Un ministro delle riforme, costertto a raccogliere firme per far rispettare i patti elettorali.Non era tanto il governo tecnico il vero obbiettivo,bensì bloccare immediatamente le riforme.Regista dell'operazione il Vaticano, il quale con l'appoggio dei centristi ha garantito al sistema di potere la sua naturale salvezza.L'unico paese che foraggia il Vaticano prelevando manu militari l'otto per mille dai redditi itaglioni è l'Itaglia.Nessun altro pase contribuisce al suo mantenimento,e una volta per tutte è bene spiegare e si sappia, che ogni comune itagliano è costertto per legge ad un contributo garantito annuale aggiuntivo.Un esempio chiaro: un Comune con 20.000 abitanti è costertto a prevedere nel bilancio all'accantonamento di una cifra che va dai 50.000€ ai 100.000€ all'anno a seconda del numero di parrocchie presenti sul territorio.Il sistema politico centralista che si autoalimenta attraverso gli uomini di centro presenti nei due schieramenti,mai rinuncerebbe alla sua demolizione, e allo stesso tempo il Vaticano centralista non può rinunciare alle prebende statali e comunali pena la sua soppravvivenza.