Coordinamento Associazioni Venete
Vicolo Basilicata 9
30030 Fossò Venezia
www.culturaveneta.org
fax 041/416.58.56
Cell. 349/85.81.558
Email: [email protected]


A TUTTI I MEZZI DI INFORMAZIONE

COMUNICATO STAMPA


Il Coordinamento Associazioni Venete è stato sentito in audizione davanti alla "Commissione per lo Statuto e per il Regolamento della Regione Veneto" questa mattina alle ore 11.00, 12 dicembre 2003, a Palazzo Ferro Fini, San Marco 2322 - Sala Cuoi - Venezia.

Il Coordinamento Associazioni Venete raccoglie al momento 33 Associazioni e Gruppi Culturali che, in Veneto e all'estero, si impegnano per la diffusione, la valorizzazione e la tutela dalla cultura e della lingua veneta.

Nel corso dell'audizione di oggi, alcuni portavoce del Coordinamento hanno presentato alla Commissione per lo Statuto e per il Regolamento della Regione Veneto un documento, redatto in lingua veneta e italiana, con cui sono state spiegate sinteticamente alcune analisi e riflessioni che, auspichiamo, possano trovar poi riscontro all'interno del nuovo statuto della Regione del Veneto.

Con questo intervento, prettamente culturale, il Coordinamento Associazioni Venete ha esposto le proprie tesi relative al nuovo Statuto del Veneto, augurandosi che la stesura di tale documento possa essere un'occasione per ribadire il ruolo importante della cultura locale all'interno della società veneta, concetto pienamente espresso dalla dicitura "Popolo Veneto" presente già nel vigente Statuto della nostra Regione.

Segue copia del documento depositato in Regione.


Padova, 12 Dicembre 2003

Per il Coordinamento Associazioni Venete
Patrik Riondato


------------------------------------------------------------------------

Coordinamento Associazioni Venete
Vicolo Basilicata 9
30030 Fossò Venezia
www.culturaveneta.org
fax 041/416.58.56
Cell. 349/85.81.558
Email: [email protected]


A tutti i Consiglieri Regionali Regione Veneto

E per conoscenza:

Presidente Regione Veneto
Giancarlo Galan

Presidente Consiglio Regionale
Enrico Cavaliere

Assessore all’istruzione e alla cultura
e identità veneta della Regione Veneto
Ermanno Serrajotto


OGGETTO: lavori per la revisione dello Statuto della Regione Veneto


Gentile signor consigliere,


Già da tempo è aperta la discussione sul nuovo Statuto da dare alla Regione Veneto. Come realtà associative dedite alla valorizzazione e diffusione della cultura e delle tradizioni del nostro popolo, facciamo presente il nostro sostegno all’importante lavoro che Vi accingete a realizzare, e ci auguriamo che tutte le decisioni che andrete a prendere saranno frutto di una serena ed equilibrata discussione e riflessione. A seguito anche dell’esperienza dell’attività delle nostre associazioni ci auguriamo che la stesura di tale documento sia occasione per ribadire il ruolo importante della cultura locale all’interno della società veneta, concetto pienamente espresso dalla dicitura «Popolo Veneto» presente già nel vigente Statuto della nostra regione e per riaffermare la necessità di un pluralismo culturale, espressione di un’autentica democrazia.

Ciò , è bene ricordarlo, non risponde a logiche di partito ma semplicemente agli attuali trend socio-culturali in corso in tutta Europa, oltre che alle evidenze della storia, che i padri fondatori dello Statuto hanno saggiamente saputo anticipare nel loro lavoro. Come Lei sa, la dicitura «Popolo Veneto» è infatti presente nello Statuto del Veneto da trent’anni, ed è stata ratificata dal Parlamento Italiano che quindi ne ha riconosciuto la piena legittimità.

Ci riconosciamo pienamente nell’articolo 2 del vigente Statuto che afferma: “L'autogoverno del popolo veneto si attua in forme rispondenti alle caratteristiche e tradizioni della sua storia. La Regione concorre alla valorizzazione del patrimonio culturale e linguistico delle singole comunità.”

A questo proposito facciamo notare che la dicitura di “popolo” ha una valenza giuridica riconosciuta e tutelata anche in sede internazionale. Pertanto a nostro avviso tale formula è uno strumento ulteriore per tutelare, valorizzare e trasmettere nel tempo la nostra identità di Veneti che si esprime anche attraverso la nostra cultura, storia, lingua e tradizione.

Sarà anche Lei d’accordo, quindi, che è auspicabile mantenere tale formula già accettata da tempo.

Esprimiamo quindi la speranza che con l’approvazione del nuovo Statuto non si ceda ad atteggiamenti volti a negare o comunque ad indebolire le culture ed identità locali ma ci auguriamo invece che anche Lei porti avanti i principi di libertà e democrazia fondamentali nella nuova Europa che tutti insieme stiamo costruendo, basata su principi di tolleranza ed accettazione delle diversità culturali.

E’ stato scritto dal sociologo Sabino Aquaviva: ”…il più importante è il problema della tutela della lingua dov’è ancora viva. Se non viene tutelata la lingua, l’identità muore. Ricordo che quando i genitori parlano con i figli una lingua che non è la loro, quando impediscono ai figli di parlare la loro lingua, quando gli dicono che non è corretto esprimersi in quello che ritengono un dialetto, e soprattutto quando i figli si vergognano di parlarlo fuori casa, a quel punto la sopravvivenza dell’identità di quel popolo è alla fine. Quindi, il veneto è una lingua che va tutelata e insegnata a scuola,e non un’ora la settimana, ma, massicciamente, quasi come l’italiano.”

Per concludere, il Coordinamento Associazioni Venete riconosce nel nuovo Statuto uno strumento fondamentale per realizzare la società veneta attuale e quella futura. Anche dal Vostro lavoro dipenderà il Veneto del futuro, e sta a Voi redigere una legge che sia motivo di orgoglio per le generazioni a venire, come lo è per quelle di oggi lo Statuto vigente della Regione Veneto. Parafrasando le parole di Giuseppe Viscovich nel Giuramento di Perasto del 1797: “Savarà da nu i vostri fioli...”.

Cordiali saluti e auguri di buon lavoro,


Padova, 12 dicembre 2003

Per il Coordinamento Associazioni Venete


------------------------------------------------------------------------


Coordinamento Asociasión Venete
Vicoło Basiłicata 9
30030 Fosò Venesia
www.culturaveneta.org
tel. Cell 349/85.81.558
fax 041/416.58.56
e-mail [email protected]


A tuti i Consiłieri Rejonałi de la Rejón Veneto


Dàndoghene notisia a:

Prexidente Rejón Veneto
Giancarlo Galan

Prexidente Consiłio Rejonałe
Enrico Cavaliere

Asesor al’istrusión e ała cultura
e identità veneta de ła Rejón Veneto
Ermanno Serrajotto


ARGOMÉNTO: łavori par ła revisión del Statuto de ła Rejón Veneto


Jentiłe siór consiłier,


Xa da na s·cianta de tenpo a se ga verto ła discusión sóra el novo Statuto da darghe a ła Rejon Veneto. Come asociasión che se ocupa de ła vałorixasión e difuxión de ła cultura e de łe tradisión del nostro popoło, Ve femo prexente el nostro sostegno par l’inportante łavoro che si drio far, e se augurémo che tute łe decixión che ciaparè łe sarà fruto de na discusión e riflesión serena e equiłibrà. Tegnendo conto anca de l’esperiensa vuda co łe nostre atività se augurémo che ła scritura de sto documento ła sìpia na ocaxión par ribadir ła funsion inportante de ła cultura łocałe rento ła società veneta, idea pienamente espresa da łe parołe «Popolo Veneto» che ghe xe xa sol Statuto de deso de ła nostra Rejon e par riafermar ła necesità de on plurałismo culturałe, espresión de na vera democrasia.

’Sto fato qua, a xe ben ricordarlo, no ’l risponde a łògiche de partito ma senplisemente ai andamenti socio-culturałi de deso che ghe xe in tuta Europa, oltre che a łe evidense de ła storia, che i pari fondadori del Statuto i ga sajamente savudo antisipar int’el so łavoro. Come che Eło el savarà xa, łe parołe “Popolo Veneto” łe ghe xe rento al Statuto del Veneto da trent’ani, e łe xe stàe ratificade dal Parlamento Tałian che quindi el ghe ne ga riconosudo ła piena łejitimità.

Se riconosémo in pien inte l’articolo 2 del Statuto de deso che ‘l dixe: “L'autogoverno del popolo veneto si attua in forme rispondenti alle caratteristiche e tradizioni della sua storia. La Regione concorre alla valorizzazione del patrimonio culturale e linguistico delle singole comunità.”

A ’sto propòxito femo notar che ła dicitura de “popoło” ła ga na vałensa jurìdica riconosuda e tutełada anca in sede internasionałe. Donca par noaltri sta formuła ła xe un strumento in pì par tutełàr, vałorixàr e trasmétar vanti sol tenpo ła nostra identità de Vèneti che ła vien fora anca traverso ła nostra cultura, storia, łengoa e tradisión.

Donca el sarà anca Eło d’acordo, che xe mejo tegnere sta fòrmuła xa acetada da tenpo.

Esprimémo quindi ła speransa che co l’aprovasión del novo Statuto, non se casca in conportaminti che i ga l’obietivo de negar o comunque de indebolìr łe culture e identità łocałi ma se augurémo invese che anca Eło el porte vanti i prinsipi de łibartà e democrasia fondamentałi inte ła nova Europa che tuti insieme sémo drio costruir, baxada so prinsipi de tołeransa e de asetasión de łe diversità culturałi.

Xe sta scrito dal sociòłogo Sabino Aquaviva: ”…il più importante è il problema della tutela della lingua dov’è ancora viva. Se non viene tutelata la lingua, l’identità muore. Ricordo che quando i genitori parlano con i figli una lingua che non è la loro, quando impediscono ai figli di parlare la loro lingua, quando gli dicono che non è corretto esprimersi in quello che ritengono un dialetto, e soprattutto quando i figli si vergognano di parlarlo fuori casa, a quel punto la sopravvivenza dell’identità di quel popolo è alla fine. Quindi, il veneto è una lingua che va tutelata e insegnata a scuola,e non un’ora la settimana, ma, massicciamente, quasi come l’italiano.”

Par finire, el Coordinamento Asociasión Venete riconóse sol novo Statuto un strumento fondamentałe par reałixàr ła società vèneta de deso e queła futura. Anca dal Vostro łavoro dipendarà el Veneto che vegnerà vanti, e sta a Voaltri scrivare na leje che ła sia motivo de orgołio par łe jenerasión che vegnarà, come che xe par quełe de uncò el Statuto de deso de ła Rejón Veneto. Ciapando łe parole de Giuseppe Viscovich inte’l Juramento de Perasto del 1797: “Savarà da nu i vostri fioli…”.

Co Rispeto e augurandoVe bon łavoro,


Padova, 12 de Disenbre 2003

Par el Coordinamento Asociasión Venete


-----------------------------------------------------------------------