User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Leggete un pò qua...

  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Talking Leggete un pò qua...



    ASSICURAZIONI: I DANNI FISICI DEI 'PADANI' VALGONO IL 30% IN PIU'



    (ASCA) - Roma, 31 gen - Il danno fisico di un ''padano'' vale dal 20 al 30% in piu' di quello di una persona residente nel Mezzogiorno. Un dato reale che trova conferme nelle sentenze emesse dai giudici dei vari tribunali sui risarcimenti alle persone a seguito di incidenti automobilistici. Una sperequazione che non risparmia gli anziani, ai quali non viene riconosciuto il peggioramento irreversibile della qualita' della vita. Il dato trova conferma nei risultati di uno studio condotto dal Dipartimento economico dell'Osservatorio della Terza Eta', Ageing Society di Messina, sui risarcimenti del danno biologico, cioe' del danno arrecato alla persona umana indipendentemente dalla sua capacita' di produrre reddito. Nell'ultimo anno, i feriti negli incidenti stradali sono stati oltre 337 mila. Nel 50% circa dei casi si tratta di lesioni di lieve entita' (ad esempio, il classico colpo di frusta) e per il restante 50% di lesioni che comportano una qualche forma piu' o meno grave di invalidita' permanente. I risarcimenti per danno alla persona, in media, sono pari a 8.500 euro;ma, prendendo in esame i valori a livello territoriale, si scoprono forti differenze: si va, infatti, dai 9.200 euro di Milano ai 7.500 di Lecce. Gli assegni staccati dalle assicurazioni sono quasi sempre commisurati al solo ''danno evento'', cioe' alla gravita' della menomazione fisica o psichica provocata. Importanza del tutto marginale viene attribuita, invece, al ''danno conseguenza'', cioe' all'impatto che il danno esercita sulle condizioni generali di vita della persona. Proprio questo fattore, infatti, va a penalizzare soprattutto gli anziani, considerando che i risarcimenti non tengono conto degli effetti decisamente negativi che il danno produce sullo stato di benessere. La somma, infatti, varia in funzione diretta della gravita' delle lesioni e in funzione inversa dell'eta' del danneggiato, prescindendo dal fatto che questo, se anziano, vede peggiorare drasticamente la propria qualita' della vita. La conferma arriva dallo studio di Ageing Society, che ha rilevato per i ''nonni'' indennizzi inferiori del 25-30% rispetto al dato medio. A questo fattore di squilibrio va aggiunta anche l'altra variabile legata alla forte sperequazione territoriale, perche' mancano criteri di valutazione certi ed uniformi per l'intera nazione. Le tabelle per il calcolo degli indennizzi elaborate dai tribunali, infatti, mostrano notevoli differenze, per cui, a parita' di lesioni, i danneggiati percepiscono risarcimenti diversi da luogo a luogo, alla faccia del dettato costituzionale dell'uguaglianza dei cittadini. Non a caso, in genere, - prosegue lo studio dell'Osservatorio - a prescindere dalle percentuali di invalidita' dei danneggiati, gli indennizzi erogati nelle regioni del Mezzogiorno risultano piu' contenuti. Confrontando, ad esempio, i dati di alcuni tribunali del Centro-Nord (Milano, Genova, Venezia, Firenze, Roma) con quelli del Mezzogiorno (Lecce, Palermo, Sassari), si evince una tendenziale riduzione degli risarcimenti in quest'ultima circoscrizione rispetto alla prima all'aumentare delle percentuali di invalidita'. In particolare, le differenze fra queste due aree appaiono piuttosto consistenti per le invalidita' intermedie. Ad esempio, mentre il tribunale di Milano per un invalidita' del 30-50% assegna ad un individuo di 40 anni un risarcimento di oltre 134 mila euro, il tribunale di Lecce ne concede poco piu' di 98 mila, vale a dire il 27% in meno. Se il danneggiato e' un anziano, la differenza tra i due tribunali in esame si approssima ai 20 mila euro, cioe' il 20% in meno. Cio' significa che anche i tribunali che adottano lo stesso principio di riferimento per la quantificazione del danno alla persona arrivano a determinare importi di risarcimento notevolmente diversi, in quanto differente e' la funzione matematica che stabilisce la relazione fra indennizzo, tasso di invalidita' ed eta' del soggetto danneggiato. ''Ancora una volta - afferma il segretario generale dell'Osservatorio della Terza Eta',Ageing Society, Roberto Messina - ci troviamo di fronte alla violazione sistematica dell'articolo tre della Costituzione, che stabilisce l'uguaglianza dei cittadini. L' aspetto inquietante, poi, e' che questa disparita' proviene dalle sentenze dei tribunali. Ma allora, a chi bisogna rivolgersi per tutelare i soggetti piu' deboli della societa', come gli anziani?''




    Anche le Assicurazioni hanno capito chi lavora e chi no

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io la vedo un po' diversamente. Credo che giochi un ruolo il costo della vita locale (che sicuramente e' piu' alto a Milano che a Sassari) ed il diverso concetto di "risarcimento danni", che i Paesi di piu' profonde radici cattoliche (Italia, Austria, Spagna) tendono a minimizzare, attribuendo nel loro inconscio collettivo un impatto minore del "danno" sul piano economico che sul piano morale.
    Un po' il concetto di "peccato e confessione", che non si puo' ridurre a vile denaro.
    Che poi le finte pensioni di invalidita' al Sud siano "vile denaro" legalizzato, coincide con la loro concezione della "volonta' di Dio" (v. Malavoglia e Mastro Don Gesualdo), che colpisce a prescindere dalla colpa di un altro "poveraccio". Al Sud (come in Spagna e Sudamerica) il carcerato e' considerato piu' da compatire che la vittima. Ai figli si dice "speriamo che non andrai mai in prigione", non "speriamo che nessuno mai ti uccida".
    Che ora sia un' anonima Assicurazione a pagare, per l' inconscio collettivo dei terroni, che ragiona in secoli, e' del tutto irrilevante.

    Il riferimento a "chi lavora e chi no" non lo vedo tanto evidente, dato che anche gli anziani, che COMUNQUE non lavorano, sono trattati in maniera diversa.

    (IL MIO PRIMO POSTING CHE DIFENDE I TERRONI: DA INCORNICIARE)

    Saluti Padani

 

 

Discussioni Simili

  1. D'Alema a ruota libera - in Umbria veritas (leggete, leggete)
    Di TiziusMCMLXVI nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 27-08-13, 16:40
  2. Leggete leggete, e vedete se non vi ricorda quello che hanno fatto al Sud
    Di venetoimpenitente nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16-11-11, 18:46
  3. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 27-10-07, 20:34
  4. elezioni fasciste del 1924 leggete leggete:::
    Di ulfenor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 31-05-07, 20:11
  5. Incredibile! Persino Berlusconi incazzato con gli Usa, leggete leggete
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 06-03-05, 17:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226