Circola ufficiosamente nei corridoi della politica la notizia che Berlusconi sta nuovamente male e che addirittura abbia subìto nei giorni scorsi un intervento chirurgico. L'accelerazione di Fini, genuflessosi in Israele, quindi, oltre che per la caratura del personaggio, avrebbe motivazioni carrieristiche e politiche ben precise e anche le dichiarazioni di Cè e di Schifani ("dopo Berlusconi vedrei meglio Casini al suo posto e non Fini" hanno detto i due) fanno pensare che probabilmente il Cavaliere non è in gran forma.
Lo stesso Cè peraltro ha lanciato nuovamente l'ipotesi di un Lega fuori dalla Cdl in quanto stufa di essere presa per i fondelli dal "nuovo inciucismo trasversale romano".
Lavori in corso, quindi. Ma la Padania, in tutto questo, avrà qualche vantaggio? Sono pessimista.