User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Fieramente Leghista
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Verona - Padania, la città di Flavio Tosi, la città antigiacobina della Pasque Veronesi
    Messaggi
    2,670
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La pena di morte sarebbe troppo poco: immigrati, brava gente, risorsa per il paese...

    dall'Arena di Verona:

    Notte di terrore. Il giovane che è stato ammazzato era venuto in città per prendere un connazionale che come lui abitava a Tregnago. Gli arrestati sono clandestini

    Far West stazione, ucciso perché è marocchino

    Fermati quattro tunisini: non volevano altri africani in zona. La vittima inseguita e accoltellata

    È bastata meno di una notte per far luce sull’omicidio della stazione. E quanto scoperto dagli inquirenti, rende se possibile, ancor più inquietante l’episodio.
    Moustafà Ben Soultana, 21 anni, marocchino, muratore, residente regolarmente a Tregnago è stato ammazzato per due ragioni. La prima è di origine razziale: i tunisini non vogliono marocchini in zona stazione. La seconda è che quel giovane tranquillo, in stazione, c’era andato soltanto per fare un favore a un connazionale che aveva perso l’ultima corriera utile per far rientro a Tregnago. E s’è trovato al momento sbagliato nel posto sbagliato, in una zona che, soprattutto di notte, è un Far West.
    A «giustiziare» materialmente il marocchino, secondo la polizia, è stato il tunisino sedicente Sami Harariri, 18 anni compiuti un mese fa, irregolare, senza fissa dimora. È lui che, secondo la polizia, ha sferrato due coltellate al bacino del ragazzo che stava scappando perché inseguito. Una delle due coltellate, inferte con un serramanico che non è ancora stato trovato, ha rescisso l’arteria femorale e ha fatto morire dissanguato il giovane. Con il tunisino c’erano i connazionali Isam Gamel, 20 anni, Lofthi Hazazy, 28 anni e Ganouki Oamor, vent’anni, tutti sedicenti, tutti irregolari e mezzi ubriachi.
    Era quasi mezzanotte, domenica, quando un paio di marocchini hanno bussato disperati alla finestra della polizia ferroviaria. In giro c’erano soltanto immigrati con il sacco a pelo in spalla, alla ricerca di un posto dove dormire: una scena ormai consueta. I due disperati che bussavano alla finestra della polizia si sono qualificati come un amico e uno zio del ragazzo accoltellato. Hanno chiesto aiuto. Quando gli agenti della polizia ferroviaria sono usciti in strada hanno trovato la vittima, supina, con gli occhi chiusi, come se dormisse. Il giovane era già morto dissanguato. Il personale di soccorso, quando è arrivato davanti alla biglietteria della stazione degli autobus, in piazzale XXV Aprile, ha tentato la rianimazione, ma ormai quel corpo non aveva più sangue in circolo.
    È scattato l’allarme. Alle indagini hanno partecipato oltre alla polizia ferroviaria le volanti, il personale della squadra mobile e della scientifica. E mentre sul posto è arrivato il magistrato di turno Fabrizio Celenza, assieme al dirigente delle volanti Massimo Scannicchio, sono state fermate alcune persone. Altre sono state individuate all’ex hotel Lux, noto edificio abbandonato, rifugio di sbandati. La polizia ha ascoltato testimonianze di chi lavora in stazione, nei chioschi e di un moldavo che ha dato una preziosa collaborazione. Tutte deposizioni verbalizzate in questura dal dirigente della mobile Marco Odorisio, assieme ai suoi collaboratori.
    Ieri mattina, durante una conferenza stampa tenuta dai dirigenti Odorisio della mobile, Scannicchio delle volanti e Rosario Russo della ferroviaria, è stata data la probabile ricostruzione dei fatti.
    Secondo quanto appurato dalla polizia, i tre marocchini si erano recati in stazione per accogliere l’amico che aveva perso la corriera per Tregnago. Poi il gruppo si è diretto a un chiosco vicino per acquistare bibite e panini.
    Nei pressi del chiosco il gruppo di tunisini ha apostrofato gli amici di Tregnago con frasi minacciose, alludendo al fatto che i marocchini non «debbono invadere la zona». Poi i tunisini hanno iniziato a strattonare gli altri, rubando loro le bottiglie e i panini.
    Gli animi si sono infiammati, i tunisini hanno rotto delle bottiglie e con i cocci hanno minacciato i marocchini che vista la malaparata si sono messi a scappare in direzioni diverse.
    Ben Soultana ha tentato di arrivare in piazzale XXV Aprile dove aveva parcheggiato l’auto. Ma non ci è riuscito. Ha cercato di mettersi al riparo dietro la portiera e i cristalli, tentando di sfuggire a colui che ormai aveva capito stava diventando il suo carnefice. Ma non ce l’ha fatta. È stato raggiunto dal suo inseguitore davanti ai tre gradini che permettono di arrivare alla biglietteria degli autobus. Il suo assassino ha sferrato un primo colpo e forse Ben ha continuato a correre. È stato poi sferrato il secondo fendente. Ben si è accasciato e in pochi minuti è morto dissanguato. Ha semplicemente sentito le forze che lo abbandonavano, ha chiuso gli occhi e s’è addormentato per sempre. Così l’hanno trovato i soccorritori, sotto la luce azzurrognola dell’insegna dell’Aptv dopo la mezzanotte.
    Sono poi cominciate le ricerche, le perquisizioni, i rilievi della scientifica, mentre iniziava a piovigginare, con il rischio che ogni traccia venisse cancellata. In questura sono state portate otto persone, ce ne sono rimaste quattro, che nelle prossime ore saranno interrogate. Saranno inoltre visionati i filmati delle telecamere che erano state installate in zona stazione per controllare quella che rischia di essere una terra di nessuno. Ma la soluzione al delitto è già stata scritta.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Fieramente Leghista
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Verona - Padania, la città di Flavio Tosi, la città antigiacobina della Pasque Veronesi
    Messaggi
    2,670
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    stesso argomento, medesima fonte:

    - Le testimonianze

    «Dalle 20 in poi è una terra di nessuno»

    Il parroco del Tempio Votivo: «Gli stessi assessori mi hanno detto di avere paura»

    Loro in piazzale XXV aprile ci vivono e ci lavorano tutto il giorno. Qualcuno anche la notte. E non è un bel viverci da quando sullo spiazzo antistante la stazione calano le prime tenebre. In questa stagione, dalle 18 alle 22 passare in certi marciapiedi, per non parlare dei vialetti dei giardini, andando o tornando dal terminal ferroviario, è un attentato alle coronarie. Dalle 22 all’alba, poi, un attentato alla vita, come purtroppo ha dimostrato l’altra notte la tragica morte del ventunenne marocchino Moustafà Ben Soultana.
    «Soluzioni non ne vedo molte», dice Pierluigi Pellegrini, il responsabile della biglietteria dell’Aptv davanti alla quale Soultana è stato accoltellato a morte. «Durante il giorno, al mattino siamo in tre, il pomeriggio in due, riusciamo a mantenere una situazione sostenibile perché abbiamo il "telefono caldo", ossia non appena ci accorgiamo che qualcuno sgarra, anche all’esterno della stazione degli autobus, alziamo la cornetta e chiamiamo le forze dell’ordine. Il problema è che noi alle 20 ce ne andiamo e quindi successivamente non c’è più nemmeno quel minimo di controllo che garantiamo prima. E i risultati li vediamo il mattino successivo».
    Ogni mattino, alle 6, quando apre la stazione, infatti, l’Aptv chiede l’intervento dell’Amia per ripulire marciapiedi e dintorni della biglietteria da escrementi, siringhe e altre sozzerie varie.
    «Ieri mattina», dice Pellegrini, «ho chiamato gli operatori dell’Amia perché lavassero il sangue di quel povero ragazzo morto dissanguato, che era rimasto tutto sul marciapiede. E alle otto ho dovuto richiedere un nuovo intervento perché la pioggia aveva cominciato a sciogliere le macchie che prima erano secche e la gente ci camminava sopra».
    D’altra parte del piazzale padre Pietro Franco è il parroco del Tempio votivo. «Mi sento perfino imbarazzato», esordisce il frate, « ripetere sempre le stesse cose. Ogni tanto vado alla porta di qualche assessorato in Comune e spesso gli stessi assessori mi dicono che hanno paura ad attraversare il piazzale quando rientrano da qualche viaggio di lavoro in treno. Figuratevi io che ci vivo qui. Eppure questa è la vera porta di Verona. Qui arriva un sacco di gente perbene, di turisti e di persone che vengono per lavoro, e cosa trovano? Il deserto. Non un cartello, non una indicazione, non un segnale. Nulla. Solo il degrado. Sono anche stufo che il Tempio votivo venga preso per un centro informazioni dell’azienda turistica».
    Cosa si può fare per frenare il degrado in attesa che si attui la tanto attesa completa trasformazione del piazzale? «Intanto sperare che le telecamere tornino a funzionare, nel senso che abbiano gli effetti positivi dei primi tempi», dice padre Franco. «Poi intervenire anche su forme di marginalità come il caporalato, che qui d’estate è attivissimo e continua anche adesso».
    «Più illuminazione e maggior presenza delle forze dell’ordine, che non devono limitarsi a un giretto in auto sulle strade vicine», è la ricetta di Pellegrini. «Un pattugliamento costante, integrato con il controllo a distanza delle telecamere potrebbe scoraggiare quel crogiuolo di malintenzionati, di ogni etnia, italiani compresi, perché non ci solo stranieri qui».
    «Adesso se ne parlerà per qualche giorno», commenta con disincanto e amarezza padre Franco, «poi tutto tornerà come prima. Un deserto del male».

    domanda di Halexandra: quando toccherà a qualcuno della nostra gente, a qualche Padano, di essere ammazzato da questi invasori criminali? Quanto tempo ci vorrà perchè questo accada?

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    bhe mi sembra che basti scorrere le cronache locali per accorgersi che è da un po' di tempo che questo accade..ormai tra meridios e allogeni vari la vera sfida sarà sopravvivere!
    salucc

  4. #4
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    L'ho scritto anche in altro forum, io son contenta di quello che succede, anzi spero sempre di più....a chi hanno dato il voto a Verona? beh....che si arrangino......mi spiace per te halexandra e per tutti i Padanisti, ma se non si sveglia la maggioranza della cittadinanza significa che gli sta bene così.....

  5. #5
    faccia di merda
    Data Registrazione
    17 Oct 2002
    Località
    in caserma a fare flessioni nel fango
    Messaggi
    1,886
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi associo alle vostre parole, qui in piemonte, tra terrons ed extramerdoni, non ci si salva piu'... il mio primo incontro con queste razze di invasori fu trumatico, e spero che si accoppino tra di loro

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    24 Mar 2002
    Messaggi
    12,002
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da halexandra


    domanda di Halexandra: quando toccherà a qualcuno della nostra gente, a qualche Padano, di essere ammazzato da questi invasori criminali? Quanto tempo ci vorrà perchè questo accada?

    Risposta di Sant'Eusebio: gli "invasori criminali" fanno molto comodo ai Signori imprenditori padani, che possono permettersi di pagare un pugno di euro per avere manovali con mansioni ai limiti della decenza e, di fatto, costretti a "prendere su quel che passa il Convento". Pertanto, anzichè continuare a lamentarsi, è tempo di mettere sulla bilancia i diversi pesi, sia in un piatto che nell'altro, e fare le opportune considerazioni.
    Ciao ciao

  7. #7
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Sant'Eusebio
    Risposta di Sant'Eusebio: gli "invasori criminali" fanno molto comodo ai Signori imprenditori padani, che possono permettersi di pagare un pugno di euro per avere manovali con mansioni ai limiti della decenza e, di fatto, costretti a "prendere su quel che passa il Convento". Pertanto, anzichè continuare a lamentarsi, è tempo di mettere sulla bilancia i diversi pesi, sia in un piatto che nell'altro, e fare le opportune considerazioni.
    Ciao ciao

    Sono totalmente d'accordo con te.......ed è per questo motivo che odio sia gli uni che gli altri

  8. #8
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da halexandra
    [B]«Dalle 20 in poi è una terra di nessuno»

    Il parroco del Tempio Votivo: «Gli stessi assessori mi hanno detto di avere paura»

    D’altra parte del piazzale padre Pietro Franco è il parroco del Tempio votivo. «Mi sento perfino imbarazzato», esordisce il frate, « ripetere sempre le stesse cose. Ogni tanto vado alla porta di qualche assessorato in Comune e spesso gli stessi assessori mi dicono che hanno paura ad attraversare il piazzale quando rientrano da qualche viaggio di lavoro in treno. Figuratevi io che ci vivo qui. Eppure questa è la vera porta di Verona. Qui arriva un sacco di gente perbene, di turisti e di persone che vengono per lavoro, e cosa trovano? Il deserto. Non un cartello, non una indicazione, non un segnale. Nulla. Solo il degrado. Sono anche stufo che il Tempio votivo venga preso per un centro informazioni dell’azienda turistica».
    Cosa si può fare per frenare il degrado in attesa che si attui la tanto attesa completa trasformazione del piazzale? «Intanto sperare che le telecamere tornino a funzionare, nel senso che abbiano gli effetti positivi dei primi tempi», dice padre Franco. «Poi intervenire anche su forme di marginalità come il caporalato, che qui d’estate è attivissimo e continua anche adesso».
    «Più illuminazione e maggior presenza delle forze dell’ordine, che non devono limitarsi a un giretto in auto sulle strade vicine», è la ricetta di Pellegrini. «Un pattugliamento costante, integrato con il controllo a distanza delle telecamere potrebbe scoraggiare quel crogiuolo di malintenzionati, di ogni etnia, italiani compresi, perché non ci solo stranieri qui».
    «Adesso se ne parlerà per qualche giorno», commenta con disincanto e amarezza padre Franco, «poi tutto tornerà come prima. Un deserto del male».
    Perchè il prete non comincia ad aprire le porte della chiesa e della parrocchia a questi immigrati?
    Non blaterano sempre di aiutare,di accoglienza,ospitalità,ecc?
    Saluti Padani

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    24 Mar 2002
    Messaggi
    12,002
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Frà Dolcino
    certo che il detto di avere la faccia come il culo a molti itagliani gli si addice...

    gli stessi imprenditori che "innalzano il mondo del lavoro itagliano e il made in Italy nel mondo "

    diventano Padani quando il discorso diventa scomodo....

    complimentoni....sopratutto per le "opportune considerazioni" fatte da voi itagliani ....

    P.S. il primo a sfruttare il lavoro meridionale ad un terzo del salario che veniva dato ad un piemontese fu il Vs ITAGLIANISSIMO e prossimo alla beatificazione Avv agnelli.....
    grazie a lui molte famiglie piemontisi emigrarono verso la francia .....facendo in modo che Turin prima si trasformasse nella palermo del nord ed ora nel senegal del Piemunt...

    e non dimentichiamo gli itaglianissimi Benetton , Zegna , Loro Piana , Giletti , Fila , etcc. ( tanto per parlare sempre di Piemunt)


    fino ad arrivare a quel presidente operaio che prima di diventare "l' om television" era il peggior cementificatore della brianza e che "primo tra i primi" non si serviva della manodopera Bergamasca o bresciana come era uso in quei tempi ...ma novello globalizzatore di popoli chiamava su ditte meridionali in sub appalto ...( con i risultati di tutte le ditte in sub appalto ..quando l'appaltatore ci vuol guadagnare sopra) che facevano MIRABILI oper muratorie....

    Non puoi negare che, quando si parla di limitare le quote di ingresso degli extracomunitari, i primi a piangere sono gli imprenditori del famoso triangolo del nord-ovest. Che questi siano tutti "itagliani"?

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    24 Mar 2002
    Messaggi
    12,002
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Frà Dolcino
    mwahahahahahah
    ma allora lo fai.....
    non sono io a considerarli itagliani,,,,,,,,ma bensi voi quando favoleggiate sulla grandezza italica...

    o forse sto sbagliando????

    o forse i grandi imprenditori che hanno alestito "Luna Rossa" "Prada" "mascalzone Latino" andavano a gareggiare per la Confederazione Padana????

    o forse il Made in italy l' hanno inventato i Padani per sputtanarsi???

    ripeto le facce come il culo sono già molte nella penisola..... sia Italiche che Padane...se vuoi andare ad infoltire il gruppo ....accomodati...

    Non sono stato io, e nemmeno tu, a votare un partito, attuale forza di governo, che da un lato condanna gli "invasori criminali" e dall'altro promuove e sostiene una sanatoria senza precedenti, per favorire i signori imprenditori del nord, che senza forza lavoro immigrata si troverebbero a vestire la tuta blu.
    Non sono io, inoltre, a negare l'esigenza di immigrati da impiegare, soprattutto, nei lavori stagionali. Mi rendo ben conto che nella mia regione senza immigrati non si va da nessuna parte.
    Ciao ciao

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Immigrati ? una risorsa per il paese
    Di LosVonRom (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 30-11-04, 19:49
  2. La pena di morte sarebbe troppo poco.
    Di halexandra nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-02-04, 19:49
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-12-03, 00:20
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 03-12-03, 10:36
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 20-08-03, 14:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226