User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cosa ne pensate? Dite la Vostra ed alla fine dirò cosa ne penso

    Dal sito del corriere della sera:

    CRONACHE
    Presentato come modo di tutelarsi dall’accanimento terapeutico
    Testamento biologico, pronte le regole
    La rinuncia alle cure dovrà essere certificata da un medico.
    Il testo di mediazione al voto dei saggi


    ROMA - Su un semplice foglio di carta potremo scrivere: «Se farmaci e interventi chirurgici non fossero più efficaci non curatemi più. Preferisco morire». Il medico, forte dell’autonomia che gli deriva dalla professione, non sarà obbligato a eseguire. Ma dovrà giustificare la sua scelta, specie se discordante da quella del malato. Nasce una nuova figura, sul modello anglosassone. Un fiduciario, che ci rappresenterà quando non saremo più in grado di badare a noi stessi. La proposta sulle direttive anticipate (chiamate anche testamento biologico o living will con qualche sfumatura di significato) viene esaminata e votata domani dal Comitato nazionale di bioetica, il Cnb. Prende forma, per la prima volta, con regole ben definite, il diritto di ogni paziente, a non essere più curato se le terapie, mediche e chirurgiche, sono inutili e servono soltanto a prolungare una vita senza qualità. Un modo di tutelarsi dall’accanimento terapeutico. L’eutanasia non c’entra.
    Il documento è stato elaborato dal presidente dei 54 saggi, Francesco D’Agostino, che spera di aver trovato il sofferto compromesso tra laici e cattolici: «Credo che questa soluzione abbia le caratteristiche per accontentare gli strenui difensori della vita perché non contiene nessun sottofondo eutanasico. Può inoltre andar bene anche a chi avrebbe preferito che le direttive avessero un carattere vincolante per il medico». È arrivato il momento della verità. Si va per alzata di mano. Se la bozza passa verrà inviata anche al Parlamento come base di partenza per la legge. A chiedere al Cnb un parere era stato il ministro della Salute, Girolamo Sirchia.

    REGOLE - Il testamento deve essere redatto «in forma scritta e mai orale, da soggetti maggiorenni, competenti, informati, autonomi e non sottoposti ad alcuna pressione». Inoltre durante l’elaborazione è necessaria «l’assistenza di un medico che lo controfirmi, in maniera non generica», affinché non sorgano equivoci. Il Comitato raccomanda al legislatore che le direttive non siano ingabbiate in moduli e prestampati e che venga «garantita la massima personalizzazione della volontà dell’individuo». Il testamento ha una scadenza, indicata dal paziente che quindi si impegna ad aggiornarlo. Altrimenti perderà valore. Il punto più dibattuto riguarda il carattere non vincolante delle volontà. Il medico conserva la propria autonomia professionale ma è «obbligato a prenderle in considerazione» e «a spiegare formalmente le ragioni della sua decisione, in particolare nel caso in cui le contraddica». I laici hanno accettato questo passaggio a malincuore, avrebbero auspicato la massima libertà per il paziente. Non vengono presi in considerazione l’idratazione e l’alimentazione artificiale, trattamenti considerati «non medici», che non potranno essere sospesi. Le direttive quindi non sono applicabili ai casi di coma vegetativo persistente.

    LOBBY - Fra i più refrattari alla mediazione alcuni esponenti cattolici, tra cui il senatore Adriano Bompiani. Perplessità dalla lobby medica, timorosa di perdere la propria autonomia decisionale. Osserva Gianfranco Iadecola, magistrato di Cassazione: «Bisogna precisare meglio in che misura il medico può discostarsi dalle direttive. Inoltre mi sembra prematuro regolamentarle quando ancora mancano leggi sul consenso informato del paziente». La bioeticista dell’Università di Siena, Cinzia Caporale, è di diverso avviso e lancia una sorta di incoraggiamento ai colleghi: «Ritengo molto importante che il Cnb arrivi a una posizione comune, sarebbe improprio se agisse come una somma di singoli individui. Ognuno deve compiere uno sforzo, collaborare. Il lavoro di D’Agostino è apprezzabile».

    Margherita De Bac
    [email protected]

    27 novembre 2003

    *******

    CRONACHE
    Intesa nel comitato di bioetica
    Testamento biologico, sì di laici e cattolici
    I pazienti decideranno se rinunciare alle cure in caso di malattia inguaribile, il medico potrà opporsi


    ROMA - Il testamento biologico in Italia non è più un tabù. Le due parole che, messe insieme, facevano venire i brividi a una larghissima parte del mondo scientifico, medico e filosofico, potrebbero trovare nel giro di pochi mesi il loro posto in una legge del Parlamento. La base per arrivare a un risultato che si temeva impraticabile è costituita da un documento che verrà discusso il prossimo mese dal Comitato Nazionale di Bioetica (il Cnb). Nel testo, concepito proprio con l’obiettivo di raggiungere l’unanimità, si raccomanda alle Camere di licenziare una legge sul living will , inteso come diritto del cittadino a formalizzare le proprie volontà sul termine della propria vita e sulle terapie da applicare in caso di malattia incurabile e di incapacità a esprimersi in quel momento. Uno strumento ben distinto dall’eutanasia. Il presidente del Comitato, Francesco D’Agostino, filosofo del diritto, indica una soluzione che ha trovato il consenso di laici e cattolici. I desideri messi nero su bianco dal paziente devono essere tenuti in considerazione dal medico il quale non ha un obbligo assoluto di rispettarli. In questo caso però il sanitario deve giustificare con un atto formale perché ha disatteso quelle richieste. E’ previsto un curatore di interessi, persona che interviene se dovessero sorgere difficoltà di interpretazione delle direttive anticipate. Il testo per un mese sarà a disposizione dei membri del Comitato per una riflessione, poi il parere definitivo.

    MEDIAZIONE - La proposta costituisce una mediazione nel senso migliore del termine e fa perno sul senso di responsabilità dei 50 saggi che stavano lavorando da un anno e mezzo su un’ipotesi di accordo, senza risultati concreti. Prima dell’estate sembrava che non ci fosse possibilità di dialogo e che fosse in pericolo addirittura il futuro del gruppo. A questo punto D’Agostino si è messo in gioco in prima persona facendo perno sulla propria esperienza, tessendo una formulazione condivisa, dove cattolici e laici hanno rispettivamente accettato qualcosa di sgradito: i primi la prospettiva di una legge, i secondi il carattere non vincolante del living will, boccone molto più amaro del precedente.
    «La vedo come una mediazione possibile - commenta Demetrio Neri, laico -. E’ necessario offrire una normativa di sostegno al medico che non può gestire da solo il termine della vita. Il timore era che fosse relegato al ruolo di esecutore, invece la sua autonomia resta intatta». Da parte cattolica si ammette che è un valido tentativo di trovare una via d’uscita: «C’è qualche perplessità, ma non sostanziale». L’Italia non poteva più temporeggiare. Spagna e Danimarca hanno già legiferato sul living will e la Convenzione di Oviedo, dove questo strumento è delineato, è troppo generica per fungere da testo di riferimento.

    SIRCHIA - A coinvolgere direttamente il Cnb con la richiesta di un parere era stato a fine novembre 2002 il ministro della Salute, Girolamo Sirchia, ostile a ogni forma di eutanasia ma favorevole a un testamento biologico all’americana: il «do not resuscitate». Il dibattito sulle direttive anticipate è tornato sempre più spesso d’attualità negli ultimi mesi, segnale che i tempi sono maturi per una scelta. Prima dell’estate il presidente della Consulta di bioetica Valerio Pocar (non governativa, organismo ben distinto dal Comitato) aveva lanciato un manifesto a favore della libertà di cura e contro l’accanimento terapeutico firmato da sindaci, premi Nobel, filosofi, scienziati e politici di ogni sponda. Se andasse in porto, quella sul living will sarebbe la seconda grande legge italiana di contenuto bioetico dopo l’aborto. La prossima settimana il Senato comincerà a discutere di fecondazione artificiale, ma il cammino del provvedimento potrebbe essere più lungo del previsto.

    SCHEDA - Il testamento biologico prevede una scheda dove il cittadino indica le proprie volontà sui trattamenti terapeutici che vorrà o non vorrà ricevere il giorno in cui non fosse più in stato di coscienza e le sue condizioni apparissero irreversibili. Qualcosa di ben diverso dall’eutanasia. Potrà chiedere di non essere rianimato, che vengano sospese cure inefficaci sul piano della guarigione, capaci solo di posticipare l’appuntamento con la morte. Chiederà di non diventare oggetto di accanimento terapeutico, pratica rigettata dal Codice deontologico dei medici ma dove è facile indugiare, in virtù delle tecniche rianimatorie offerte dalla medicina ipertecnologica.

    Margherita De Bac

    21 settembre 2003

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    .:Io stò con i Cattivi:.
    Data Registrazione
    30 Jul 2003
    Località
    Verde Franciacorta
    Messaggi
    454
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Premetto di non essere credente.

    Comunque,la trovo una buona idea.

    Cordialità

  3. #3
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Dwaine
    Premetto di non essere credente.

    Comunque,la trovo una buona idea.

    Cordialità
    Caro Dwaine,
    non ti devi accusare di essere o meno credente. Dal tenore della tua risposta, comprendo che sei una persona garbata.
    Tanti sono gli intolleranti laici, con i quali non è possibile dialogare, tanto che, quando si vedono contraddetti, non sanno far altro che offendere.
    Apprezzo quindi la tua cortesia e le tue opinioni.
    Cordialità

    Augustinus

  4. #4
    .:Io stò con i Cattivi:.
    Data Registrazione
    30 Jul 2003
    Località
    Verde Franciacorta
    Messaggi
    454
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Augustinus
    Caro Dwaine,
    non ti devi accusare di essere o meno credente. Dal tenore della tua risposta, comprendo che sei una persona garbata.
    Tanti sono gli intolleranti laici, con i quali non è possibile dialogare, tanto che, quando si vedono contraddetti, non sanno far altro che offendere.
    Apprezzo quindi la tua cortesia e le tue opinioni.
    Cordialità

    Augustinus
    Ti ringrazio e contraccambio.
    L'intolleranza è spesso indice della debolezza delle proprie idee, perciò sopportiamo (ed accettiamo) chi la manifesta senza sentircene troppo intimoriti

    Coridalità

  5. #5
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by doddy
    tanti auguri per la tua elezione alla regolazione di questo popoloso e impotante forum da cui dipende tutto il pensiero del cattolicesimo italiano e anche internazionale .
    Auguri !
    Caro doddy,
    probabilmente ignori la parabola del chicco di senape.
    Non è importante che questo forum sia "popoloso"; l'importante è che ci sia e che faccia sentire la sua voce in un marasma generale di opinioni assai spesso discutibili, inconcludenti e vuote.
    Certamente però in questo forum si cerca, nei limiti del possibile, di bandire la volgarità e le offese gratuite.
    Il tuo sarcasmo, dunque, mi pare decisamente fuori luogo.
    Comunque grazie lo stesso.

    Augustinus

 

 

Discussioni Simili

  1. Cosa dite alla vostra donna...
    Di Robert nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 91
    Ultimo Messaggio: 17-05-11, 14:19
  2. Cosa ne pensate di questo? Una vostra opinione
    Di Squalo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 23-06-06, 17:39
  3. 77.000!Cosa ne pensate del forum? Dite la vostra
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 05-10-05, 12:33
  4. Cosa pensate di fare nella vostra vita?
    Di Oli nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 87
    Ultimo Messaggio: 12-04-05, 05:10
  5. Sono ceceno, chiedetemi e io vi dirò cosa ne penso!
    Di Yoruk nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-10-02, 00:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226