User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Wink Una tradizione...politicamente scorretta

    Si discuteva tra amici di questo argomento tra il serio e il faceto: che ruolo rivestono i "sani" bestemmioni all'interno della tradizione e specificatamente delle lingue locali padane, cioè nel linguaggio del popolo? A fronte di esaltazioni apologetiche di presunte tradizioni "paolottiche" con relativi annessi e connessi si ragionava su un dato di fatto incontrovertibile (anche agli occhi dei novelli inquisitori da dopolavoro) ovvero che la bestemmia è parte integrante della società padana, la si ritorva puntualmente a livello popolare, il suo utilizzo “coniugata” nelle relative lingue locali è qualcosa di tradizionale. E’ innegabilmente una parte della società, una tradizione “speculare” a quella di croci e campanili e parimenti radicata…checchè se ne dica Che derivino dalla dura vita di campagna di una volta o meno, gli smoccolamenti sono davvero frequenti e anche caratteristici, penso solo alle “creazioni” del milanese oppure alle opere d’ingegno dei bestemmioni veneti o “peggio” ancora friulani.

    Tutto politicamente scorretto, ovvio.




    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sposo di Teodolinda
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria: futura terra deislaminizzata
    Messaggi
    1,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ricordo, o meglio mio padre ricorda, contadini che smoccolavano da mattina a sera (probabilmente come reazione alla povertà e alle dure condizioni di vita in campagna nella prima metà del secolo scorso) ma che poi erano capaci di dedicare gran parte del loro, poco, tempo libero ad erigere le piccole cappelle votive che disseminano le nostre terre.
    Questo apparente contrasto di comportamenti pùò trovare spiegazione nel fatto che nell'intendimento di chi le pronunciava non vi era affatto un contenuto offensivo ma, semmai, uno sfogo, un intercalare che spesso si ritrova nelle culture popolari come, ad sempio, il "belin" ligure la "maremma bucaiola" toscana.

  3. #3
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Guardate, conosco una persona a me vicina che ogni 3 parole ci infila una bestemmia....è bresciano ed è tutto fuorchè una cattiva persona oppure un uomo che si comporti in modo anti-cristiano.
    E' semplicemente Padano...e la bestemmia è connaturata nella sua persona...
    --------------
    The Warrior

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dalle mie parti gli unici che non bestemmiano sono i preti... (quanto meno non lo fanno in pubblico).

  5. #5
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Autari
    Ricordo, o meglio mio padre ricorda, contadini che smoccolavano da mattina a sera (probabilmente come reazione alla povertà e alle dure condizioni di vita in campagna nella prima metà del secolo scorso) ma che poi erano capaci di dedicare gran parte del loro, poco, tempo libero ad erigere le piccole cappelle votive che disseminano le nostre terre.
    Questo apparente contrasto di comportamenti pùò trovare spiegazione nel fatto che nell'intendimento di chi le pronunciava non vi era affatto un contenuto offensivo ma, semmai, uno sfogo, un intercalare che spesso si ritrova nelle culture popolari come, ad sempio, il "belin" ligure la "maremma bucaiola" toscana.
    Concordo in pieno.
    Hai fatto la descrizione del mio paese...che è un piccolo paese agricolo.
    Saluti Padani

  6. #6
    allevatore
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    campagna lombardo-veneta
    Messaggi
    4,930
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Secondo me dipende dalle zone, per la mia esperienza personale i veronesi sono dei gran bestemmiatori, i mantovani molto meno. Cmq la gente educata evita di bestemmiare ad ogni latitudine anche se non ne nego che a me a volte ne scappi una quando parlo in dialetto veronese.

  7. #7
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Una tradizione...politicamente scorretta

    In origine postato da Nanths
    Si discuteva tra amici di questo argomento tra il serio e il faceto: che ruolo rivestono i "sani" bestemmioni all'interno della tradizione e specificatamente delle lingue locali padane, cioè nel linguaggio del popolo? A fronte di esaltazioni apologetiche di presunte tradizioni "paolottiche" con relativi annessi e connessi si ragionava su un dato di fatto incontrovertibile (anche agli occhi dei novelli inquisitori da dopolavoro) ovvero che la bestemmia è parte integrante della società padana, la si ritorva puntualmente a livello popolare, il suo utilizzo “coniugata” nelle relative lingue locali è qualcosa di tradizionale. E’ innegabilmente una parte della società, una tradizione “speculare” a quella di croci e campanili e parimenti radicata…checchè se ne dica Che derivino dalla dura vita di campagna di una volta o meno, gli smoccolamenti sono davvero frequenti e anche caratteristici, penso solo alle “creazioni” del milanese oppure alle opere d’ingegno dei bestemmioni veneti o “peggio” ancora friulani.

    Tutto politicamente scorretto, ovvio.



    _________________________________
    L'osservazione è sicuramente azzeccata, anche se mi pare giusto aggiungere che l'uso della bestemmia frequentemente intercalata nel discorso era più diffuso nella parlata in lingua locale che non in itagliano.
    I bestemmiatori che ho conosciuto io erano, per la gran parte, persone normalissime, credenti e che frequentavano la chiesa; la bestemmia veniva di regola pronunciata senza malizia alcuna e senza pensare di offendere chicchessia, tantomeno Dio.
    La bestemmia era per loro un semplice sfogo a uno scatto di rabbia o un vezzo che voleva rafforzare l'espressività del discorso: in tal caso la bestemmia veniva intercalata alle altre parole pronunciandola con toni di voce appropriati che, insieme alla mimica facciale e alla gestualità, faceva raggiungere alla parlata il massimo di espressività: un effetto assolutamente inimitabile, e anche poco comprensibile, da chi non fosse nativo del luogo.
    E' chiaro che l'uso di intercalare la parlata veneta con "adeguate" bestemmie non è esportabile o traducibile in altre lingue, come, ad esempio, itagliano, inglese, ecc., senza che il suo significato venga completamente stravolto e involgarito: le bestemmie assumerebbero in tal caso solo il loro significato letterale, cioè di gratuita offesa alla divinità.

  8. #8
    Tradizion semper Viv !
    Data Registrazione
    24 Jan 2003
    Località
    INSUBRIA
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Una tradizione...politicamente scorretta

    In origine postato da Nanths
    Si discuteva tra amici di questo argomento tra il serio e il faceto: che ruolo rivestono i "sani" bestemmioni all'interno della tradizione e specificatamente delle lingue locali padane, cioè nel linguaggio del popolo? A fronte di esaltazioni apologetiche di presunte tradizioni "paolottiche" con relativi annessi e connessi si ragionava su un dato di fatto incontrovertibile (anche agli occhi dei novelli inquisitori da dopolavoro) ovvero che la bestemmia è parte integrante della società padana, la si ritorva puntualmente a livello popolare, il suo utilizzo “coniugata” nelle relative lingue locali è qualcosa di tradizionale. E’ innegabilmente una parte della società, una tradizione “speculare” a quella di croci e campanili e parimenti radicata…checchè se ne dica Che derivino dalla dura vita di campagna di una volta o meno, gli smoccolamenti sono davvero frequenti e anche caratteristici, penso solo alle “creazioni” del milanese oppure alle opere d’ingegno dei bestemmioni veneti o “peggio” ancora friulani.

    Tutto politicamente scorretto, ovvio.




    Chi usa bestemmiare, o chi usa qualche parola ogni tanto che, oggi può turbare la sensibilità di una persona, non necessariamente è anti-cristiano, ateo, o quant'altro: semplicemente le usa perchè è abituato così sia in casa che fuori.
    E' una questione di "eredità", dipende da molti fattori.
    Non si possono definire persone buone o cattive, semplicemente persone che hanno vissuto in un certo ambiente dove si usava più la lingua natia che non quella italiana.
    Si sa, d'altro canto, che in milanese, ad esempio, si usano ancora oggi, come le usavano i nostri nonni e bisnonni, singole parole "blasfeme" e/o "offensive" per qualcuno, all'interno di una frase.
    Questo però non implica che quella persona voglia offendere o essere un "diavolaccio", semplicemente usa quegli intercalari.
    Molto spesso si usano termini come "ciombia" o "ostia" in una conversazione del tutto amichevole e scherzosa.
    E' ovvio che qualcuno alla lunga può offendersi, ma bisogna anche considerare che forse chi parla o scrive a quel modo, non è intenzionato ad offendere nessuno: semplicemente sta dialogando a modo suo.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Una tradizione...politicamente scorretta

    In origine postato da elenailinn
    Chi usa bestemmiare, o chi usa qualche parola ogni tanto che, oggi può turbare la sensibilità di una persona, non necessariamente è anti-cristiano, ateo, o quant'altro: semplicemente le usa perchè è abituato così sia in casa che fuori.
    E' una questione di "eredità", dipende da molti fattori.
    Non si possono definire persone buone o cattive, semplicemente persone che hanno vissuto in un certo ambiente dove si usava più la lingua natia che non quella italiana.
    Si sa, d'altro canto, che in milanese, ad esempio, si usano ancora oggi, come le usavano i nostri nonni e bisnonni, singole parole "blasfeme" e/o "offensive" per qualcuno, all'interno di una frase.
    Questo però non implica che quella persona voglia offendere o essere un "diavolaccio", semplicemente usa quegli intercalari.
    Molto spesso si usano termini come "ciombia" o "ostia" in una conversazione del tutto amichevole e scherzosa.
    E' ovvio che qualcuno alla lunga può offendersi, ma bisogna anche considerare che forse chi parla o scrive a quel modo, non è intenzionato ad offendere nessuno: semplicemente sta dialogando a modo suo.
    sì, hai reso il concetto esattamente e anche con delicatezza.
    I "sacramentoni" sono parte dell'espressività e del colore delle lingue naturali padane. E' una espressività che manca nell'itagliano standard, cavia da laboratorio ma che se traslata in questo diverso contesto linguistico perde tutta la sua carica espressiva e di significato.Insomma se non inseirta nel periodare solo per fofendere (qualcuna o qualcosa che esista o meno) non si può non considerare parte integrante della cultura linguistica popolare e da cui non si può prescindere a meno di essere dei bacchettoni o dei milanesisti da sagrestia (e elenailinn sa a chi mi riferisco...non sarà certo un'ostia a destare scandalo, suvvia, ma dove vivono ste persone...).
    Inoltre con riferimento alla creatività vi invito ad esaminare le varie koinè utilizzate per non turbare il senso del divino...ergo la "maremma" dei toscani diventa da noi "madoi", "madocina", "madontina" ecc. ecc., e come dimenticare il "cramentu veh!!!" del padanissimo zio Natalin (nomen omen )

    e cmq buon natale

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ben detto Quorthon!
    per noi Bresciani la bestemmia fa parte del linguaggio di tutti i giorni...d'altronde basta fare un giretto nelle ns officine artigianali per sentire che corollario per noi è una tradizione DOP cosi' come i fucili e i tondini.
    salucc



    In origine postato da quorthon
    Guardate, conosco una persona a me vicina che ogni 3 parole ci infila una bestemmia....è bresciano ed è tutto fuorchè una cattiva persona oppure un uomo che si comporti in modo anti-cristiano.
    E' semplicemente Padano...e la bestemmia è connaturata nella sua persona...

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Una riflessione storica politicamente scorretta
    Di Affus nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-12-11, 15:38
  2. Risposte: 75
    Ultimo Messaggio: 22-02-11, 08:20
  3. Barzelletta politicamente scorretta
    Di FdV77 nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 18-02-08, 23:07
  4. Democrazia politicamente scorretta
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-01-06, 13:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226