User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 56
  1. #1
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito chi lo trova prenda "Il Foglio di oggi

    ...perchè citano Padania, come un forum da considerare indcativo per capire i padani.

    Veramente i termini non sono proprio questi , ma dato che ho sentito solo una vaga notizia, spero che qualcuno riesca a trovarlo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dopo le 12 sarà disponibile la versione online dell'articolo qui:

    http://www.ilfoglio.it/

    Il prurito al cuore del bossismo solletica la verifica romana
    Ecco che cosa dice la base della Lega ai suoi leader e ministri, “emissari in terre lontane e ostili”
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dal titolo mi sa che l'autore ha capito poco di questo forum...cmq vedremo...

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un assaggio ...

    In origine postato da Beli Mawyr
    "[I]La Lega (insieme con alleanza nazionale) è l'unico partito della maggioranza di governo ad avere una base vera, popolare, spesso rozza ma attenta, con un suo fervore che in qualche modo limita o indirizza le scelte dei leader.

    Per avere una mezza idea basta entrare nel forum politica-online della Padania.



    Vedo confermate le mie ipotesi iniziali...già da queste poche righe l'autore dimostra di non conoscere il fenomeno lega (la solita storiella della base "rozza" ma attenta...e la fandonia del potere di indirizzamento delle scelte dei vertici...ma suvvia...) nè di aver capito l'essenza del forum...ma pretendere che un giornalista sia in grado di comprendere il significato di padanismo è davvero cosa troppo difficile forse...mah. aspetto di vedere il totale dell'articolo e poi dovrò mandare una lettera di "rettifica" ovviamente...

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Proseguendo ...

    In origine postato da Beli Mawyr
    "Continuiamo a restare insieme a Previti, che si fa i comodi suoi malgrado abbia preso sedici anni di galera. Conviene rimanere lì per limitare i danni o viste le cose è meglio lasciare? Sempre e solo questo è il dilemma ..." scrive nel forum uno che si firma "Pensiero"



    è la cifra del forum indubbiamente

    (meno male male che non hanno fatto una ricerca per autore del messaggio )

  6. #6
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    336 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Proseguendo ...

    In origine postato da Beli Mawyr
    "Continuiamo a restare insieme a Previti, che si fa i comodi suoi malgrado abbia preso sedici anni di galera. Conviene rimanere lì per limitare i danni o viste le cose è meglio lasciare? Sempre e solo questo è il dilemma ..." scrive nel forum uno che si firma "Pensiero"


    uno pensiero...ti farai crescere i baffi?????

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: E per finire ...

    In origine postato da Beli Mawyr
    Così, se qua e là qualcuno se la prende per i "disastri della Lega romana", in combutta con "la masnada di briganti di Alleanza nazionale" sul "voto agli immigrati" e la difesa degli "allevatori di cozze" (il navigatore Wotan, nel forum), oppure per "i vari condoni edilizi per gli abusivisti meridionali" (Asburgico, anch'egli nel forum) i più si sentono comunque ad un bivio eccitante: o il federalismo, che cambierà la vita al Nord, oppure l'uscita dal governo, che riporterà la gente leghista in piazza, "ma stavolta mica si scherza, stavolta lotta vera e voce grossa (ancora Flocchini). Allora ci si diverterà; "guerra civile", come scrive Western in Internet. E pazienza per "questa finanziaria che condona gli abusi e aumenta le tasse sulla birra" (Quorthon, forum)
    ma western chi sarebbe poi?

  8. #8
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ahaahah

    Non toccatemi la birra!!


    --------------
    The Warrior

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    da ilfoglio.it
    Ecco che cosa dice la base della Lega ai suoi leader e ministri, “emissari in terre lontane e ostili”
    Indulto, Previti, condoni. Bossiani perplessi, ma s’adeguano (fino a un certo punto)
    --------------------------------------------------------------------------------
    Milano. “Che ci vuoi fare? Anche a noi capita, in Consiglio provinciale, di dover discutere di crocifissi”. Come dire, succede di dover buttare via tempo, o almeno di impiegarlo meno proficuamente. Sergio Rossi è uno che alle 9,30 della mattina dell’Epifania sta scaricando un camion, e preferisce finire: tocca aspettare dieci minuti. Ha quarantasei anni, è attivista della Lega Nord dal 1991; ha fatto un po’ di carriera: è consigliere della Provincia di Lecco e – “la cosa a cui tengo di più” – segretario della sezione di Calolziocorte (provincia di Bergamo, finché non nacque quella di Lecco). E dunque, capita anche a loro di dover discutere di crocifisso, “però qualcuno di voi sa che la Lecco-Bergamo è la strada più trafficata e lenta d’Italia?”. Tasse, infrastrutture, l’azienda, la concorrenza, i viluppi della burocrazia, l’insofferenza per tutto ciò che è romano (e dunque centralista): non è che i leghisti “del territorio” – la base – si siano discostati molto dai temi storici del partito, anche in tempi di dispute attorno alla fecondazione assistita e al semestre europeo. E mentre Umberto Bossi e la pattuglia parlamentare si cimentano nelle arti tattiche e compromissorie del Palazzo, i soldatini restano al loro posto. “Restiamo qui, facciamo il nostro lavoro, la nostra politica, e speriamo, siamo lì con le speranze”, dice Sergio Rossi. “Il 2004 sarà per noi la prova d’appello” La Lega (insieme con Alleanza nazionale) è l’unico partito della maggioranza di governo ad avere un base vera, popolare, spesso rozza ma attenta, con un suo fervore che in qualche modo limita o indirizza le scelte dei leader. Per avere una mezza idea, basta entrare nel forum politica-online della Padania. Un navigatore apre un tema di discussione sulla grazia ad Adriano Sofri, ottiene trentotto visite e una risposta. Un secondo navigatore apre un tema di discussione su “Solidarietà a Stefano Galli – No alla galera di stato fascista”. Le visite sono mille e ottocentotrentatré, le risposte centodieci. Stefano Galli è un consigliere comunale di Lecco condannato a dieci mesi per vilipendio alla bandiera. Gian Maria Flocchini, trentanove anni, è un consigliere regionale, attivista dal 1988, un specie di istituzione leghista in Val Sabbia, provincia di Brescia, dove è stato a lungo assessore nel Comune di Idro. Il giorno dell’Epifania sta andando a Brescia, dove seguirà la partita dalla curva. “Per noi la scelta di sposare questa alleanza, di candidarci al governo con partiti con i quali abbiamo poco in comune, è stata sicuramente difficile da digerire. E dopo due anni e mezzo di governo, di cose sullo stomaco ne abbiamo ancora di più”, dice Flocchini. E continua: “I nostri parlamentari vengono alle nostre feste, non è che non si facciano vedere. Noi glielo diciamo che non c’entriamo niente con Previti, con le leggi ad personam, con tutte le liti sulla tivù. Ci dicono di avere pazienza, che se vogliamo portare a casa qualcosa, qualcosa dobbiamo concedere. Certo, il tempo sta passando. Credo che il 2004 sarà per noi la prova d’appello. Andare oltre non sarà possibile”. Quando, lo scorso ottobre, Gianfranco Fini propose di concedere il diritto di voto alle amministrative per gli immigrati, il popolo del Nord la prese come ci si può immaginare. “E’ un voltafaccia”, “Fini è peggio dei democristiani”, “I nostri non hanno la casa e il lavoro, e vogliono pensare a quelli lì”. Bossi fece subito l’occhiolino ai suoi col già celebre “bingo bongo”. Flocchini ripete mille volte di capire: “Io capisco che la politica impone rinunce, e impone di piegare spesso la testa”. Dice di capire soprattutto “da consigliere regionale”. Poi, però, ammette che da attivista capisce meno, perché dice di essere “legato alla vecchia Lega, quella della battaglia di piazza, io amo quella Lega. Capisco che la lotta non è conclusa, che si è spostata, anche soltanto momentaneamente, ma un po’ di nostalgia c’è”. Flocchini dice di far fatica a capire “le ore spese a discutere di indulto, indultino, indultino bis e tris. E faccio fatica a spiegarlo ai miei. Ma certo che a Roma si perde un gran tempo in chiacchiere. E lo diciamo ai nostri parlamentari. Ma sappiamo che loro fanno tutto questo, e noi sopportiamo tutto questo, per la devolution. Ce la aspettavamo prima, non ci immaginavamo tutte queste enormi difficoltà. Ma la aspettiamo ancora per un pochino”. C’è impazienza, c’è un po’ di delusione, anche un po’ di irritazione. Nella pagina delle lettere della Padania, il quotidiano, i lettori se la prendono col ministro dell’Agricoltura, Gianni Alemanno, per le quote latte (“la Padania non è una mucca da mungere”); col ministro delle Telecomunicazioni, Maurizio Gasparri, per “l’invasione della pubblicità televisiva”; sono al fianco dei tranvieri che “lottano per difendere il potere d’acquisto dei salari”; molti se la prendono con Berlusconi perché “è uguale a Fini”, e altri con Fini perché è “uguale a Berlusconi”, e cioè “statalisti”, e mantengono l’Ici che è “una tassa ingiusta”, e le aziende artigiane “del Cadore continuano a morire”. La Padania diretta da Gigi Moncalvo lascia spazio ai tanti nervosismi dei lettori. Non esita a dire che va tutto a catafascio e che il governo non funziona, malgrado il gran lavoro di Bossi e degli altri. Sembra seguire proprio uno dei motti di Bossi: “Per i nostri, noi siamo come emissari in missione in terre lontane e ostili”. Quello che succede a Roma è roba di Roma. Tutto quello che si guadagna è guadagnato. Se le cose non vanno bene, è soltanto colpa del nemico momentaneamente alleato. “Continuiamo a restare insieme a Previti, che si fa i comodi suoi malgrado abbia preso sedici anni di galera. Conviene rimanere lì per limitare i danni o viste le cose è meglio lasciare? Sempre e solo questo è il dilemma…”, scrive nel forum uno che si firma “Pensiero”. Conta il federalismo e solo il federalismo Daniele Belotti, trentaquattro anni, bergamasco, come il suo amico Flocchini è consigliere regionale e tifoso da curva, sebbene dell’Atalanta. In città è conosciuto soprattutto di spalle, la posizione che ha occupato per ore nell’attività di attacchinaggio. Come gli altri ripete che conta il federalismo e soltanto il federalismo, a qualunque prezzo. “Io non voglio buttare via tutti gli anni di lavoro, i pomeriggi trascorsi dietro ai banchetti, per strada, a meno sei gradi, sotto la pioggia, sotto la neve. I fine settimana a lavorare diciotto ore di fila per organizzare una manifestazione. I fine settimana a lavorare per le marce sul Po e tutte quelle robe lì. Ci prendevano per i fondelli, con la storia della secessione, però adesso il federalismo è un’idea accettata da tutti, e forse è davvero in arrivo. Io lo dico agli amici, che le rivoluzioni danno i loro frutti nel tempo, negli anni, col sudore, con la battaglia quotidiana. Le rivoluzioni che danno i frutti domani mattina, sono quelle in cui si spara in testa alla gente. Certo che quando guardiamo i telegiornali, le cose del Parlamento, i discorsi, certe operazione, certe dichiarazioni, sentiamo che non è roba nostra. Ma noi siamo lì per un obiettivo, e dobbiamo raggiungerlo”. Ma spiega che il primo a saperlo è Bossi: “Lui poi viene, dopo i comizi si ferma a parlare con la gente, per delle ore, sa tutto. Mica non conosce la sua gente e le sue necessità”. Sergio Rossi, finito col camion, dice la sua: “Noi siamo lì al governo da tanto tempo e per il Nord i risultati sono stati scarsi. Questo è il problema delle alleanze, c’è poco da fare, se non andare avanti finché è possibile. Ma nessuno di noi pensa che i nostri parlamentari siano diventati tutti democristiani che discutono sulle stupidate e gli arzigogoli. Loro sanno perfettamente che qui i problemi sono altri, le aziende che soffrono, la politica delle tassazioni che deve cambiare. Io non me ne intendo, ma qualcosa tipo le gabbie salariali, qualcosa del genere, bisogna fare. L’importante è sentirsi ascoltati, e noi siamo ascoltati. Poi se ci bloccano di nuovo il federalismo e Bossi decide di lasciare il governo, niente in contrario, figuriamoci se mi dispiace, io sono un secessionista”. Gian Maria Flocchini è quasi arrivato a Brescia. Strada facendo, s’è un po’ lasciato andare. Dice che la Lega resta la Lega, con le “sue solite battaglie, che sono le battaglie della nostra vita. L’identità territoriale, la difesa della cultura, la precedenza nell’assegnazione delle case, le risorse che devono rimanere sul territorio, l’equità nelle tasse, io resto fedele al motto ‘padroni a casa nostra’. Le altre battaglie, quelle combattute a Roma, sono altre, sono diverse, servono per quelle tattiche lì. Sono anche importanti, per carità, ma sono altre battaglie. Semmai c’è paura che portino via troppe energie. Poi, però, Bossi torna qui, noi gli spieghiamo perché i Cobas del latte hanno ragione da vendere, e Bossi scende in strada coi Cobas. Bossi poi ritorna sempre a essere Bossi”. Anzi, “Bossi è sempre Bossi”, specifica Belotti. Così, se qua e là qualcuno se la prende per i “disastri della Lega romana”, in combutta con “la masnada di briganti di Alleanza nazionale” sul “voto agli immigrati” e la difesa degli “allevatori di cozze” (il navigatore Wotan, nel forum), oppure per “i vari condoni edilizi per gli abusivisti meridionali” (Asburgico, anch’egli nel forum) i più si sentono comunque a un bivio eccitante: o il federalismo, che cambierà la vita al Nord, oppure l’uscita dal governo, che riporterà la gente leghista in piazza, “ma stavolta mica si scherza, stavolta lotta vera e voce grossa” (ancora Flocchini). Allora ci si divertirà; “guerra civile”, come scrive Western in Internet. E pazienza per “questa finanziaria che condona gli abusi e aumenta le tasse sulla birra” (Quorthon, forum).

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mica che abbiano scambiato questo spazio per il forum on line del giornale "La Padania"?



 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 122
    Ultimo Messaggio: 05-03-13, 14:38
  2. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 26-02-07, 11:54
  3. "la Padania" Prima Pagina
    Di padus996 (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-06-04, 16:04
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-08-02, 17:59
  5. "Nessuno Tocchi il Tegolino" sulla prima pagina del Tempo
    Di Österreicher nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-07-02, 00:54

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226