User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: La «Grande Carestia»

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    15 May 2003
    Messaggi
    1,335
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La «Grande Carestia»

    Nel 1933 dieci milioni di contadini morirono per colpa di Stalin
    De Rosa: «Il Parlamento italiano riconosca lo sterminio»

    Versando lacrime da coccodrillo, Stalin decise di chiamarla «grande carestia»*. Ma forse lo sterminio per fame dei contadini ucraini, da lui ordinato nel 1933, andrà classificato sotto una voce assai più sinistra: genocidio. Lo chiede al Parlamento italiano la fondazione Sturzo attraverso il suo presidente, lo storico Gabriele De Rosa.
    Come mai si riscopre questa tragedia proprio ora (e non è successo, ad esempio, dodici anni fa, al momento del crollo sovietico)?

    «Per distrazione, o colpevole connivenza», denuncia De Rosa. «Il silenzio sulle verità più scottanti fa parte della storia d’Europa: si è sempre preferito lasciare in pace sua eccellenza Stalin, il Grande Fratello». Ma perché continuare a tacere anche dopo la morte del dittatore? Non sarebbe stato possibile alzare la voce almeno ai tempi di Gorbaciov e della sua perestroika? O negli anni successivi al 1991, quando l’impero sovietico era già stato schiacciato dal suo stesso peso?

    «No, nemmeno allora qualcuno ha trovato il coraggio», osserva sconsolato De Rosa, «e a questo proposito potremmo fare un’osservazione ancora più pessimistica. Si è di nuovo passato sotto silenzio lo Holodomor , lo sterminio per fame dei contadini ucraini, non più tardi di due mesi fa: quando durante un convegno organizzato dalla nostra fondazione abbiamo lanciato l’appello per il riconoscimento dell’Onu e del Parlamento europeo. E dire che l’hanno firmato trenta studiosi provenienti da tutto il mondo. Ma niente, sempre e soltanto silenzio: è come se i mass-media subissero ancora il fascino malefico del grande dittatore georgiano».

    Che cosa succederà, se le vostre richieste saranno ascoltate?

    «Il Parlamento italiano - risponde De Rosa - dovrebbe appoggiare la mozione del governo ucraino presso l’Onu e Strasburgo: la richiesta cioè che la "Grande Fame" provocata da Stalin nel biennio 1932-33, e che costò la vita da sette a dieci milioni di persone innocenti, entri a far parte della lista nera, sia riconosciuto come un crimine contro l’umanità, genocidio».

    Come mai c’è ancora tanta approssimazione attorno al numero delle vittime?
    «Perché uomini e donne vennero processati, deportati, fucilati o mandati a morire di freddo e di stenti nei gulag artici più lontani, agli estremi confini orientali della Siberia. A milioni furono completamente cancellati, senza che né nomi né tombe fossero rimasti a testimoniare il loro passaggio sulla terra».

    Ma perché tanta crudeltà, tanta violenza contro persone inermi?

    «Agli occhi delle autorità sovietiche il rifiuto dei contadini di rinunciare alla proprietà dei campi, il no alle direttive che imponevano la collettivizzazione forzata e l’ingresso nei kolchoz, equivaleva a sabotaggio e tradimento. Dunque doveva essere punito».

    Ci fu anche una dimensione religiosa, in quella battaglia continuata senza speranza contro il potere comunista?

    «La resistenza allo sterminio venne condotta soprattutto dalla Chiesa ortodossa, legata al cristianesimo bizantino. Ma anche da quella uniata e dagli stessi cattolici di Leopoli. Però esisteva anche una dimensione culturale profonda del popolo ucraino, che gli impedì di rassegnarsi al centralismo imperiale russo: fra il Seicento e il Settecento il Paese era divenuto un punto di riferimento dell’umanesimo orientale, l’interlocutore della latinità».

    L’indipendenza, conquistata dopo il crollo dell’Urss, ha riportato alla luce tesori culturali sepolti...

    «Già Sturzo nel ’19 rivendicò l’indipendenza dell’Ucraina. Oggi esiste un rapporto diretto fra il genocidio del 1933, dovuto al rifiuto di sottomettersi, e l’indipendenza ottenuta di recente».

    Si potrebbe dire che la repubblica di Kiev sia fondata soprattutto sulla eredità morale di quella resistenza al bolscevismo?

    «Sì, il rifiuto di sottomettersi al potere ingiusto vale da solo la libertà e l’indipendenza di un popolo. Ora però ci vogliono gli appoggi degli organismi internazionali e degli Stati, oltre all’interessamento delle istituzioni. E’ già sceso in campo il presidente Ciampi, che ha concesso il suo patronato, e Renato Pera, che ha portato la richiesta all’attenzione della commissione Affari esteri del Senato».

    Da sette a dieci milioni di morti sono tanti. Esiste un rapporto tra questa iniziativa e il Memento Gulag proclamato per il 7 novembre, in memoria dei duecento milioni di vittime dei totalitarismi comunisti?

    «Un rapporto diretto. Il genocidio ucraino ne è una delle testimonianze più sconvolgenti»



    *La «Grande Carestia» provocata dal regime sovietico nel biennio 1932-33 portò allo sterminio di 7-10 milioni di ucraini, oltre che delle popolazioni residenti nel Caucaso settentrionale, nella regione del Volga e nel Kazakistan. Il motivo più frequentemente addotto per le deportazioni e le fucilazioni era il rifiuto delle collettivizzazioni forzate, l’accaparramento di derrate alimentari, il sabotaggio contro lo Stato sovietico. Fra i libri che parlano dello «Holodomor», il genocidio ucraino, oltre al «Libro nero del comunismo» di Stèphane Courtois (Mondadori), «Una via per ricominciare» di Marta Dell’Asta (La casa di Matriona) e «Reflections on the Gulag» e cura di Francesca Gori (Fondazione Feltrinelli).
    L’appello di Gabriele De Rosa e delle altre Accademie apparirà sul sito: www.libertates.org

    Corriere della Sera
    24 12 03

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    333 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito

    non ci siamo proprio,

    la carestia fu provocata dai kulaki che distrussero sementi e bestiame opponendosi a legittime disposizioni del governo sovietico.

    I comunisti....se per "comunisti" si intendono quelli dell'urss post stalianiana, stalin era il primo anticomunista, perchè qui di cattocomunisti di origine vaticana si tratta.

    Vallo a dire alla Cina, oramai la prima potenza mondiale, che ricatta usa e vaticano per l'appoggio che diedero al corrotto regime "comunista"

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Mar 2002
    Località
    estremo occidente
    Messaggi
    15,083
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il post qui sopra è di una tale stupidità negazionista che ha tutta l'aria di una provocazione (non feconda) o un'azione di disturbo alla potenziale discussione ...

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01-08-13, 01:36
  2. Cosa ci ha lasciato Monti in eredità secondo voi????pane o carestia
    Di anticomunista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 28-03-13, 18:51
  3. L’Ucraina commemora la grande carestia
    Di Salah al-Din nel forum Politica Estera
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 25-11-08, 19:22
  4. fame, morte, carestia e distruzione...
    Di Esmor nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 25-01-05, 02:14

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226