User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    Si legge NUAR!!
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Messaggi
    24,215
     Likes dati
    3,098
     Like avuti
    4,684
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Exclamation Il pentito Giuffrè: Provenzano sbirro, fece arrestare Riina

    Il pentito Giuffrè: Provenzano sbirro,
    fece arrestare Riina
    La deposizione al processo sull’ex generale Mori: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    ROMA — Bernardo Provenzano «è uno sbirro», pensavano i mafiosi che obbedivano ai suoi ordini nei primi anni Novanta. Un capo di Cosa nostra che «vendeva» gli altri uomini d’onore per rimanere al vertice dell’organizzazione e traghettarla su nuove posizioni: non più l’attacco allo Stato con bombe e stragi, ma una «sommersione» che permettesse di riprendere a fare affari senza più guerre.

    Così racconta il pentito Nino Giuffrè — un mafioso che per quasi un decennio (dall’inizio del ’93 fino all’arresto avvenuto nel 2002) ha vissuto ai fianco del padrino di Corleone, ascoltando i suoi discorsi e quelli di altri boss che gli gravitavano intorno — nel processo palermitano a carico dell’ex generale Mario Mori, imputato di favoreggiamento per un presunto, mancato arresto dello stesso Provenzano nel 1995. Nel disegno dei pubblici ministeri c’è un collegamento diretto tra l’accusa in questo dibattimento, la cattura di Riina nel gennaio ’93 con mancata perquisizione della casa in cui abitava (episodio per il quale Mori è stato già assolto) e la «trattativa» tra Stato e mafia passata anche per i colloqui tra Mori e l’ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino. Tutti anelli di una stessa catena ricostruita ora dal pentito Giuffrè. «Tutti pensavamo che l’arresto di Riina fosse stato pilotato da Provenzano — ricorda l’ex mafioso —. Era parte di una strategia portata avanti nell’interesse di Cosa nostra. Lo stesso Provenzano diceva che Riina era diventato ingombrante, e noi ritenemmo che la sua cattura fosse un 'sacrificio alle divinità', frutto di un accordo tra lui e altre parti che hanno avuto un ruolo in quella vicenda. Del resto per noi fu un arresto indolore; c’era il rischio che andando a guardare nella casa di Riina si trovassero lettere o altri documenti compromettenti, invece non successe niente». Ovvio che per i carabinieri le cose sono andate in tutt’al*tro modo, ma la «verità» del pentito Giuffrè è questa.

    Corredata dagli altri rapporti para istituzionali del boss corleonese lanciato alla riconquista di Cosa nostra dopo l’uscita di scena del suo paesano «stragista»: «Uno dei contatti di Provenzano era Ciancimino, che è sempre stato nelle sue mani. Me ne parlava sempre, lo usava per i rapporti politici e per gli appalti, e si diceva che avesse contatti coi servizi segreti. Una volta, quando gli chiesi se erano vere le voci di sbirritudine sul conto di Ciancimino, Provenzano mi rispose: 'Ma no, lui è andato in missione nel nostro interesse' ». Sottinteso, presso uomini delle istituzioni. Tra la fine del ’92 e l’inizio del ’93 furono arrestati sia Ciancimino che Riina, Provenzano riprese lentamente il controllo di Cosa nostra e disegnò nuove relazioni politiche. La Dc e il Psi (partito sul quale Riina aveva dirottato il voto mafioso nel 1987) scomparvero e si cominciò a parlare di un nuovo movimento politico. «Si trattava di Forza Italia — racconta Giuffrè — e Provenzano ci disse di appoggiarlo. La direttiva di votare questo nuovo partito, secondo quello che mi disse, era collegata alla trattativa per risolvere i problemi che avevamo in quel momento, dai continui arresti agli ergastoli, dal carcere duro al sequestro dei beni. Sosteneva che nel giro di qualche anno avremmo risolto tutto, e che con Forza Italia eravamo in buone mani». Fece dei nomi in particolare? «Quelle persone che già erano in contatto con Cosa nostra, come Marcello Dell’Utri ». C’erano rapporti diretti tra Ciancimino e Dell’Utri: «Mi pare di sì, se non ricordo male».
    http://www.corriere.it/cronache/09_o...4f02aabc.shtml
    da non perdere la puntata di anno zero di stasera
    Ultima modifica di Noir; 08-10-09 alle 13:02
    l'italiano ha un tale culto per la furbizia che arriva persino all'ammirazione di chi se ne serve a suo danno.

    jesus died for somebody's sins but not mine

  2. #2
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,302
     Likes dati
    0
     Like avuti
    19
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Il pentito Giuffrè: Provenzano sbirro, fece arrestare Riina

    Il pentito Giuffrè: Provenzano sbirro, fece arrestare Riina - Corriere della Sera

    Cosa nostra
    Il pentito Giuffrè: Provenzano sbirro,
    fece arrestare Riina
    La deposizione al processo sull’ex generale Mori: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»


    ROMA — Bernardo Provenzano «è uno sbirro», pensavano i mafiosi che obbedivano ai suoi ordini nei primi anni Novanta. Un capo di Cosa nostra che «vendeva» gli altri uomini d’onore per rimanere al vertice dell’organizzazione e traghettarla su nuove posizioni: non più l’attacco allo Stato con bombe e stragi, ma una «sommersione» che permettesse di riprendere a fare affari senza più guerre.


    Così racconta il pentito Nino Giuffrè — un mafioso che per quasi un decennio (dall’inizio del ’93 fino all’arresto avvenuto nel 2002) ha vissuto ai fianco del padrino di Corleone, ascoltando i suoi discorsi e quelli di altri boss che gli gravitavano intorno — nel processo palermitano a carico dell’ex generale Mario Mori, imputato di favoreggiamento per un presunto, mancato arresto dello stesso Provenzano nel 1995. Nel disegno dei pubblici ministeri c’è un collegamento diretto tra l’accusa in questo dibattimento, la cattura di Riina nel gennaio ’93 con mancata perquisizione della casa in cui abitava (episodio per il quale Mori è stato già assolto) e la «trattativa» tra Stato e mafia passata anche per i colloqui tra Mori e l’ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino. Tutti anelli di una stessa catena ricostruita ora dal pentito Giuffrè. «Tutti pensavamo che l’arresto di Riina fosse stato pilotato da Provenzano — ricorda l’ex mafioso —. Era parte di una strategia portata avanti nell’interesse di Cosa nostra. Lo stesso Provenzano diceva che Riina era diventato ingombrante, e noi ritenemmo che la sua cattura fosse un 'sacrificio alle divinità', frutto di un accordo tra lui e altre parti che hanno avuto un ruolo in quella vicenda. Del resto per noi fu un arresto indolore; c’era il rischio che andando a guardare nella casa di Riina si trovassero lettere o altri documenti compromettenti, invece non successe niente». Ovvio che per i carabinieri le cose sono andate in tutt’altro modo, ma la «verità» del pentito Giuffrè è questa.

    Corredata dagli altri rapporti para istituzionali del boss corleo*nese lanciato alla riconquista di Cosa nostra dopo l’uscita di scena del suo paesano «stragista»: «Uno dei contatti di Provenzano era Ciancimi*no, che è sempre stato nelle sue mani. Me ne parlava sempre, lo usava per i rapporti politici e per gli appalti, e si diceva che avesse contatti coi servizi segreti. Una volta, quando gli chiesi se erano vere le voci di sbirritudine sul conto di Ciancimino, Provenzano mi rispose: 'Ma no, lui è andato in missione nel nostro interesse' ». Sottinteso, presso uo*mini delle istituzioni. Tra la fine del ’92 e l’inizio del ’93 furono arrestati sia Ciancimino che Riina, Provenzano riprese lentamente il controllo di Cosa nostra e disegnò nuove relazioni politiche. La Dc e il Psi (partito sul quale Riina aveva dirottato il voto mafioso nel 1987) scomparvero e si cominciò a parlare di un nuovo movimento politico. «Si trattava di Forza Italia — racconta Giuffrè — e Provenzano ci disse di appoggiarlo. La direttiva di votare questo nuovo partito, secondo quello che mi disse, era collegata alla trattativa per risolvere i problemi che avevamo in quel momento, dai continui arresti agli ergastoli, dal carcere duro al sequestro dei beni. Sosteneva che nel giro di qualche anno avremmo risolto tutto, e che con Forza Italia eravamo in buone mani». Fece dei nomi in particolare? «Quelle persone che già erano in contatto con Cosa nostra, come Marcello Dell’Utri ». C’erano rapporti diretti tra Ciancimino e Dell’Utri: «Mi pare di sì, se non ricordo male».

    Giovanni Bianconi
    08 ottobre 2009
    Ultima modifica di Newborn; 08-10-09 alle 13:14

  3. #3
    Ritorno a Strapaese
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    4,757
     Likes dati
    0
     Like avuti
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    Evvai col liscio...
    "Non posso lasciarti né obliarti: / il mondo perderebbe i colori / ammutolirebbero per sempre nel buio della notte / le canzoni pazze, le favole pazze". (V. Solov'ev)

  4. #4
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,302
     Likes dati
    0
     Like avuti
    19
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    Citazione Originariamente Scritto da mosongo Visualizza Messaggio
    ...
    Il pentito Giuffrè: ....La Dc e il Psi (partito sul quale Riina aveva dirottato il voto mafioso nel 1987) scomparvero e si cominciò a parlare di un nuovo movimento politico. «Si trattava di Forza Italia — racconta Giuffrè — e Provenzano ci disse di appoggiarlo. La direttiva di votare questo nuovo partito, secondo quello che mi disse, era collegata alla trattativa per risolvere i problemi che avevamo in quel momento, dai continui arresti agli ergastoli, dal carcere duro al sequestro dei beni. Sosteneva che nel giro di qualche anno avremmo risolto tutto, e che con Forza Italia eravamo in buone mani». Fece dei nomi in particolare? «Quelle persone che già erano in contatto con Cosa nostra, come Marcello Dell’Utri ». C’erano rapporti diretti tra Ciancimino e Dell’Utri: «Mi pare di sì, se non ricordo male».

    Giovanni Bianconi
    08 ottobre 2009
    :sofico:
    Ultima modifica di mosongo; 08-10-09 alle 13:10

  5. #5
    Presidente uscente di POL
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Località
    Genova, Italy
    Messaggi
    30,678
     Likes dati
    4,498
     Like avuti
    7,203
    Mentioned
    155 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    Nulla di nuovo sotto il ponte.
    Queste sono cose che chi ha un pò di conoscenza degli eventi non può non notare. Che la Mafia abbia sempre potuto vivere perchè forte di appoggi politici (all'epoca DC e servizi segreti USA) è lapalissiano. Con la caduta della DC e del PSI (che era diventato il nuovo punto di riferimento dopo che Andreotti iniziò a distaccarsi da certi accordi) DOVEVA cercare nuovi interlocutori nel quadro politico in divenire. Forza Italia si prestò benissimo a questo scopo, visto che tanti socialisti e democristani dell'ultima ora erano transitati in blocco nel "nuovo" partito.
    Quindi non vedo nulla di nuovo in quanto sostiene Giuffrè....

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jul 2009
    Località
    Torino prima cintura
    Messaggi
    2,530
     Likes dati
    1
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    Citazione Originariamente Scritto da Dr. Caligari Visualizza Messaggio
    Evvai col liscio...
    Sorry?:gratgrat:

  7. #7
    Ritorno a Strapaese
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    4,757
     Likes dati
    0
     Like avuti
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    Citazione Originariamente Scritto da Daniel.San Visualizza Messaggio
    Sorry?:gratgrat:
    Non parlo con gli sconosciuti...
    "Non posso lasciarti né obliarti: / il mondo perderebbe i colori / ammutolirebbero per sempre nel buio della notte / le canzoni pazze, le favole pazze". (V. Solov'ev)

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jul 2009
    Località
    Torino prima cintura
    Messaggi
    2,530
     Likes dati
    1
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    tutto ciò rafforza la possibile sentenza di condanna a Marcello Dell'Utri per associazione mafiosa a delinquere.:giagia:

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jul 2009
    Località
    Torino prima cintura
    Messaggi
    2,530
     Likes dati
    1
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    Citazione Originariamente Scritto da Dr. Caligari Visualizza Messaggio
    Non parlo con gli sconosciuti...
    Ok, allora ritorna in camera tua e chiuditi a chiave.:gluglu:

  10. #10
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    03 May 2006
    Messaggi
    38,302
     Likes dati
    0
     Like avuti
    19
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Cosa nostra: «Binnu ci disse di appoggiare Forza Italia»

    Citazione Originariamente Scritto da Seyen Visualizza Messaggio
    Nulla di nuovo sotto il ponte.
    Queste sono cose che chi ha un pò di conoscenza degli eventi non può non notare. Che la Mafia abbia sempre potuto vivere perchè forte di appoggi politici (all'epoca DC e servizi segreti USA) è lapalissiano. Con la caduta della DC e del PSI (che era diventato il nuovo punto di riferimento dopo che Andreotti iniziò a distaccarsi da certi accordi) DOVEVA cercare nuovi interlocutori nel quadro politico in divenire. Forza Italia si prestò benissimo a questo scopo, visto che tanti socialisti e democristani dell'ultima ora erano transitati in blocco nel "nuovo" partito.
    Quindi non vedo nulla di nuovo in quanto sostiene Giuffrè....
    Tutto vero, ma:
    A me sembra che di nuovo c'è il fatto che ci sono i nomi detti da una persona collegata ai fatti anche se è un pentito: e non è una fesseria! :giagia:
    Ultima modifica di mosongo; 08-10-09 alle 13:15

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 21-01-14, 18:32
  2. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 08-11-13, 18:27
  3. ....il nonno fece arrestare il Duce....
    Di salerno nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-06-06, 11:23
  4. Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 06-12-02, 23:57
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-12-02, 15:55

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •