User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: CONOSCERE LA DESTRA

  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito CONOSCERE LA DESTRA

    Destra (politica)
    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera


    In politica, destra, destra politica, di destra e la Destra sono termini utilizzati per descrivere un certo numero di posizioni e ideologie. Essi sono il più delle volte utilizzati in riferimento al supportare la conservazione di valori e costumi tradizionali o culturali o per mantenere una qualche forma di gerarchia sociale o il controllo privato del mezzi di produzione. [1] [2] [3] [4] Tuttavia i termini sono stati utilizzati per cose diverse in paesi diversi. Il termine destra è stato coniato durante la Rivoluzione francese, facendo riferimento alla disposizione dei posti in parlamento; coloro che sedevano sul lato destro appoggiavano la monarchia, l'aristocrazia e la Chiesa istituzionale. [5] [6] [7] [8] Il concetto di una distinta destra politica si sviluppò dopo la seconda restaurazione della monarchia francese nel 1815 con gli ultra-realisti. Oggi il termine destra è usato principalmente in riferimento a gruppi politici che hanno un legame storico con la destra tradizionale, tra cui i conservatori, i reazionari, i monarchici, gli aristocratici, i fondamentalisti religiosi, e alcuni nazionalisti. Ma in tempi moderni, la destra ha riguardato anche opinioni a sostegno del capitalismo e del libero mercato.

    Sommario

    1 Storia del termine
    2 Varietà
    3 Posizioni
    3.1 Gerarchia sociale
    3.2 Ordine sociale
    3.3 Nazionalismo
    3.4 Economia
    3.5 Religione
    3.6 Anti-comunismo
    4 Note


    Storia del termine

    Il termine politico destra ha origine dalla Rivoluzione francese, quando i deputati liberali del Terzo sedevano generalmente alla sinistra della poltrona del presidente, un’abitudine che ha avuto inizio con gli Stati Generali del 1789. La nobiltà, i membri del secondo stato, generalmente sedevano alla destra. Nelle successive assemblee legislative, i monarchici che sostenevano l'Ancien Régime erano comunemente indicati come di destra, perché sedevano al lato destro. Un’importante figura della destra è stato Edmund Burke i cui principi politici erano radicati nella legge morale naturale. Egli credeva nei diritti prescrittivi e in quella che lui aveva denominato la "libertà ordinata", così come in una forte convinzione nei valori trascendenti, che trovava sostegno in istituzioni come la Chiesa, la famiglia, e lo stato. [9] E' stato un critico feroce dei principi che ispirarono la Rivoluzione francese, e nelle sue Riflessioni sulla Rivoluzione in Francia (1790), ha preso di mira le innovazioni radicali dei rivoluzionari, come i "diritti dell'uomo". Un'altra figura di primo piano della destra è stato Joseph de Maistre, che ha sostenuto una più autoritaria e meno liberale forma di conservatorismo. In tutto il 19° secolo, la principale linea di demarcazione tra destra e sinistra in Francia, è stata tra i sostenitori della Repubblica e quelli della Monarchia. [8] A destra, i legittimisti e gli ultra-realisti avevano opinioni controrivoluzionarie e respingevano ogni compromesso con le ideologie moderne, mentre gli orleanisti speravano di creare una monarchia costituzionale, sotto il loro ramo preferito della famiglia reale, una brusca realtà dopo la Rivoluzione di Luglio del 1830. I bonapartisti sostenevano l'idea di uno Stato forte e centralizzato, basato sul sostegno popolare.

    Da allora il termine destra ha finito per essere associato con il mantenimento dello status quo nella forma delle istituzioni e delle tradizioni. Il tradizionalismo burkeano è stato trasportato nelle colonie americane, dove si è caratterizzato per l’adesione ai principi giuridici di prescrizione e di consutudine, nonché per l'ordine sociale, la gerarchia, la fede, la famiglia naturale, la libertà ordinata, e la tradizione. Può avere affinità con il pensiero reazionario, e alcuni seguaci del tradizionalismo di Burke abbracciano l’etichetta, sfidando il marchio d’infamia che le è stato affibbiato nella cultura occidentale dai tempi dell'Illuminismo.

    Tradizionalmente, gli storici e gli scienziati sociali identificano lo spettro politico in base alle classi, con la sinistra, la destra e il centro che rappresentano rispettivamente le classi lavoratrici, le classi elevate e le classi medie. Queste divisioni, che si svilupparono al tempo della Rivoluzione francese, si approfondirono nel 19° secolo e tanto la destra quanto la sinistra accettarono la natura di classe delle loro posizioni. Mentre il suffragio universale, l'accettazione della democrazia e la divisione regionale e religiosa oscurarono la distinzione tra i gruppi, tale analisi è continuata ad essere applicata. Le più abituali ideologie di sinistra, destra e centro sono il socialismo, il conservatorismo e il liberalismo. [10] Seymour Martin Lipset ha considerato i moderni partiti politici come la continuazione delle divisioni storiche di classe che portarono alla loro creazione. [11]

    Louis Hartz individuò l'ideologia politica centrale nel contesto americno come il liberalismo lockiano e vide le due principali forze opposte nella storia americana come la Whig e la democratica, rappresentare i ricchi e le masse, per quanto entrambi accettassero i principi liberali e fossero quindi centristi. [12] Russell Kirk sostenne tuttavia che la rivoluzione americana era stata una reazione conservatrice e quindi il termine conservatore poteva applicarsi alla politica americana. [13] Sebbene la teoria di Kirk si guadagnò molto poco l'accettazione accademica, reso popolare il termine conservatore negli Stati Uniti ed è stato adottato dalla New Right e successivamente dalla maggioranza del Partito repubblicano e dai blue dogs democratici. Lipset coniò il termine destra radicale nel 1955 per descrivere i gruppi radicali contrari alle riforme sociali e all’interventismo estero [14] e il termine destra venne in seguito applicato al conservatorismo americano. In other English-speaking countries however, the term has received less acceptance, and is usually considered pejorative. [ 15 ] In altri paesi di lingua inglese, tuttavia, il termine ha ricevuto meno accettazione, e di solito è considerato peggiorativo. [15]

    Friedrich Hayek ha scritto che non è corretto rappresentare lo spettro politico, come una linea con i socialisti a sinistra, i conservatori a destra e i liberali nel mezzo. Ha suggerito invece di vedere ciascun gruppo tirare dall'angolo di un triangolo. I socialisti dalla metà del ventesimo secolo avevano tirato di più, di modo che l'intero spettro politico si era spostato verso sinistra e le idee socialiste erano diventate rispettabili. Negli Stati Uniti però la differenza tra conservatori e liberali, è stata oscurata dal fatto che era possibile difendere la libertà individuale difendendo le istituzioni stabilite, dato che la tradizione americana era liberale. Pensava che il tentativo di trapiantare in America il tipo europeo di conservatorismo aveva creato confusione nella visione dello spettro politico, con la tendenza di radicali e socialisti americani di definire le proprie posizioni liberali. [16]

    Varietà

    Lo spettro delle politiche di destra va dal centro-destra all’estrema destra. Dalla fine del 19esimo secolo, lo spettro politico francese classificò di centro-destra i monarchici costituzionali, gli orleanisti, e i bonapartisti, e di estrema destra gli ultra-realisti e i legittimisti. I gollisti di centro-destra nella Francia del dopo-seconda guerra mondiale sostennero notevoli spese sociali per l'istruzione e lo sviluppo delle infrastrutture, così come ampia regolamentazione economica, e una limitata redistribuzione della ricchezza più caratteristica della socialdemocrazia.

    Una definizione del termine "centro-destra" è necessariamente ampia e approssimativa, perché i termini politici hanno significati diversi in paesi diversi. I partiti di centro-destra in generale sostengono la democrazia liberale, il capitalismo, l'economia di mercato (anche se con una qualche limitata regolamentazione di stato), i diritti di proprietà privata, l'esistenza del welfare state in qualche forma limitata, e l'opposizione al socialismo e il comunismo. Tali definizioni generalmente includono i partiti politici che basano la loro ideologia e le loro politiche sul conservatorismo e sul liberalismo economico.

    I termini estrema destra e destra radicale sono stati utilizzati da diverse persone in modi contrastanti. [17] Il termine estrema destra è spesso utilizzato per descrivere nazionalisti, estremisti religiosi e gruppi reazionari così come per il fascismo e il nazismo. [18] [19] [20] [21] La BBC ha definito di estrema destra le politiche di Pim Fortuyn a causa delle sue posizioni in materia di immigrazione e musulmani. [22] Il termine estrema destra è stato usato da alcuni, come la National Public Radio, per descrivere lo stato di Augusto Pinochet in Cile. [23] [24] La pubblicazione di sinistra New Left Review definì le politiche di Ronald Reagan di "destra radicale". [25] Il Dipartimento statunitense della Homeland Security definisce estremismo di destra gruppi che hanno in odio le minoranze razziali, etniche o religiose, e che si rivolgono ad un tema unico, come l'opposizione all’aborto o all'immigrazione. [26]

    Il populismo di destra è una combinazione di etno-nazionalismo con una retorica populista anti-elitaria e una critica radicale delle attuali istituzioni politiche. [27] [28] [29] [30] Alcuni associano il nazionalismo etnico con la destra. [27] [ 31] Secondo gli studiosi del fascismo, ci sono influenze tanto di sinistra quanto di destra nell’ideologia fascista. Essi sostengono che il fascismo è la ricerca di una terza via tra tutti questi punti di vista. [32] [33] [34] [35] [36] [37] [38] [39] [40] Roger Griffin sostiene che i movimenti fascisti hanno fatto diventare più monolitica la destra, e il fascismo si è intrecciato con la destra radicale. [41] [42]

    Posizioni

    Gerarchia sociale

    Le politiche di destra reazionaria comportano la creazione o la promozione di una gerarchia sociale. [43] La politica di destra considera le gerarchie sociali ed economiche sia naturali che normali e respinge i tentativi di rimuovere tali gerarchie. Per esempio, i politici di destra in Francia durante la Rivoluzione francese si opposero alla soppressione della monarchia e del privilegio aristocratico. [5] Personalità religiose con idee di destra, come nella Chiesa cattolica romana dopo la Rivoluzione francese, chiedevano solitamente la creazione o il ripristino dell'autorità delle istituzioni religiose e della gerarchia sociale che era associata con la religione. [44] I razzisti di destra credono che ci sia una gerarchia razziale in cui razze superiori hanno una autorità naturale o una supremazia sulle razze inferiori. [45] Economie di destra comportano l'accettazione di una gerarchia sociale basata sulla ricchezza economica e sulla classe sociale. [46] [verifica necessaria]

    La destra sostiene spesso la parità di opportunità come un’alternativa alla parità di risultato. [47] La destra in generale guarda alla maggior parte delle disuguaglianze sociali come il risultato di insopprimibili disuguaglianze naturali, e vede i tentativi di far rispettare l'uguaglianza sociale, come utopiche o autoritarie. [48] Russell Kirk, una figura di spicco del conservatorismo americano, ha incluso una "società civile che richiede ordini e classi", quale uno dei canoni del conservatorismo. [49]

    L'ordine sociale

    Molte ideologie e movimenti di destra sostengono l'ordine sociale. L’originaria destra francese-wing era chiamata "il partito dell'ordine" e sosteneva che la Francia aveva bisogno di un leader politico forte per mantenere l'ordine. [8]

    Il conservatorismo latino, fondato da Joseph de Maistre, è intransigente nella sua convinzione circa la necessità dell’ordine. Maistre, come Thomas Hobbes prima di lui, sostenne l’assolutismo come l'unico mezzo per evitare disordini violenti. Maistre, che rifuggì la Rivoluzione francese, si convinse che le idee ultra-liberali, in particolare la teoria di Rousseau di una "volontà generale", aveva portato agli orrori della Rivoluzione francese e allo spargimento di sangue delle guerre napoleoniche. Maistre altresì contestò il quasi-secolarismo e l’auto-indulgenza di alcune monarchie del tardo 18° secolo, e credeva che Stato e Chiesa dovevano rimanere inseparabili. I principi del conservatorismo latino di Maistre furonno pienamente istituiti in Spagna con Francisco Franco.

    I fondamentalisti religiosi hanno spesso sostenuto l'uso del potere politico per imporre il loro credo religioso. [50]

    Mentre la politica della destra tradizionale supporta l'autorità legale e morale su chi sfiderebbe tale autorità, la destra libertaria, in contrasto con la destra religiosa e la destra nazionalista, è anti-autoritaria.

    Il nazionalismo

    Il nazionalismo era in origine un’ideologia repubblicana e di sinistra. [51] Il nazionalismo è diventato una caratteristica principale della destra e, inoltre, dell’estrema destra dopo l'affare Dreyfus. [52] Gli originari nazionalisti di destra appoggiarono il nazionalismo etnico e il credo nella definizione di una "vera" identità nazionale e nella difesa di essa da elementi ritenuti non facente parte di tale identità e corruttori. [8]

    Collegato al nazionalismo di destra è il conservatorismo culturale. Il conservatorismo culturale sostiene la conservazione del patrimonio di una nazione o cultura, di solito di fronte a forze esterne per il cambiamento. La cultura in questione può essere tanto grande come la cultura occidentale e la civiltà cinese o piccola come quella del Tibet. I conservatori culturali cercano di adattare le norme tramandate dal passato. Le norme possono essere romantiche, come il movimento anti-metrico che chiede la conservazione dei pesi delle misure imperiali in Gran Bretagna e si oppone alla loro sostituzione con il sistema metrico decimale. Possono essere istituzionali: in Occidente questo ha incluso la cavalleria e feudalesimo, così come il capitalismo, laicità e lo Stato di diritto. I conservatori culturali spesso sostengono che le vecchie istituzioni sono state adattate da un determinato luogo o cultura e, pertanto, devono essere preservate. Altri sostengono che un popolo ha diritto alle proprie norme culturali, alla propria lingua e alle proprie tradizioni.

    Economia

    Storicamente, la destra ha inteso preservare la ricchezza e il potere degli aristocratici e dei nobili. Nei tempi moderni, la maggior parte delle ideologie e dei movimenti di destra supportano il capitalismo. Il libertarismo di destra (conosciuto anche come conservatorismo libertario o libertarismo conservatore) sostiene un'economia decentrata basata sulla libertà economica, e avvoca politiche come i diritti di proprietà, il libero mercato e il libero scambio. Russell Kirk credeva che la libertà e i diritti di proprietà fossero interconnessi. [49] Rafael Di Tella (Harvard Business School) e Robert McCulloch (Imperial College di Londra), sostengono che la libertà economica è correlata ai governi che tendono verso destra. [53] Ronald Reagan ha detto in un'intervista: "Credo che il cuore e l'anima del conservatorismo sia il libertarismo." [54] Secondo Christopher Pierson, "... si può trovare a destra come a sinistra l’idea che l'essenza della società civile è la sua garanzia di un’economia capitalista di mercato basata sulla proprietà privata. La differenza è che alla destra ciò piace e alla sinistra no."[55] L’associazione della destra con il capitalismo può essere ricondotta alla fine del 19esimo secolo. [8]

    Un capitalismo corporativo di tipo occidentale, ma non completamente volto ad un vero e proprio laissez faire economico o all'autonomia individuale è stato adottato dai governi riformisti a Singapore e Taiwan durante un periodo di regime autoritario e di riforma economica. Questi paesi continuano a venerare la tradizione in quello che è stato descritto un modello "asiatico" di capitalismo. Alcuni movimenti e partiti di destra hanno sostenuto il protezionismo, come, in Francia, il Front National. Conservatori autoritari e quelli di estrema destra hanno sostenuto il corporativismo. [56]

    Religione

    Il sostegno del governo per la religione di maggioranza è stato, fin dall'inizio del movimento, una parte importante della politica di destra. La destra francese originaria ha sostenuto il potere della Chiesa cattolica romana e si è opposta alla secolarizzazione delle forze anticlericali di sinistra. [8] Personalità religiose con opinioni di destra, come nella Chiesa cattolica romana dopo la Rivoluzione francese, di solito hanno chiesto la creazione o il ripristino dell'autorità delle istituzioni religiose e della gerarchia sociale che è stata associata con la religione. [44]

    Joseph de Maistre - Maistre sostenne l'autorità indiretta del Papa sulle questioni temporali. Secondo Maistre, solo i governi fondati su una costituzione cristiana, implicita nei costumi e nelle istituzioni di tutte le società europee, ma soprattutto nelle monarchie cattoliche europee, potrebbero evitare il disordine e gli spargimenti di sangue che seguirono l'attuazione dei programmi politici razionalisti, come nella Rivoluzione francese.

    La destra cristiana è una grande forza politica in Occidente, sostenuta dal Partito repubblicano negli Stati Uniti e dai partiti cristiano-democratici in Europa. Essi generalmente sostengono le leggi in difesa dei valori religiosi e le leggi contro l'immigrazione, in particolare contro l’immigrazione di popoli non-cristiani. [57]

    Il nazionalismo indù è stato parte della destra politica in India. Una forma di populismo conservatore, il movimento ha attirato non solo i gruppi privilegiati che temevano l’ingerenza nelle loro posizioni dominanti, ma anche gruppi poveri e "plebei" che chiedevano il riconoscimento intorno ad una retorica maggioritaria di orgoglio culturale, ordine e forza nazionale. [58]

    Il partito Likud in Israele esprime il suo sostegno per la Torah nel contesto del giudaismo civile. Molti gruppi islamici sono stati associati con la destra, come il Great Union Party [59], il Felicity Party [60] della Turchia e l'Associazione del clero combattente / Associazione del clero militante ('Jame'e-ye Rowhaniyat-e Mobarez) [61] [62] e l'Islamic Society of Engineers [63] [64] dell'Iran.

    Oggi molti conservatori sociali e religiosi si trovano in opposizione alle organizzazioni scientifiche su temi come l'evoluzione e la questione del riscaldamento globale. [65] [66] [67] [68] [69] [70] [71] [Neutralità contestata - V. Talk page]

    Anti-comunismo

    I primi movimenti comunisti erano sorti in opposizione alle monarchie tradizionali che all’epoca dominavano gran parte del continente europeo. Molte monarchie europee misero fuorilegge l'espressione pubblica di opinioni comuniste, e il Manifesto del partito comunista inizia con "Uno spettro si aggira per l'Europa", suggerendo che i monarchi temevano per la sorte dei loro troni.

    La difesa del comunismo era illegale nell’Impero russo, nell'Impero tedesco e nell'Austria-Ungheria, le tre monarchie più potenti in Europa continentale precedentemente la Prima guerra mondiale. Molti monarchici (tranne i monarchici costituzionali) consideravano la disuguaglianza di ricchezza e di potere politico, come conseguenza di una divino ordine naturale.

    Con la prima guerra mondiale, tuttavia, nella maggior parte delle monarchie europee, il diritto divino dei re era stato screditato e sostituito da movimenti liberali e nazionalisti. La maggior parte dei monarchi europei diventarono dei prestanomi; i governi eletti detenevano il potere reale. La monarchia europea più conservatrice, l'Impero russo, fu sostituito dall’Unione Sovietica comunista. La rivoluzione russa ispirò una serie di altre rivoluzioni comuniste in tutta Europa negli anni 1917-1922. Molte di queste, come la rivoluzione tedesca, furono sconfitti da unità militari monarchiche.

    Gli anni 1920 e 1930 hanno visto l’affievolirsi della politica tradizionale di destra. Il mantello dell’anti-comunismo conservatore è stato ripreso dal sorgente movimento fascista, da un lato, e dai conservatori liberali di ispirazione statunitense, dall'altro. Quando i gruppi e i partiti politici comunisti cominciarono ad apparire in tutto il mondo, come nella Repubblica cinese nei tardi anni 1920, i loro avversari erano di solito le autorità coloniali o i locali movimenti nazionalisti. Due esempi di dittature reazionarie anticomuniste sono stati i governi di Francisco Franco e Augusto Pinochet.

    Dopo la seconda guerra mondiale, il comunismo è diventato un fenomeno globale, e l’anti-comunismo parte integrante delle politiche nazionali ed estere degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO. Il conservatorismo nel dopoguerra abbandonò le sue radici monarchiche e aristocratiche, concentrandosi invece sul patriottismo, la religione e il nazionalismo. I comunisti erano anche i nemici del capitalismo, che raffiguravano Wall Street come l'oppressore delle masse.

    Gli Stati Uniti hanno reso l'anti-comunismo la priorità assoluta della loro politica estera, e molti conservatori americani hanno cercato di combattere quella che hanno visto come l’influenza comunista a casa loro. Ciò ha portato all'adozione di una serie di politiche interne, che sono note collettivamente con il termine "maccartismo".

    In tutta la Guerra Fredda, i governi conservatori in Asia, Africa e America Latina si voltarono verso gli Stati Uniti per il sostegno politico ed economico. Alcuni di questi erano regimi autoritari, che - secondo i loro critici - usavao la paura del comunismo come un mezzo per legittimare la repressione, la sospensione dei diritti civili, e l'abolizione della democrazia. Tra questi la Corea del Sud sotto Syngman Rhee (vedi massacro di Jeju), la Repubblica di Cina sotto il Generalissimo Chiang Kai-Shek, il Vietnam del Sud sotto Ngo Dinh Diem, l’Indonesia sotto il generale Suharto, lo Zaire sotto Mobutu Sese Seko, il Paraguay sotto Alfredo Stroessner e il Cile sotto Augusto Pinochet.

    Durante gli anni 1980, i governi conservatori di Ronald Reagan negli Stati Uniti, Margaret Thatcher in Gran Bretagna, e Brian Mulroney in Canada hanno seguito una politica estera chiaramente anti-sovietica che è accreditata dai loro sostenitori come un fattore determinante per la caduta dell'Unione Sovietica e la democratizzazione dell’Europa orientale e di altri paesi.

    Finita la Guerra Fredda, il comunismo non è più considerato una forza importante nella politica mondiale, e quindi la maggioranza dei conservatori è molto meno interessata all'anti-comunismo. Tuttavia, l’anti-comunismo conservatore riaffiora ovunque i gruppi politici comunisti fanno progressi significativi, come ad esempio in Nepal negli ultimi anni.


    1 - continua
    Ultima modifica di Florian; 12-10-09 alle 10:09

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: CONOSCERE LA DESTRA

    Note

    1 ^ Left and right: the significance of a political distinction, Norberto Bobbio and Allan Cameron, pg. 37, University of Chicago Press, 1997.
    2 ^ Seymour Martin Lipset, cited in Fuchs, D., and Klingemann, H. 1990. The left-right schema. Pp.203–34 in Continuities in Political Action: A Longitudinal Study of Political Orientations in Three Western Democracies, ed.M.Jennings et al. Berlin:de Gruyter
    3 ^ Lukes, Steven. 'Epilogue: The Grand Dichotomy of the Twentieth Century': concluding chapter to T. Ball and R. Bellamy (eds.), The Cambridge History of Twentieth-Century Political Thought. Pp.610–612
    4 ^ Clark, William. Capitalism, not Globalism. University of Michigan Press, 2003. ISBN 0472112937, 9780472112937
    5 ^ a b The Architecture of Parliaments: Legislative Houses and Political Culture Charles T. Goodsell British Journal of Political Science, Vol. 18, No. 3 (Jul., 1988), pp. 287–302
    6 ^ Gerhard Linski, Current Issues and Research in Macrosociology, Brill Archive, 1984, pg; 59
    7 ^ Barry Clark, Political Economy: A Comparative Approach, Praeger Paperback, 1998, pgs; 33–34.
    8 ^ a b c d e f Andrew Knapp and Vincent Wright (2006). The Government and Politics of France. Routledge.
    9 ^ American Conservatism: An Encyclopedia, Bruce Frohnen, Jeremy Beer, and Jeffrey O. Nelson, pp. 107–109, ISI Books, 2006
    10 ^ Political Man (1960) by Seymour Martin Lipset, pp. 131–133
    11 ^ Political Man (1960) by Seymour Martin Lipset, p. 220
    12 ^ The Liberal Tradition in America (1955).
    13 ^ The Conservative Mind (1953) by Russell Kirk
    14 ^ "The Radical Right", British Journal of Sociology I (June 1955) by S. M. Lipset
    15 ^ Don't be "right" (2009) by John Redwood
    16 ^ "Why I Am Not a Conservative", F. A. Hayek in The Constitution of Liberty (1960)[1]
    17 ^ Betz & Immerfall 1998; Betz 1994; Durham 2000; Durham 2002; Hainsworth 2000; Mudde 2000; Berlet & Lyons, 2000.
    18 ^The Routledge companion to fascism ... - Google Books
    19 ^ The Christian right: the far right ... - Google Books
    20 ^ Right-wing extremism in the twenty ... - Google Books
    21 ^ Western democracies and the new ... - Google Books
    22 ^ Pim Fortuyn: The far-right Dutch maverick, BBC
    23 ^ "A Dictator's Legacy of Economic Growth". 2006-09-14. A Dictator's Legacy of Economic Growth : NPR. Retrieved 2007-10-15.
    24 ^ Who funds and runs the Politico? - Glenn Greenwald - Salon.com
    25 ^ Alan Wolfe: Sociology, Liberalism, and the Radical Right. New Left Review
    26 ^ Rightwing Extremism: current economic and political climate fueling resurgence in radicalization and recruitment
    27 ^ a b Canovan, Margaret. 1981. Populism.
    28 ^ Fritzsche, Peter. 1990. Rehearsals for Fascism: Populism and Political Mobilization in Weimar Germany.
    29 ^ Betz, Hans-Georg (1994). Radical Right-Wing Populism in Western Europe. Palgrave Macmillan. ISBN 978-0312083908.
    30 ^ Berlet, Chip and Matthew N. Lyons. 2000. Right-Wing Populism in America: Too Close for Comfort.
    31 ^ Betz, Hans-Georg (1994). Radical Right-Wing Populism in Western Europe. Palgrave Macmillan. ISBN 978-0312083908.
    32 ^ Bastow, Steve (2003). Third Way Discourse: European Ideologies in the Twentieth Century. Edinburgh University Press. ISBN 074861561X. Third way discourse: European ... - Google Books.
    33 ^ Macdonald, Hamish (1999). Mussolini and Italian Fascism. Nelson Thornes. ISBN 0748733868. Mussolini and Italian fascism - Google Books.
    34 ^ Woolley, Donald Patrick. The Third Way: Fascism as a Method of Maintaining Power in Italy and Spain. University of North Carolina at Greensboro. The third way: fascism as a method ... - Google Books.
    35 ^ Heywood, Andrew (2003). Key Concepts in Politics. Palgrave. ISBN 0312233817. Mussolini and Italian fascism - Google Books.
    36 ^ Renton, Dave (1999). Fascism: Theory and Practice. Pluto Press. ISBN 0745314708. Fascism: theory and practice - Google Books.
    37 ^ Kallis, Aristotle A (2003). The Fascism Reader. Routledge. ISBN 0415243599. The fascism reader - Google Books.
    38 ^ Griffin, Roger (1991). The Nature of Fascism. Palgrave Macmillan. ISBN 0312071329. The nature of fascism - Google Books.
    39 ^ Parla, Taha (1985). The Social and Political Thought of Ziya Gökalp, 1876-1924. Brill. ISBN 9004072292. The social and political thought of ... - Google Books.
    40 ^ Durham, Martin (1998). Women and Fascism. Routledge. ISBN 0415122805. Women and fascism - Google Books.
    41 ^ Roger Griffin, Interregnum or Endgame?: Radical Right Thought in the ‘Post-fascist’ Era, The Journal of Political Ideologies, vol. 5, no. 2, July 2000, pp. 163–78
    42 ^ ‘Non Angeli, sed Angli: the neo-populist foreign policy of the "New" BNP', in Christina Liang (ed.) Europe for the Europeans: the foreign and security policy of the populist radical right (Ashgate, Hampshire,2007). ISBN 0754648516
    43 ^ Martin E. Marty, R. Scott Appleby, American Academy of Arts and Sciences. Fundamentalisms observed, "Reactionary right-wing themes emphasizing authority, social hierarchy, and obedience, as well as condemnations of liberalism, the democratic ethos, the "rights of man" associated with the legacy of the Enlightenment and the French Revolution, and the political and cultural ethos of modern liberal democracy are especially prominent in the writings and public statements of Archbishop Lefebere", p. 91, University of Chicago Press, 1994. P. 91. ISBN 0226508781, ISBN 9780226508788.
    44 ^ a b Martin E. Marty, R. Scott Appleby, American Academy of Arts and Sciences. Fundamentalisms observed. University of Chicago Press, 1994. P. 91. ISBNISBN 0226508781, ISBN9780226508788.
    45 ^ Shanto Iyengar, William James McGuire. Explorations in political psychology. Duke University Press, 1993. P. 208. ISBN 0822313243, ISBN9780822313243.
    46 ^ Ellen A. Brantlinger. Dividing classes: how the middle class negotiates and rationalizes school advantage. Routledge, 2003. P. 193.
    47 ^ Bobbio, Norberto, "Left and Right: The Significance of a Political Distinction" (translated by Allan Cameron), 1997, University of Chicago Press. ISBN 0226062465
    48 ^ Bobbio, Norberto, "Left and Right: The Significance of a Political Distinction" (translated by Allan Cameron), 1997, University of Chicago Press. ISBN 0226062465
    49 ^ a b The Origins of the Modern American Conservative Movement
    50 ^ Martin E. Marty, R. Scott Appleby, American Academy of Arts and Sciences. Fundamentalisms observed. University of Chicago Press, 1994. P. 91. ISBN 0226508781, ISBN 9780226508788.
    51 ^ William Doyle, The Oxford History of the French Revolution, Oxford University Press, 2003, ISBN 9780199252985, "An exuberant, uncompromising nationalism lay behind France's revolutionary expansion in the 1790s...", "The message of the French Revolution was that the people are sovereign; and in the two centuries since it was first proclaimed it has conquered the world."
    52 ^ Winock, Michel (dir.), Histoire de l'extrême droite en France (1993)
    53 ^ "Why doesn't Capitalism flow to Poor Countries?" Rafael Di Tella (Harvard Business School) and Robert MacCulloch (Imperial College London)
    54 ^ Inside Ronald Reagan, a Reason magazine Interview with Ronald Reagan, July 1975.
    55 ^ Christopher Pierson. The modern state. Routledge. 2004. ISBN 9780415329323 p. 53
    56 ^ Fascism, Comparison and Definition, Stanley Payne, University of Wisconsin Press, ISBN 0299080641, 9780299080648, pg 19: "Right radicals and conservative authoritarians almost without exception became corporatists in formal doctrines of political economy, but the fascists were less explicit and in general less schematic."
    57 ^ Conservative Parties Cheer Victory in EU Parliamentary Elections, "Conservative parties across Europe are cheering their victory, following four days of voting for the E.U. Parliament that resulted in heavy losses for the left."
    58 ^ Thomas Blom Hansen, The Saffron Wave: Democracy and Hindu Nationalism in Modern India, Princeton University Press, 2001, ISBN 140080342X, 9781400803422
    59 ^ Rescue Teams Could Not Reach Turkish Party Leader, Muhsin Yazicioglu after Helicopter Crash
    60 ^ International Crisis Group - FUPP post 5
    61 ^ Elections Summaries for POLS 168 -- Middle East Politics (Fall 2007)
    62 ^ Poll test for Iran reformists
    63 ^ Middle East Report Online: Iran's Conservatives Face the Electorate, by Arang Keshavarzian
    64 ^ Anoushiravan Ehteshami and Mahjoob Zweiri, Iran and the rise of its neoconservatives: the politics of Tehran's silent revolution, I.B.Tauris, 2007.
    65 ^ https://www.irr.org.uk/cgi-bin/news/open.pl?id=4447, "Christian school teaches right-wing creationist theories, by Liz Fekete, 1 August 2002, 'The government policy of funding for faith schools has been criticised after it was revealed that the Emmanuel City Technology College in Gateshead is teaching creationism - that human origins are (relatively) recent and divine - as opposed to scientific evolution, to explain our origins.'
    66 ^ Evolution Resources from the National Academies, "Biological evolution is one of the most important ideas of modern science. Evolution is supported by abundant evidence from many different fields of scientific investigation. It underlies the modern biological sciences, including the biomedical sciences, and has applications in many other scientific and engineering disciplines."
    67 ^ ABC Turns to Doomsday Propaganda to Push Global Warming Solutions, "ABC Turns to Doomsday Propaganda to Push Global Warming Solutions, Network spends two hours predicting future, promoting Obama and left-wing climate ideas" by Dan Gainor, The Boone Pickens Free Market Fellow Business & Media Institute, 6/3/2009, 108:07 AM
    68 ^ Muslim creationism makes inroads in Turkey - Science- msnbc.com creationism makes inroads in Turkey, by Tom Heneghan, Reuters, Nov. 22, 2006, "Creationism is so widely accepted here that Turkey placed last in a recent survey of public acceptance of evolution in 34 countries — just behind the United States." "Darwinism did become an issue during the left-vs.-right political turmoil before a 1980 military coup because Communist bookshops touted Darwin’s works as a complement to Karl Marx. 'It looked like Marx and Darwin were together, two long-bearded guys spreading ideas that make people lose their faith,' said Istanbul journalist Mustafa Akyol.
    69 ^ Diana DeGette, Sex, Science, and Stem Cells: Inside the Right Wing Assault on Reason, The Lyons Press, 2008, ISBN-13: 978-1599214313.
    70 ^ Policy Implications of Greenhouse Warming, National Academy of Sciences, National Academies Press, 1992, ISBN 9780309043861
    71 ^ Chris Mooney, The Republican War on Science: Revised and Updated, ASIN: B001OQOIPM


    Right-wing politics - Wikipedia, the free encyclopedia

    Traduzione dall’inglese di Florian.

    2 - fine

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: CONOSCERE LA DESTRA

    La destra (e la sinistra) oggi in Francia





    Ultima modifica di Florian; 19-10-09 alle 15:12

  4. #4
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: CONOSCERE LA DESTRA

    Aspettando la Terza Repubblica: prima ricognizione sugli uomini e le idee da tenere e da buttare

    IL PANTHEON DELLA DESTRA



    Fascismo e Duce, no. Resistenza e revisionismo, ni. Liberalismo popolare, .
    Borges, Castoriadis, Céline, Dostoevskij, Heidegger, .
    Evola, Croce, La Rochelle ed Elemire Zolla, no.
    Jünger, Lucio Battisti, Gramsci, Mishima, Sturzo, ni. Liberalismo tout-court, no.
    Bellezza, . Canone, ni.









    Il Domenicale, Anno 7, Numero 1, Sabato 5 gennaio 2008

    http://forum.politicainrete.net/cons...la-destra.html

    http://www.ildomenicale.it/arretrati...aio%202008.pdf

 

 

Discussioni Simili

  1. CONOSCERE IL CONSERVATORISMO
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-11-09, 11:07
  2. Conoscere l'islam
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 07-10-09, 22:04
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-09-09, 18:12
  4. Per conoscere la vera Destra conservatrice americana
    Di carlomartello (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-09-08, 10:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226