User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    FRONTE LEGHISTA
    Data Registrazione
    08 Sep 2003
    Messaggi
    346
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Adel Smith ammira Borghezio!!!

    Adel Smith, il crociato dell’Islam «Ora in tv, domani in Parlamento»

    «Modello Borghezio» e tele-risse, la corsa al successo dell’integralista musulmano


    DAL NOSTRO INVIATO
    OFENA (L'Aquila) - Partito dei Musulmani d'Italia. Potenziale: 5%. Esordio elettorale: primavera 2004, alle amministrative di Pordenone, «terra occupata dalle truppe americane». Modello inconfessato: la Lega (cui è dedicata la videocassetta «Adel Smith castiga Borghezio», più la parte seconda dal titolo definitivo «Adel Smith contro tutti»). Si comincia con il crocifisso da vietare, si finisce «in Parlamento, a difendere la minoranza islamica».
    Adel Smith assicura che con Borghezio non si sentono ogni mattina, come potrebbe sembrare. E neanche con i fedeli nemici di Forza Nuova, che da lui traggono linfa e ragion d'essere, che gli sono legati a filo doppio, ne sono il complemento e l'immagine speculare. Adel Smith ha capito, e si è adeguato.
    La sua carriera è cominciata quando ha portato il destro al mento del prof. Pelanda, primo e forse non a caso unico «neo-con» italiano. Il giorno dopo i giornali erano tutti per Adel... Il prof. Pelanda tentò un'intervista per dire che aveva vinto lui, ma tutti avevano visto com'era andata. «Questo succede a chi mi aggredisce» rievoca ora Smith, mimando la finta di corpo. Poi vennero quelli di Forza Nuova, ancora in televisione. «Ottanta contro due. Ma ho resistito». Oggi i neofascisti si sono prontamente portati a Ofena, antico borgo abruzzese, con cartelli inneggianti alla battaglia di Lepanto. Sono fuori tempo, Adel Smith è già oltre, sulla prima pagina di Le Monde . Si è rivolto alla magistratura per far togliere il crocifisso dalla classe del figlio. Ha vinto. Ha fondato un partito. Ma non rinnega gli esordi: «Sono pronto a un confronto sulla pubblica piazza. Datemi Fiore, il capo di Forza Nuova, datemi Borghezio, Baget-Bozzo, Biffi, la Fallaci», cui ha dedicato uno dei suoi 19 libri, «Adel Smith castiga Oriana Fallaci».
    La casa ne è ingombra. Piccola piscina, barbecue, caminetto. Cucina «disegnata da me. Sono architetto di interni». E libri, quasi tutti scritti da lui. Un poligrafo. Errori e orrori del Vecchio Testamento . La carne di porco nella Bibbia e nel Corano. E poi videocassette dai titoli garbati tipo : Gli sporchi trucchi del missionario cristiano. Come smascherare i nuovi crociati . Quando scrive, o parla alle telecamere, o risponde al telefono che suona di continuo («Mi hai visto a Porta a Porta? Come sono andato?»), usa la linea Borghezio, chiama il Santo Padre «l'extracomunitario», l'America «la potenza eretta sui cadaveri», Bush, Dante «il dannatissimo e sconcio poeta dall'insuperato cattivo gusto plebeo» (per aver messo Maometto all'inferno). A taccuino chiuso si rilassa, sorride, scherza. Considera che qui in Italia bisogna fare così per essere ascoltati, e poi non è gradevole «essere chiamati "fottuti figli di Allah" e vedersi inventare una falsa biografia dai giornali, compreso un immaginario padre scozzese, una sorella mai nata e una madre di nome Mona. So bene cosa vuol dire quella parola in alcune regioni del Nord! Mia madre non si chiama Mona! Allora mi difendo con alcune querele». Ottantatré. «Con quella per Pisanu fanno ottantaquattro. Il ministro tratta con sedicenti rappresentanti musulmani che si fingono moderati e nascondono scheletri nell'armadio, e chiama "provocatore" un cittadino italiano che si è rivolto con successo alla magistratura».
    Dell'anziana mamma che passa rapida quasi invisibile lungo le scale, Adel Smith non vuol dire il nome. Presenta volentieri i tre figli: David di 2 anni, Khaled di 4, Adam, di 6. Il bambino che ha compiuto il miracolo di mettere d'accordo Polo e Ulivo, Berlusconi e il Csm, Ruini e Hamza Piccardo si chiama appunto Adam Smith e porta la sura 112 del Corano ricamata sul grembiulino. Scivola lieve la loro mamma, albanese. «Sono nato nel '60 ad Alessandria d'Egitto. Mio padre, architetto, si chiamava Riccardo ed era italiano, di Napoli, come mio nonno, come mio bisnonno. Le nostre radici scozzesi sono remote. Mia madre è egiziana. Adel, il Giusto, è il nome del medico che la salvò quando stava morendo di parto. Sono figlio unico. Battezzato. Ho studiato dai francescani. Sono arrivato a Roma a 24 anni, per aprire un negozio di videocassette. Qui mi sono convertito, attraverso lo studio e la meditazione. Poi sono stato nell'ex Jugoslavia e in Albania. Avevo una tipografia con 32 operai, l'ho venduta. Sono tornato meno di tre anni fa. Per difendere l'Islam».
    Lo strumento migliore gli è parso il partito. L'Unione dei Musulmani d'Italia. «Ecco l'atto costitutivo: Palestrina, 5 maggio 2001. Questo è lo statuto. Questo il modulo per gli iscritti. Cinquemila in tre mesi. Non ci crede? Glieli farò contare uno per uno». La legge per il voto agli immigrati, dice, non gli interessa.
    «Fini vuole inseguire la sinistra, ritagliarsi una fetta di voti. E' un camaleonte, ha cambiato colore troppe volte, quasi come Bossi. Io non sono un ospite, sono italiano, non ho bisogno di una legge per votare. Sono contrario. Ma se vogliono farla, mi va benissimo. Altri voti in arrivo per noi. Puntiamo a rappresentare tutti i musulmani, e anche gli italiani stanchi di cinquant'anni di occupazione americana». Esordio a Pordenone, «dove siamo molto forti, e dove ci sono le basi e le città pattugliate dai soldati americani che si sostituiscono alla polizia».
    Candidati, Abdel Rahim Ghulami e Sergio De Biasio, «che non è neppure musulmano».
    I leader della comunità islamica lo accusano di rappresentare solo se stesso. «E io non riconosco alcuna autorità a centri culturali che nessuno frequenta, a società nate per sfruttare il business della carne macellata secondo le regole del Corano. Finti moderati contigui al terrorismo e difensori dei kamikaze, che uccidono bambini ebrei innocenti con un sacrificio di sé privo di giustificazioni religiose». La questione della rappresentanza dell'Islam italiano è aperta. Accanto all'alleanza implicita tra gli opposti estremisti se ne delinea un'altra tra religiosi, tra cattolici che difendono il crocifisso e musulmani che si adeguano ma chiedono di mandare le bambine a scuola con il velo. Smith è naturalmente sulla linea dura: velo senza crocifisso.
    «Non ho nulla contro il simbolo dei cristiani. Il Corano mi insegna a credere nel Cristo come uomo di Dio, nato da una vergine. Il mio prossimo libro si intitolerà Io amo Gesù . Non voglio staccare il crocifisso dalle chiese e dalle case. Ma a scuola, no. Allora ci dev'essere anche Buddha. E Shiva» . E la sura 102 del Corano . «Le maestre avevano accettato di appenderla. Il giorno dopo il preside l'ha fatta togliere. E io sono andato dal giudice».
    La cucina fai-da-te è gelata. Tappeti con iscrizioni alle pareti. Fotocopiatrice. Pregevoli edizioni del Corano . Telecamera. Il piccolo David che passa urlando sul trattore di plastica: «Non si è uno Smith per niente», si compiace il papà. Com'è ovvio non si riconosce tra gli estremisti. «Sono un uomo di studi, di lettere. Amo i ritmi lenti. Non ho fretta. I cattolici hanno comandato per duemila anni, i democristiani per mezzo secolo, tuttora in Parlamento sono decisivi. Noi abbiamo molto tempo davanti. Possiamo aspettare. Vedo che già ora la Cgil ci difende, come i comunisti, come La Malfa. Tra dieci o vent'anni, i nostri figli potranno difendersi in prima persona». Dai monti brulli d'Abruzzo scende un'aria fredda. «Che meraviglia, eh? Mi piace l'isolamento. Ho vissuto a lungo in Macedonia, a Tetovo. Mi piace Ofena perché non succede mai niente». Insomma. Ieri l'aspettavano qui fuori con spranghe e forconi. «Erano molti di più in piazza con me, sotto il Castello Sforzesco di Milano, dopo l'11 settembre. C'è un solo modo per zittirmi: confutare le mie tesi, e finora non è accaduto, o uccidermi. E ora mi scusi, ma devo andare al talk-show di Sky , e poi da Costanzo. A proposito, lei conosce la vera storia dell'11 settembre?».

    Aldo Cazzullo


    http://www.corriere.it/edicola/index...ITICA&doc=ADEL

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Personalmente, rispetto mille volte di più Adel Smith che Borghezio. Almeno il primo prende sul serio il Cristianesimo, lo teme e (a modo suo) lo rispetta. Il paffuto europarlamentare piemontese, invece, vede la Croce come un mezzo di promozione politica. Per giunta, tentare di laicizzare il Crocifisso per tenerlo appeso alle aule è un affronto verso chi crede che quell'uomo fosse il Figlio di Dio. Questi farisei sono il peggior pericolo per il cristianesimo, oggi. Pensare che Gesù sia il simbolo dei "valori occidentali", o addirittura dell' "unità nazionale" (povero Pio IX!), significa solo offendere Gesù.
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

  3. #3
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    adel smith non rispetta nulla, è solo una specie di velina ( chiedendo scusa alle veline) che si fa fotografare e cerca di fare notizia.

  4. #4
    Cacciatore di leoni
    Data Registrazione
    06 May 2003
    Località
    Savana brianzola
    Messaggi
    2,805
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Adel Smith ammira Borghezio!!!

    In origine postato da Hogan
    [...]una madre di nome Mona. So bene cosa vuol dire quella parola in alcune regioni del Nord! Mia madre non si chiama Mona! Allora mi difendo con alcune querele». [...]
    Dell'anziana mamma che passa rapida quasi invisibile lungo le scale, Adel Smith non vuol dire il nome. [...]

    Si vede che si chiama Bernarda.

  5. #5
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    adel smith non rispetta nulla, è solo una specie di velina ( chiedendo scusa alle veline) che si fa fotografare e cerca di fare notizia.
    Non lo so. Di sicura, lui prende molto più sul serio il cristianesimo rispetto ai farisei per cui la Croce è "simbolo dell'unità nazionale".
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

  6. #6
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Scusate,non riesco a trovare il pezzo dell'articolo in cui smith dice di ammirare Borghezio...
    Ma l'ha detto lui o è un'aggiunta di Cazzullo?
    Saluti Padani

  7. #7
    Erwann
    Ospite

    Predefinito

    E' un ragionamento del Cazzullo (che ben rappresenta il livello giornalistico del corriere), è il solito attacco gratuito alla Lega

  8. #8
    Erwann
    Ospite

    Predefinito Re: Adel Smith ammira Borghezio!!!

    In origine postato da Hogan
    Adel Smith, il crociato dell’Islam «Ora in tv, domani in Parlamento»

    «Modello Borghezio» e tele-risse, la corsa al successo dell’integralista musulmano


    DAL NOSTRO INVIATO
    OFENA (L'Aquila) - Partito dei Musulmani d'Italia. Potenziale: 5%. Esordio elettorale: primavera 2004, alle amministrative di Pordenone, «terra occupata dalle truppe americane». Modello inconfessato: la Lega...
    ...

    Aldo Cazzullo


    http://www.corriere.it/edicola/index...ITICA&doc=ADEL

  9. #9
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Erwann
    E' un ragionamento del Cazzullo (che ben rappresenta il livello giornalistico del corriere), è il solito attacco gratuito alla Lega
    ah,ecco...allora ho capito bene
    Saluti Padani

 

 

Discussioni Simili

  1. Adel Smith....
    Di METALLO nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02-10-08, 00:53
  2. Ancora Adel Smith !
    Di Wallace_60 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 22-09-05, 21:50
  3. Treviso ed Adel Smith.....
    Di fntreviso nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-01-05, 13:43
  4. Gad Lerner SÌ E Adel Smith No?
    Di daca. nel forum Destra Radicale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 03-11-03, 12:14
  5. Mi piace Adel Smith!
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 14-01-03, 22:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226