User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    Affus
    Ospite

    Predefinito Per una nuova teologia della legge naturale

    IL POTERE POLITICO DI CRISTO

    I diritti dell'uomo sono tutti iscritti nel suo cuore e non nei suoi istinti ..
    Cristo durante il suo ministero e la sua venuta rinunciò spontaneamente al potere politico su Israele e quindi su tutto il mondo perché , essendo stato rifiutato ,non gli rimaneva che l'uso della potenza se voleva regnare,ma non era questo il progetto attuale di Dio quanto quello di salvare Adamo decaduto .Il nome Gesu’ sugnifiva infatti :”salvatore”
    Se fosse venuto "con potenza" avrebbe salvato al massimo qualcuno/a, quindi scelse la via del Messia Salvatore di Israele dal peccato e di tutta l'umanità perché era quello il piano primario della Divina Provvidenza.Egli non poteva regnare e contemporaneamente scegliere la strada della croce !! Cristo è colui che rinnova il regno di Davide che è eterno , ma prima era necessario che offirisse il sacrificio espiatorio per il peccato di Adamo davanti alla giustizia divina .Era proprio Lui il re che doveva regnare ,ma Cristo non poteva regnare senza fare uso della violenza ;senza sterminare i suoi nemici ! Senza aver sparso molto sangue ! Dio non può regnare in seguito ad una elezione democratica e la rinuncia al potere politico da parte di Gesù che è la nostra salvezza;con la croce Egli ci ha salvati !!! Se il Cristo detenesse il potere politico non potrebbe non scegliere e imporre il bene con tutta la sua potenza e la sua forza ; sarebbe un suo dovere scegliere e imporre il bene comune ccosa che gia fa nel suo regno celeste ! Lì non rispetta piu nessuno democraticamente !
    Percio’ Cristo quando parla nel vangelo , non fa mai un discorso politico o di potere , se non indirettamente , perché a Lui interessa il discorso della salvezza .
    Cosa deve fare l'uomo per salvarsi dal peccato ? Solo la fede in lui che opera mediante la carità , può salvare l'uomo .Occorre che Lui regni(nel cuore) ma non ancora(politicamente),perchè ciò avverra’ nel tempo stabilito . Il regno politico di Cristo significa che deve iniziare subito a fare giustizia senza aspettare i possibili salvati della prossima generazione, ecc. Questo regno bisogna però desiderarlo e chiederlo sempre e arriverà quando Dio vorrà... "Padre nostro che sei nei cieli , venga il Tuo regno e sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra."La volontà di Dio sulla terra significa instaurare il Suo regno,che è politico e consecutivamente spirituale . Oggi qualsiasi autorita’ o potere civile che concretizza nella societa’ e sul piani civile la legge di Dio , attua concretamente il regno sul piano politico e solo su quello . Con la legge , Lui ha tentato e ha realizzato un potere politico e spirituale con Israele . La legge è ancora valida , cioè l'applicazione dei principi del diritto naturale di generazione in generazione attraverso nuove attualizzazioni , tradizioni ,secondo i costumi dei popoli e applicazione politica , secondo nuove situazioni che si ispiranoi a quel diritto naturale divino che Dio ha messo nel cuore dell'uomo e che solo a Israele rivelò per iscritto .
    Quando i Giudei gli portano davanti una prostituta che la legge divina e naturale e d'Israele condannava a morte , Cristo rifiuta di fare il giudice politico e il legislatore e fa la parte del Salvatore ; nell'incontro personale col peccatore Egli vuole salvare ; c'è la legge naturale , che è di origine divina ,che fa la sua parte , ma Lui è venuto per la salvezza del paccatore che chiede perdono , anche se la legge naturale (divina) condanna a morte.Non è Cristo che deve emettere la sentenza della legge naturale . “C’è gia’ Mose’ che vi condana “ disse ai farisei .Dio ha delegato in questo il potere politico che spesso è autonomo rispetto al potere religioso e segue e impone con la spada la legge di Mose’.

    Cristo stesso ha accettato una iniqua sentenza in ossequio a una legge divina applicata da uomini iniqui che avevano paura che Egli potesse regnare.
    Quando alla festa delle Capanne gli dicono i parenti : "perché ti vai solo nascondendo al mondo ? Se fai e dici queste cose fatti conoscere ufficialmente una buona volta ! ". Lui glissa la domanda e da una risposta apparentemente evasiva . Davanti a Pilato Gesù dice espressamente : "il mio regno non è di questo mondo ". Pilato rappresenta la legge , il potere politico , l'autorità autonoma di delega divina sul mondo e a volte in contrasto col potere spirituale di Cristo ,ma non sempre ,perchè a volte , anzi spesso, quell' autorità è garante nel bene e nel male dell'ordine naturale .
    I due poteri non sono mai in contrasto ma dovrebbero cooperare ognuno nel suo campo . Cristo, pur essendo il legittimo re della terra e dell'universo , rifiuta volontariamente e temporaneamente al potere politico e quindi al giudizio politico sul mondo per assumere il ruolo di Salvatore.Verrà alla fine dei tempi il momento.... , e spero che sia domani !
    In sintesi ; mentre la legge naturale accusa ogni essere umano e l'ira Divina grava su ogni uomo ; Cristo, sottopostosi alla condanna della legge ,innnocente , ci salva da questa legge di morte per l'uomo ,offrendo un giusto prezzo alla Giustizia Divina ,realizzando "l'uomo nuovo" su cui la legge naturale non ha potere di inquisizione.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Affus
    IL POTERE POLITICO DI CRISTO

    I diritti dell'uomo sono tutti iscritti nel suo cuore e non nei suoi istinti ..
    Cristo durante il suo ministero e la sua venuta rinunciò spontaneamente al potere politico su Israele e quindi su tutto il mondo perché , essendo stato rifiutato ,non gli rimaneva che l'uso della potenza se voleva regnare,ma non era questo il progetto attuale di Dio quanto quello di salvare Adamo decaduto .Il nome Gesu’ sugnifiva infatti :”salvatore”
    Se fosse venuto "con potenza" avrebbe salvato al massimo qualcuno/a, quindi scelse la via del Messia Salvatore di Israele dal peccato e di tutta l'umanità perché era quello il piano primario della Divina Provvidenza.Egli non poteva regnare e contemporaneamente scegliere la strada della croce !! Cristo è colui che rinnova il regno di Davide che è eterno , ma prima era necessario che offirisse il sacrificio espiatorio per il peccato di Adamo davanti alla giustizia divina .Era proprio Lui il re che doveva regnare ,ma Cristo non poteva regnare senza fare uso della violenza ;senza sterminare i suoi nemici ! Senza aver sparso molto sangue ! Dio non può regnare in seguito ad una elezione democratica e la rinuncia al potere politico da parte di Gesù che è la nostra salvezza;con la croce Egli ci ha salvati !!! Se il Cristo detenesse il potere politico non potrebbe non scegliere e imporre il bene con tutta la sua potenza e la sua forza ; sarebbe un suo dovere scegliere e imporre il bene comune ccosa che gia fa nel suo regno celeste ! Lì non rispetta piu nessuno democraticamente !
    Percio’ Cristo quando parla nel vangelo , non fa mai un discorso politico o di potere , se non indirettamente , perché a Lui interessa il discorso della salvezza .
    Cosa deve fare l'uomo per salvarsi dal peccato ? Solo la fede in lui che opera mediante la carità , può salvare l'uomo .Occorre che Lui regni(nel cuore) ma non ancora(politicamente),perchè ciò avverra’ nel tempo stabilito . Il regno politico di Cristo significa che deve iniziare subito a fare giustizia senza aspettare i possibili salvati della prossima generazione, ecc. Questo regno bisogna però desiderarlo e chiederlo sempre e arriverà quando Dio vorrà... "Padre nostro che sei nei cieli , venga il Tuo regno e sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra."La volontà di Dio sulla terra significa instaurare il Suo regno,che è politico e consecutivamente spirituale . Oggi qualsiasi autorita’ o potere civile che concretizza nella societa’ e sul piani civile la legge di Dio , attua concretamente il regno sul piano politico e solo su quello . Con la legge , Lui ha tentato e ha realizzato un potere politico e spirituale con Israele . La legge è ancora valida , cioè l'applicazione dei principi del diritto naturale di generazione in generazione attraverso nuove attualizzazioni , tradizioni ,secondo i costumi dei popoli e applicazione politica , secondo nuove situazioni che si ispiranoi a quel diritto naturale divino che Dio ha messo nel cuore dell'uomo e che solo a Israele rivelò per iscritto .
    Quando i Giudei gli portano davanti una prostituta che la legge divina e naturale e d'Israele condannava a morte , Cristo rifiuta di fare il giudice politico e il legislatore e fa la parte del Salvatore ; nell'incontro personale col peccatore Egli vuole salvare ; c'è la legge naturale , che è di origine divina ,che fa la sua parte , ma Lui è venuto per la salvezza del paccatore che chiede perdono , anche se la legge naturale (divina) condanna a morte.Non è Cristo che deve emettere la sentenza della legge naturale . “C’è gia’ Mose’ che vi condana “ disse ai farisei .Dio ha delegato in questo il potere politico che spesso è autonomo rispetto al potere religioso e segue e impone con la spada la legge di Mose’.

    Cristo stesso ha accettato una iniqua sentenza in ossequio a una legge divina applicata da uomini iniqui che avevano paura che Egli potesse regnare.
    Quando alla festa delle Capanne gli dicono i parenti : "perché ti vai solo nascondendo al mondo ? Se fai e dici queste cose fatti conoscere ufficialmente una buona volta ! ". Lui glissa la domanda e da una risposta apparentemente evasiva . Davanti a Pilato Gesù dice espressamente : "il mio regno non è di questo mondo ". Pilato rappresenta la legge , il potere politico , l'autorità autonoma di delega divina sul mondo e a volte in contrasto col potere spirituale di Cristo ,ma non sempre ,perchè a volte , anzi spesso, quell' autorità è garante nel bene e nel male dell'ordine naturale .
    I due poteri non sono mai in contrasto ma dovrebbero cooperare ognuno nel suo campo . Cristo, pur essendo il legittimo re della terra e dell'universo , rifiuta volontariamente e temporaneamente al potere politico e quindi al giudizio politico sul mondo per assumere il ruolo di Salvatore.Verrà alla fine dei tempi il momento.... , e spero che sia domani !
    In sintesi ; mentre la legge naturale accusa ogni essere umano e l'ira Divina grava su ogni uomo ; Cristo, sottopostosi alla condanna della legge ,innnocente , ci salva da questa legge di morte per l'uomo ,offrendo un giusto prezzo alla Giustizia Divina ,realizzando "l'uomo nuovo" su cui la legge naturale non ha potere di inquisizione.
    O Dio! Ma questo è uno dei tuoi tanti vaneggiamenti?
    Dio che nel Regno celeste "impone" il bene comune? Ma queste sono eresie! Dio neanche agli esseri che vivono già nel suo Regno impone ed obbliga ... l'Amore è spontaneo, perchè non si può non amare la bellezza di Dio. Persino gli Angeli sono liberi e Dio non li forza ad amarlo. Ma essi amano spontaneamente Dio di amore sincero.
    Non è un Amore di imposizione e di dittatura ... come lo vedi tu. L'Amore non è un regime ... . E' tutt'altro. Si ama in quanto si è liberi da imposizioni, poichè così si può assaporare pienamente dell'Altro, cioè di Dio, che è l'oggetto del nostro Amore qui in terra e soprattutto in cielo. E se si ama sinceramente si vuole il bene dell'Altro e si fa in tutti i modi per assecondarlo. Ciò accade nella comune esperienza umana, che non è poi così diversa da quella nei riguardi di Dio. Se si ama Dio non si può non rispettare la Sua Parola e ciò che Egli dice e fare ciò che Egli suggerisce. Questa è la verità. Non c'entra nulla la forza, la potenza, ecc. Sono solo vaneggiamenti di una mente contorta.
    Ma dove attingi queste tue curiose concezioni eretiche? A me sembra che tu ti sia costruito una teologia su misura, a misura affussiana. Ora capisco perchè sei stato moderatore per poco tempo ed il povero Antonio, al suo ritorno, trovò delle belle sorprese ... .

    Augustinus

  3. #3
    FIAT VOLUNTAS TUA
    Data Registrazione
    10 Mar 2002
    Località
    Sacro Romano Impero
    Messaggi
    3,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Augustinus

    Ma dove attingi queste tue curiose concezioni eretiche? A me sembra che tu ti sia costruito una teologia su misura, a misura affussiana. Ora capisco perchè sei stato moderatore per poco tempo ed il povero Antonio, al suo ritorno, trovò delle belle sorprese ... .

    Augustinus
    Mi pare che un Arcangelo lo dovrebbe sapere bene........... che si è liberi, anche di precipitare.

    Per quanto riguarda la moderazione, distinto Augustinus, Affus moderatore nonb lo fu mai.
    Grazie al Cielo.
    "

  4. #4
    Affus
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Augustinus
    O Dio! Ma questo è uno dei tuoi tanti vaneggiamenti?
    Dio che nel Regno celeste "impone" il bene comune? Ma queste sono eresie! Dio neanche agli esseri che vivono già nel suo Regno impone ed obbliga ... l'Amore è spontaneo, perchè non si può non amare la bellezza di Dio. Persino gli Angeli sono liberi e Dio non li forza ad amarlo. Ma essi amano spontaneamente Dio di amore sincero.
    Non è un Amore di imposizione e di dittatura ... come lo vedi tu. L'Amore non è un regime ... . E' tutt'altro. Si ama in quanto si è liberi da imposizioni, poichè così si può assaporare pienamente dell'Altro, cioè di Dio, che è l'oggetto del nostro Amore qui in terra e soprattutto in cielo. E se si ama sinceramente si vuole il bene dell'Altro e si fa in tutti i modi per assecondarlo. Ciò accade nella comune esperienza umana, che non è poi così diversa da quella nei riguardi di Dio. Se si ama Dio non si può non rispettare la Sua Parola e ciò che Egli dice e fare ciò che Egli suggerisce. Questa è la verità. Non c'entra nulla la forza, la potenza, ecc. Sono solo vaneggiamenti di una mente contorta.
    Ma dove attingi queste tue curiose concezioni eretiche? A me sembra che tu ti sia costruito una teologia su misura, a misura affussiana. Ora capisco perchè sei stato moderatore per poco tempo ed il povero Antonio, al suo ritorno, trovò delle belle sorprese ... .

    Augustinus

    Ogni potere (che viene da Dio ) impone e obbliga , quindi il cristiano e nemico del potere e dello stato , quindi è un anarchico
    naturale . Il vero cristiano è un anarchico, é questo che volevi dire ?

  5. #5
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Affus
    Ogni potere (che viene da Dio ) impone e obbliga , quindi il cristiano e nemico del potere e dello stato , quindi è un anarchico
    naturale . Il vero cristiano è un anarchico, é questo che volevi dire ?
    Mi spiace ... non hai ancora compreso.
    ritenta ... sarai più fortunato al prossimo giro ...
    Certo è curioso che una persona dice A e tu capisci B ...
    Boh ... Mistero

  6. #6
    Affus
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Augustinus
    Mi spiace ... non hai ancora compreso.
    ritenta ... sarai più fortunato al prossimo giro ...
    Certo è curioso che una persona dice A e tu capisci B ...
    Boh ... Mistero
    meno male che ti capisci solo tu , spero .

  7. #7
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Affus
    meno male che ti capisci solo tu , spero .
    Guarda che le tue celestiali dottrine le comprendi solo tu. Io sono un comune mortale. Mica sono divinamente ispirato come Vossignoria

  8. #8
    Affus
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Augustinus
    Guarda che le tue celestiali dottrine le comprendi solo tu. Io sono un comune mortale. Mica sono divinamente ispirato come Vossignoria
    preghi poco e sei troppo pieno di te stesso .

  9. #9
    Affus
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale


  10. #10
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Per una nuova teologia della legge naturale

    Originally posted by Affus
    preghi poco e sei troppo pieno di te stesso .
    Non direi ...
    Io penso piuttosto che per capirti dovrebbe istitursi un apposito corso di ... dottrine affussiane ... i normali corsi universitari non sono alla tua altezza ...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La legge naturale, fondamento della democrazia
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-10-07, 10:44
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-10-06, 16:43
  3. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-08-06, 12:42
  4. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 04-10-05, 11:03
  5. Legge Naturale
    Di Talib nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-07-05, 21:39

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226