User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Anche i Comboniani "alla carica": «Diamo il permesso di soggiorno "in nome di Dio&quo

    MAURO BOTTARELLI
    --------------------------------------------------------------------------------
    «Abbiamo già fatto stampare i permessi di soggiorno che rilasceremo "in nome di Dio" per tutti gli immigrati clandestini». Padre Giorgio Poletti, comboniano di Castel Volturno, non sembra voler porre freno alla sua azione provocatoria nei confronti della legge Bossi-Fini: ultima perla in ordine di tempo è quella di stampare migliaia di falsi permessi di soggiorno intestati al "Ministero del Regno di Dio" da distribuire il 15 novembre prossimo sotto le questure di tutta Italia a chiunque ne faccia richiesta. «Nel piano di Dio per l'umanità nessuno è straniero - ha dichiarato padre Giorgio - e quando i sistemi e i governi creano differenze tra cittadini e stranieri Lui, fa causa comune con gli stranieri e chiede il rispetto dei loro diritti. Per questo in "nome di Dio" rilasceremo il permesso di soggiorno agli immigrati perché Dio dà loro questo diritto». Sgomento e ilarità vanno di pari passo: sembra di tornare ai bei tempi andati dei Blues brothers, i due galeotti "in missione per conto di Dio".
    Il problema è che l'argomento, si creda o meno in Cristo, è troppo serio per riderci sopra. Soprattutto è troppo serio perché a parlarne siano i comboniani. Parlare a nome di Dio è già quantomeno pretenzioso, intestare un falso documento al "ministero del Regno di Dio" travalica il confine dell'eresia e giunge direttamente al piano della negazione, al contraltare tra profezia e storia. Cosa intendono, questi signori, l'instaurazione di una teocrazia, visto che la gestione dell'ordine pubblico viene avocata al fantomatico regno in questione? "Date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio", ovvero non appiattiamo i piani di lettura della realtà, non assoggettiamo l'obbligo cristiano dell'accoglienza e dell'assistenza con ciò che non rientra nella logica dell'evangelizzazione ma si inserisce a pieno titolo nelle competenze laiche dello Stato e che non può soggiacere a facili e generiche esaltazioni più formali che sostanziali e utili nella sostanza. A dirlo non siamo noi, ma qualcuno che ha certamente pieno titolo di trattare questo argomento: il cardinale Giacomo Biffi, di cui riproponiamo un breve sunto del testo reso noto nel settembre 2000 sul tema dell'immigrazione e dell'accoglienza. «Dobbiamo riconoscere che il fenomeno di una massiccia immigrazione ci ha colti un po' tutti di sorpresa. E' stato colto di sorpresa lo Stato, che dà tuttora l'impressione di smarrimento e pare non abbia ancora recuperato la capacità di gestire razionalmente la situazione, riconducendola entro le regole irrinunciabili e gli ambiti propri di un'ordinata convivenza civile. E sono state colte di sorpresa anche le comunità cristiane, ammirevoli in molti casi nel prodigarsi ad alleviare disagi e pene, ma sprovviste finora di una visione non astratta, non settoriale, abbastanza concorde. Le generiche esaltazioni della solidarietà e del primato della carità evangelica - che in sé e in linea di principio sono legittime e anzi doverose - si dimostrano piuttosto bene intenzionate che utili quando non si confrontano davvero con la complessità del problema e la ruvidezza della realtà fattuale. Possiamo aggiungere un'annotazione, che riguarda da vicino soprattutto il comportamento auspicabile dello Stato e di tutte le varie autorità civili. I criteri per ammettere gli immigrati non possono essere solamente economici e previdenziali (che pure hanno il loro peso). Occorre che ci si preoccupi seriamente di salvare l'identità propria della nazione. L'Italia non è una landa deserta o semideserta, senza storia, senza tradizioni vive e vitali, senza una inconfondibile fisionomia culturale e spirituale, da popolare indiscriminatamente, come se non ci fosse un patrimonio tipico di umanesimo e di civiltà che non deve andare perduto. (...) Soprattutto hanno (i musulmani, ndr) una visione rigorosamente integralista della vita pubblica, sicché la perfetta immedesimazione tra religione e politica fa parte della loro fede indubitabile e irrinunciabile, anche se di solito a proclamarla e farla valere aspettano prudentemente di essere diventati preponderanti. Mentre spetta a noi evangelizzare, qui è lo Stato -ogni moderno stato occidentale- a dover far bene i suoi conti».
    Chissà se padre Giorgio Poletto aveva letto queste parole, chissà se ha perso qualche minuto per riflettere sul loro significato e sul senso di responsabilità che da esse trasuda. Per fare del bene bisogna spesso saper essere inflessibili: promettere tutto a tutti è facile, almeno quanto violare le leggi, attività che ci sembra i comboniani - in nome della disobbedienza civile non violenta - perseguano con una certa assiduità e un certo successo. Confondere i piani di valutazione suscita facili applausi, ma non aiuta certo a raggiungere la verità: lo Stato sia Stato, la Chiesa sia Chiesa. E, soprattutto, la legge sia legge. Perché, come dice il cardinale Biffi, esiste il diritto di resistere all'invasione.


    [Data pubblicazione: 22/10/2003]
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma i comboniani non erano quelli di "Aiutiamoli a casa loro" ? O così avrebbe voluto solamente il fondatore
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    AUTODIFESA ETNICA TOTALE!
    Data Registrazione
    20 Oct 2003
    Località
    "Noi vogliamo solo essere liberi e continuare a vivere come sempre, conservando ciò ch'è nostro senza dover obbedire a signori stranieri" Il Signore degli Anelli, pg. 530
    Messaggi
    1,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Anche i Comboniani "alla carica": «Diamo il permesso di soggiorno "in nome di Dio

    Originally posted by Der Wehrwolf

    Occorre che ci si preoccupi seriamente di salvare l'identità propria della nazione. L'Italia non è una landa deserta o semideserta, senza storia, senza tradizioni vive e vitali, senza una inconfondibile fisionomia culturale e spirituale, da popolare indiscriminatamente, come se non ci fosse un patrimonio tipico di umanesimo e di civiltà che non deve andare perduto.


    [Data pubblicazione: 22/10/2003]
    Biffi eretico nazionalista !!!

  4. #4
    AUTODIFESA ETNICA TOTALE!
    Data Registrazione
    20 Oct 2003
    Località
    "Noi vogliamo solo essere liberi e continuare a vivere come sempre, conservando ciò ch'è nostro senza dover obbedire a signori stranieri" Il Signore degli Anelli, pg. 530
    Messaggi
    1,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Anche i Comboniani "alla carica": «Diamo il permesso di soggiorno "in nome di Dio

    Originally posted by Der Wehrwolf

    Occorre che ci si preoccupi seriamente di salvare l'identità propria della nazione. L'Italia non è una landa deserta o semideserta, senza storia, senza tradizioni vive e vitali, senza una inconfondibile fisionomia culturale e spirituale, da popolare indiscriminatamente, come se non ci fosse un patrimonio tipico di umanesimo e di civiltà che non deve andare perduto.


    [Data pubblicazione: 22/10/2003]
    Biffi eretico nazionalista !!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-02-10, 12:17
  2. " Permesso di soggiorno "
    Di LEONIDA (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-06-06, 14:48
  3. 10 Marzo:"Diamo voce alla pace" APPELLO!
    Di sophos nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-03-06, 23:12
  4. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 02-12-04, 19:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226