User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Un bravo ai comaschi

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Un bravo ai comaschi

    Dal Corriere di Como

    e.c.) «Boicottare la Lega Nord secessionista». In estrema sintesi, è questo il nucleo della proposta-provocazione del consigliere comunale di An, Alessandro Nardone, all’indomani delle polemiche sulla festa dell’Unità Nazionale. Una celebrazione, quella dello scorso 4 novembre, disertata in blocco dai rappresentanti del Carroccio comasco, fatta eccezione per una breve apparizione dell’assessore comunale Diego Peverelli.
    Sul perché di una simile, dirompente presa di posizione nei confronti dell’alleato leghista, lo stesso Nardone è molto esplicito.
    «Non è tollerabile che un partito della Casa delle Libertà possa dichiararsi ancora nemico dell’Unità Nazionale - afferma - Lancio un vero e proprio appello a tutti i miei colleghi di partito e di maggioranza perché si dica un basta definitivo a chi dice di lottare «per l’indipendenza della Padania».
    Nel mirino è dunque la dicitura che compare su tutti i documenti ufficiali del Carroccio. Un proclama indipendentista che incendia ciclicamente i rapporti interni al centrodestra.
    «Personalmente non voterò mai più un documento leghista sul quale compaia ancora quella definizione - rincara la dose Nardone - A cominciare dalla mozione sulle paratie».
    Non meno dure sono state le prese di posizione di altri consiglieri di An, Andrea Bernasconi e Stefano Molinari. «Mi pare che i leghisti diano segni di follia - afferma quest’ultimo - L’assessore Peverelli ha almeno riconosciuto il sacrificio di chi liberò l’Italia dall’invasore nel ’15-’18, gli altri dimostrano di non conoscere la storia».
    Anche Bernasconi non le manda a dire agli alleati padani. «Dopo quanto dichiarato dai leghisti - afferma - valuterò se riproporre in Comune il provvedimento che applicai in Circoscrizione 7, volto a valorizzare i simboli della nazione, a partire dall’esecuzione dell’inno di Mameli all’inizio di ogni seduta. D’altronde - conclude - chi non riconosce il sacrificio dei Caduti mostra povertà morale e intellettuale».
    Ad An risponde a tono il consigliere leghista, Guido Martinelli. «L’articolo 1 dello Statuto del nostro partito dice che l’obiettivo primario del movimento è il raggiungimento dell’indipendenza della Padania - dice Martinelli - Le proteste di An non hanno per noi motivo di esistere».




    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si Nardone fa rima con Terone ma Bernasconi è prorio una vergogna.

    Insomma come dice Oneto bisogna sopratutto guardarsi dai mardani

  3. #3
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un bravo ai comaschi

    In origine postato da Nanths
    Dal Corriere di Como

    e.c.) «Boicottare la Lega Nord secessionista». In estrema sintesi, è questo il nucleo della proposta-provocazione del consigliere comunale di An, Alessandro Nardone, all’indomani delle polemiche sulla festa dell’Unità Nazionale. Una celebrazione, quella dello scorso 4 novembre, disertata in blocco dai rappresentanti del Carroccio comasco, fatta eccezione per una breve apparizione dell’assessore comunale Diego Peverelli.
    Sul perché di una simile, dirompente presa di posizione nei confronti dell’alleato leghista, lo stesso Nardone è molto esplicito.
    «Non è tollerabile che un partito della Casa delle Libertà possa dichiararsi ancora nemico dell’Unità Nazionale - afferma - Lancio un vero e proprio appello a tutti i miei colleghi di partito e di maggioranza perché si dica un basta definitivo a chi dice di lottare «per l’indipendenza della Padania».
    Nel mirino è dunque la dicitura che compare su tutti i documenti ufficiali del Carroccio. Un proclama indipendentista che incendia ciclicamente i rapporti interni al centrodestra.
    «Personalmente non voterò mai più un documento leghista sul quale compaia ancora quella definizione - rincara la dose Nardone - A cominciare dalla mozione sulle paratie».
    Non meno dure sono state le prese di posizione di altri consiglieri di An, Andrea Bernasconi e Stefano Molinari. «Mi pare che i leghisti diano segni di follia - afferma quest’ultimo - L’assessore Peverelli ha almeno riconosciuto il sacrificio di chi liberò l’Italia dall’invasore nel ’15-’18, gli altri dimostrano di non conoscere la storia».
    Anche Bernasconi non le manda a dire agli alleati padani. «Dopo quanto dichiarato dai leghisti - afferma - valuterò se riproporre in Comune il provvedimento che applicai in Circoscrizione 7, volto a valorizzare i simboli della nazione, a partire dall’esecuzione dell’inno di Mameli all’inizio di ogni seduta. D’altronde - conclude - chi non riconosce il sacrificio dei Caduti mostra povertà morale e intellettuale».
    Ad An risponde a tono il consigliere leghista, Guido Martinelli. «L’articolo 1 dello Statuto del nostro partito dice che l’obiettivo primario del movimento è il raggiungimento dell’indipendenza della Padania - dice Martinelli - Le proteste di An non hanno per noi motivo di esistere».



    _____________________
    Devo chiarire che, per il grandissimo bene che ho sempre voluto a mio padre, che quella in guerra 15-18 ha suo malgrado combattuto, dopo aver fatto quella di Libia (praticamente sette anni di naja quasi sempre in guerra!); devo chiarire, appunto, che nel caso della guerra sul Piave ed in Friuli e Venezia Giulia, non si trattava affatto di una guerra per scacciare lo straniero dall'itaglia, ma una guerra dello straniero italico contro lo straniero austriaco. Quindi invasore italico contro occupante austriaco ai danni di territori che avrebbero voluto essere liberi da tutti.
    Padania libera da chiunque voglia sopprimere la nostra libertà di idee e di aspirazioni.

  4. #4
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E non dimentichiamoci nemmeno che la guerra contro gli austriaci fu persa e non vinta come sostengono gli italioni

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Un bravo ai comaschi

    fasci itagliani al muro.
    1000 Piazzale Loreto.

 

 

Discussioni Simili

  1. Marra: Grillo bravo bravo bravo bravissimo!!!
    Di Maxadhego nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 27-04-13, 14:15
  2. l'esercito svizzero contro gli straccioni comaschi e varesotti
    Di x_alfo_x nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 18-10-12, 16:03
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-03-12, 07:59
  4. Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 27-06-10, 21:15
  5. Chiedo info ai comaschi
    Di Shaytan (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-04-05, 22:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226