User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    20 Apr 2009
    Messaggi
    2,908
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    L’occasione è di quelle da non farsi sfuggire. Due biglietti per la faraonica anteprima di Barbarossa, il kolossal padano che narra l’epico scontro fra i comuni lombardi, capitanati da Alberto da Giussano, e l’imperatore tedesco Federico I Hohenstaufen. Tanto più che negli ultimi mesi si è fatto un gran parlare di questo film, fortemente voluto da Umberto Bossi – che grazie alla mitologia di Pontida ha costruito parte della sua fortuna politica – coprodotto da Rai Fiction e Rai Cinema, girato da Renzo Martinelli e costato circa 30 milioni di dollari, una cifra enorme per una produzione italiana.

    La sede scelta per l’anteprima è niente meno che il Castello Sforzesco di Milano, addobbato a festa come un panettone medievale. C’è polizia ovunque perché si vocifera che si presenti anche il premier. Con il mio amico scrittore che mi accompagna in questa escursione “lumbard”, noialtri si arriva nello stesso momento di Bobo Maroni.

    Seguiamo ordinati il codazzo del ministro, passando il ponte levatoio per imbatterci subito nel garrulo Borghezio che intona una marcetta padana, accompagnato da una banda di cornamuse bergamasche. L’inizio sembra molto promettente. Ci mettiamo in un angolo ad osservare questo strano popolo formato da quadri leghisti locali e nazionali, qualche esponente PDL, un buon numero di quella che un tempo era la borghesia milanese colta e che adesso è solo la borghesia milanese stanca, più qualche giornalista di costume. Non intravedo nessun uomo di cinema e neanche una starlet o velina (tira un brutta aria). Andiamo avanti. La sala della proiezione è nello splendido Cortile della Rocchetta e mentre mi compiaccio della magnificenza del posto penso a quanto possa essere costato questo scherzetto al Comune: la cifra come minimo si aggira sulle centinaia di migliaia di euro.

    Ma vabbè siamo qui a veder un film e questo dobbiamo fare. Prendiamo posto con un certo anticipo per apprezzare dopo pochi minuti la nostra lungimiranza: infatti rimangono in piedi almeno duecento invitati, come in qualsiasi overbooking di un compagnia low cost. Intanto cominciano a arrivare i pezzi grossi: La Russa, Calderoli, Formigoni, Tremonti, l’applauditissimo Bossi – “grande Umberto” urla il mio vicino di sedia – e perfino Berlusconi con il suo codazzo di guardie del corpo. Passa mezzoretta e il regista sale sul palco. Martinelli è un tipo franco e dall’aria volitiva. Di norma i suoi film non mi piacciono (penso a Vajont, il Mercante di pietre o a Carnera) ma sono venuto al castello per dargli un’altra possibilità. Lui, in modo sbrigativo, ringrazia tutti – compresi gli assenti Rutger Hauer (il Barbarossa) e Cecilia Cassel (l’imperatrice), deliziosa attrice francese impegnata politicamente che dopo aver scoperto in che combriccola si era ficcata si è data alla macchia – per poi chiamare sul palco il sindaco di Milano. E Letizia ci sorprende con il suo entusiasmo: “Milano lotta per la libertà”, urla alla folla che risponde con un applauso mentre lei galvanizzata continua, “Oggi come allora, la libertà è preziosa e dobbiamo donarla ai nostri figli”. Esaurito il secondo applauso, il regista la liquida senza troppe manfrine e comincia i ringraziamenti di rito: la Rai, Rai Cinema, il Ministero dei Beni Culturali, l’assessore Zanello e poi Berlusconi. Curiosamente il pubblico risponde fin troppo tiepido al nome del premier, mentre esulta come allo stadio a quello di Umberto Bossi.

    Molto bene, si può cominciare. Ma basta poco: dopo i primi tre minuti di film siamo già convinti di stare sprecando il nostro tempo e i vostri soldi. Barbarossa è un lavoro di una bruttezza imbarazzante. E non solo per le numerose castronate storiche – tipo Alberto da Giussano dodicenne che salva la vita dell’imperatore durante una battuta di caccia – o per la retorica bolsa e ripetitiva, non per il cast raccogliticcio e svogliato o per la sceneggiatura desolante e nemmeno per la mancanza di qualsiasi afflato epico. No, il film è brutto perché il regista non sa girare.
    Hanno speso trenta milioni di dollari per un cosiddetto kolossal che sembra una docufiction storica in costume girata per i programmi di Alberto Angela. Dopo due ore di riprese sono convinto di aver vissuto un’esperienza disarmante che la dice lunga sulla strategia culturale della nuova destra italiana.

    Se uno dei pericoli di questi anni bui era di assistere alla fine dell’egemonia culturale di sinistra, stiamo tranquilli ancora per un po’ di tempo. Questi rimangono dei perfetti incompetenti.
    E non sono il solo a pensarlo. L’applauso finale è debole e stentato, certo obbligato dato il parterre, e mentre ci avviamo al generoso buffet – avanti coi soldi pubblici – le facce sono davvero deluse.

    Vedo Maroni rifiutarsi di rispondere alla comprensibile domanda di un giornalista sulla qualità dell’opera. È nervoso. Hanno puntato molto su questo film e lui conosce il suo elettorato. Sa che alla base leghista, che al Nord conta su una massiccia presenza operaia, lo spreco di denaro in periodo di crisi è visto parecchio male. Come racconteranno ai cassintegrati padani che la Lega Nord ha buttato 30 milioni di dollari per una porcheria che nelle sale ci starà neanche un finesettimana? Mentre addento un pezzo di salame, mi sale una dolce euforia. Non vorrei essere nei loro panni.

    Alessandro Bertante


    Nuovo cinema paraculo: Barbarossa Nazione Indiana

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    20 Apr 2009
    Messaggi
    2,908
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    "C'è Bossi che mi sta facendo una testa tanta con questa cavolo di fiction.... di Barbarossa..." (Silvio Berlusconi)

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    55,411
    Mentioned
    89 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    Citazione Originariamente Scritto da x_alfo_x Visualizza Messaggio
    L’occasione è di quelle da non farsi sfuggire. Due biglietti per la faraonica anteprima di Barbarossa, il kolossal padano che narra l’epico scontro fra i comuni lombardi, capitanati da Alberto da Giussano, e l’imperatore tedesco Federico I Hohenstaufen. Tanto più che negli ultimi mesi si è fatto un gran parlare di questo film, fortemente voluto da Umberto Bossi – che grazie alla mitologia di Pontida ha costruito parte della sua fortuna politica – coprodotto da Rai Fiction e Rai Cinema, girato da Renzo Martinelli e costato circa 30 milioni di dollari, una cifra enorme per una produzione italiana.

    La sede scelta per l’anteprima è niente meno che il Castello Sforzesco di Milano, addobbato a festa come un panettone medievale. C’è polizia ovunque perché si vocifera che si presenti anche il premier. Con il mio amico scrittore che mi accompagna in questa escursione “lumbard”, noialtri si arriva nello stesso momento di Bobo Maroni.

    Seguiamo ordinati il codazzo del ministro, passando il ponte levatoio per imbatterci subito nel garrulo Borghezio che intona una marcetta padana, accompagnato da una banda di cornamuse bergamasche. L’inizio sembra molto promettente. Ci mettiamo in un angolo ad osservare questo strano popolo formato da quadri leghisti locali e nazionali, qualche esponente PDL, un buon numero di quella che un tempo era la borghesia milanese colta e che adesso è solo la borghesia milanese stanca, più qualche giornalista di costume. Non intravedo nessun uomo di cinema e neanche una starlet o velina (tira un brutta aria). Andiamo avanti. La sala della proiezione è nello splendido Cortile della Rocchetta e mentre mi compiaccio della magnificenza del posto penso a quanto possa essere costato questo scherzetto al Comune: la cifra come minimo si aggira sulle centinaia di migliaia di euro.

    Ma vabbè siamo qui a veder un film e questo dobbiamo fare. Prendiamo posto con un certo anticipo per apprezzare dopo pochi minuti la nostra lungimiranza: infatti rimangono in piedi almeno duecento invitati, come in qualsiasi overbooking di un compagnia low cost. Intanto cominciano a arrivare i pezzi grossi: La Russa, Calderoli, Formigoni, Tremonti, l’applauditissimo Bossi – “grande Umberto” urla il mio vicino di sedia – e perfino Berlusconi con il suo codazzo di guardie del corpo. Passa mezzoretta e il regista sale sul palco. Martinelli è un tipo franco e dall’aria volitiva. Di norma i suoi film non mi piacciono (penso a Vajont, il Mercante di pietre o a Carnera) ma sono venuto al castello per dargli un’altra possibilità. Lui, in modo sbrigativo, ringrazia tutti – compresi gli assenti Rutger Hauer (il Barbarossa) e Cecilia Cassel (l’imperatrice), deliziosa attrice francese impegnata politicamente che dopo aver scoperto in che combriccola si era ficcata si è data alla macchia – per poi chiamare sul palco il sindaco di Milano. E Letizia ci sorprende con il suo entusiasmo: “Milano lotta per la libertà”, urla alla folla che risponde con un applauso mentre lei galvanizzata continua, “Oggi come allora, la libertà è preziosa e dobbiamo donarla ai nostri figli”. Esaurito il secondo applauso, il regista la liquida senza troppe manfrine e comincia i ringraziamenti di rito: la Rai, Rai Cinema, il Ministero dei Beni Culturali, l’assessore Zanello e poi Berlusconi. Curiosamente il pubblico risponde fin troppo tiepido al nome del premier, mentre esulta come allo stadio a quello di Umberto Bossi.

    Molto bene, si può cominciare. Ma basta poco: dopo i primi tre minuti di film siamo già convinti di stare sprecando il nostro tempo e i vostri soldi. Barbarossa è un lavoro di una bruttezza imbarazzante. E non solo per le numerose castronate storiche – tipo Alberto da Giussano dodicenne che salva la vita dell’imperatore durante una battuta di caccia – o per la retorica bolsa e ripetitiva, non per il cast raccogliticcio e svogliato o per la sceneggiatura desolante e nemmeno per la mancanza di qualsiasi afflato epico. No, il film è brutto perché il regista non sa girare.
    Hanno speso trenta milioni di dollari per un cosiddetto kolossal che sembra una docufiction storica in costume girata per i programmi di Alberto Angela. Dopo due ore di riprese sono convinto di aver vissuto un’esperienza disarmante che la dice lunga sulla strategia culturale della nuova destra italiana.

    Se uno dei pericoli di questi anni bui era di assistere alla fine dell’egemonia culturale di sinistra, stiamo tranquilli ancora per un po’ di tempo. Questi rimangono dei perfetti incompetenti.
    E non sono il solo a pensarlo. L’applauso finale è debole e stentato, certo obbligato dato il parterre, e mentre ci avviamo al generoso buffet – avanti coi soldi pubblici – le facce sono davvero deluse.

    Vedo Maroni rifiutarsi di rispondere alla comprensibile domanda di un giornalista sulla qualità dell’opera. È nervoso. Hanno puntato molto su questo film e lui conosce il suo elettorato. Sa che alla base leghista, che al Nord conta su una massiccia presenza operaia, lo spreco di denaro in periodo di crisi è visto parecchio male. Come racconteranno ai cassintegrati padani che la Lega Nord ha buttato 30 milioni di dollari per una porcheria che nelle sale ci starà neanche un finesettimana? Mentre addento un pezzo di salame, mi sale una dolce euforia. Non vorrei essere nei loro panni.

    Alessandro Bertante


    Nuovo cinema paraculo: Barbarossa Nazione Indiana
    Nuovo cimema paraculo: quello di moretti e sua moglie?
    Ultima modifica di Eridano; 12-10-09 alle 13:02
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    Il film Barbarossa e le contraddizioni leghiste

    Personaggi di ieri in scena al cospetto di personaggi di oggi, al Castello Sforzesco di Milano in anteprima mondiale. Quasi mille anni di storia dividono imperatori, condottieri, sindaci e politici. Si rivive lo spirito che muove un popolo a conquistare i propri diritti e la propria libertà mettendo a rischio la vita stessa come dice commosso il Senatur. Una trama che lega storia, politica, popolazioni, rappresentata egregiamente dal regista Renzo Martinelli, e con, tra gli altri, Alberto da Giussano interpretato da Raz Degan e Federico Barbarossa da Rutger Hauer.
    Per le comparse sono stati assoldati rom nei panni dei milanesi e il set non è stato ricostruito in Lombardia e neanche in una qualche zona dello Stivale. La scelta del territorio su cui lavorare è stata dettata da questioni di budget e proprio la Romania delle badanti senza permesso di soggiorno e di clandestini da rispedire al loro paese ha impersonato la gloriosa terra di Legnano. Se quanto detto viene interpretato in chiave politica non avrebbe un senso logico e quindi l'evento si può analizzare sotto un profilo antropologico e simbolico.
    Il messaggio che si vuole trasmettere tramite il cinema e la tv è quello di alimentare curiosità, interesse, spunti per approfondire conoscenze, coinvolgimento emotivo, e in questo caso specifico comprendere meglio la natura umana. Un film che ripercorre un periodo storico molto caldo in cui si intrecciano mito e realtà, voluto fortemente dalla Lega per celebrare la sconfitta subita da Barbarossa, che rappresenta il centralismo, contro le truppe della lega dei comuni, ma soprattutto per omaggiare Alberto da Giussano, che formò e capeggiò la Compagnia della morte, associazione militare di 900 cavalieri che ebbe grande importanza nella battaglia di Legnano per avere difeso fino allo stremo il Carroccio.

    Martinelli, sommerso da polemiche, ha ribadito di non essere al servizio di nessun leader politico e ha voluto puntualizzare il suo preciso ruolo di ricercatore storico (anche se poi la figura di Alberto da Giussano non ha ancora una collocazione ben definita). Strumentalizzazioni ed etichette hanno creato un turbinio di voci, opinioni e considerazioni che rendono l'attesa del film molto eccitante e che sicuramente non lascerà delusi gli amanti del grande schermo e soprattutto del romanzo storico.
    Solo una riflessione, forse un po' banale, ma che nasce spontanea... Se siamo tanto patriottici, con un budget di 30 milioni di dollari un kolossal coprodotto da Rai Fiction e Rai Cinema, non si poteva dare lavoro anche a qualche comparsa italiana?
    di Adelaide Nascetti

    U Velto - Il Mondo, notizie ed immagini dai mondi sinti e rom: Il film Barbarossa e le contraddizioni leghiste
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  5. #5
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,980
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    è utile al riguardo ricordare che i duosiciliani un film sulla loro storia eroica l'hanno già fatto senza soldi dello stato. Il film si chiama " Li chiamarono briganti" del regista Pasquale Squittieri con attrici del calibro di Claudia Cardinale.
    Ma, come al solito, sul film è caduta la scure del regime mafio-massonico e pertanto è impossibile proiettarlo in pubblico.
    Alcune scene si trovano su youtube ed è comunque possibile scaricarlo da e-mule.
    Fatto sta che i padani hanno il loro film mentre invece a noi duosiciliani non è consentito avere film sulla nostra vera storia nonostante per la produzione non è stata spesa una sola lira statale.
    Questa è la cruda verità: la nostra storia terrorizza il regime.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,411
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    è utile al riguardo ricordare che i duosiciliani un film sulla loro storia eroica l'hanno già fatto senza soldi dello stato. Il film si chiama " Li chiamarono briganti" del regista Pasquale Squittieri con attrici del calibro di Claudia Cardinale.
    Ma, come al solito, sul film è caduta la scure del regime mafio-massonico e pertanto è impossibile proiettarlo in pubblico.
    Alcune scene si trovano su youtube ed è comunque possibile scaricarlo da e-mule.
    Fatto sta che i padani hanno il loro film mentre invece a noi duosiciliani non è consentito avere film sulla nostra vera storia nonostante per la produzione non è stata spesa una sola lira statale.
    Questa è la cruda verità: la nostra storia terrorizza il regime.

    Pasquà ti quoto al 1000%.....
    legittimista si ma critico
    "il futuro d'italia è tutto nel mezzogiorno" G. Fortunato 1879

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    Purtroppo, in questo sfortunato mondo, il male trionfa sempre ed i giusti sono destinati a dare il loro sangue per via di un "disperato amor" che, dopo secoli, continua ad ispirare le loro gesta.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  8. #8
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,980
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nuovo cinema paraculo: Barbarossa

    Citazione Originariamente Scritto da Majorana Visualizza Messaggio
    Purtroppo, in questo sfortunato mondo, il male trionfa sempre ed i giusti sono destinati a dare il loro sangue per via di un "disperato amor" che, dopo secoli, continua ad ispirare le loro gesta.
    il kali yuga ?

    Ettore Majorana, il genio della fisica siciliano, lo aveva capito perfettamente e per tale motivo forse decise di scomparire in punta di piedi

 

 

Discussioni Simili

  1. Il furbo, il santo e il paraculo
    Di Malaparte nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-11-10, 04:44
  2. cinema: avvenire stronca 'barbarossa'. alberto da giussano mai esistito
    Di testadiprazzo nel forum Cinema, Radio e TV
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 22-10-09, 16:51
  3. Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 15-10-09, 08:06
  4. Nuovo Cinema Nisco presenta:
    Di Il Pretoriano nel forum Destra Radicale
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 21-11-07, 12:12
  5. Cinema. Vota la trilogia del nuovo millennio
    Di DrugoLebowsky nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-09-03, 18:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226