I nemici della libertà a Convegno a Venezia :

Centro Simon Wiesenthal, Associazioni Olokaustos, ARARE (filiazione della LICRA),
Sindaco di Venezia, Unesco, Istituto Culturale della Comunità
Islamica Italiana :

I NEMICI DELLA LIBERTA' A CONVEGNO
PER INCATENARE LA LIBERTA' DI PENSIERO


Nei giorni 7-8 dicembre si terrà nella città di Venezia - una volta città di S.Marco, ora città di Shylock e dei suoi reggicoda - un ambiguo convegno dla titolo " Centenario dei Protocolli dei Savi Anziandi Di Sion : un paradigma dell'odio contemporaneo" organizzato dal famigerato Centro Simon Wiesenthal, dalla Academic Respons to racism and Antisemitism (filiazione della LICRA, organo ebraico-massonico della Polizia del Pensiero francese) e dall'Isitituto Culturale della Cominità Islamica Italiana, patrocinato con i pingui peculii dell'Unesco. Il Convengo pare tenersi in tutta segretezza. perchè a Venezia ? Perchè a Venezia c'è una procura rossa che, su non tanto occulte pressioni della comunità giudaica della città sta perseguitando alcuni militanti nazionalisti. Cji scrive ha sempre sostenuto la tesi di una manovra a cui la locale Procura si presta ben volentieri. ne abbiamo anche una ulteriore prova dalla lettura di un comunicato ufficiale di uno degli enti promotori del convegno , l'Istituto Culturale (?) della Comunità Islamica Italiana che testualmente riproduciamo e spiega le reali ragioni del Convegno ( premere sulla procura per instaurare il terrore giudiziario giudaico anche a Venezia).
Ecco il comunicato programmatico degli organizzatori del Convegno :

" Nell'attuale clima di rapida riattualizzazione dell'antisemitismo
in Europa e di fronte al pullalare (NDC = l'errore grammaticale è dell'estensore mussulmano :
che volete farci è un extracomunitario arabo..)
dell'odio antiebraico mascherato da antisionismo,
auspichiamo che tanto la procura di venezia,
quanto le altre Procure della repubblica
trattino i casi di istigazione all'odio razziale
e propaganda antisemita con il masimo rigore.

Certi che dopo la visita a Yad Vashen del Vice Presidente del Consiglio
il governo italiano terrà le indicazioni
del Centro Wiesenthal e degli esperti internazionali
nella debita considerazione,
ribadiamo la nostra speranza che i reati di odio vengano
prontamente debitamente puniti e le
organizzazioni che se ne rendono responsabili
sciolte per legge"

Firmato :
Abu Ibrahim Kalim
Istituto Culturale della Comunità Islamica Italiana,
organizzatore del Convegno.


nemici della libertà sono tutti uniti nel combatterci e hanno Fini come loro prezioso alleato.
Un articolo del sottoscritto sulla vicenda sarà presto pubblicato su :

www.ciaoeuropa.it


Info :
avvocato Edoardo Longo
[email protected]