User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito spunti per una riflessione

    GIULIANO Amato, nel suo rigoroso e appassionato intervento su quel tema importante costituito da "I confusi confini tra etica e impresa", pubblicato da Repubblica lunedì 20 ottobre, ritiene che l´economia sia ancora e debba essere compatibile con l´etica, mentre da parte mia non vedo quale etica possa essere all´altezza dell´economia divenuta «globale». La globalizzazione che, a mio parere, rende impraticabili le etiche che, sia sul versante cristiano, sia sul versante laico, sono state finora formulate.
    In Occidente abbiamo conosciuto fondamentalmente tre etiche: l´«etica dell´intenzione», che maturata nel solco profondo della tradizione giudaico-cristiana, ha fatto da sfondo e forma a tutto l´ordine giuridico europeo. Ancor oggi i giudici, per giudicare un´azione, indagano se questa è «volontaria», «intenzionale», «preterintenzionale», cioè discutono dell´intenzione dell´attore. La domanda che ci poniamo è: nell´età della tecnica e dell´economia globale, l´etica dell´intenzione è ancora praticabile? Direi che la risposta è no, nel senso che non è interessante sapere che intenzioni aveva Fermi quando ha inventato la bomba atomica, molto più importante è conoscere gli effetti della bomba atomica.
    Non sta molto meglio l´«etica laica» che qui per brevità riassumo in quella bella frase di Kant: «L´uomo va trattato sempre come un fine e mai come un mezzo». Si tratta di un´etica che non è ancora stata realizzata, se è vero che oggi le merci e il denaro godono di maggior libertà di circolazione degli uomini, per cui merci e denaro sono già concepite come finalità superiori alla sorte dell´uomo. E tuttavia, l´etica kantiana, anche se fosse realizzata, si rivelerebbe un´etica ancora insufficiente perché: cosa vuol dire che l´uomo è un fine e tutte le cose sono un mezzo? Oggi, ad esempio, l´aria è un mezzo o è a sua volta un fine da salvaguardare? Non si dà il caso che finora abbiamo pensato solo a etiche che regolano i rapporti tra gli uomini, mentre oggi dobbiamo farci carico anche degli enti di natura che nessuna etica, da noi finora elaborata, ci ha prescritto di farci carico. Un tempo gli uomini erano pochi e tutto era «mezzo» a servizio dell´uomo, oggi gli uomini sono molti e i mezzi sono ridotti.
    Probabilmente quello che abbiamo concepito fin ora come semplici «mezzi» non sono più «mezzi», ma «scopi» da salvaguardare. Quale etica abbiamo a questo proposito?
    All´inizio del secolo scorso Max Weber ha proposto l´«etica della responsabilità», poi ripresa da Hans Jonas. Un´etica che nasce da questa considerazione di Weber: viste le modalità con cui si espande l´economia, visto quel che sarà il futuro della nostra storia sempre più segnato dal dominio della tecnica, dobbiamo pensare un´etica che ci renda responsabili degli effetti delle nostre azioni. A questo punto però Weber apre opportunamente una parentesi «finché questi effetti sono prevedibili». Se non che è proprio della tecnica produrre effetti imprevedibili. Chi avrebbe previsto, ad esempio, la clonazione, gli organismi geneticamente modificati, e quant´altro i progressi della tecnoscienza quotidianamente ci offrono? Qui l´etica diventa «pat-etica», nel senso che, come a più riprese scrive Emanuele Severino: «Chiede alla tecnica che può di non fare ciò che può», e, in versione economica, chiede al mercato in espansione di contenere la sua forza espansiva se questa danneggia le popolazioni più povere. Qui l´etica non oltrepassa mai il livello dell´invocazione, come risulta a chiunque abbia partecipato a un comitato bioetico.
    Chiedere alla ricerca scientifica di fermarsi a riflettere è un´invocazione, chiedere al mercato di occuparsi del mondo povero è un´invocazione. L´etica non ha forza. Qui allora bisognerà pensare ad altre etiche, perché quelle che abbiamo a disposizione, quelle che sono state pensate in Occidente, nel nostro tempo non sono efficaci, per le dimensioni che ha assunto la tecnica e per le dimensioni che ha assunto l´economia.
    Il mutamento qualitativo, che deriva dall´aumento quantitativo di un fenomeno, determina quella che i filosofi chiamano «eterogenesi dei fini», ben illustrata da Marx, buon lettore di Hegel, là dove dice: noi siamo abituati a considerare il denaro come un «mezzo» in vista di quei fini che sono la soddisfazione dei bisogni e la produzione dei beni, accade però che se il denaro diventa la «condizione universale» per soddisfare qualsiasi bisogno e per produrre qualsiasi bene, allora il denaro non è più un «mezzo», ma diventa il «fine», per accaparrarci il quale, si vedrà se soddisfare i bisogni e se produrre e in che misura i beni. In questo modo ciò che antropologicamente percepiamo come «fini» (soddisfazione dei bisogni e produzione di beni), diventano «mezzi» per produrre denaro, se il denaro è diventato «condizione universale» per realizzare qualsiasi scopo. Quando infatti qualcosa è «condizione universale» per realizzare qualsiasi scopo non è più un «mezzo» ma è il primo «scopo» di ogni attività.

    è questo un ragionamento che possiamo applicare anche alla tecnica: se tutti gli scopi possono essere realizzati solamente a partire da una disponibilità di strumentazione tecnica, la tecnica non è più un mezzo, ma diventa uno scopo, il «primo scopo», per realizzare il quale, subordinerò tutti quelli che prima concepivo come scopi. Ne è un esempio l´apparato tecnico americano che era un tempo equipollente all´apparato tecnico sovietico. Allora nessuno ipotizzava il crollo del comunismo, che è caduto non perché in Unione Sovietica mancava la libertà, perché la gente stava male o per ragioni antropologiche di questo tipo, ma perché a un certo punto il dispositivo tecnico sovietico è risultato così inferiore al dispositivo tecnico americano che, per la realizzazione delle finalità che il comunismo si proponeva, non c´erano più i mezzi. Questo un esempio che dimostra come il dispositivo tecnico, che noi siamo sempre abituati a pensare come un «mezzo», è diventato uno «scopo», ossia ciò senza il quale nessuno scopo si realizza.
    Ora nel campo economico succede qualcosa di analogo. Il «mezzo» che l´economia assume come suo indicatore oggi è il denaro. Non è sempre stato così, lo è solo da quando l´economia è divenuta, nella seconda metà del settecento, con Adam Smith, un sistema scientifico. Prima tante erano le azioni umane, e anche di grande valore economico, che avvenivano su scenari non necessariamente monetari, come ad esempio gli scenari simbolici, i rapporti di gerarchia, le forme di prestigio. Basti pensare ad Aristotele per il quale il denaro, essendo il simbolo di un bene, non può produrre beni, «pecunia non parit pecuniam». Dovessimo stare a questo assunto, la finanza non esisterebbe.
    Quando il denaro diventa la forma unica dell´economico, e l´economico diventa la forma del mondo, si sviluppa una qualità di pensiero, un tipo di razionalità (non si dimentichi che la parola «ragione» nasce in ambito economico, essendo la «ratio» la contropartita in uno scambio: redde rationem) che si limita a far di conto, quella che Heidegger chiama «pensiero calcolante» (Denken als Rechnen) che sa fare solo conti, che sa solo calcolare, che sa fare solo operazioni con numeri, che guarda vantaggi e svantaggi, profitti e perdite, che si configura esclusivamente nell´utile.

    Qui è l´essenza del «pensiero unico» dove i criteri di valutazione sono «produttività», «efficienza», «calcolo», accanto ai quali non ci sono pensieri alternativi o, se ci sono, sono pensieri marginali, ciò intorno a cui non accade mondo. Penso ai pensieri «filosofici», «teologici», «poetici». Sono pensieri possibili, gratificanti, ma il mondo non si organizza a partire da questi pensieri. Allora qui la prima domanda che si pone è questa: siamo consapevoli che la diffusione anzi l´egemonia dell´economico, indicato esclusivamente dal denaro, possa costituire l´unica forma di pensiero a cui educare tutta l´umanità? E ancora: non è proprio qui il luogo decisivo del fallimento etico? Se tutti pensiamo in termini economici, che spazio c´è per un pensiero altro che non sia quello economico? E l´etica è un pensiero altro.
    Abbiamo stabilito prima un nesso tra tecnica ed economia e lo abbiamo individuato nel «mercato», che è divenuto così razionale da eguagliare la tecnica che è la forma più alta della razionalità raggiunta dall´uomo. A lei subordinata è l´economia che io considero ancora un´espressione «antropologica», perché ancora soffre di una passione umana, da cui è esonerata la tecnica, che è la passione per il denaro.
    Mi chiedo: in un mercato tecnicizzato è ancora consentito «agire» o non resta altro che «fare»? Colui che opera in un apparato «agisce» o «esegue»? E qui non penso solo all´impiegato, ma anche all´imprenditore che è a sua volta privato della possibilità di «agire» perché deve «eseguire» cioè «seguire» azioni descritte e prescritte dal mercato. A questo punto se «agire» vuol dire compiere delle azioni in vista di uno scopo, e «fare» vuol dire invece eseguire azioni già descritte e prescritte dall´apparato, che nella fattispecie è il mercato, allora come possiamo introdurre un´etica là dove nessuno più «agisce», perché tutti si limitano a «fare» e a «eseguire»?
    Mi vengono in mente quelle risposte che i generali nazisti davano quando venivano catturati e processati. Si chiedeva conto della loro condotta ed essi rispondevano: «Ho eseguito ordini». Qui abbiamo un esempio di cosa vuol dire passare dall´»agire» al «fare». Perché colui che fa non è responsabile dei fini ultimi. Se io lavoro in una banca e questa banca, per ipotesi, sovvenziona la produzione delle armi e la sua esportazione io, impiegato, non sono responsabile: primo perché non sono tenuto a conoscere i fini ultimi, secondo perché, se anche li conoscessi, non sono autorizzato a prendere posizione. Allora qui io «faccio», ma non «agisco» più, perché i fini mi sono sottratti.
    Ecco, se per noi ormai l´»agire» si riduce a «lavorare» dove il lavorare consiste nella pura esecuzione di azioni già descritte e prescritte, io sinceramente per l´etica non vedo alcuno spazio.
    Non disponiamo di un´etica all´altezza della tecnica e dell´economia globale. Qui bisogna incominciare a pensare.








    Umberto Galimberti
    Da:La Repubblica 11-11-2003

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Diritti Civili
    Il fronte oscurantista
    (13/12/2003)
    di Miriam Mafai

    QUALCUNO ha scritto una volta che noi italiani sappiamo benissimo come dovremmo essere, ma non come siamo. Secondo alcuni, noi siamo ancora divisi in modo furibondo tra guelfi e ghibellini sempre pronti a una guerra di religione. Secondo altri, sarebbe tipica del nostro carattere nazionale la tendenza all´accomodamento, al compromesso. Mi è venuta in mente questa citazione leggendo la lettera con cui Piero Fassino rispondeva ieri ai radicali che gli avevano chiesto un serio impegno per la modifica della legge sulla fecondazione assistita in via di approvazione al Senato.
    Una lettera nella quale il segretario del Ds ricorda, appunto, «decenni di contrapposizione tra guelfi e ghibellini sui temi etici che riguardano la vita e la morte, la famiglia e la sessualità» e l´impegno attuale della sinistra «di ricercare soluzioni largamente condivise, rispettose del pluralismo etico che contraddistingue positivamente la società italiana». Niente da obiettare, naturalmente. Ma non si può dimenticare che a suo tempo, in quei decenni che Fassino descrive di feroce contrapposizione tra guelfi e ghibellini, i laici riuscirono a far approvare dal Parlamento italiano la legge sul divorzio, e poi quella sull´aborto successivamente confermate da referendum. Segno, per le meno, che già trent´anni fa il nostro paese era più laico, più moderno di quanto molti allora pensassero. E oggi, com´è il nostro paese? Secondo l´anagrafe, i cattolici sfiorano in Italia il 98%, ma, secondo un recente sondaggio quelli impegnati, che ci tengono a comportarsi come tali, non superano l´8%. Oggi solo il 12% dichiara di confessarsi almeno una volta al mese, la maggioranza dichiara con bella disinvoltura di non credere all´esistenza dell´inferno e del paradiso, e che dopotutto «c´è qualcosa di vero in tutte le religioni; l´una vale l´altra».
    E, allora, diciamo la verità, quando i laici, e in primo luogo i Ds, esprimono la preoccupazione di non "offendere" con le loro posizioni i cattolici, non è tanto ai cattolici della porta accanto che pensano, ma alle gerarchie che, dopo la fine della Democrazia Cristiana, hanno cercato e trovato una sponda disponibile in tutti i partiti presenti sulla scena politica, e in virtù di questa trasversalità intendono (e spesso riescono) a far prevalere le loro posizioni.
    E infatti. La legge sulla fecondazione assistita arrivata al Senato blindata nel testo già licenziato dall´aula, e che alcuni esponenti della maggioranza (tra cui Rossana Boldi della Lega Nord e Antonio del Pennino del Gruppo misto) dichiarano «inaccettabile sul piano del diritto, della scienza e della deontologia professionale», potrebbe essere approvata anche grazie al concorso di una parte almeno dei voti del centrosinistra (cattolici dei Ds e della Margherita). Della legge abbiamo già ripetutamente parlato. Se approvata non solo comporterà un danno ed una sofferenza per le donne costrette a ricorrere a questa pratica, ma suonerà come una offesa per i tanti medici, ginecologi, scienziati che hanno espresso in molti modi la loro critica ed opposizione ad alcune di quelle norme, ispirate a un pregiudizio di carattere ideologico. Non solo infatti viene vietata, per volontà della Pontificia Accademia per la Vita, la fecondazione eterologa, già oggi notevolmente diffusa in Italia e di cui nessuno ha dimostrato il pericolo o il danno, né per le coppie che vi ricorrono né per i bambini che in questo modo, a migliaia, sono già venuti al mondo e godono di ottima salute. Ma viene persino vietata, nel caso di coppie affette o portatrici di malattie genetiche, la diagnosi preimpianto degli embrioni, cui oggi si fa normalmente ricorso. Gli embrioni dunque dovranno essere tutti introdotti nell´utero della madre, anche quando uno di essi sia affetto da una grave malattia o malformazione. In teoria questa povera madre potrebbe sempre abortire, utilizzando, finché sarà in vigore, la legge 194, ma nessuno che sia dotato di comune buon senso può considerare eticamente e giuridicamente lecito abortire un feto di alcune settimane e insieme considerare un reato la soppressione di un embrione non ancora impiantato nell´utero della madre.
    Una legge oscurantista, pericolosa, offensiva della dignità della donna e della sua libertà, ma che risponde alle richieste delle autorità cattoliche, del cardinal Sodano, del cardinal Ruini e della Conferenza episcopale italiana. Una legge che, se approvata in questi termini, rappresenterà un serio vulnus alla laicità del nostro Stato, perché, lo Stato laico non è soltanto quello che riconosce ai suoi cittadini «piena libertà di coscienza e di culto» ma quello che è in grado di legiferare in modo autonomo, non secondo il dettato della Chiesa e delle sue gerarchie, ma secondo il principio che vuole tutti i suoi cittadini liberi di scegliere ed adottare comportamenti e modi di vita che ritengano giusti, purché non ledano, come ovvio, i diritti di altri. «Contribuire a far sì che le leggi dello Stato siano ispirate ai propri convincimenti di cattolici», ricordava il cattolico Pietro Scoppola «è legittimo e doveroso, ma non è la stessa cosa che esigere, come condizione di legittimità morale della legge una piena identità». E infatti possono darsi, e si danno quotidianamente, comportamenti individuali che la Chiesa considera "peccato", ma che per la legge non sono "reato". Oggi, con questa legge avviene il contrario: ciò che la Chiesa considera "peccato" (sia nel caso della fecondazione eterologa, sia nel caso della selezione degli embrioni) diventa, per il nostro Stato, "reato". Nemmeno la cattolicissima Spagna è giunta a tanto.
    Ora, se questo si verificherà, lo dovremo, come abbiamo già detto, non solo alla maggioranza uscita dalle ultime elezioni, ma anche alle timidezze del centrosinistra o meglio di una parte del centro sinistra che si accinge a votarla. L´esito di questo voto non potrà non avere conseguenze all´interno dell´Ulivo e, in particolare, tra quei partiti dell´Ulivo che intendono presentarsi uniti alle prossime elezioni europee e dar vita, in prospettiva, a un unico partito "riformista" o "riformatore". È diritto di ogni elettore infatti, nel momento del voto, sapere da ogni candidato quale sarà la sua posizione nel Parlamento europeo quando in quella sede si dovesse decidere a proposito (che so io?) dello statuto delle coppie omosessuali, o della utilizzazione a fini terapeutici delle cellule degli embrioni sovrannumerari, o, ancora, di fecondazione eterologa. Nella chiarezza, e in piena responsabilità, ognuno potrà fare le sue scelte. E decidere se schierarsi a favore delle richieste della Chiesa Cattolica o a favore delle donne e della ricerca scientifica. Siamo a uno snodo politico che, da laico, io ritengo di grande importanza.

  3. #3
    laico progressista
    Data Registrazione
    07 Jun 2009
    Messaggi
    5,279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Caro Benfy,

    ti ringrazio per aver inserito nel dibattito due articoli di grande spessore.

    Oltre ad aver riscosso in me molto interesse, li ritengo assimilabili su un punto fondamentale, riconducibile alla distinzione tra il "fare" e l"agire" di Galimberti.

    Entrambi mi suggeriscono una riflessione.
    Galimberti denuncia il rischio che lo spazio per l'etica oggi non esista più. Perché nel campo economico e sociale tutto è condizionato dal denaro, "fine" e non più "mezzo" delle nostre azioni, e dalle vorticose regole del mercato. Tutto è già scritto, a noi non resta che eseguire uno spartito.
    Ebbene, l'unica riserva protetta per l'etica, oggi può essere proprio la politica. Quella è (o dovrebbe essere) la fucina di elaborazione di nuove strategie, di nuovi sistemi, di nuovi e antichi valori. Si può perdonare ad un operatore economico il conformismo e la passività. Non ad un politico.
    Oggi il mondo occidentale è a un punto di svolta: la globalizzazione, i nuovi equilibri economici, lo scontro tra civiltà, e i forti segnali di crisi del sistema capitalistico su scala mondiale evidenziano l'esigenza di ricercare nuovi orizzonti, nuovi punti di riferimento, nuove dottrine.
    A questo proposito, e relativamente a certi problemi, ritengo che il laicismo oggi sia un valore da riscoprire e da praticare con coerenza e determinazione.
    Qui mi ricollego all'articolo della Mafai. I partiti della destra, e soprattutto della sinistra (Ds e Margherita in testa) hanno spesso dimostrato di agire con l'etica del compromesso, eseguendo cioè una politica accomodante, a volte sfumata a volte ambigua, in certo senso già prescritta. Questo livellamento, questa medietà, questo voler pescare da tutti i bacini, questo non voler scontentare nessuno rappresenta la morte dell'etica e la morte della politica.
    Oggi c'è bisogno di uno scatto di reni. C'è bisogno di distinzione, di tornare a discutere dei grandi temi. C'è bisogno di questo, non di sonniferi e di anestetici.

    Almeno noi, che nella politica crediamo in modo passionale e disinteressato, non lasciamoci conformare. Non lasciamoci condizionare.

    Un caro saluto
    Paolo

  4. #4
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ho cercato solo di rivitalizzare un po' questo forum

 

 

Discussioni Simili

  1. INDIGNATEVI SU QUESTO: SPUNTI DI RIFLESSIONE
    Di occidentale nel forum Cronaca
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-01-13, 00:17
  2. Mussolini: spunti per una riflessione...
    Di Contrario nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-10-07, 16:48
  3. Alcuni spunti di riflessione per un elettore di cdx...
    Di Sabotatore nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 30-05-06, 18:58
  4. OT - Il caso NAURU: spunti di riflessione?
    Di Iunthanaka nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-11-05, 17:49
  5. Spunti di riflessione
    Di Spirit nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-06-04, 00:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226