Lampedusa, giornata record per gli sbarchi, altre barche avvistate al largo
Attivato ponte aereo per alleggerire il centro di accoglienza

LAMPEDUSA - Quasi cinquecento clandestini nella giornata di ieri, sei carrette del mare intercettate nel Canale di Sicilia da forze dell'ordine e marina militare, un ponte aereo tra Lampedusa e la penisola attivato ieri pomeriggio, per smistare gli extracomunitari nei centri di accoglienza. Sono queste le cifre dell'ultima ondata di immigrazione clandestina che ha investito Lampedusa ad un ritmo così incalzante che 155 di essi sono sbarcati senza incontrare ostacoli a cala Madonna, costringendo i carabinieri, impegnati nelle perlustrazioni fino al pomeriggio, ad acciuffarli uno per uno. Il copione si è ripetuto: pescherecci, marina militare e aerei Atlantic a segnalare carrette in mare, motovedette d'altura nel canale di Sicilia per il trasbordo ed il traino degli immigrati, elicotteri pronti al decollo per trasportare donne incinte o clandestini in preda a malori: a Palermo ne sono stati trasferiti tre in ospedale. Intanto il centro d'accoglienza dell'isola straripava di somali, tunisini, marocchini, palestinesi, cingalesi, in fuga dalla miseria dei propri paesi. Molti sono stati trasferiti con un ponte aereo: 120 solo al centro di Crotone. Nove cittadini africani sono stati invece bloccati perchè ritenuti gli scafisti che hanno guidato le due carrette giunte l'altra sera nell'isola con 125 clandestini. La contabilità degli arrivi è salita con cadenza quasi oraria: oltre ai 155 che hanno eluso ogni controllo, sbarcando all'alba, un quarto barcone è stato avvistato in mattinata, con decine di clandestini a bordo, a 13 miglia da Lampedusa. A bordo 167 immigrati, tra cui numerose donne, 140 sono stati trasbordati su una motovedetta. Neanche il tempo organizzare i soccorsi che un quinto barcone è stato avvistato nel Canale di Sicilia da un aereo militare Atlantic in servizio di perlustrazione. L' imbarcazione, alla deriva, è stata trovata a 72 miglia a Sud di Lampedusa, in acque internazionali. Nel primo pomeriggio un nuovo avvistamento: un Atlantic ha segnalato il sesto barcone, 80 miglia a sud di Lampedusa, con a bordo "soltanto" 17 extracomunitari, trasferiti in serata sulla nave militare Cassiopea.
A Lampedusa, infine, è stato preparato il secondo contingente di clandestini da trasferire per alleggerire la pressione sul centro di accoglienza dell'isola: altri 120 immigrati sono stati imbarcati alle 20.30 diretti sempre a Crotone. Il ponte aereo proseguirà anche per tutta la giornata odierna, per trasferire gli altri clandestini rimasti nell'isola e quelli che devono ancora arrivare.


[Data pubblicazione: 30/10/2003]