User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Bush VS sindacati

  1. #1
    FRONTE LEGHISTA
    Data Registrazione
    08 Sep 2003
    Messaggi
    346
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bush VS sindacati

    Bush dichiara guerra (anche) ai sindacati


    di Ornella Cilona


    Un nuovo attacco di George W. Bush ai sindacati statunitensi. Così l’Afl-Cio, la confederazione Usa, giudica le nuove norme sui bilanci delle organizzazioni dei lavoratori messe a punto dal Dipartimento del lavoro. D’ora in poi i sindacati con un fatturato pari ad almeno 200 mila dollari l’anno dovranno specificare in modo dettagliato nei propri conti economici quanto spendono in iniziative sindacali, politiche o amministrative. In particolare dovranno notificare tutte le spese e le entrate superiori ai 5 mila dollari. Il provvedimento si applicherà a oltre 5 mila federazioni di categoria e sedi territoriali, di cui solo 70 hanno dimensione internazionale, mentre le rimanenti sono sindacati locali che si servono del lavoro volontario per l’attività amministrativa. In pratica il risultato è che anche le piccole sedi dovranno compilare una mole impressionante di moduli con informazioni di carattere finanziario da inviare periodicamente al Dipartimento del lavoro. La federazione dei piloti ha calcolato che ogni organizzazione avrà bisogno ogni anno di oltre 15 mila fogli di carta per ottemperare alle richieste di informazioni del Dipartimento. “Una contabilità così particolareggiata – si legge in una nota dell’Afl-Cio – lascia meno tempo e denaro disponibile per la contrattazione, la soluzione di controversie, l’organizzazione e altre attività basilari di un sindacato”.

    Il Dipartimento del lavoro si è rifiutato di accogliere anche solo uno degli emendamenti alla riforma suggeriti nei mesi scorsi dal sindacato, confermando i sospetti di una manovra punitiva nei confronti delle organizzazioni dei lavoratori. Per di più le norme appena varate presentano impressionanti analogie con le proposte che nel 1992 furono presentate da Newt Gingrich, il discusso ex portavoce repubblicano del Senato che tanto ha contribuito alla nomina di Bush padre alla presidenza degli Stati Uniti a metà degli anni 90. Nel quartier generale dell’Afl-Cio non ci sono perciò dubbi sul vero fine della legge. Le elezioni presidenziali del 2004 sono ormai imminenti e la potente macchina organizzativa dei sindacati, tradizionalmente schierata dalla parte dei candidati democratici, fa paura alla Casa Bianca. Bush non gode più del consenso che aveva all’indomani dell’11 settembre e la difficile situazione in Iraq lo sta facendo scendere ulteriormente nei sondaggi. In una situazione così incerta anche i sindacati diventano nemici da combattere, magari ricorrendo a qualche colpo sleale.

    Il carattere antisindacale delle nuove norme appare lampante se le si confrontano con quelle che regolano i bilanci delle altre associazioni non profit: “È evidente la determinazione di indebolire i sindacati – afferma in un comunicato il presidente dell’Afl-Cio, John Sweeney – ponendoli in posizione di svantaggio rispetto agli imprenditori ai tavoli di negoziazione”. Sweeney sottolinea inoltre che queste misure non contribuiscono affatto a una maggiore trasparenza nell’amministrazione dei sindacati.

    Non è l’unica nube che si addensa sui già poco idilliaci rapporti fra l’amministrazione repubblicana e i sindacati. Il presidente Bush ha infatti appena iniziato una nuova “crociata”, questa volta per abolire i pagamenti sulle ore straordinarie. Il diritto dei lavoratori a ricevere una quota aggiuntiva di salario per le ore lavorate oltre l’orario ufficiale (che negli Usa è di 40 ore) è sancito a livello federale fin dal 1938 dal Fair Labor Standards Act (Flsa), che ora Bush vuole “annacquare” per consentire agli imprenditori di fare lavorare più tempo i propri dipendenti a costo zero. Secondo uno studio appena pubblicato dall’Economic Policy Institute i cambiamenti alla legge proposti dal Presidente porterebbero all’aumento dell’orario di lavoro per 8 milioni di lavoratori. A farne le spese sarebbero soprattutto infermieri, operai dell’industria manifatturiera e lavoratori del commercio. La Federazione dei lavoratori dell’automobile (United Auto Workers, Uaw) ha calcolato che i pagamenti per gli straordinari costituiscono oggi un quarto della paga media dei lavoratori americani, tanto che la loro abolizione comporterebbe una riduzione del salario settimanale di 161 dollari. Nel sito Internet dell’Afl-Cio è possibile firmare on line una petizione indirizzata a Bush, nella quale si chiede l’immediato ritiro del provvedimento. “Da quando Bush è presidente – denuncia il deputato democratico Michael Michaud – sono stati persi oltre 3 milioni di posti di lavoro. Ora è il momento di abbassare i salari per chi ha ancora un impiego”.

    L’Afl-Cio è anche preoccupata per l’aumento dei licenziamenti fra gli attivisti sindacali. Il Consiglio nazionale sulle relazioni industriali (National Labor Relations Board, Nlrb), l’organismo che vigila sull’applicazione della libertà di associazione, denuncia 25 mila casi di pratiche antisindacali. Colossi della distribuzione come Wal Mart, ma anche grandi aziende manifatturiere impediscono ai propri dipendenti l’iscrizione al sindacato, contando su una sostanziale impunità.

    Anche la magistratura sembra schierata dalla parte dei repubblicani più oltranzisti. L’alta corte di giustizia ha recentemente bocciato una decisione del Nlrb che imponeva all’azienda chimica Hoffman di pagare gli arretrati a un immigrato licenziato per attività sindacale.

    Da "www.Rassegna.it"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    401 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Dov'e' la novita'?

    In origine postato da Hogan
    Bush dichiara guerra (anche) ai sindacati


    di Ornella Cilona


    Un nuovo attacco di George W. Bush ai sindacati statunitensi. Così l’Afl-Cio, la confederazione Usa, giudica le nuove norme sui bilanci delle organizzazioni dei lavoratori messe a punto dal Dipartimento del lavoro. D’ora in poi i sindacati con un fatturato pari ad almeno 200 mila dollari l’anno dovranno specificare in modo dettagliato nei propri conti economici quanto spendono in iniziative sindacali, politiche o amministrative. In particolare dovranno notificare tutte le spese e le entrate superiori ai 5 mila dollari. Il provvedimento si applicherà a oltre 5 mila federazioni di categoria e sedi territoriali, di cui solo 70 hanno dimensione internazionale, mentre le rimanenti sono sindacati locali che si servono del lavoro volontario per l’attività amministrativa. In pratica il risultato è che anche le piccole sedi dovranno compilare una mole impressionante di moduli con informazioni di carattere finanziario da inviare periodicamente al Dipartimento del lavoro. La federazione dei piloti ha calcolato che ogni organizzazione avrà bisogno ogni anno di oltre 15 mila fogli di carta per ottemperare alle richieste di informazioni del Dipartimento. “Una contabilità così particolareggiata – si legge in una nota dell’Afl-Cio – lascia meno tempo e denaro disponibile per la contrattazione, la soluzione di controversie, l’organizzazione e altre attività basilari di un sindacato”.

    Il Dipartimento del lavoro si è rifiutato di accogliere anche solo uno degli emendamenti alla riforma suggeriti nei mesi scorsi dal sindacato, confermando i sospetti di una manovra punitiva nei confronti delle organizzazioni dei lavoratori. Per di più le norme appena varate presentano impressionanti analogie con le proposte che nel 1992 furono presentate da Newt Gingrich, il discusso ex portavoce repubblicano del Senato che tanto ha contribuito alla nomina di Bush padre alla presidenza degli Stati Uniti a metà degli anni 90. Nel quartier generale dell’Afl-Cio non ci sono perciò dubbi sul vero fine della legge. Le elezioni presidenziali del 2004 sono ormai imminenti e la potente macchina organizzativa dei sindacati, tradizionalmente schierata dalla parte dei candidati democratici, fa paura alla Casa Bianca. Bush non gode più del consenso che aveva all’indomani dell’11 settembre e la difficile situazione in Iraq lo sta facendo scendere ulteriormente nei sondaggi. In una situazione così incerta anche i sindacati diventano nemici da combattere, magari ricorrendo a qualche colpo sleale.

    Il carattere antisindacale delle nuove norme appare lampante se le si confrontano con quelle che regolano i bilanci delle altre associazioni non profit: “È evidente la determinazione di indebolire i sindacati – afferma in un comunicato il presidente dell’Afl-Cio, John Sweeney – ponendoli in posizione di svantaggio rispetto agli imprenditori ai tavoli di negoziazione”. Sweeney sottolinea inoltre che queste misure non contribuiscono affatto a una maggiore trasparenza nell’amministrazione dei sindacati.

    Non è l’unica nube che si addensa sui già poco idilliaci rapporti fra l’amministrazione repubblicana e i sindacati. Il presidente Bush ha infatti appena iniziato una nuova “crociata”, questa volta per abolire i pagamenti sulle ore straordinarie. Il diritto dei lavoratori a ricevere una quota aggiuntiva di salario per le ore lavorate oltre l’orario ufficiale (che negli Usa è di 40 ore) è sancito a livello federale fin dal 1938 dal Fair Labor Standards Act (Flsa), che ora Bush vuole “annacquare” per consentire agli imprenditori di fare lavorare più tempo i propri dipendenti a costo zero. Secondo uno studio appena pubblicato dall’Economic Policy Institute i cambiamenti alla legge proposti dal Presidente porterebbero all’aumento dell’orario di lavoro per 8 milioni di lavoratori. A farne le spese sarebbero soprattutto infermieri, operai dell’industria manifatturiera e lavoratori del commercio. La Federazione dei lavoratori dell’automobile (United Auto Workers, Uaw) ha calcolato che i pagamenti per gli straordinari costituiscono oggi un quarto della paga media dei lavoratori americani, tanto che la loro abolizione comporterebbe una riduzione del salario settimanale di 161 dollari. Nel sito Internet dell’Afl-Cio è possibile firmare on line una petizione indirizzata a Bush, nella quale si chiede l’immediato ritiro del provvedimento. “Da quando Bush è presidente – denuncia il deputato democratico Michael Michaud – sono stati persi oltre 3 milioni di posti di lavoro. Ora è il momento di abbassare i salari per chi ha ancora un impiego”.

    L’Afl-Cio è anche preoccupata per l’aumento dei licenziamenti fra gli attivisti sindacali. Il Consiglio nazionale sulle relazioni industriali (National Labor Relations Board, Nlrb), l’organismo che vigila sull’applicazione della libertà di associazione, denuncia 25 mila casi di pratiche antisindacali. Colossi della distribuzione come Wal Mart, ma anche grandi aziende manifatturiere impediscono ai propri dipendenti l’iscrizione al sindacato, contando su una sostanziale impunità.

    Anche la magistratura sembra schierata dalla parte dei repubblicani più oltranzisti. L’alta corte di giustizia ha recentemente bocciato una decisione del Nlrb che imponeva all’azienda chimica Hoffman di pagare gli arretrati a un immigrato licenziato per attività sindacale.

    Da "www.Rassegna.it"

    Il partito repubblicano non ha mai avuto l'appoggio dei sindacati.
    Sarebbe come chiedere ai sindacati italiani di appoggiare il berlusca e non le sinistre.
    Che poi Bush faccia bene il suo lavoro e' un altra
    cosa.
    -N-

 

 

Discussioni Simili

  1. Morto Bush, viva Bush?
    Di Florian nel forum Americanismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-01-09, 16:56
  2. Bush presidente e Bush governatore
    Di benfy nel forum Americanismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-07-07, 11:01
  3. I Sindacati francesi e i sindacati italiani
    Di LosVonRom (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-03-06, 12:46
  4. Bush/kerry, ultimo giorno di corsa, bush a + 1(come 4 anni fa)
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-11-04, 15:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226