User Tag List

Pagina 41 di 41 PrimaPrima ... 314041
Risultati da 401 a 404 di 404
  1. #401
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    4,295
     Likes dati
    63
     Like avuti
    323
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Lightbulb Re: 31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore

    31 GENNAIO 2019: SAN GIOVANNI BOSCO, CONFESSORE…



    «MISSALE ROMANUM - Die 31 Januarii. S. Joannis Bosco Confessoris»
    MISSALE ROMANUM - Die 31 Januarii. S. Joannis Bosco Confessoris
    http://www.unavoce-ve.it/mr-31jan=lat.htm


    «31 GENNAIO SAN GIOVANNI BOSCO, CONFESSORE»
    “Guéranger, L'anno liturgico - San Giovanni Bosco, Confessore”
    Guéranger, L'anno liturgico - San Giovanni Bosco, Confessore
    http://www.unavoce-ve.it/pg-31gen.htm




    http://www.donboscosanto.eu/index.php




    “Roma S. S. Pio XI benedice la folla adunata in Piazza San Pietro in occasione della canonizzazione di Don Giovanni Bosco.
    https://www.youtube.com/watch?time_c...&v=fECsYZWWOPY
    Giornale Luce B0446 del 1934. Descrizione sequenze: folla di fedeli a San Pietro; passa la banda, processione religiosa, con il ritratto di Don Bosco, corpi militari e guardie svizzere sfilano; le campane a festa; il Papa portato sulla sedia gestatoria benedice la folla; il Papa dal balcone di San Pietro benedice la folla; San Pietro illuminato a festa, di notte; Archivio Storico Luce http://www.archivioluce.com




    San Giovanni Bosco - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/san-giovanni-bosco/
    «31 gennaio, san Giovanni Bosco, Confessore (Castelnuovo d’Asti, 16 agosto 1815– Torino, 31 gennaio 1888).
    “A Torino san Giovanni Bosco, Confessore, Fondatore della Società Salesiana e dell’istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, insigne per lo zelo delle anime e la propagazione della fede, ascritto dal Papa Pio undecimo nei fasti dei Santi”.

    O glorioso Santo, voi vedete da quanti mali noi siamo afflitti ed oppressi; è incerto l’oggi, più incerto il domani, e il dolore è divenuto il compagno indivisibile della nostra esistenza. Deh, o San Giovanni Bosco, muovetevi a pietà della nostra misera condizione! Anche voi soffriste il disagio, la miseria, l’abbandono, la calunnia, la persecuzione; e fu l’esperienza del dolore che vi rese il conforto, l’aiuto di quanti ricorsero a voi. Ora che siete in Cielo, presso la Sorgente Eterna della carità, voi sentite certamente più viva compassione per le nostre sventure, ed io a voi fiducioso ricorro per ottenere la grazia di…. (esprimere…). O glorioso Santo, a voi nulla nega il Signore, perchè tanto lavoraste in terra per la sua gloria e per il suo onore; intercedete per me, impetratemi la grazia implorata se essa torna utile all’anima mia, ed ottenetemi la conformità al divino volere e la perseveranza nel bene, onde anch’io possa venire un giorno a lodare e ringraziare insieme con voi il Signore in Paradiso. Così sia.»
    http://www.sodalitium.biz/wp-content...-1-198x300.jpg






    "Sante Messe - Sodalitium."
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/

    "S. Messa in provincia di Verona - Sodalitium."
    http://www.sodalitium.biz/s-messa-provincia-verona/

    “Sodalitium - IMBC.”
    https://www.youtube.com/user/sodalitium

    “Omelie dell'I.M.B.C. a Ferrara.”
    https://www.facebook.com/OmelieIMBCFerrara/

    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/
    “Oratorio Sant'Ambrogio, Milano - Offertur Oblatio Munda (Malachia 1, 11).”





    «Don Floriano Abrahamowicz - Domus Marcel Lefebvre.
    http://www.domusmarcellefebvre.it/
    III domenica dopo l'Epifania - (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=zHEiqmjKQNk
    III dom. dopo l'Epifania
    https://www.youtube.com/watch?v=vqLfMJ2qKmo
    https://www.youtube.com/user/florianoabrahamowicz/
    http://www.domusmarcellefebvre.it/santa-messa-1.php
    La Santa Messa tutte le domeniche alle ore 10.30 a Paese, Treviso.»






    Preghiamo per la conversione di talmudisti e cabalisti (ebrei e no), infedeli ed eretici vari - in questa fine del mese di Gennaio 2019 - al Cattolicesimo, unica vera religione...
    Oggi 31 GENNAIO 2019 è la FESTA di SAN GIOVANNI BOSCO (convintissimo ed energico sostenitore dell'infallibilità papale in materia dottrinale, senza se e senza ma...combattente per la fede e critico acerrimo di ogni eresia anti-cattolica o pseudo-cattolica che nega o sminuisce il Primato Petrino!!!), il 27 GENNAIO 2019 è stata la FESTA di SAN GIOVANNI CRISOSTOMO ed il 25 GENNAIO 2019 è stata la FESTA della CONVERSIONE di SAN PAOLO, APOSTOLO DELLE GENTI...
    Che gli ebrei, gli infedeli, gli eretici vari ed i loro complici e/o servi si convertano al Cattolicesimo!!!

    Articoli su SAN GIOVANNI BOSCO da "AgereContra":



    https://www.agerecontra.it/?s=Don+Bosco
    “SAN GIOVANNI BOSCO – Don Giugni (IMBC) intervistato da Elia Menta”
    https://www.agerecontra.it/2017/01/s...da-elia-menta/
    “Giovanni Bosco, riproponiamo questa intervista a don Ugolino Giugni, effettuata da Elia Menta durante il bicentenario del Santo, a Torino: https://youtu.be/E9UmtFJamlE”
    https://www.agerecontra.it/2019/01/d...setta-valdese/
    «La Fede cattolica assalita dai Valdesi e difesa da Don Bosco» 23 giugno 2015
    https://www.agerecontra.it/2015/06/l...-da-don-bosco/
    «Don Bosco: “Dopo la venuta di Gesù Cristo gli ebrei non possono più salvarsi senza credere in Lui”» 28 gennaio 2016
    https://www.agerecontra.it/2016/01/d...redere-in-lui/
    «Don Bosco: “Dopo la venuta di Gesù Cristo gli ebrei non possono più salvarsi senza credere in Lui”» 26 luglio 2016
    https://www.agerecontra.it/2016/07/d...dere-in-lui-2/
    «Don Bosco: buono, non buonista» 6 aprile 2018
    https://www.agerecontra.it/2018/04/d...-non-buonista/
    «Nell’educazione va messo al centro l’aspetto religioso, parola di don Bosco » 26 ottobre 2018
    https://www.agerecontra.it/2018/10/n...-di-don-bosco/



    http://www.centrostudifederici.org/
    «Don Bosco e la setta valdese
    Centro studi Giuseppe Federici - Per una nuova insorgenza
    Comunicato n. 9/19 del 31 gennaio 2019, San Giovanni Bosco
    “Memorie biografiche di Don Giovanni Bosco”, Vol IV, ed. 1904 - Capo XXX.

    Apostasie - Predica sulla Verginità di Maria SS. - Zelo e carità di D. Bosco per gli ingannati dagli eretici - Dispute coi partigiani de' Valdesi e co' loro ministri - Un perfido sermone; l'aquila e la volpe - Costruzioni de' Valdesi intorno al loro tempio.»
    Memorie biografiche di Don Giovanni Bosco. Vol. IV, Ed. 1904
    Don Bosco e la setta valdese - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/w...-1-300x200.png










    https://www.facebook.com/catholictradition2016/
    «MARTIROLOGIO ROMANO, 1955 Sancti et Sanctae Dei, orate pro nobis.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...96&oe=5CF6115A





    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...49&oe=5CFDAD25






    https://stateettenetetraditiones.blo...ssore.html?m=1
    «31 GENNAIO 2019: SAN GIOVANNI BOSCO, CONFESSORE»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...23&oe=5CC171F2





    https://3.bp.blogspot.com/-0MIp9nAHk...0_18-35-19.jpg






    «NOVENA DI MEDITAZIONI IN PREPARAZIONE DELLA FESTA DELLA PURIFICAZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA SANTISSIMA (da VIA DELLA SALUTE di S. Alfonso Maria de' Liguori) Festa: 2 Febbraio.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...77&oe=5CBD0748

    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...e7&oe=5CF59817




    “MESE DI GENNAIO: MESE DEL SANTISSIMO NOME DI GESÙ
    In questo mese di Gennaio, dedicato alla devozione del Santissimo Nome di Gesù, preghiamo ogni giorno le litanie ad Esso dedicate.
    Oleum effusum Nomen tuum.
    Come olio sparso è il tuo Nome. (Cant. I, 2)”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...97&oe=5CFBB0BC










    https://www.sursumcorda.cloud/
    https://www.facebook.com/CdpSursumCorda/
    «Carlo Di Pietro - Sursum Corda.»

    “IL DOGMA DELL'INFALLIBILITÀ DELLA CHIESA E DEL ROMANO PONTEFICE
    https://www.youtube.com/watch?v=6wN3IlnkU7s
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/infallibilita.html



    "31 gennaio 1940. Or è più di un secolo, in un meschino casale del Piemonte viveva con i suoi due fratelli un fanciulletto di condizione ben modesta. Rimasto precocemente orfano di padre, egli, che doveva poi essere chiamato il padre degli orfani, non ebbe, dunque, che le cure di sua madre. Con quanta saggezza però questa semplice contadina, senza istruzione ma guidata dallo Spirito Santo, educasse il suo figlio nel senso più completo e più alto della parola, si può dire che la Chiesa stessa lo abbia riconosciuto, elevando sugli altari colui di cui oggi si celebra la festa col nome di San Giovanni Bosco. Questo umile sacerdote, divenuto più tardi una delle glorie più pure della Chiesa e dell'Italia, fu un meraviglioso educatore e perciò la sua vita offre a voi, diletti figli e figlie, futuri padri e madri di famiglia, le più utili e salutari lezioni.

    Quando Iddio affida un fanciullo a sposi cristiani, sembra quasi ripeter loro ciò che la figlia di Faraone disse alla madre del piccolo Mosé : « Prendi questo bambino e allevamelo» (Es., II, 9). I genitori nell'intenzione divina sono i primi educatori dei loro figli. Conviene tuttavia riconoscere che nelle attuali condizioni della vita sociale l'urgente preoccupazione del pane quotidiano rende loro talvolta difficile il pieno compimento di un così essenziale dovere.

    Tale era pure la situazione quando Giovanni Bosco sognava già di aiutare e al bisogno di sostituire i genitori in questo loro grave officio. Che egli fosse provvidenzialmente destinato a siffatta missione, il suo cuore glielo diceva con un'attrattiva precoce; la sua anima ne ebbe come una rivelazione in un sogno dei suoi primi anni, nel quale vide animali selvaggi mutati subitamente in agnelli mansueti, che egli conduceva docili al pascolo. Per conoscere come egli traducesse in atto questo sogno occorre ricordare l'educazione che ricevette e quella che diede; l'una è in lui congiunta con l'altra; la madre che egli ebbe spiega in gran parte il padre che egli fu per gli altri.

    Don Bosco, fondando la sua prima casa di educazione e di insegnamento, volle chiamarla «non laboratorio, ma oratorio », come egli stesso disse, perché intese di farne anzitutto un luogo di preghiera, « una piccola Chiesa ove radunare dei giovanetti ». Ma il suo ideale era pure che l'oratorio divenisse per i ragazzi, che vi avrebbe raccolti, quasi un focolare domestico. Non era forse perché «mamma Margherita» aveva fatto per lui della casetta dei Becchi una specie di oratorio? Immaginatevi colà la giovane vedova con í tre fanciulli inginocchiati per l'orazione della mattina e della sera; vedeteli simili a piccoli angeli, nei loro abiti festivi che ella ha con ogni cura cavati dall'armadio, recarsi nella borgata di Murialdo per assistere alla Santa Messa. Nel pomeriggio, dopo la refezione frugale in cui la sola pasta dolce era un pezzo di pane benedetto, eccoli riuniti intorno a lei. Ella ricorda loro i comandamenti di Dio e della Chiesa; le grandi lezioni del catechismo, i mezzi di salute; poi racconta, con la delicata poesia delle anime pure e delle immaginazioni popolari, la tragica storia del dolce Abele e del cattivo Caino, l'idillio di Isacco e di Rebecca, il mistero ineffabile di Betlemme, la dolorosa morte del buon Gesù messo in Croce sul Calvario; chi può misurare l'influenza profonda dei primi insegnamenti materni? Ad essi Don Bosco, divenuto sacerdote, attribuiva la sua tenera e fiduciosa devozione verso Maria Santissima e l'Ostia divina, che un altro sogno gli mostrò più tardi come le due colonne alle quali le anime dei suoi alunni sbattuti come fragili navi nel mare tempestoso del mondo dovevano fortemente ancorarsi per trovare la salvezza e la pace.

    La Religione è dunque il primo fondamento di una buona educazione. Ma ad essa Don Bosco voleva associata la ragione, la ragione illuminata dalla Fede; questa vera ragione, come indica l'origine stessa della parola latina ratio, consiste soprattutto nella misura e nella saggezza, nell'equilibrio e nell'equità. Sarebbe, per esempio, coerente il voler correggere in un fanciullo i difetti nei quali si incorre ogni giorno davanti a. lui? Il volerlo sottomesso e ubbidiente se in sua presenza si criticano i capi, i superiori ecclesiastici o civili, se si disubbidisce alle ordinazioni di Dio o alle giuste leggi dello Stato? Sarebbe ragionevole di volere che i vostri figli siano leali, se voi siete maliziosi; sinceri, se voi siete mentitori; generosi, se siete voi egoisti; caritatevoli, se voi siete avari; dolci e pazienti, se voi siete violenti e collerici?

    La migliore lezione è sempre quella dell'esempio. Al casale dei Becchi la « mamma Margherita » non faceva troppe esortazioni al lavoro. Ma, poiché era scomparso il capo della famiglia, la coraggiosa vedova metteva essa stessa mano all'aratro, alla falce, alla correggia e col suo esempio — si legge — stancava gli stessi uomini di fatica, presi alla giornata nel tempo della mietitura e della trebbiatura. Formato a questa scuola, il piccolo Giovanni, all'età di quattro anni, prendeva già parte all'opera comune, sfilacciando i fusti di canapa, e, divenuto anziano, consacrava tutto il tempo al lavoro, dando soltanto cinque ore al sonno ed anzi vegliando un'intera notte ogni settimana. In ciò, bisogna confessarlo, egli oltrepassava i giusti limiti della ragione umana. Ma la ragione soprannaturale dei Santi ammette, senza imporli agli altri, questi eccessi di generosità, perché la loro saggezza è ispirata dall'insaziabile desiderio di piacere a Dio e il loro ardore è stimolato da una filiale tema di dispiacergli e da una vivissima brama di bene.

    Dispiacere ad un padre o ad una madre: supremo dolore di un fanciullo ben educato! Ecco ciò che Giovanni Bosco aveva pure provato nel suo focolare domestico, ove un leggero segno, uno sguardo attristato della madre bastavano a farlo pentire di un primo movimento di gelosia infantile. Perciò egli voleva che l'educatore adoperasse come principale mezzo di azione una sollecitudine costante, animata da una tenerezza veramente paterna. Anche i genitori debbono dunque dare ai figli il miglior tempo a loro disposizione, invece di dissiparlo lungi da essi in distrazioni pericolose o in luoghi ove arrossirebbero di condurli.

    Con questo amore diretto dalla ragione e con questa ragione illuminata dallo spirito di fede, la educazione familiare non sarà soggetta a quei deplorevoli sbalzi che troppo spesso la compromettono: alternative di una indulgente debolezza e di una burbera severità : passaggi da una condiscendenza colpevole, che lascia il fanciullo senza guida, ad una correzione violenta, che lo lascia senza soccorso. Invece la tenerezza sperimentata di un padre o di una madre, alla quale corrisponda la confidenza filiale, distribuisce con eguale moderazione, perché è padrona di se stessa, e con eguale successo, perché possiede il cuore dei suoi figli, gli elogi meritati ed i biasimi necessari.

    « Cerca di farti amare — diceva San Giovanni Bosco — ed allora ti farai ubbidire con tutta facilità ». Possiate anche voi, o sposi novelli, futuri padri e madri di famiglia, riprodurre nelle vostre case qualche cosa di questo santo ideale!

    Dopo tale augurio il Santo Padre annunciava la Sua Apostolica Benedizione, ma prima, rivolgendosi alle Figlie di Maria, così continuava :

    Vediamo i bianchi veli di un numeroso gruppo di Figlie di Maria della parrocchia di Santa Maria in Aquiro. Se il Santo di oggi Ci ha condotti col suo esempio e con i suoi insegnamenti verso i novelli sposi, come non potrebbe guidarci anche, almeno per brevi istanti, a queste anime specialmente consacrate alla divozione ed al servigio di Maria, alla cui bontà egli attribuiva quanto di bene aveva potuto e poteva fare? E se il mondo intiero invoca questa Madre Divina come « Ausilio dei cristiani », se i Figli e le Figlie di San Giovanni Bosco sono posti sotto il particolare patrocinio di Maria Ausiliatrice, come si potrebbe dimenticare che questa nostra Roma ha tante volte sperimentato la protezione della potente Regina, che ama di essere chiamata « Salus populi Romani »?

    Istruite e formate a virtù dall'assidua predicazione e direzione di zelanti Prelati a Noi così vicini, continuate, o dilette figlie, a camminare nei sentieri del giardino di Maria Immacolata. Coltivate in esso i fiori più delicati e più fragranti : i gigli della purezza, le viole dell'umiltà, le rose di una carità generosa ed attiva, protette dalle spine di una modestia sempre sveglia, di iena franca rinuncia alle frivolezze mondane e fatte rigogliose dal calore vivificante di una fede coraggiosa e forte, per cui la fedeltà ai divini precetti vale più che i successi terreni e i piaceri della vita. E poiché la vostra consacrazione a Maria vi dà un titolo speciale per essere da Lei esaudite, imploratela in questi torbidi giorni affinché gli uomini, le cui anime sono state tutte redente dal sangue prezioso del suo Figlio Divino, riconoscano i doveri dell'amore e della fratellanza cristiana e ritrovino, con un sincero ritorno al Vangelo, la via regale della tranquillità e dell'ordine in un desiderio infinito di pace.
    Educatori di anime
    PIO XII
    UDIENZA GENERALE"



    “Eterno Padre, pel Nome di Gesù fateci questa grazia. Eterno Padre, pel Cuore di Gesù Misericordia. Eterno Padre, pel Nome di Gesù Misericordia, grazia e perdono.”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...c9&oe=5CEDD3E0










    https://www.radiospada.org/
    http://edizioniradiospada.com
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/
    «31 GENNAIO 2019: SAN GIOVANNI BOSCO, CONFESSORE»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...df&oe=5CBB7B78





    https://www.radiospada.org/tag/san-giovanni-bosco/
    «31/1: Preghiera a Gesù Sacramentato per ottenere grazie coll’intercessione di San Giovanni Bosco
    https://www.radiospada.org/2017/01/3...iovanni-bosco/
    Preghiera a Gesù Sacramentato per ottenere grazie coll’intercessione di San Giovanni Bosco

    O Divin Gesù, che ponete le Vostre compiacenze nel dimorare tra i figli degli uomini e nell’essere loro cibo spirituale, per i meriti di Santo Don Bosco, che zelò tanto in mezzo alla gioventù ed al popolo cristiano l’amore e la frequente unione a Voi, Sacramento, accordatemi la grazia che umilmente imploro con tutto il fervore dell’animo mio.
    E Voi, oh San Giovanni Bosco, con la vostra benigna intercessione, avvalorate presso Gesù le mie preghiere acciò venga esaudito.
    Pater, Ave, Gloria, con giaculatoria “Sia lodato e ringraziato in ogni momento il Santissimo e Divinissimo Sacramento”.
    +IMPRIMATUR in Curia Arch. Mediolani 8 Augusti 1934»
    https://i2.wp.com/www.radiospada.org...ng?w=574&ssl=1






    “Vita e miracoli di Don Bosco
    Dalla Decretale “Geminata Laetitia” di Sua Santità Pio XI, data il primo Aprile 1934, domenica della Risurrezione di N. S. Gesù Cristo, con la quale si proclama Santo don Giovanni Bosco
    https://www.radiospada.org/2019/01/v...-di-don-bosco/

    […] Egli nacque in Murialdo, piccolo borgo campestre, e propriamente nella frazione detta volgarmente dei Becchi, vicino a Castelnuovo di Asti, il 16 agosto 1815 da Francesco e Margherita Occhiena di condizione contadini, ma di esimia pietà e ottimi costumi. […]
    Sullo scorcio dell’anno del Signore 1887 cadde gravemente malato, e per quaranta giorni con molta pazienza e rassegnazione alla divina volontà, col volto sempre sereno e sorridente com’era suo costume, sopportò i dolori e gl’incomodi della sua malattia, e finalmente tra le lacrime di tutti i Superiori della sua Società e degli allievi più anziani che l’assistevano, dopo aver dato consigli pieni di sapienza, e ricevuti piissimamente gli estremi Sacramenti della Chiesa, sull’alba del 31 gennaio 1888 con placidissima morte se ne volò alla patria celeste. Il cadavere, vestito dei sacri paramenti, fu esposto nella chiesa di San Francesco di Sales; immenso fu l’accorrere del popolo a visitare la salma, e al solenne accompagnamento funebre, cui presero parte Vescovi, canonici, parroci, e moltissimi sacerdoti giunti anche da lontani paesi, ed una moltitudine di fedeli ascendente a circa seimila persone, mentre lungo il tragitto assistevano oltre centomila persone tra cui molte intervenute da altre città d’Italia, dalla Francia e dalla Svizzera, talmente che, più che un funerale, sembrò un vero trionfo o la traslazione delle reliquie di un Santo. Celebrate le esequie nel tempio di Maria Ausiliatrice, le sacre spoglie, per concessione delle Autorità civili furono trasportate al Seminario delle Missioni che prima il Servo di Dio aveva aperto in Val Salice presso Torino, ed ivi accolte con solenne pompa ed onorificamente deposte.
    La fama di santità che giustamente si era meritato in vita, crescendo di giorno in giorno, moltissimi intrapresero a frequentare il sepolcro del Padre e fondatore, sia per onorarlo, sia in adempimento di voti, sia per invocarne l’aiuto presso Dio; e correndo la voce che non pochi miracoli fossero operati da Dio ad intercessione del suo Servo, nell’animo di tutti sorse fervente il desiderio che Giovanni Bosco fosse da questa Apostolica Sede posto nel novero dei Santi. E così appena dopo due anni dalla sua morte, anche ad istanza di uomini eletti per ingegno, virtù, e dignità ricoperte, si incominciò a trattare presso la Sacra Congregazione dei Riti, per la introduzione della Causa della sua Beatificazione e Canonizzazione, e terminato presso la Curia ecclesiastica di Torino con l’ordinaria autorità il così detto processo informativo sulla fama di santità della vita, delle virtù e dei miracoli dello stesso Servo di Dio, ed esaminato accuratamente dalla stessa Sacra Congregazione, il Nostro Predecessore Pio X di s. m. firmò la Commissione dell’Introduzione della Causa il 24 luglio del 1907. In seguito, compiuti, secondo le norme canoniche i processi Apostolici, Noi stessi il 20 febbraio 1927 con solenne decreto sancimmo che il Venerabile Servo di Dio Giovanni Bosco aveva esercitato in grado eroico le virtù teologali e cardinali.
    Quindi si trattò di due miracoli operati da Dio ad intercessione dello stesso suo Servo, ed essendosi in ogni cosa proceduto a norma del diritto vigente, il 19 marzo 1929 Noi stessi solennemente decretammo: « Constare dell’istantanea e perfetta guarigione di Suor Provina Negro da ulcera rotonda allo stomaco », nonché della «istantanea e perfetta guarigione di Teresa Callegari da poliartrite acuta post-infettiva e da altre lesioni che avevano ridotto l’inferma allo stato di marasma». Pubblicato poi il 21 aprile dello stesso anno il cosiddetto decreto del “Tuto”, con Nostra lettera Apostolica in data 2 giugno decretammo gli onori dei Beati allo stesso Venerabile Giovanni Bosco, e nello stesso giorno con ingente concorso di popolo e col plauso di tutto l’orbe cattolico ebbe luogo nella Basilica Vaticana la solenne Beatificazione.
    L’anno seguente, crescendo ognor più il fervore e la devozione dei fedeli verso il nuovo Beato, e correndo la fama che Iddio benignissimo con nuovi miracoli si era degnato confermarne ed aumentarne la gloria, fu ripresa la Causa per la canonizzazione dello stesso Beato: e il 18 giugno, dal Nostro diletto figlio Francesco Tomasetti, diligentissimo Procuratore e Postulatore Generale della Pia Società di San Francesco di Sales, furono proposte due guarigioni miracolose, che sarebbero state operate da Dio Onnipotente ad intercessione del Beato Giovanni Bosco, l’una a Rimini e l’altra a Innsbruck, intorno alle quali si istruirono i processi apostolici. Ma all’inizio dell’esame, essendosi per giusti motivi messa da parte la guarigione avvenuta a Innsbruck, si instituì il processo sopra un’altra guarigione miracolosa che, ad intercessione dello stesso Beato, si diceva Iddio avesse operato nella città di Torino.
    La prima guarigione sarebbe così avvenuta: La signora Anna Maccolini nell’ottobre del 1930 fu colpita da bronco-polmonite influenzale che durò sino al febbraio dell’anno seguente. Verso la metà del dicembre dello stesso anno 1930 a detta malattia si aggiunse una flebite alla gamba ed alla coscia sinistra, la quale invase l’intiero arto sì da gonfiarlo oltre il doppio e immobilizzarlo. Ora la flebite, già grave nei giovani, nei vecchi riesce molto più grave per il pericolo della cancrena proveniente da arteriosclerosi. Pertanto i due medici curanti, d’accordo nella diagnosi, considerata l’età dell’inferma, che saliva a 74 anni e specialmente l’affezione influenzale, emisero prognosi quasi certamente infausta per la vita stessa dell’inferma. Che poi sia impossibile la guarigione istantanea della flebite è dottrina comune presso tutti i medici. Ed ecco che la signora Anna, una notte, sul finire dello stesso anno, dopo aver fatto un triduo al Beato Giovanni Bosco ed aver posto sull’arto una reliquia del medesimo, all’istante si trovò perfettamente guarita dalla flebite, senza più alcun dolore e senza gonfiezza all’arto, tornato libero e naturale il movimento e libera la flessione. Oltre i medici curanti, altri che, quali periti, più volte esaminarono la signora dopo parecchi mesi, attestarono della perfetta guarigione; così pure altri tre periti scelti dalla Sacra Congregazione dei Riti all’unanimità convennero nella diagnosi, nella prognosi, e nel riconoscere la guarigione come miracolosa.
    La seconda guarigione, che, come s’è detto sopra, ebbe luogo in Torino, così sarebbe avvenuta. La signora Caterina Lanfranchi, moglie di Alessandro Pilenga, soffriva di diatesi artritica. L’artrite l’aveva colpita specialmente alle ginocchia e ai piedi con lesioni organiche, e per di più in forma gravissima riguardo alla funzione degli arti, sebbene senza pericolo per la vita. Riuscite vane tutte le cure, incominciate fin dal 1903, per ben due volte peregrinò a Lourdes, ma non avendo ottenuta la guarigione dalla Beata Vergine nemmeno nel secondo pellegrinaggio compiuto ai primi del maggio 1931, prima di ripartire da Lourdes, così pregò Maria Santissima: « Poiché qui a Lourdes non ho ottenuto la guarigione, concedetemi almeno per la devozione che nutro verso il Beato Giovanni Bosco che egli me la possa ottenere in Torino ». Di ritorno dalla Francia, trovandosi ella nelle stesse condizioni, il 6 maggio si recò alla Basilica di Maria Ausiliatrice in Torino; coll’aiuto della sorella e del vetturino discende dalla carrozza, entra nel tempio e si siede a pregare avanti all’urna ov’è il corpo del Beato Giovanni. Poco dopo per circa venti minuti rimane genuflessa. Sorge, va all’Altare della Beata Vergine e nuovamente s’inginocchia. Allora, come tornando in sé, si accorge d’essere guarita; senza alcuno aiuto, da quel momento, cammina liberamente tra lo stupore dei presenti, che la sapevano impedita di camminare; sale e discende la carrozza e le scale senza alcun impedimento. La guarigione da allora perdurò, come attestarono tre periti; i medici curanti poi, i testimoni ed i periti nominati d’ufficio dalla Sacra Congregazione dei Riti, unanimi attestarono il miracolo.
    D’ambedue le guarigioni si discusse accuratamente secondo le norme del diritto, e finalmente Noi il 19 novembre dell’anno ora decorso, solennemente dichiarammo: «Constare dei due miracoli operati da Dio ad intercessione del Beato Giovanni Bosco, e cioè: della guarigione perfetta ed istantanea sia di Anna Maccolini da grave flebite all’arto sinistro, sia di Caterina Pilenga nata Lanfranchi, da grave artrite cronica alle ginocchia ed ai piedi». Un’ultima cosa rimaneva da discutere, cioè se, data l’approvazione dei due miracoli, operati dopo la venerazione concessa dalla Sede Apostolica allo stesso Beato, si potesse procedere con sicurezza [tutto, secondo la formula d’uso] alla sua solenne Canonizzazione. Il quale dubbio, discusso secondo le regole, Noi, già avuto in precedenza l’unanime voto favorevole sia dei Nostri venerabili Fratelli Cardinali, sia dei diletti figli, ufficiali, prelati e consultori della Sacra Congregazione dei Riti, il 3 dicembre dello stesso anno solennemente dichiarammo «potersi sicuramente procedere alla canonizzazione del Beato Giovanni Bosco».
    […] Decretammo pertanto che il solenne rito della Canonizzazione degli stessi Beati si celebrasse con la dovuta pompa e grandiosità nella Basilica Vaticana. Quanto poi al Beato Giovanni Bosco, per la sua iscrizione al catalogo dei Santi scegliemmo questo giorno cioè il primo del mese di aprile, solennità della Risurrezione di Nostro Signor Gesù Cristo. Ed al fine di compiere ciò in maniera fausta e felice, tutti i presenti caldamente esortammo nel Signore a conciliarCi con le preghiere l’aiuto celeste e, secondo l’uso, invitammo i Nostri diletti figli Protonotari Apostolici presenti di stendere pubblico strumento dei fatti compiuti. Venuto il designato giorno auspicatissimo, tutti gli ordini del clero sia secolare che regolare, moltissimi prelati ed ufficiali della Curia Romana, Abbati, Vescovi, Arcivescovi, Patriarchi e venerabili Nostri fratelli Cardinali di Santa Romana Chiesa si portarono nella Basilica di San Pietro, adornata sontuosamente e già stipata da una folla immensa di fedeli accorsi da tutte le nazioni del mondo, ed in essa anche Noi con solenne pompa facemmo il Nostro ingresso. Indi, adorato devotamente l’Augustissimo Sacramento, salimmo alla Nostra Cattedra e su di essa sedemmo. Allora il diletto Nostro Figlio Camillo Cardinale Laurenti, Prefetto della Sacra Congregazione dei Riti e Procuratore di questa Canonizzazione, perorando il diletto figlio Giovanni Guasco, Avvocato dell’Aula Concistoriale, instantemente domandò che Ci degnassimo di elevare ai sommi onori celesti il Beato Giovanni Bosco: il che, ripetuto dallo stesso Cardinale, e dallo stesso avvocato una seconda ed una terza volta, e cioè, come dicesi, instantius, e poi instantissime, interposta, prima di esporre l’oracolo Nostro, la supplicazione alla Corte celeste, e devotissimamente implorato il lume del Superno Spirito, Noi, Vicario di Gesù Cristo e supremo Maestro della Chiesa Cattolica, proferimmo solennemente questa Nostra tanto desiderata sentenza: «Ad onore della Santa ed Individua Trinità, ad esaltazione delle fede cattolica e ad incremento della cristiana religione, con l’autorità di Gesù Cristo, Signore Nostro, dei Beati Apostoli Pietro e Paolo, e Nostra, premessa matura deliberazione e implorato più volte l’aiuto divino, e col consiglio dei Nostri venerabili fratelli Cardinali di Santa Romana Chiesa, dei Patriarchi, degli Arcivescovi e dei Vescovi presenti nell’Urbe, decretiamo che il Beato Giovanni Bosco è santo, e lo ascriviamo nel catalogo dei Santi, stabilendo che la sua memoria ogni anno debba essere celebrata con pia devozione dalla Chiesa Universale nel giorno del suo natale, cioè 31 gennaio, tra i Santi Confessori non Pontefici. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo». […]”
    https://i0.wp.com/www.radiospada.org...7%2C1360&ssl=1






    “[DIFUNDE TU FE CATOLICA] SAN JUAN BOSCO, Padre y Maestro de la Juventud”
    https://www.radiospada.org/2019/01/d...e-la-juventud/
    https://i1.wp.com/www.radiospada.org...pg?w=508&ssl=1





    https://i0.wp.com/www.radiospada.org...pg?w=588&ssl=1






    «In memoria di Guy Fawkes impiccato e squartato il 31 gennaio 1606:

    “[…] Un principe o un'assemblea che pretendano regolare i costumi di un paese contro Dio, hanno solo il diritto alla rivolta e al disprezzo di ogni uomo ragionevole e dare il nome sacro di legge alle loro tiranniche elucubrazioni è indegna profanazione del cristiano e degli uomini liberi.
    (dom Prosper Guéranger, L'anno liturgico. - II. Tempo Pasquale e dopo la Pentecoste, trad. it. L. Roberti, P. Graziani e P. Suffia, Alba, 1959, p. 525-530)”.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...48&oe=5CF47D6D










    Ligue Saint Amédée
    http://liguesaintamedee.ch/
    https://www.facebook.com/SaintAmedee/
    «Intransigeants sur la doctrine ; charitables dans l'évangélisation [Non Una Cum].»
    “Mieux vaut une petite œuvre dans la Vérité, qu’une grande dans l’erreur.”

    “SS le Pape Pie XI bénit la foule à l'occasion de la canonisation de Saint Jean Bosco
    https://www.youtube.com/watch?time_c...&v=fECsYZWWOPY

    “31 janvier : Saint Jean Bosco, Prêtre, confesseur, fondateur des Salésiens (1815-1888)”
    http://liguesaintamedee.ch/saint-du-...int-jean-bosco
    http://liguesaintamedee.ch/applicati...on_bosco_2.png








    Lodato sempre sia il Santissimo nome di Gesù, Giuseppe e Maria!!!
    Christus vincit! Christus regnat! Christus imperat!
    Luca, Sursum Corda – Habemus Ad Dominum!!!
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

  2. #402
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    4,295
     Likes dati
    63
     Like avuti
    323
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Lightbulb Re: 31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore

    1° GENNAIO 2020: OTTAVA DEL SANTO NATALE E CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO…



    «1° GENNAIO CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE E OTTAVA DI NATALE»
    Guéranger, L'anno liturgico - Circoncisione di Nostro Signore e l'ottava di Natale
    http://www.unavoce-ve.it/pg-natale-ottava.htm




    "Gennaio, mese dedicato al Santissimo Nome di Gesù"
    https://www.radiospada.org/2019/01/g...-nome-di-gesu/




    https://forum.termometropolitico.it/...l-signore.html
    https://forum.termometropolitico.it/...signore-3.html
    “1° gennaio - Ottava di Natale - Circoncisione del Signore
    Martirologio tradizionale (1° gennaio): Ottava della Natività di nostro Signore Gesù Cristo.
    Circoncisione dello stesso Signor nostro Gesù Cristo.”

    31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore
    31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore
    “31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore”






    https://www.facebook.com/catholictradition2016/
    «MARTIROLOGIO ROMANO, 1955 Sancti et Sanctae Dei, orate pro nobis».








    «CATECHISMO MAGGIORE DI SAN PIO X
    Della Circoncisione del Signore.


    12 D. Che festa è la Circoncisione del Signore?
    R. La Circoncisione del Signore è la festa istituita per celebrare la memoria del sangue sparso da Gesù Cristo nei primi giorni della sua vita.

    13 D. Che cosa era la circoncisione nella legge antica?
    R. La circoncisione nella legge antica era un rito istituito dal Signore, per contrassegnare coloro che appartenevano al popolo di Dio, e per distinguerli dalle genti infedeli.

    14 D. Gesù Cristo era anch'Egli soggetto alla legge della circoncisione?
    R. Gesù Cristo certamente non era soggetto alla legge della circoncisione, perché era fatta per i servi e per i peccatori; e Gesù Cristo era vero Figliuolo di Dio e autore della legge, ed era la medesima santità.

    15 D. Perché Gesù Cristo ha voluto essere circonciso senza esservi obbligato?
    R. Gesù Cristo ha voluto essere circonciso senza esservi obbligato, perché essendosi per amore addossato i nostri peccati, volle portarne le pene e cominciare a lavarli col sangue fino dai primi giorni della sua vita.

    16 D. Che altro avvenne quando Gesù Cristo fu circonciso?
    R. Quando Gesù Cristo fu circonciso gli venne imposto il nome di Gesù, come già l'Angelo aveva ordinato per parte di Dio alla santissima Vergine e a san Giuseppe.

    17 D. Che cosa significa il nome di Gesù?
    R. Il nome di Gesù significa Salvatore; e si diede al Figliuolo di Dio, perché veniva a salvarci e a liberarci dai nostri peccati.

    18 D. Si deve avere grande rispetto pel nome di Gesù?
    R. Pel nome di Gesù si deve avere grandissimo rispetto, perché questo rappresenta il nostro divin Redentore che ci ha riconciliati con Dio, e ci ha meritato alla vita eterna.

    19 D. Che cosa dobbiamo fare per celebrare la festa della Circoncisione secondo la mente della Chiesa?
    R. Per celebrare la festa della Circoncisione secondo la mente della Chiesa dobbiamo fare quattro cose:
    1. adorare Gesù Cristo, ringraziarlo ed amarlo;
    2. invocare con viva fede e con rispetto il suo santissimo Nome, e porre in esso tutta la nostra confidenza;
    3. praticare la circoncisione spirituale, che consiste nel togliere dal cuore il peccato e ogni affetto disordinato;
    4. consacrare a Dio tutto l'anno che incomincia, e pregarlo a darci grazia di passarlo nel suo divino servizio.

    Mirábile mystérium * declarátur hódie: innovántur natúræ, Deus homo factus est: id quod fuit permánsit, et quod non erat assúmpsit; non commixtiónem passus, neque divisiónem. - Un mirabile mistero * si manifesta quest'oggi: le due nature s'uniscono con nuovo prodigio, Dio s'è fatto uomo: rimanendo quello ch'era, ha assunto quel che non era; senza soffrire né mescolanza né divisione.»








    «CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO E OTTAVA DEL SUO NATALE
    Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo e Ottava del suo Natale
    Stazione a Santa Maria in Trastevere.
    Doppio di II classe.
    Paramenti bianchi.

    La Sacra Liturgia della Santa Chiesa celebra oggi tre feste.
    La prima festa è quella che gli antichi sacramentari chiamano «nell'Ottava del Signore». Nostro Signore Gesù Cristo è nato da otto giorni. Così la Santa Messa ha numerosi riferimenti a quelle di Natale.
    La seconda festa ci ricorda che, dopo Dio, noi dobbiamo Nostro Signore Gesù Cristo a Maria Santissima. Così un tempo si celebrava in questo giorno una seconda Santa Messa in onore della Madre di Dio nella Basilica di Santa Maria Maggiore. Ne è rimasta una traccia nell'Oratio, nella Secreta e nel Postcommunio, che sono presi dalla Santa Messa votiva della Santissima Vergine, e nei Salmi dei Vespri, tolti dal suo Officio.
    La terza festa, infine, è quella della Circoncisione, che si celebra dal VI secolo. Mosè imponeva questo rito purificatore a tutti i bambini Israeliti, l'ottavo giorno dalla loro nascita (Evangelium). È una figura del Battesimo per il quale l'uomo è circonciso spiritualmente.
    «Tu vedi, dice Sant'Ambrogio, che tutta la legge antica è stata la figura di quello che doveva venire; infatti anche la circoncisione significa espiazione dei peccati. Colui che è spiritualmente circonciso con la correzione dei suoi vizi, è giudicato degno dello sguardo del Signore» (III Notturno del Mattutino). Così, ponendoci davanti la volontà del Salvatore Bambino che si piega ai disegni del Padre Celeste e inizia l'opera della redenzione del genere umano versando le prime gocce del suo Preziosissimo Sangue, la Santa Chiesa insiste sul pensiero della correzione di quello che è in noi. «Gesù Cristo ha dato se stesso per riscattarci da ogni iniquità e purificarci» (Epistola). «Degnati, Signore, con questi celesti misteri, di purificarci» (Secreta). «Fa', o Signore, che questa Comunione ci purifichi dei nostri peccati» (Postcommunio).
    La Stazione oggi ha luogo a Santa Maria in Trastevere, la più antica chiesa Romana dedicata da Papa San Callisto I (217-222) alla Vergine Madre di Dio.

    Sermone di San Leone, Papa.
    Sermone 7 sulla Natività del Signore.
    Onora veramente e celebra piamente la festa odierna, o dilettissimi, colui il quale si guarda da ogni errore circa l'Incarnazione del Signore e da ogni pensiero indegno della Divinità. Si commette infatti lo stesso errore e si corre lo stesso pericolo o negandogli una natura simile alla nostra, o non riconoscendogli una gloria uguale a quella del Padre. Quando dunque cerchiamo d'intendere il mistero della nascita di Cristo, che nacque da una Madre vergine, allontaniamo da noi le tenebre dei ragionamenti terreni, e il fumo della sapienza mondana si ritiri dall'occhio illuminato dalla fede.
    Infatti è sull'autorità divina che poggia la nostra fede; divina è la dottrina che professiamo. Dacché sia che porgiamo l'orecchio dell'anima nostra alla testimonianza della legge, o agli oracoli dei profeti, o alla predicazione del Vangelo, è vero quello che Giovanni, pieno di Spirito Santo, proclamò: Nel principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Esso nel principio era presso Dio. Tutte le cose sono state fatte per mezzo di Lui, e nulla è stato fatto senza di Lui (Joann 1:1). Ed è egualmente vero ciò che lo stesso evangelista aggiunse: E il Verbo si è fatto uomo e abitò tra noi: e ne abbiamo visto la gloria, quella gloria propria dell'Unigenito del Padre (Joann 1:14).
    Nell'una e nell'altra natura è dunque lo stesso Figlio di Dio che prende ciò ch'è nostro, senza perdere ciò che gli è proprio: che rinnova l'uomo nell'uomo rimanendo in se stesso immutabile. Dacché la divinità, che gli è comune col Padre, non perdé nulla della sua onnipotenza, e la natura di servo non disonorò in lui la natura di Dio: perché l'essenza somma ed eterna che si abbassò per la salute del genere umano, innalzò sì noi alla sua gloria, ma non cessò d'essere quello che era. Quindi quando l'Unigenito di Dio si confessa inferiore al Padre, cui si dice uguale, mostra che egli ha veramente l'una e l'altra natura: perché per l'inegualità prova che ha la natura umana, e per l'egualità dichiara di possedere la natura divina.

    INTROITUS
    Is 9:6. Puer natus est nobis, et fílius datus est nobis: cujus impérium super húmerum ejus: et vocábitur nomen ejus magni consílii Angelus. Ps 97:1. Cantáte Dómino cánticum novum, quia mirabília fecit. ℣. Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto. ℞. Sicut erat in princípio, et nunc, et semper, et in saecula saeculórum. Amen. Puer natus est nobis, et fílius datus est nobis: cujus impérium super húmerum ejus: et vocábitur nomen ejus magni consílii Angelus.

    Is 9:6. Ci è nato un Bambino e ci è stato dato un Figlio, il cui impero poggia sugli òmeri suoi: il suo nome sarà Angelo del buon consiglio. Ps 97:1. Cantate al Signore un cantico nuovo: poiché ha fatto cose mirabili. ℣. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. ℞. Come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Ci è nato un Bambino e ci è stato dato un Figlio, il cui impero poggia sugli òmeri suoi: il suo nome sarà Angelo del buon consiglio.

    Gloria

    ORATIO
    Orémus.
    Deus, qui salútis aetérnae, beátae Maríae virginitáte fecúnda, humáno géneri praemia praestitísti: tríbue, quaesumus; ut ipsam pro nobis intercédere sentiámus, per quam merúimus auctórem vitae suscípere, Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: Qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus per omnia saecula saeculorum. Amen.

    Preghiamo.
    O Dio, che mediante la feconda verginità della beata Maria, hai conferito al genere umano il beneficio dell'eterna salvezza: concedici, Te ne preghiamo: di sperimentare in nostro favore l'intercessione di Colei per mezzo della quale ci fu dato di ricevere l'autore della vita: il Signor nostro Gesù Cristo, tuo Figliuolo: Lui che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

    LECTIO
    Léctio Epístolae Beati Pauli Apóstoli ad Titum.
    Tit 2:11-15.
    Caríssime: Appáruit grátia Dei Salvatóris nostri ómnibus homínibus, erúdiens nos, ut, abnegántes impietátem et saeculária desidéria, sóbrie et juste et pie vivámus in hoc saeculo, exspectántes beátam spem et advéntum glóriae magni Dei et Salvatóris nostri Jesu Christi: qui dedit semetípsum pro nobis: ut nos redímeret ab omni iniquitáte, et mundáret sibi pópulum acceptábilem, sectatórem bonórum óperum. Haec lóquere et exhortáre: in Christo Jesu, Dómino nostro.

    Lettura dell'Epistola del Beato Paolo Apostolo a Tito.
    Tit 2:11-15.
    Carissimo, la grazia di Dio, Salvatore nostro, si è manifestata per tutti gli uomini e ci ha insegnato a rinnegare l'empietà e le mondane cupidigie, e a vivere in questo mondo con temperanza, giustizia e pietà, aspettando la lieta speranza e la manifestazione gloriosa del nostro grande Iddio e Salvatore nostro Gesù Cristo. Egli ha dato se stesso per noi, a fine di riscattarci da ogni iniquità, e purificare per sé un popolo suo proprio, zelante per buone opere. Insegna queste cose e raccomandale: in nome del Cristo Gesù, Signore nostro.

    GRADUALE
    Ps 97.3; 97:2. Vidérunt omnes fines terrae salutare Dei nostri: jubiláte Deo, omnis terra. ℣. Notum fecit Dominus salutare suum: ante conspéctum géntium revelávit justitiam suam.

    Ps 97.3; 97:2. Tutti i confini della terra videro la salvezza del nostro Dio: tutta la terra acclami a Dio. ℣. Il Signore ci fece conoscere la sua salvezza: agli occhi delle genti rivelò la sua giustizia.

    ALLELUJA
    Allelúja, allelúja. Hebr 1:1-2. ℣. Multifárie olim Deus loquens pátribus in Prophétis, novíssime diébus istis locútus est nobis in Fílio. Allelúja.

    Alleluia, alleluia. Hebr 1:1-2. ℣. Un tempo Iddio parlò in molti modi ai nostri padri per mezzo dei profeti, ultimamente in questi giorni ha parlato a noi per mezzo del Figlio. Alleluia.

    EVANGELIUM
    Sequéntia ✠ sancti Evangélii secundum Lucam.
    Luc 2:21.
    In illo témpore: Postquam consummáti sunt dies octo, ut circumciderétur Puer: vocátum est nomen ejus Jesus, quod vocátum est ab Angelo, priúsquam in útero conciperétur.

    Seguito ✠ del santo Vangelo secondo Luca.
    Luc 2:21.
    In quel tempo: Passati gli otto giorni, il bambino doveva essere circonciso, e gli fu posto il nome Gesù: come era stato indicato dall'Angelo prima di essere concepito.

    Omelia di Sant'Ambrogio, Vescovo.
    Libro 2 al cap. 2 di Luca, verso la metà.
    Si circoncide dunque il bambino. Chi è questo bambino se non quello di cui fu detto: Ci è nato un bambino, ci è stato dato un Figlio (Is 9:6)? Egli s'è assoggettato alla legge per guadagnare quelli ch'eran sotto la legge. Affin di presentarlo al Signore (Luc 2:22). Cosa voglia dire essere presentato al Signore in Gerusalemme, lo direi se non l'avessi già detto nel commento su Isaia. Colui che si circoncide nei vizi, è giudicato degno dello sguardo del Signore, perché: Gli occhi del Signore sono sopra i giusti (Ps 33:16). Vedi come tutta la serie dell'antica legge fu figura del futuro; anche la circoncisione infatti significa la purificazione dai peccati.
    Ma siccome la fragilità della carne e dello spirito dell'uomo trascina, per una tendenza naturale di cupidigia, al male e la impiglia in vizi inestricabili, perciò l'ottavo giorno della circoncisione è figura del tempo della risurrezione e della nostra futura liberazione da ogni colpa. Difatti questo vuol dire: Ogni maschio primogenito sarà consacrato al Signore (Exod 13:2). Le parole della legge infatti esprimono la promessa del frutto della Vergine. (Frutto) veramente santo, perché immacolato. E che sia proprio questo il frutto significato dalla legge, lo dichiarano le parole, quasi identiche, ripetute dall'Angelo: Per questo il Santo, dice, che nascerà da te, sarà chiamato Figlio di Dio (Luc 1.35).
    Infatti fra i nati di donna, solo il Signore Gesù fu santo in tutto, egli che per la novità d'un parto immacolato non risentì del contagio della corruzione terrena, che tenne lontana colla celeste sua maestà. Perché se stiamo alla lettera, come potrà esser santo ogni maschio, mentre sappiamo molti essere stati scelleratissimi? Fu santo forse Acab? Furono santi forse i falsi profeti che il fuoco, vendicatore dell'ingiuria fatta al cielo, consumò alla preghiera di Elia? Ma santo è colui che i pii precetti della legge divina ci rappresentavano in nette figure del mistero futuro; poiché per lui solo la Chiesa, ch'è santa e vergine, possiede il segreto di generare, nella sua immacolata fecondità, i popoli di Dio.

    Credo

    OFFERTORIUM
    Ps 88:12; 88:15. Tui sunt coeli et tua est terra: orbem terrárum et plenitúdinem ejus tu fundásti: justítia et judícium praeparátio sedis tuae.

    Ps 88:12; 88:15. Tuoi sono i cieli, e tua è la terra: tu hai fondato il mondo e quanto vi si contiene: giustizia ed equità sono le basi del tuo trono.

    SECRETA
    Munéribus nostris, quaesumus, Dómine, precibúsque suscéptis: et coeléstibus nos munda mystériis, et cleménter exáudi. Per Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

    Ti preghiamo, o Signore, affinché, gradite queste nostre offerte e preghiere, Ti degni di mondarci con questi celesti misteri e pietosamente di esaudirci. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figliuolo, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

    PRAEFATIO DE NATIVITATE DOMINI
    Vere dignum et justum est, aequum et salutáre, nos tibi semper et ubíque grátias ágere: Dómine sancte, Pater omnípotens, aetérne Deus: Quia per incarnáti Verbi mystérium nova mentis nostrae óculis lux tuae claritátis infúlsit: ut, dum visibíliter Deum cognóscimus, per hunc in invisibílium amorem rapiámur. Et ideo cum Angelis et Archángelis, cum Thronis et Dominatiónibus cumque omni milítia coeléstis exércitus hymnum glóriae tuae cánimus, sine fine dicentes: Sanctus, Sanctus, Sanctus Dóminus, Deus Sábaoth. Pleni sunt coeli et terra glória tua. Hosánna in excélsis. Benedíctus, qui venit in nómine Dómini. Hosánna in excélsis.

    È veramente degno e giusto, conveniente e salutare, che noi, sempre e in ogni luogo, Ti rendiamo grazie, o Signore Santo, Padre Onnipotente, Eterno Iddio: Poiché mediante il mistero del Verbo incarnato rifulse alla nostra mente un nuovo raggio del tuo splendore, così che mentre visibilmente conosciamo Dio, per esso veniamo rapiti all'amore delle cose invisibili. E perciò con gli Angeli e gli Arcangeli, con i Troni e le Dominazioni, e con tutta la milizia dell'esercito celeste, cantiamo l'inno della tua gloria, dicendo senza fine: Santo, Santo, Santo il Signore Dio degli eserciti. I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell'alto dei cieli. Benedetto colui che viene nel nome del Signore. Osanna nell'alto dei cieli.

    COMMUNICANTES DE NATIVITATE DOMINI
    Communicántes, et diem sacratíssimum celebrántes, quo beátae Maríae intemeráta virgínitas huic mundo édidit Salvatórem: sed et memóriam venerántes, in primis ejúsdem gloriósae semper Vírginis Maríae, Genitrícis ejúsdem Dei et Dómini nostri Jesu Christi: sed et beatórum Apostolórum ac Mártyrum tuórum, Petri et Pauli, Andréae, Jacóbi, Joánnis, Thomae, Jacóbi, Philíppi, Bartholomaei, Matthaei, Simónis et Thaddaei: Lini, Cleti, Cleméntis, Xysti, Cornélii, Cypriáni, Lauréntii, Chrysógoni, Joánnis et Pauli, Cosmae et Damiáni: et ómnium Sanctórum tuórum; quorum méritis precibúsque concédas, ut in ómnibus protectiónis tuae muniámur auxílio. Per eúndem Christum, Dóminum nostrum. Amen.

    Uniti in una stessa comunione, celebriamo il giorno santissimo nel quale l'intemerata verginità della beata Maria diede a questo mondo il Salvatore; e veneriamo anzitutto la memoria della stessa gloriosa sempre Vergine Maria, Madre del medesimo nostro Dio e Signore Gesù Cristo: e dei tuoi beati Apostoli e Martiri, Pietro e Paolo, Andrea, Giacomo, Giovanni, Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simone e Taddeo, Lino, Cleto, Clemente, Sisto, Cornelio, Cipriano, Lorenzo, Crisogono, Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano, e di tutti i tuoi Santi; per i meriti e per le preghiere dei quali concedi che in ogni cosa siamo assistiti dall'aiuto della tua protezione. Per il medesimo Cristo nostro Signore. Amen.

    COMMUNIO
    Ps 97.3. Vidérunt omnes fines terrae salutáre Dei nostri.

    Ps 97.3. Tutti i confini della terra hanno visto la salvezza del nostro Dio.

    POSTCOMMUNIO
    Orémus.
    Haec nos commúnio, Dómine, purget a crímine: et, intercedénte beáta Vírgine Dei Genitríce María, coeléstis remédii fáciat esse consórtes. Per eundem Dominum nostrum Jesum Christum Filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

    Preghiamo.
    Questa comunione, o Signore, ci purifichi dal peccato e, per intercessione della beata Vergine Maria Madre di Dio, ci faccia partecipi del celeste rimedio. Per il medesimo nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figliuolo, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.»








    https://stateettenetetraditiones.blo...eator.html?m=1
    «Primo giorno dell'anno: “Veni Creator”, invocazione dello Spirito Santo per l'anno nuovo


    Qualunque affare del mondo, perché abbia buon riuscimento conviene che cominci da Dio, che è il Padrone di tutti gli eventi. E ciò si fa coll'invocare preventivamente il suo santo ajuto. Così fece Davide prima di agitare la sua fionda per abbattere il gigante Golia. Così fece Giuditta prima di vibrare quel colpo che, troncando il capo a Oloferne, doveva salvare tutta Betulia. E così fanno tutti i buoni cristiani, facendosi il segno della Croce al principio d'ogni azione di qualche rilievo. Quanto più adunque deve ciò farsi al principio dell'anno, ch'è il principio d'innumerevoli azioni? Tanto più che Dio è sempre stato geloso delle primizie, volendo con esse venir da noi riconosciuto per unico Autore di ogni bene; quindi ordinò nel Levitico che, al primo mietersi delle nuove biade, Gli si offerissero in sacrificio due pani formati col grano novello. Quanto più adunque, sul cominciare dell'anno, esigerà Egli le primizie della nostra divozione, del nostro spirito.
    Per determinarci a una speciale santificazione di questo primo giorno, convien riflettere al nuovo debito che ognuno contrae in oggi con Dio, essendo per sua sola benignità che ci è concesso di vivere ancora in quest'anno mentre, per l'abuso fatto degli anni antecedenti, noi meritammo d'aver troncata la nostra vita. È bene anche considerare che quest'anno potrebbe per noi essere l'ultimo in cui il Signore voglia soffrire la nostra malvagità ed aspettarci a penitenza, facendo con noi come fece con quell'albero di fico infruttuoso descritto al capo 13 di San Luca. Avealo il padrone condannato alla scure ed alle fiamme in pena del non aver esso per tre anni continui reso alcun frutto. Ma, per le preghiere del vignaiuolo, s'accontentò d'aspettare un altro anno per vedere se con nuova coltura potesse rendersi fruttuoso. Nell'istessa guisa il Signore, dopo aver sopportato tanti anni la nostra vita sterile affatto di ogni bene e solo feconda di colpe, ci concede adesso quest'altro anno, affinché ci ravvediamo dei nostri falli, e corrispondiamo con fervore a tanti suoi beneficj. Diciamo dunque con Davide: - Ho fatta la mia risoluzione - Voglio proprio cominciare davvero ed essere buono! Ego dixi, nunc coepi. Anno nuovo. Vita nuova!
    A questo intento sono utilissime le pratiche seguenti:
    1. prolungar le proprie orazioni per implorar il divino ajuto;
    2. comunicarsi con gran divozione;
    3. dare in limosina tante monete quanti sono gli anni della propria vita, oppure recitare altrettanti Pater ed Ave onde ringraziare il Signore d'averci finora conservati;
    4. fare le proteste le più sincere di una vita tutta piena di opere buone a santificazione di sé, e ad edificazione del proprio prossimo.
    Tanto più che a questa vita tutta piena di opere buone c'invita oggi la Chiesa col metterci sott'occhio il mistero della Circoncisione. Gesù Cristo essendo Dio, avrebbe potuto sottrarsi a questa dolorosa ed umiliante cerimonia mosaica. Tuttavia Egli volle sottomettervisi per più ragioni che meritano di essere attentamente considerate:
    1. per abolire in modo onorevole un rito instituito da Dio medesimo onde distinguere, fino alla Nuova Alleanza, da tutte le altre nazioni il suo popolo;
    2. per mostrare che il corpo da Lui assunto in unità di persona col divin Verbo era un corpo vero e reale, non già apparente e fantastico come sognarono certi eretici;
    3. per mostrare ch'Egli non solo era Figliuolo dell'uomo, ma dell'uomo dalla stirpe del quale doveva venire il Messia;
    4. per insegnare a noi, non solo a sottomettersi volentieri alle leggi che ci obbligano strettamente, ma ancora a cercare spontaneamente le umiliazioni e i patimenti;
    5. per darci, fin dai primi suoi giorni, il pegno più certo del suo amore, cominciando appena nato a patire e versar sangue per la nostra salute;
    6. per insegnarci fin da principio la virtù fondamentale della vita cristiana, ch'è la circoncisione del cuore per cui si intende la mortificazione di ogni scorretto appetito.
    Secondo l'asserzione di Durando, che scriveva nel secolo decimoterzo, anticamente si usava in questo giorno di celebrare due Messe: l'una della Circoncisione per festeggiare il Mistero, e l'altra della Madonna per esprimere la propria riconoscenza a Colei la quale ebbe tanta parte nei misteri del divin suo Figlio. Facciamoci adunque un dovere d'onorare in modo speciale la Santa Vergine Maria mettendoci con nuove proteste sotto la sua protezione.
    In molti luoghi si costuma in questo giorno distribuire a ciascuno degli intervenienti alla Dottrina l'immagine di un Santo, onde serva di speciale protettore per tutto l'anno. Facciamo la debita stima di un'usanza sì bella, ricordandoci che in ogni Santo che la Provvidenza ci dà per protettore noi abbiamo un modello, un avvocato ed un giudice. Un Modello di cui dobbiamo imitare la virtù; un Avvocato di cui dobbiamo con gran fiducia implorare il patrocinio; un Giudice di cui dobbiamo temere i rimproveri quando avessimo trascurato di imitarne le virtù e implorarne l'assistenza.
    Quando si facciano tutte queste considerazioni si sentirà stretto dovere di realizzare il detto di sopra: Anno nuovo. Vita nuova!
    (Manuale di Filotea di Mons. Giuseppe Riva, Bertarelli, Milano 1901)

    ORAZIONE PER IL PRIMO GIORNO DELL'ANNO

    Che sarà di me, o mio Dio, in quest'anno, a cui per vostra misericordia do lietamente principio, in questo giorno? Avrò io la sorte di aggiungerlo intero ai molti altri che già m'avete concessi, o sarà quello che chiuderà il corso della mia vita a cui terrà dietro il terribil passaggio dal tempo all'eternità? Voi solo che siete l'arbitro sovrano di tutti i tempi, sapete tutto quello che ha d'avvenirmi: io non so altro se non che colla mia passata condotta ho meritato d'essere le mille volte cancellato dal numero dei viventi, e sepolto nel baratro dei reprobi: quindi non cesserò mai di lodare e di benedire la vostra misericordia, che si compiacque di sottrarmi ai rigori della vostra giustizia, e di farmi parte di quei favori che si dovrebbero solamente a chi vi serve con fedeltà. E, siccome per nostro bene avete nascosto a noi tutti il momento da Voi stabilito per chiamarci al vostro giudizio, così fate che io approfitti di quest'incertezza per viver sempre in conformità ai vostri santi comandamenti, e così prepararmi propizia la gran sentenza che dee fissare la mia sorte per tutta quanta l'eternità. Ma, cosa sono io, o Signore, senza l'ajuto della vostra grazia, se non un terreno arido e secco, che non produce che triboli e spine? Piovete adunque sopra di me questa misteriosa rugiada, onde, benedetto da Voi, possa col successo il più felice, applicarmi all'estirpamento di tutti gli abiti peccaminosi che mi dominarono fino al presente, all'acquisto di tutte quelle virtù che ho finora trascurate, alla pratica di tutte quelle opere che sono indispensabili all'assicurazione della mia eterna salvezza. La sanità del mio corpo, la prosperità dei miei interessi, la preservazione di tutti i mali che possono in qualche maniera o molestare la mia persona, o alterare la mia sorte, io le rimetto intieramente nelle vostre mani, ben persuaso che Voi non mi lascerete mancare giammai quanto mi può essere vantaggioso, e terrete sempre da me lontano tutto quello che può compromettere la mia santificazione o la mia salute.
    Siccome però le mie preghiere sono troppo miserabili, così, ad assicurarmi il conseguimento di tutte queste grazie, interponete Voi, o gran Vergine, la vostra potentissima mediazione; tenetemi sempre sotto il manto del vostro amorevole patrocinio: fate sempre le parti d'avvocata per me; amatemi sempre qual vostro figlio, e non permettete giammai che un solo istante io mi raffreddi nel vostro santo servizio, giacché sarebbe questo un declinare dalla strada sicura per cui si giunge a salvamento.
    Angelo mio Custode, che già da tanti anni vegliate amorosamente sopra di me, non permettete che io contristi di nuovo il vostro amantissimo cuore e il vostro purissimo sguardo coll'assecondare, come per lo passato, le mie disordinate passioni. Rispetti sempre la vostra presenza; ascolti sempre i vostri consigli; e tema sempre le vostre minacce, giacché voi non cercate altro che il vero mio bene temporale ed eterno.
    Santi tutti del cielo, e specialmente Voi che vi trovaste già nel mio stato, Voi il di cui nome io porto, Voi che la Provvidenza mi ha assegnato a particolari Protettori in quest'anno, ottenetemi colla vostra intercessione che, camminando sempre fedele nella strada da voi già percorsa, tanto più acquisti di merito quanto più mi è dato di vita, e, a somiglianza delle Vergini prudenti, vivendo sempre in aspettazione dell'arrivo dello Sposo, tenga sempre ben allestita la lampada misteriosa della fede, della carità e delle buone opere, senza di cui non è possibile partecipare al convito a cui foste già ammessi, e che sarà sempre fecondo delle più squisite delizie per tutta quanta l'eternità.
    Pater, Ave, Gloria, Salve Regina, Angele Dei.

    Indi si recita, o col popolo in pubblica funzione, o privatamente, il Veni Creator, per invocare lo Spirito Santo.


    Prima stropha hymni sequentis dicitur flexis genibus.

    Veni, Creátor Spíritus,
    Mentes tuórum vísita,
    Imple supérna grátia,
    Quae tu creásti péctora.

    Qui díceris Paráclitus,
    Altíssimi donum Dei,
    Fons vivus, ignis, cáritas,
    Et spiritális únctio.

    Tu septifórmis múnere,
    Dígitus patérnae déxterae,
    Tu rite promíssum Patris,
    Sermóne ditans gúttura.

    Accénde lumen sénsibus:
    Infúnde amórem córdibus:
    Infírma nostri córporis
    Virtúte firmans pérpeti.

    Hostem repéllas lóngius,
    Pacémque dones prótinus;
    Ductóre sic te praevio
    Vitémus omne nóxium.

    Per Te sciámus da Patrem
    Noscámus atque Fílium,
    Teque utriúsque Spíritum
    Credámus omni témpore.

    Deo Patri sit glória,
    Et Fílio, qui a mórtuis
    Surréxit, ac Paráclito,
    In saeculórum saecula.
    Amen.

    ℣. Emitte Spiritum tuum et creabuntur
    ℞. Et renovabis faciem terrae.
    ℣. Dómine, exaudi orationem meam.
    ℞. Et clamor meus ad te veniat.
    ℣. Dóminus vobíscum.
    ℞. Et cum spíritu tuo.

    Orémus.
    Deus, qui corda fidélium Sancti Spíritus illustratióne docuísti: da nobis in eódem Spíritu recta sápere; et de ejus semper consolatióne gaudére.

    Dómine Deus omnípotens, qui ad princípium hujus anni nos perveníre fecísti: tua nos hódie salva virtúte; ut in hoc anno ad nullum declinémus peccátum, sed semper ad tuam justítiam faciéndam nostra procédant elóquia, dirigántur cogitatiónes et ópera. Per Christum Dóminum nostrum. Amen.



    La prima strofa del seguente inno si dice inginocchiati.

    Vieni, o Spirito Creatore,
    visita le menti dei tuoi fedeli,
    e riempi della grazia celeste
    i cuori che tu creasti.

    Tu, che sei chiamato il Paraclito,
    il dono di Dio Altissimo,
    sorgente (d'acqua) viva, fuoco, carità
    e spirituale unzione.

    Tu largitore dei sette doni,
    dito della destra del Padre,
    tu il vero promesso del Padre,
    che arricchisci di favelle le bocche.

    Sii luce ai sensi:
    infondi amor nei cuori:
    l'infermità del nostro corpo
    solleva con perenne virtù.

    Fuga lungi il nemico,
    la pace donaci presto;
    così, dietro te duce,
    eviteremo ogni cosa nociva.

    Per Te fa' che conosciamo il Padre,
    che conosciamo anche il Figlio e,
    che Te Spirito procedente da entrambi
    crediamo in ogni tempo.

    A Dio Padre sia gloria,
    e al Figlio, che da morte
    risuscitò, e al Paraclito,
    per i secoli dei secoli.
    Amen.

    ℣. Manda il tuo Spirito per una nuova creazione.
    ℞. E rinnoverai la faccia della terra.
    ℣. O Signore, esaudisci la mia preghiera.
    ℞. E il mio grido giunga fino a Te.
    ℣. Il Signore sia con voi.
    ℞. E con il tuo Spirito.

    Preghiamo.
    O Signore, che hai istruito i cuori dei fedeli con la luce dello Spirito Santo, donaci di gustare nello stesso Spirito la verità e di godere sempre della sua consolazione.

    Signore Dio onnipotente, che ci hai fatti pervenire al principio di questo anno: difendici oggi colla tua potenza, affinché in questo anno non ci pieghiamo ad alcun peccato, ma ad operare secondo la tua giustizia siano sempre rivolte le nostre parole, siano diretti i nostri pensieri ed azioni. Per Cristo Signore nostro. Amen.»










    SANTA MESSA celebrata da Don Floriano Abrahamowicz presso la "Domus Marcel Lefebvre" a Paese (provincia di Treviso) alle ore 10.30 stamattina 1 GENNAIO 2020: CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO...



    «Don Floriano Abrahamowicz - Domus Marcel Lefebvre.
    http://www.domusmarcellefebvre.it/
    https://www.youtube.com/user/florianoabrahamowicz
    Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=RMW0JDulDhc
    Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=T6UndvXLnRo
    Domenica nell'ottava di Natale (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=7O1Y-xwuxvk
    27 dicembre 2019, S.Giovanni Apostolo - Santa Messa
    https://www.youtube.com/watch?v=BiAW9gvfcdE
    26 dicembre 2019, Santo Stefano - Santa Messa
    https://www.youtube.com/watch?v=TMud9Ib-01g
    Natività di Nostro Signore Gesù Cristo - Santa Messa (in nocte)
    https://www.youtube.com/watch?v=53oER2tyUlQ
    Natività di Nostro Signore Gesù Cristo - Santa Messa (in aurora)
    https://www.youtube.com/watch?v=Je8ywZVFfkk
    Natività di Nostro Signore Gesù Cristo - Santa Messa (in die)
    https://www.youtube.com/watch?v=nBQQU-i3CjM
    SANTA MESSA - domusmarcellefebvre110815
    http://www.domusmarcellefebvre.it/santa-messa-1.php
    La Santa Messa tutte le domeniche alle ore 10.30 a Paese, Treviso».




    SANTE MESSE CELEBRATE "NON UNA CUM" DAI SACERDOTI DELL' I.M.B.C. ("ISTITUTO MATER BONI CONSILII") E DA DON FLORIANO ABRAHAMOWICZ IN TUTTA ITALIA:



    "Sante Messe - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/

    "Torino - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/torino/

    "Rovereto (Trento) - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/rovereto-tn/

    "Modena - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/modena/

    "Rimini - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/rimini/

    "Pescara - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/pescara/

    "Potenza - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/potenza/

    "Roma - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/roma/

    "S. Messa in provincia di Verona - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/s-messa-provincia-verona/

    “Sodalitium - IMBC.”
    https://www.youtube.com/user/sodalitium

    “Omelie dell'I.M.B.C. a Ferrara.”
    https://www.facebook.com/OmelieIMBCFerrara/


    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/
    “Oratorio Sant'Ambrogio, Milano - Offertur Oblatio Munda (Malachia 1, 11).”
    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/category/omelie/




    Per conoscere le SANTE MESSE celebrate dai Sacerdoti dell'I.M.B.C. ("ISTITUTO MATER BONI CONSILII") visitare il sito "Sodalitium" e vedere sulle singole città (Verrua Savoia, Torino, Milano, Rovereto, Ferrara, Modena, Rimini, Roma, Pescara, Bari, Potenza, ecc.), là sono indicati i luoghi e gli orari precisi.



    Circoncisione - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/circoncisione/
    «1° gennaio, Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo.

    “L’ottavo giorno dalla Nascita del Salvatore è giunto; i Magi si avvicinano a Betlemme; ancora cinque giorni, e la stella a fermerà sui luogo dove riposa il Bambino divino. Oggi, il Figlio dell’Uomo deve essere circonciso, e segnare, con questo primo sacrificio della sua carne innocente, l’ottavo giorno della sua vita mortale. Oggi, gli sarà imposto un nome; e questo nome sarà quello di Gesù che vuoi dire Salvatore. I misteri riempiono questo grande giorno; accogliamoli, e onoriamoli con tutta la religione e con tutta la tenerezza dei nostri cuori” (dom Prosper Guéranger).»
    http://www.sodalitium.biz/wp-content...-1-208x300.jpg








    Te Deum - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/te-deum/
    «Te Deum 31 dicembre 2019
    Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Te Deum

    Presentazione del calendario 2020 di Sodalitium, dedicato al Magistero della Chiesa: https://youtu.be/S66uIiAIAns
    Preghiera per l’ultimo giorno dell’anno
    O Dio onnipotente, Signore del tempo e dell’eternità, io ti ringrazio perchè lungo tutto il corso di quest’anno mi hai accompagnato con la tua grazia e mi hai ricolmato dei tuoi doni e del tuo amore. Voglio esprimerti la mia adorazione, la mia lode e il mio ringraziamento. Ti chiedo umilmente perdono, o Signore, dei peccati commessi, di tante debolezze e di tante miserie.
    Accogli il mio desiderio di amarti di più e di compiere fedelmente la tua volontà per tutto il tempo di vita che ancora mi concederai. Ti offro tutte le mie sofferenze e le buone opere che, con la tua grazia, ho compiuto. Fa che siano utili, o Signore, per la salvezza mia e di tutti i miei cari. Così sia».
    http://www.centrostudifederici.org/w...2-1024x490.png










    Il nuovo Calendario di “Sodalitium” - davvero splendido, è stato regalato ai presenti al convegno Albertariano di sabato 23 Novembre 2019 – del nuovo anno 2020:



    https://www.sodalitium.biz/calendari...-della-chiesa/
    « “Il calendario 2020 ha questo scopo: invitare tutti voi, nel corso di quest’anno che Dio ci dona nella Sua bontà, a leggere e meditare i documenti del magistero pontificio che non hanno data di scadenza, non invecchiano mai, affinché siano luce per la nostra mente e gioia per il nostro cuore”.

    Editoriale
    “Abbiamo un faro di verità, ed è Roma! Dobbiamo essere appassionati di Roma. Teniamo per certo che colui che è disaffezionato da Roma è già caduto in errore; e che non ci si può trovare in un errore (fondamentale, serio) senza che ci sia questa disaffezione verso Roma. Chiediamo questo amore per la Verità e per la Chiesa”.
    Le parole che avete appena letto sono – come molti di voi avranno già capito – di Padre Francesco da Paola Vallet, fondatore dei Cooperatori Parrocchiali di Cristo Re. Che nessuno pensi, nell’attuale situazione di tenebre e di tempesta, che esse non siano più di attualità, o che siano, addirittura, fuorvianti. Esse non sono altro che l’espressione di quelle parole del Vangelo che ci trasmettono la voce di Colui che è la Verità: “Chi ascolta voi – disse il Signore agli Apostoli, e quindi ai loro successori – ascolta me; e chi disprezza voi disprezza me, e chi disprezza me disprezza Colui che mi ha inviato” (Luca, X, 16). “È infatti Cristo – commenta Pio XII nella sua enciclica Mystici Corporis – che nella Sua Chiesa vive, che per mezzo di lei insegna, governa e comunica la santità”: vive comunicando la Sua vita divina, insegna nel Suo magistero, governa nelle Sue leggi, comunica la santità con il divin Sacrificio e i Suoi Sacramenti. Ed è proprio per questo motivo che non possiamo riconoscere negli attuali occupanti della Sede Apostolica, che hanno contraddetto il magistero della Chiesa, ne hanno violato le leggi, ne hanno adulterato la Messa ed i Sacramenti, il Vicario di Cristo, né riconoscere nella loro voce la voce del Buon Pastore o quella della Sua Chiesa.
    Questa tragica realtà, che mette alla prova la nostra Fede (che da questa prova deve uscire rafforzata), non smentisce affatto le parole di Padre Vallet e di ogni buon cattolico. Roma, ovverosia quella Roccia incrollabile sulla quale è stata fondata la Chiesa, è sempre Faro di verità, oggi come ieri. “Forse anche voi volete andarvene?” chiese Gesù ai suoi Apostoli. “Signore, da chi andremo? – rispose Pietro – tu solo hai parole di vita eterna” (Giovanni VI, 67-68). Da chi andremo? Non c’è altro Maestro che Cristo (Matteo XXIII, 8), e non vi è altra Maestra che la Sua Chiesa.
    Ancor oggi, oggi più che ieri, il cattolico trova dunque nell’autentico insegnamento della Chiesa una dottrina sicura ed ammirevole che non può condurre che alla Verità che è Cristo ed alla salvezza eterna. Detto insegnamento è oggi ignoto ai più, ed è proprio per questo che pochi si accorgono della contraddizione che passa tra le eresie dei modernisti (che tali rimangono anche quando si spacciano per voce della Chiesa) e la dottrina cattolica, negata perché ignorata. Si cerca in maestri profani, nella sapienza di questo mondo, in tanti filosofi o politici, quella dottrina solida e salvifica che lì non possiamo trovare, ma che avevamo in mano nel catechismo della nostra infanzia (quello di san Pio X) e nei documenti pontifici e conciliari dove filosofia, teologia e diritto si presentano a noi in tutto lo splendore della verità, illuminati dalla Divina Rivelazione.
    Ricordo ancora con piacere le lezioni che Mons. Lefebvre (lo ricordo malgrado ciò che da lui ci divide) dava ai seminaristi del primo anno in una materia che si era riservata: quella degli “Atti del Magistero”. A questi atti del magistero il nostro Istituto si abbevera come ad una fonte, che a nostra volta vogliamo far conoscere e comunicare a tutti.
    Il calendario 2020 ha quindi questo scopo: invitare tutti voi, nel corso di quest’anno che Dio ci dona nella Sua bontà, a leggere e meditare i documenti del magistero pontificio che non hanno data di scadenza, non invecchiano mai, affinché siano luce per la nostra mente e gioia per il nostro cuore, e questo non solo riguardo ai testi che abbiamo scelto, ma anche a riguardo i molti altri che abbiamo ricevuto dalla Sposa di Cristo. Nell’istituire lo scapolare della Madonna del Buon Consiglio, Papa Leone XIII volle che su detto scapolare fosse impressa l’immagine di Genazzano, e la Tiara con le chiavi pontificie, con la scritta: Filii, acquiesce consiliis ejus (Figlio, obbedisci ai suoi consigli; cf Genesi XXVII, 8): a quelli di Gesù, a quelli di Maria, a quelli della Chiesa. Mater Boni Consilii, ora pro nobis!»
    https://www.sodalitium.biz/wp-conten...opcal2020.jpeg
    Il calendario 2020 di Sodalitium - Centro Studi Giuseppe Federici
    https://www.agerecontra.it/2019/11/i...di-sodalitium/












    http://www.sursumcorda.cloud/
    https://www.sursumcorda.cloud/sostienici/libri.html
    https://www.facebook.com/CdpSursumCorda/
    «Carlo Di Pietro - Sursum Corda
    Santo Natale. Auguri. Preghiamo»
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/santo-natale.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/nativita.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/bambino-gesu.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/25-dicembre.html
    “Carlo Di Pietro - Sursum Corda
    Il mio regalo di buon Natale a tutti voi: https://bit.ly/2SAcBx1 -
    Scintille di Fede: Chi è il Papa, cos’è il Papato? - https://bit.ly/2SAcBx1 (CdP)”
    “Per affrontare, con dati oggettivi e senza compromessi, il problema del Vaticano Secondo e dei modernisti che occupano la maggior parte delle nostre chiese --> La questione del cosiddetto "papa eretico" ed il problema dell'autorità nella Chiesa -->
    Appunti sulla questione del cosiddetto «papa eretico»”
    Carlo Di Pietro, Il Papa eretico: Appunti sulla questione del cosiddetto «Papa eretico», 2019.
    Carlo Di Pietro, Apologia del Papato, Effedieffe, Proceno di Viterbo 2014.
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/papa.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/papato.html
    https://www.sursumcorda.cloud/sostienici/libri.html
    “Raccolta di preghiere non contaminate dall'eresia dell'ecumenismo. Diceva Sant'Alfonso: "Chi prega si salva, chi non prega si danna" ->”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghiere.html





    https://www.radiospada.org
    http://www.edizioniradiospada.com/
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/





    www.agerecontra.it | Sito del Circolo Cattolico "Christus Rex"
    http://www.agerecontra.it/

    "Centro Studi Giuseppe Federici - sito ufficiale"
    http://www.centrostudifederici.org/

    "sito dedicato alla crisi dottrinale nella Chiesa cattolica"
    http://www.crisinellachiesa.it/

    "Sito ufficiale del Centro Culturale San Giorgio"
    http://www.centrosangiorgio.com/


    C.M.R.I. - "Congregatio Mariae Reginae Immacolata" ("Congregation of Mary Immaculate Queen" "Congregazione di Maria Regina Immacolata"):
    http://www.cmri.org/ital-index.html
    Le Profezie Messianiche (di S.E. Mons. Mark A. Pivarunas, CMRI)
    http://www.cmri.org/ital-96prog9-3.html
    http://www.cmri.org/ital-94prog9.html




    https://www.truerestoration.org/


    https://novusordowatch.org/


    ": Quidlibet : ? A Traditionalist Miscellany — By the Rev. Anthony Cekada"
    http://www.fathercekada.com/


    "Home | Traditional Latin Mass Resources"
    http://www.traditionalmass.org/

    http://www.traditionalcatholicpriest.com/




    "Como ovejas sin Pastor"
    http://sicutoves.blogspot.com/


    https://moimunanblog.com




    “Pro Fide Catholica | Le site de Laurent Glauzy”
    https://profidecatholica.com/


    https://johanlivernette.wordpress.com/


    https://lacontrerevolution.wordpress.com/


    https://sedevacantisme.wordpress.com/


    "Sede Vacante -"
    http://www.catholique-sedevacantiste.fr/


    http://wordpress.catholicapedia.net/


    https://militesvirginismariae.wordpress.com/




    https://www.facebook.com/SaintAmedee/
    «Intransigeants sur la doctrine ; charitables dans l'évangélisation [Non Una Cum]»
    «Mieux vaut une petite œuvre dans la Vérité, qu’une grande dans l’erreur.»

    "Janvier 2020, Apostolat de la prière : POUR LA CONVERSION DES NATIONS"
    "Nous vous souhaitons une sainte et heureuse année 2020 !"






    1er janvier : Circoncision de Notre-Seigneur Jésus-Christ :: Ligue Saint Amédée
    "1er janvier : Circoncision de Notre-Seigneur Jésus-Christ"
    http://liguesaintamedee.ch/applicati...rconcision.jpg






    "Te Deum laudámus"









    VENI CREATOR SPIRITUS!!!
    Preghiamo anche - oltre che per noi stessi, per tutti i nostri cari familiari, parenti ed amici - per tutti i più soli ed abbandonati, i bisognosi, i malati, i sofferenti, gli agonizzanti e coloro che moriranno, ecc. per la perseveranza nella vera fede di tutti i vescovi, sacerdoti e fedeli integralmente cattolici nonchè per il ravvedimento e la conversione di molte persone alla vera fede cattolica in questo nuovo anno 2020...
    Chiediamo per tutti noi la grazia di una buona morte e di poter giungere un giorno alla gloria del Cielo!!!
    Gesù Bambino, Verbo divino, Verbo incarnato, Pregate per noi che avete creato.
    ET VERBUM CARO FACTUM EST…
    CHRISTUS VINCIT, CHRISTUS REGNAT, CHRISTUS IMPERAT!!!
    Luca, SURSUM CORDA – HABEMUS AD DOMINUM!!!
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

  3. #403
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    4,295
     Likes dati
    63
     Like avuti
    323
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Lightbulb Re: 31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore

    1° GENNAIO 2021: OTTAVA DEL SANTO NATALE E CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO…



    https://www.sodalitium.biz/circoncisione-di-gesu/
    «1° gennaio, Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo.

    “L’ottavo giorno dalla Nascita del Salvatore è giunto; i Magi si avvicinano a Betlemme; ancora cinque giorni, e la stella a fermerà sui luogo dove riposa il Bambino divino. Oggi, il Figlio dell’Uomo deve essere circonciso, e segnare, con questo primo sacrificio della sua carne innocente, l’ottavo giorno della sua vita mortale. Oggi, gli sarà imposto un nome; e questo nome sarà quello di Gesù che vuoi dire Salvatore. I misteri riempiono questo grande giorno; accogliamoli, e onoriamoli con tutta la religione e con tutta la tenerezza dei nostri cuori” (dom Prosper Guéranger)».
    https://www.sodalitium.biz/wp-conten...-1-208x300.jpg






    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/
    “Omelia della festa della Circoncisione di N.S.G.C. 1 Gennaio 2021
    Omelia della festa della Circoncisione di N.S.G.C. ? Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano
    L’omelia tenuta da don Ugolino Giugni venerdì 1 gennaio 2021 – Circoncisione del Signore – è disponibile per l’ascolto ->”
    http://www.oratoriosantambrogiombc.i...50-225x300.jpg


    “1 Gennaio * Veni Creator Spiritus *”
    1 Gennaio * Veni Creator Spiritus * ? Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano
    http://www.oratoriosantambrogiombc.i...ette-doni.jpeg
    http://www.oratoriosantambrogiombc.i.../12/angelo.jpg










    SANTE MESSE CATTOLICHE CELEBRATE "NON UNA CUM" DAI SACERDOTI DELL' I.M.B.C. ("ISTITUTO MATER BONI CONSILII") E DA DON FLORIANO ABRAHAMOWICZ IN TUTTA ITALIA…

    SANTA MESSA celebrata da Don Floriano Abrahamowicz presso la "Domus Marcel Lefebvre" a Paese (provincia di Treviso) alle ore 10.30 stamattina 1 GENNAIO 2021, CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO:




    «Don Floriano Abrahamowicz - Domus Marcel Lefebvre.
    http://www.domusmarcellefebvre.it/
    https://www.youtube.com/user/florianoabrahamowicz
    1° gennaio 2021, Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=xdKW0RFSmzg
    1° gennaio 2021, Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo (Omelia)
    http://www.domusmarcellefebvre.it/santa-messa-1.php
    La Santa Messa tutte le domeniche alle ore 10.30 a Paese, Treviso».




    SANTE MESSE da NATALE all'EPIFANIA celebrate dai Sacerdoti dell'Istituto Mater Boni Consilii (I.M.B.C.):


    https://www.sodalitium.biz/messe-per...alizio-italia/
    "Sante Messe - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/

    “Sodalitium - IMBC”
    https://www.youtube.com/user/sodalitium

    “Omelie dell'I.M.B.C. a Ferrara”
    https://www.facebook.com/OmelieIMBCFerrara/


    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/
    “Oratorio Sant'Ambrogio, Milano - Offertur Oblatio Munda (Malachia 1, 11)”
    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/category/omelie/







    http://www.sursumcorda.cloud/
    https://www.sursumcorda.cloud/sostienici/libri.html
    https://www.facebook.com/CdpSursumCorda/
    «Carlo Di Pietro - Sursum Corda»
    “Orazione alla Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo (1.1) --->”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghi...risto-1-1.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/circoncisione.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/santo-natale.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/nativita.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/bambino-gesu.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/25-dicembre.html
    “Carlo Di Pietro - Sursum Corda
    Il mio regalo di buon Natale a tutti voi: https://bit.ly/2SAcBx1 -
    Scintille di Fede: Chi è il Papa, cos’è il Papato? - https://bit.ly/2SAcBx1 (CdP)”
    “Per affrontare, con dati oggettivi e senza compromessi, il problema del Vaticano Secondo e dei modernisti che occupano la maggior parte delle nostre chiese --> La questione del cosiddetto "papa eretico" ed il problema dell'autorità nella Chiesa -->
    Appunti sulla questione del cosiddetto «papa eretico»”
    Carlo Di Pietro, Il Papa eretico: Appunti sulla questione del cosiddetto «Papa eretico», 2019.
    Carlo Di Pietro, Apologia del Papato, Effedieffe, Proceno di Viterbo 2014.
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/papa.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/papato.html
    https://www.sursumcorda.cloud/sostienici/libri.html
    “Raccolta di preghiere non contaminate dall'eresia dell'ecumenismo. Diceva Sant'Alfonso: "Chi prega si salva, chi non prega si danna" ->”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghiere.html








    https://www.facebook.com/catholictradition2016/
    «MARTIROLOGIO ROMANO, 1955 Sancti et Sanctae Dei, orate pro nobis».







    «PRIMO GIORNO DELL’ANNO: “VENI CREATOR”, INVOCAZIONE DELLO SPIRITO SANTO PER L’ANNO NUOVO
    “Coroni l’anno con i tuoi benefici, al tuo passaggio stilla l’abbondanza” (Ps. 64:12)
    INDULGENZE DEL VENI, CREATOR

    Ai fedeli che il primo giorno dell’anno interverranno al canto del Veni, Creator nelle chiese o pubblici oratori o (per chi ne è legittimato) negli oratori semipubblici, per implorare il divino aiuto per l’anno incipiente, è concessa:
    – Indulgenza di 10 anni:
    – Indulgenza plenaria se, confessati e comunicati, pregheranno a mente del Sommo Pontefice (S. Paen. Ap., 10 aug. 1936).
    Audio: https://youtu.be/5GrQJGQWfd8 »



    https://stateettenetetraditiones.blo...-gesu.html?m=1
    “CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO E OTTAVA DEL SUO NATALE”
    https://1.bp.blogspot.com/-J42XNFfme...0_17-54-32.jpg










    https://www.radiospada.org/2020/12/g...-e-indulgenze/
    “Gennaio, mese del Santissimo Nome di Gesù. Litanie e indulgenze”










    «1° GENNAIO CIRCONCISIONE DI NOSTRO SIGNORE E OTTAVA DI NATALE»
    Guéranger, L'anno liturgico - Circoncisione di Nostro Signore e l'ottava di Natale
    http://www.unavoce-ve.it/pg-natale-ottava.htm





    VENI CREATOR SPIRITUS!!!
    Preghiamo nuovamente anche - oltre che per noi stessi, per tutti i nostri cari familiari, parenti ed amici - per tutti i più soli ed abbandonati, i bisognosi, i malati, i sofferenti, gli agonizzanti e coloro che moriranno, ecc. per la perseveranza nella vera fede di tutti i vescovi, sacerdoti e fedeli integralmente cattolici nonchè per il ravvedimento e la conversione di molte persone alla vera fede cattolica in questo nuovo anno 2021...
    Chiediamo per tutti noi la grazia di una buona morte e di poter giungere un giorno alla gloria del Cielo!!!
    Gesù Bambino, Verbo divino, Verbo incarnato, Pregate per noi che avete creato...
    ET VERBUM CARO FACTUM EST…
    CHRISTUS VINCIT, CHRISTUS REGNAT, CHRISTUS IMPERAT!!!
    Luca, SURSUM CORDA – HABEMUS AD DOMINUM!!!
    [/B]
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

  4. #404
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    4,295
     Likes dati
    63
     Like avuti
    323
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Lightbulb Re: 31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore

    31 GENNAIO 2021: DOMENICA DI SETTUAGESIMA; SAN GIOVANNI BOSCO, CONFESSORE…



    «MISSALE ROMANUM - Die 31 Januarii. S. Joannis Bosco Confessoris»
    MISSALE ROMANUM - Die 31 Januarii. S. Joannis Bosco Confessoris
    http://www.unavoce-ve.it/mr-31jan=lat.htm

    «Guéranger, L'anno liturgico - San Giovanni Bosco, Confessore»
    http://www.unavoce-ve.it/pg-31gen.htm
    «31 GENNAIO SAN GIOVANNI BOSCO, CONFESSORE»





    “Preghiera a San Giovanni Bosco, Confessore (31.1) --->”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghi...sore-31-1.html
    “Richiesta di grazia a San Giovanni Bosco (31.1) --->”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghi...osco-31-1.html
    “Novena a San Giovanni Bosco (dal 22.1 al 30.1) --->”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghi...1-al-30-1.html
    https://www.sursumcorda.cloud/artico...llibilita.html
    https://www.sursumcorda.cloud/tags/s...nni-bosco.html






    SANTE MESSE CATTOLICHE CELEBRATE “NON UNA CUM” DAI SACERDOTI DELL' I.M.B.C. ("ISTITUTO MATER BONI CONSILII") E DA DON FLORIANO ABRAHAMOWICZ IN TUTTA ITALIA…

    Oggi Domenica 31 gennaio 2021 alle ore 10.30, Festa di San Giovanni Bosco, Don Josef Weissensteiner ha celebrato la sua prima Santa Messa domenicale pubblica cantata presso la “Domus Marcel Lefebvre” a Paese! Deo Gratias!
    Ad Omaha, nel Nebraska, il buon Josef Weissensteiner (nato il 25 agosto 1984 in Austria) insieme a Denis McGuire (Connecticut) e Carlos Zepeda (Guadalajara) il 12 dicembre 2020 è stato infatti ordinato sacerdote da Mons. Mark Anthony Pivarunas della "Congregazione di Maria Regina Immacolata" (C.M.R.I. - "Congregatio Mariae Reginae Immacolata" - "Congregation of Mary Immaculate Queen") ed il nostro novello sacerdote austriaco è tornato in Italia e a Paese (Treviso) da Don Floriano Abrahamowicz per aiutarlo nell'apostolato!



    «Don Floriano Abrahamowicz e Don Josef Weissensteiner - Domus Marcel Lefebvre.
    http://www.domusmarcellefebvre.it/
    https://www.youtube.com/user/florianoabrahamowicz
    31 gennaio 2021, Domenica di Settuagesima (Santa Messa) parte I
    https://www.youtube.com/watch?v=i3mdDLVvGNc
    31 gennaio 2021, Domenica di Settuagesima (Santa Messa) parte II
    https://www.youtube.com/watch?v=9UOsW_Yc_po
    31 gennaio 2021, Domenica di Settuagesima (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=zoUjiA16EeI

    24 gennaio 2021, III Domenica dopo Epifania (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=IcWJOYRUfw4
    24 gennaio 2021, III Domenica dopo Epifania (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=a7V3BKDZh2A
    17 gennaio 2021, II Domenica dopo Epifania
    https://www.youtube.com/watch?v=RUykNns8xE8
    17 gennaio 2021, II Domenica dopo Epifania
    https://www.youtube.com/watch?v=5Clm2M5jGm4
    10 gennaio 2021, Sacra Famiglia (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=FpMPLkIJmYA
    10 gennaio 2021, Sacra Famiglia (Omelia)
    6 gennaio 2021, Epifania di Nostro Signore Gesù Cristo (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=afK_VrccfLs
    6 gennaio 2021, Epifania di Nostro Signore Gesù Cristo (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=SWi_z0JSXgY
    3 gennaio 2021, Santissimo Nome di Gesù (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=EgLjuEVRnE0
    3 gennaio 2021, Santissimo Nome di Gesù (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=aP_1SBE67hA
    1° gennaio 2021, Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=xdKW0RFSmzg
    1° gennaio 2021, Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=SY3ZPAgf-bc
    http://www.domusmarcellefebvre.it/santa-messa-1.php
    La Santa Messa tutte le domeniche alle ore 10.30 a Paese, Treviso».




    SANTE MESSE celebrate dai Sacerdoti dell’Istituto Mater Boni Consilii (I.M.B.C.):


    “Sante Messe – Sodalitium”
    Sante Messe - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/

    “Sodalitium - IMBC”
    https://www.youtube.com/user/sodalitium

    “Omelie dell'I.M.B.C. a Ferrara”
    https://www.facebook.com/OmelieIMBCFerrara/

    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/
    “Oratorio Sant'Ambrogio, Milano - Offertur Oblatio Munda (Malachia 1, 11)”
    Omelie ? Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano

    Omelia della domenica di settuagesima ? Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano
    “L’Omelia tenuta da Don Ugolino Giugni domenica 31 gennaio 2021 – domenica di settuagesima e festa di San Giovanni Bosco -è disponibile per l’ascolto ->”
    http://www.oratoriosantambrogiombc.i...img_3413-1.jpg
    Don Bosco ? Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano
    san Giovanni Bosco ? Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano
    Omelie ? Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano






    Tempo di Settuagesima - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/w...3-copia-2.jpeg


    https://www.sodalitium.biz/san-giovanni-bosco/
    «31 gennaio, san Giovanni Bosco, Confessore (Castelnuovo d’Asti, 16 agosto 1815– Torino, 31 gennaio 1888).
    “A Torino san Giovanni Bosco, Confessore, Fondatore della Società Salesiana e dell’istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, insigne per lo zelo delle anime e la propagazione della fede, ascritto dal Papa Pio undecimo nei fasti dei Santi”.

    O glorioso Santo, voi vedete da quanti mali noi siamo afflitti ed oppressi; è incerto l’oggi, più incerto il domani, e il dolore è divenuto il compagno indivisibile della nostra esistenza. Deh, o San Giovanni Bosco, muovetevi a pietà della nostra misera condizione! Anche voi soffriste il disagio, la miseria, l’abbandono, la calunnia, la persecuzione; e fu l’esperienza del dolore che vi rese il conforto, l’aiuto di quanti ricorsero a voi. Ora che siete in Cielo, presso la Sorgente Eterna della carità, voi sentite certamente più viva compassione per le nostre sventure, ed io a voi fiducioso ricorro per ottenere la grazia di…. (esprimere…). O glorioso Santo, a voi nulla nega il Signore, perchè tanto lavoraste in terra per la sua gloria e per il suo onore; intercedete per me, impetratemi la grazia implorata se essa torna utile all’anima mia, ed ottenetemi la conformità al divino volere e la perseveranza nel bene, onde anch’io possa venire un giorno a lodare e ringraziare insieme con voi il Signore in Paradiso. Così sia».
    https://www.sodalitium.biz/wp-conten...-1-198x300.jpg








    https://www.facebook.com/catholictradition2016/
    «MARTIROLOGIO ROMANO, 1955 Sancti et Sanctae Dei, orate pro nobis».











    Opere e scritti vari di San Giovanni Bosco:


    http://www.donboscosanto.eu/index.php
    https://donboscosanto.eu/download/index.php


    La storia? della Storia Sacra di Don Bosco - Centro Studi Giuseppe Federici

    Edizioni Amicizia cristiana - San Giovanni Bosco: Storia Sacra
    http://www.edizioniamiciziacristiana.it/storiasacra.htm






    https://www.documentacatholicaomnia...._Sacra,_IT.pdf




    Le “Edizioni Radio Spada” (pur criticabili per altre scelte editoriali) hanno in maniera meritevole ripubblicato 3 libri di Don Bosco, “Storia Sacra”, uno sulla “Storia d’Italia” e l’altro sulla dottrina della natura divina della Chiesa cattolica e del Papato romano nel quale espone (conformemente al Magistero) un fervente ed integrale infallibilismo:



    San Giovanni Bosco, La Storia Sacra facile da imparare. Dalla creazione dell’Universo alla fondazione della Chiesa. In forma di catechismo, Edizioni Radio Spada, Cermenate (Como) 2021.
    San Giovanni Bosco, Storia d’Italia, Edizioni Radio Spada, Cermenate (Como) 2020.
    San Giovanni Bosco, I Papi da San Pietro a Pio IX. Esempi e sintesi di fatti storici, Edizioni Radio Spada, Cermenate (Como) 2020.



    "TITOLO: I PAPI da San Pietro a Pio IX

    SOTTOTITOLO: Esempi e sintesi di fatti storici

    AUTORI E CURATORI: San Giovanni Bosco

    PRESENTAZIONE:

    «Nel dare alle stampe questo prezioso testo storico-apologetico, ero colpito anzitutto dallo sforzo divulgativo che i cattolici dell’Ottocento hanno messo in campo per istruire, formare e preservare il popolo fedele da errori e da ubriacature propagandistiche anticattoliche. Questo sforzo, titanico e sublime, meritorio e santificatore, è stato condotto con metodicità e costanza e, se certamente non ha fermato il percorso della rivoluzione e della decattolicizzazione delle masse, certamente ha ritardato l’erosione della società cristiana.

    E ho voluto che si aggiungesse quasi a compimento della mia nota un breve estratto da un opuscolo di Don Bosco su Papato, Concilio ecumenico e infallibilità perché ritenevo necessario fosse ancor più chiara ai nostri lettori la posta in gioco che stiamo vivendo in questi decenni disordinati e terribili. La posta in gioco è la credibilità, la sostenibilità, la sostanzialità della Chiesa cattolica stessa». (Piergiorgio Seveso)

    INDICE:

    Nota delle Edizioni Radio Spada.
    Credere al Papato

    p. 9

    Prefazione originale

    p. 15

    Capo I. Il primo Papa dà la sua vita per Gesù Cristo

    p. 17

    Capo II. Lettera di S. Clemente
    ai Corinzii

    p. 21

    Capo III. Zelo dei Papi per la propagazione della luce Evangelica – Piccolo esercito che va a conquistare la Gallia

    p. 25

    Capo IV. I Papi dinanzi agli Imperatori Ariani - Il Papa Liberio

    p. 29

    Capo V. Munificenze dei Papi verso
    le Chiese, S. Sisto III

    p. 33

    Capo VI. S. Leone il Grande ferma
    Attila e addolcisce Genserico

    p. 37

    Capo VII. Esempio ammirabile
    del distacco dagli onori

    p. 41

    Capo VIII. Un esempio di modestia
    e un orgoglio scandaloso

    p. 43

    Capo IX. L’Inghilterra convertita

    p. 45

    Capo X. Virtù e lavori di S. Gregorio
    il grande

    p. 47

    Capo XI. Il Papa S. Martino perseguitato per la fede

    p. 51

    Capo XII. Parole di Gregorio III
    a Leone Isaurico l’Iconoclasta

    p. 55

    Capo XIII. Donazioni fatte alla Chiesa Romana. Potere temporale de’ Papi

    p. 57

    Capo XIV. Inviolabilità, e legittimità del potere temporale del Papa – Vantaggi di questo potere temporale – Testimonianze di Bossuet, di Fleury e di Napoleone

    p. 59

    Capo XV. A che servono i beni
    della Chiesa

    p. 63

    Capo XVI. I Papi ed i dominii dei Re
    e S. Gregorio VII

    p. 65

    Capo XVII. Sentimenti di due autori protestanti rispetto alla questione
    precedente

    p. 69

    Capo XVIII. Ritratto dell’Imperatore
    Enrico

    p. 71

    Capo XIX. Urbano II predica la prima crociata a Clermont

    p. 73

    Capo XX. Riflessioni di due scrittori
    sulle crociate. Servizi che, secondo questi autori, esse hanno reso alla società europea

    p. 77

    Capo XXI. I Papi protettori delle scienze, delle lettere, delle belle arti,
    e dell’industria

    p. 81

    Capo XXII. Amore di Sisto V per le
    belle arti

    p. 85

    Capo XXIII. I Papi difendono la società cristiana contro la barbarie musulmana

    p. 89

    Capo XXIV. L’eresia protestante.
    Concilio di Trento

    p. 91

    Capo XXV. Zelo dei papi per istendere la civilizzazione, per mezzo delle Missioni. Testimonianza di Buffon in favore delle Missioni

    p. 95

    Capo XXVI. Ritratto di un missionario

    p. 99

    Capo XXVII. I Papi lottanti contro lo spirito d’incredulità e contro lo spirito rivoluzionario – Pio VI e la rivoluzione francese

    p. 101

    Capo XXVIII. Pio VII e l’imperatore Napoleone

    p. 105

    Capo XXIX. Breve elogio di Pio VII

    p. 109

    Capo XXX. La giornata di Pio IX

    p. 111

    Varietà.
    Ricordo linguistico monumentale

    p. 115

    PAGINE 128 formato 12 cm x 16,5 cm

    © 2020 Edizioni Radio Spada"






    https://www.radiospada.org/2021/01/i...lle-sue-opere/
    «Se San Giovanni Bosco incarnò il ruolo di Apostolo della Gioventù – senza ombra di dubbio – fu anche un grande zelatore della Buona Stampa. Autore di libri, opuscoli, interventi, il santo piemontese divenne in breve uno dei riferimenti della più alta educazione e della vera formazione nei travagliati anni del XIX secolo.
    Radio Spada inevitabilmente (e con gioia) molte volte è ricorsa a suoi scritti e discorsi. In particolare, tre libri sono stati ripubblicati dalla nostra casa editrice:
    Storia d’Italia
    I Papi da San Pietro a Pio IX. Esempi e sintesi di fatti storici
    La Storia Sacra facile da imparare – dalla creazione dell’Universo alla fondazione della Chiesa
    Diversi anche gli articoli articoli sulle tante materie trattate da Don Bosco. Eccone alcuni:
    L’oracolo di Delfi – “cattolico” presso i Greci – e il Vicario di Cristo
    La Lettera di Papa san Clemente ai Corinzi: un testo meraviglioso e una prova del primato romano
    Eliogabalo, il (disastroso) imperatore romano transessuale, femminista e cultore del “dio Sole”
    Alcuni servizi che le Crociate hanno reso alla società europea (anche secondo un autore protestante)
    Islam: un promemoria da San Giovanni Bosco
    Il Carroccio e il Crocifisso, dalla Storia d’Italia di San G. Bosco
    “Appena toccata terra, vi innalzarono un Crocifisso”: chi era Cristoforo Colombo e perché lo odiano tanto
    Le parole di San G. Bosco contro Massoneria e Rivoluzione Francese
    La curiosa storia del card. Mezzofanti (+1849) – che conosceva 300 lingue – raccontata da S. G. Bosco
    Gli orari di Pio IX, ovvero come era organizzata la giornata di un Santo Papa
    «Gli stessi ebrei si andavano persuadendo che Pio IX fosse il Messia da loro aspettato»
    Infine – dulcis in fundo! – gli articoli più devozionali:
    Esercizi di devozione a San Giovanni Bosco
    31/1: Preghiera a Gesù Sacramentato per ottenere grazie coll’intercessione di San Giovanni Bosco
    31/1: Una preghiera a San Giovanni Bosco
    2 giugno 1929 : Don Bosco Beato
    Don Bosco e il colera del 1854
    Nutrire di santità i fanciulli: Mamma Margherita Bosco
    Vita e miracoli di Don Bosco
    https://www.radiospada.org/2019/01/v...-di-don-bosco/
    Quando Dio minaccia il male: Don Bosco e Vittorio Emanuele II
    Don G. Bosco e l’ebreo Giona: storia di una bellissima conversione»
    https://i2.wp.com/www.radiospada.org...ng?w=574&ssl=1




    San Giovanni Bosco, e con lui tanti altri Santi, rimarrebbe inorridito nel leggere gli scritti degli odierni tradi-fallibilisti…
    Il “Catechismo di San Pio X” commentato e spiegato da Padre Dragone spiega chiaramente ed approfondisce ulteriormente in cosa consiste tale infallibilità o comunque inerranza:


    Padre Dragone, Spiegazione del Catechismo di San Pio X, CLS - Centro Librario Sodalitium, Verrua Savoia 2009.





    Libri di San Giovanni Bosco tradotti in francese:



    https://csrb.fr/collections/csrb-dif...-sa-hierarchie
    https://cdn.shopify.com/s/files/1/01...g?v=1601234848
    https://csrb.fr/collections/csrb-dif...une-paroissien
    https://cdn.shopify.com/s/files/1/01...g?v=1596476971












    31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore
    "31 gennaio: San Giovanni Bosco, confessore"
    https://forum.termometropolitico.it/...l#post19193690
    "L'infallibilità pontificia spiegata con parole semplici da San Giovanni Bosco"





    SAN GIOVANNI BOSCO, CONFESSORE, PREGA PER NOI!!!
    Christus vincit! Christus regnat! Christus imperat!
    Luca, SURSUM CORDA – HABEMUS AD DOMINUM!!!
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

 

 
Pagina 41 di 41 PrimaPrima ... 314041

Discussioni Simili

  1. 31 gennaio 2014: San Giovanni Bosco, confessore
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 31-01-14, 16:58
  2. 31 gennaio 2013: San Giovanni Bosco, confessore
    Di Luca nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 31-01-13, 01:36
  3. 31 gennaio 2012: San Giovanni Bosco, confessore
    Di Luca nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 03-02-12, 01:44
  4. 31 gennaio 2011: San Giovanni Bosco, confessore
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 30-01-11, 21:17
  5. Risposte: 92
    Ultimo Messaggio: 30-01-10, 21:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •