo nome. Entriamo qui in un labirinto morale che non ha nulla al centro, eccetto l'unica cosa che abbiamo lasciato, le parole sulle nostre labbra. E se le parole hanno un significato, deve essere questo: Per le forze dello stato sparare ai propri cittadini inermi colpevoli di rivendicare i fondamentali diritti democratici è un atto criminale e un fallimento morale. E' ciò che accadde a Derry quella domenica di gennaio. I dimostranti non stavano sparando a nessuno. Né perseguivano l'obiettivo di un'Irlanda Unita.

    Marciavano sotto lo slogan "diritti civili per tutti" protestando contro la carcerazione senza processo dei loro giovani.

    I soldati che spararono sulla folla innocente quel giorno infame a Derry sono stati recentemente chiamati a deporre davanti ad un tribunale come un gran numero di presenti alla marcia, incluso l'attuale ministro dell'istruzione dell'Irlanda del Nord, l'ex leader dell'Ira Martin McGuinness. Non si conoscono i nomi dei militari, essi rendono la loro testimonianza anonimamente, nascosti da una tenda o parlando ad un remoto microfono. Sono al sicuro, protetti, trattati con rispetto, cortesemente interrogati sui motivi per cui aprirono il fuoco su dei civili inermi. Molte cose non le ricordano. Suppongo sia credibile. Alcune cose, senza dubbio, hanno scelto di dimenticarle.

    Se debbano o meno essere processati per i misfatti compiuti a Derry è opinabile. In genere penso che per lo meno alcuni probabilmente non lo meritino. Devono ammettere le loro azioni, questo tutti fino all'ultimo, al pari dei comandanti responsabili. Il fatto che sia passato del tempo non deve poter mai significare che determinate scelte, una volta fatte, possano essere accidentalmente dimenticate. (La stessa osservazione critica dovrebbe valere per Martin McGuinnes e compagni. La differenza è che lui almeno ha compiuto qualche passo verso l'ammissione delle sofferenze provocate). Ma tutto sommato reputo che ai soldati dovrebbe essere accordata proprio quella clemenza che tanto brutalmente essi negarono a Jack Duddy e alle altre vittime innocenti del Bloody Sunday. Facile dirlo per me, perché io non c'ero. Jack Duddy non era mio fratello, mio cugino, mio figlio. Ero un bambino sufficientemente fortunato da vivere lontano da lì, che vide tutto svolgersi attraverso l'obiettivo di un cameraman. Crediamo di essere così al sicuro, così estranei alla storia, ma non lo siamo, e finché regna l'ingiustizia mai lo saremo.

    Traduzione di Emilia Benghi


    (18 ottobre 2003)
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 02-06-08, 08:47
  2. Morti bianche, finalmente si muove qualcosa a Catania
    Di gladiator82ct nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-04-07, 20:05
  3. I DS si spaccano:Finalmente qualcosa di muove!
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-01-06, 21:06
  4. U2-Sunday Bloody Sunday (testo+midi)
    Di Danny nel forum Musica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-07-04, 13:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226