User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 61
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    10 Oct 2009
    Messaggi
    32,649
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Materazzi, e chi altrimenti.......

    Cirillo ora accusa anche l'Inter

    Il giocatore colpito da Materazzi: "Istigato da uno dello staff nerazzurro". Moratti: "Episodio molto grave". Il Siena indignato, ma invita al perdono.

    MILANO, 2 febbraio 2004 - Bruno Cirillo è a casa, con una "contusione craniofacciale con ferita lacero-contusa al versante mucoso del labbro superiore", qualche punto di sutura e una prognosi di dieci giorni, salvo complicazioni. Marco Materazzi è alla Pinetina, dove ha lavorato a parte per via dell'infortunio ancora da superare definitivamente. Massimo Moratti, il proprietario ed ex presidente dell'Inter, è imbarazzato davanti ai cronisti: definisce "molto grave" il parapiglia di ieri sera, nel sottopassaggio di San Siro con tanto di pugno (di Materazzi) e faccia gonfia e rossa di sangue (di Cirillo) che ha fatto il giro del mondo in tv. E tace.

    Il Siena calcio, invece, è indignato, in un comunicato definisce l'episodio di ieri come "ordinaria follia che non può essere in alcun modo giustificato" ma esclude il ricorso alla giustizia ordinaria. Affidandosi a quella sportiva che è già al lavoro. L'Ufficio indagini della Figc ha concluso già ieri notte a Milano gli accertamenti sul caso. Oggi la relazione di Stefano Bisignano, che ha sentito Materazzi (ma non Cirillo che era in ospedale) e alcuni testimoni, sarà presentata alla Procura federale e al giudice sportivo per gli eventuali deferimenti. Aspettando i provvedimenti, il presidente Paolo De Luca invita Cirillo al perdono: "Gli ho detto - racconta il giorno dopo - che nella vita bisogna avere il coraggio e la forza di perdonare. È stato un atto vile quello di Materazzi ma penso che sia meglio stendere un velo pietoso, perché penso che meno se ne parli ora e meglio è. È certo che gesti come questo alimentano la violenza che va invece condannata in ogni momento. Fosse capitato a un mio giocatore gli avremmo dato qualche mese di stop per farlo riflettere, ma devo dire che l'Inter si è prodigata subito per essere vicina a Cirillo. Ora evitiamo che questa vicenda travalichi l'aspetto sportivo e che si entri nel penale, lasciamo solo lavorare la giustizia sportiva".
    Ma Bruno Cirillo e il suo procuratore, Federico Pastorello, non sono d'accordo. Il giocatore sul sito www.sportmanagement.mc rincara la dose e tira in ballo anche un componente dello staff nerazzurro: "Materazzi, seduto a una decina di metri dalla panchina, mi rivolgeva ripetutamente frasi ingiuriose e denigratorie. Accanto a lui sedevano altre persone tra le quali una dello staff nerazzurro che, divertita, fomentava il suo discutibile comportamento". Il procuratore aggiunge: "In queste ore i nostri legali stanno valutando se la clausola compromissoria ci consente di far ricorso alla magistratura ordinaria. Non è per spirito di vendetta, ma solo per una questione di giustizia".
    La cronaca. Ma andiamo per ordine. Nel posticipo della 19ª giornata, l'Inter batte il Siena 4-0, l'arbitro Rodomonti fischia la fine. Ti aspetti il replay del gol e invece in tv appare il faccione sanguinante e gonfio di Bruno Cirillo che con voce rotta denuncia: "Volevo farvi vedere chi è Marco Materazzi, durante la partita mi prendeve in giro, diceva a Kily Gonzales 'puntalo, puntalo, che tanto è scarso', poi nel sottopassaggio mi ha colpito con un pugno". Forse due. "Il guardalinee ha visto tutto" giura. Poi se ne va dicendo "devo andare in ospedale". Il massaggiatore e il responsabile medico del Siena lo accompagneranno al pronto soccorso del San Carlo dove gli sono stati applicati alcuni punti di sutura nella parte interna del labbro. Ed è stata valutata la sua situazione neurologica perché il giocatore accusava nausea e vertigini, ma i sanitari hanno escluso ulteriori complicazioni. Materazzi, nel frattempo, appariva in tv per chiedere scusa: "E' una di quelle cose che non devono succedere, è andata male a lui, ma poteva andare male a me. Comunque chiedo scusa". Giacinto Facchetti, il nuovo presidente, scende negli spogliatoi con Moratti per chiedere scusa al Siena (che oggi ha ringraziato), poi il club nerazzurro annuncia "punizioni pesanti".

    Il regolamento. Ma Moratti resta con un dubbio: non essendo Materazzi tra i convocati, poteva essere in quella zona dello stadio? "Effettivamente, mi dicono che Materazzi non fosse autorizzato. D'altra parte è una cosa che fanno in tanti - risponde il proprietario del club milanese -, certo bisogna stare molto attenti, e noi evidentemente non abbiamo fatto le cose per bene. Io però non conosco benissimo questa parte del regolamento". Lo conoscono negli uffici della giustizia sportiva, che nel pomeriggio prenderanno provvedimenti e dove il fatto di non essere in lista ma comunque sul terreno di gioco, è aggravante importante. Presumibilmente le giornate di stop saranno molte, minimo quattro. Il giudice sportivo Maurizio Laudi si riserva di decidere domani, intanto spiega: "Non ho ancora visto il rapporto sulla partita, ma mi risulta che qualcuno degli ufficiali di gara abbia visto che cosa è accaduto".

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    10 Oct 2009
    Messaggi
    32,649
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    10 Oct 2009
    Messaggi
    32,649
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Le reazioni del giorno dopo

    Intanto la "rissa" fa il giro d'Italia e piovono i commenti:

    Giovanni Galeone, tecnico dell'Ancona, sentenzia che Materazzi non merita di giocare nell'Inter.

    Marco Branca, responsabile dell'area tecnica dell'Inter, cerca di metterci una pietra sopra: "Tutti hanno riconosciuto le loro responsabilità, perciò forse è meglio non pensarci più".

    Pasquale Bruno, storico "o animal" del calcio italiano sbotta: "Materazzi ha sbagliato e io condanno quello che ha fatto, ma condanno di più Cirillo". E spiega: "Materazzi è uno focoso, si sa, non credo però sia impazzito. Cose come quelle di ieri - dice - sono sempre successe nel calcio, e succederanno ancora. Cirillo però ha sbagliato, lo conosco e gli voglio bene, ma secondo me ha sbagliato. Ci sono delle regole non scritte che vanno rispettate, invece facendo come ha fatto lui si dà adito ai falsi moralisti di farsi belli in televisione. Qualcosa è successo, ma non si deve dare a gente che non vale niente la possibilità di parlare di scuola calcio, di esempi. Secondo me bisogna stare zitti. E poi Cirillo le ha prese, ma se le ha prese vorrà dire che qualcosa avrà fatto anche lui. Ripeto, l'episodio è da condannare ma non si deve andare in tv".

    L'allenatore del Chievo Gigi Del Neri non è d'accordo: "Se è stata una rissa davanti a tutti, è giusto che diventi di dominio pubblico. Sono d'accordo che sarebbe meglio che il calcio mostrasse altri tipi di messaggi. Ma se è avvenuta una cosa del genere, si deve sapere e si deve condannare. Diverso se fosse stato un discorso interno allo spogliatoio". Nel pomeriggio ne sentiremo ancora tante.

    Adriano, il compagno di squadra, in conferenza stampa alla Pinetina, dribbla: "Non ho visto cosa è successo, mi dispiace per lui ma non posso commentare ciò che non ho visto".

    "Mi dispiace ma non voglio parlare dell'Inter" commenta invece Marco Tardelli, ex allenatore nerazzurro. "Materazzi? No grazie - aggiunge l'ex allenatore nerazzurro -, non parlo nemmeno dei giocatori, posso solo dire che mi dispiace per Cirillo".

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    10 Oct 2009
    Messaggi
    32,649
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I precedenti di Materazzi secondo il Milan

    L'Ufficio indagini della Figc ha giá concluso ieri notte a Milano i suoi accertamenti sul caso Materazzi-Cirillo. Il collaboratore dell'Ufficio indagini sul posto, Stefano Bisignano, ha sentito i testimoni di quanto accaduto nel tunnel di San Siro immediatamente e la relazione andrá giá oggi alla Procura federale e al giudice sportivo per gli eventuali deferimenti. Bruno Cirillo, tuttavia, a differenza di Marco Materazzi, non è stato ascoltato perché si trovava in ospedale, e potrebbe essere sentito in un secondo momento solo se richiesto dalla giustizia sportiva. Per l'Ufficio indagini il caso è giá chiuso e la Procura potrá anche acquisire quanto dichiarato da Cirillo davanti alle telecamere sullo scontro con il calciatore dell'Inter. Sulla questione si attende anche il rapporto al Giudice sportivo dell'arbitro Rodomonti e dei suo collaboratori: la Procura federale e il Giudice dovrebbero coordinarsi per stabilire come procedere. Dalla Procura federale, infatti, il caso viene trasmesso alla Disciplinare e non al Giudice, e quindi è anche possibile che il caso sia in un certo modo «stralciato» dai provvedimenti sulla partita, che saranno resi noti domani, e trattato separatamente dalla Disciplinare. Materazzi, se riconosciuto colpevole, sará squalificato almeno per quattro giornate: "In caso di condotta di particolare violenza o di particolare gravitá - afferma il codice di giustizia sportiva all'articolo 14 comma 1 lettera F - la squalifica non è inferiore a quattro giornate di gara". Materazzi potrebbe essere squalificato per varie giornate in più, tuttavia, dato per esempio come aggravante che non era neanche in campo e che per di più non era autorizzato a soffermarsi nel recinto di gioco, in quanto non appariva nella distinta consegnata all'arbitro. Da segnalare che il 12 agosto scorso il difensore sfiorò a gamba tesa Filippo Inzaghi in un derby che valeva solo per il trofeo Tim ad Ancona. Il fatto non fu sanzionato sul campo, ma il Milan replicò ricordando sul suo sito ufficiale, il giorno dopo, i precedenti di Materazzi: "Derby di ritorno dello scorso campionato, 12 aprile 2003: nel primo tempo centrò il costato di Shevchenko, nel secondo tempo a gamba tesa ne sfiorò il sopracciglio. Derby di ritorno delle semifinali di Champions League, 13 maggio 2003, nel primo tempo Materazzi rifilò un calcio allo sterno di Rui Costa mentre il rossonero era a terra, nel secondo tempo stesso trattamento al pube di Shevchenko".

  5. #5
    elettrica
    Data Registrazione
    26 Dec 2009
    Messaggi
    12,127
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si sono pestati e Cirillo ha avuto la peggio

  6. #6
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by elettrica
    Si sono pestati e Cirillo ha avuto la peggio
    Non diciamo cazzate. C'era un aggressore e un aggredito.

  7. #7
    elettrica
    Data Registrazione
    26 Dec 2009
    Messaggi
    12,127
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by ARI6
    Non diciamo cazzate. C'era un aggressore e un aggredito.

    ...... e comunque su una cosa Materazzi ha ragione: Cirillo è scarso!

  8. #8
    L'ultimo uomo
    Data Registrazione
    20 Sep 2009
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,705
    Inserzioni Blog
    21
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by elettrica
    ...... e comunque su una cosa Materazzi ha ragione: Cirillo è scarso!

    Perchè, materazzi sa giocare al pallone?

  9. #9
    L'ultimo uomo
    Data Registrazione
    20 Sep 2009
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,705
    Inserzioni Blog
    21
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fare a pugni

    FARE A PUGNI

    Grande agitazione di piume e di penne nel pollaio del calcio italiano per la papagna mollata dal brocco Materazzi al collega di lavoro e di qualità calcistica Cirillo nell'ingresso del tunnel di San Siro, gesto che costringe il Presidente finto dell'Inter Facchetti e il Presidente vero Moratti a scusarsi umilmente e correttamente con i giocatori del Siena proprio nel giorno in cui avrebbero potuto finalmente festeggiare una vittoria chiara e netta grazie alla nuova raccolta di figurine comperate ai saldi di gennaio.

    Che Materazzi sia un mediocre difensore pestone e un uomo con i nervi fragili, avemmo occasione di vedere ampiamente ai Mondiali Giappo-Coreani e in quella famosa Lazio-Inter nella quale il povero giovanotto sballò completamente, ma, in attesa della giuste e inevitabili punizioni, tutto questo starnazzare di commari e di chierichetti della santità del pallone suscita un forte senso di nausea.

    Il cazzotto del Materazzi a molle scassate è un atto imperdonabile, ma la sorpresa è nel fatto che di questi episodi non abbondino le cronache. Il calcio italiano è, da tempo, un bacino di violenze e non soltanto fisiche. Adesso stai a vedere che è tutta colpa di Materazzi.
    Le agenzie di stampa di domenica primo febbraio abbondano di notizie di botte, feriti e vandalismi negli stadi delle serie maggiori e minori. A Ragusa, C2, dopo un'ennesima sconfitta, il tecnico Cassia e il presidente Antioci sono usciti scortati per evitare l'assalto di alcuni fanatici che forse volevano rimproveragli di non avere comperato anche loro Adriano e Stankovic, come Moratti. A Trapani, serie D, un ragazzo di 11 anni è stato ustionato a un piede dal solito petardo nello scambio di razzi tra tifoserie. A Como, serie B, scontri fra le tifoserie locali e degli ospiti Napoletani finiscono con vetrine di negozi in briciole ed è una fortuna che nessuno sia rimasto ferito. A Firenze, un pescarese di 24 anni rischia di perdere un occhio. A Bologna Galliani deve rifugiarsi nella saletta della TV per parlare con i giornalisti, mentre gli gridano "ladro ladro" per rigori veri o immaginari negati al Bologna.

    Ogni domenica, anche quando Materazzi tiene le mani in tasca, una nube tossica di violenza aleggia come quei fumogeni sparati da impuniti che li portano sulle gradinate, attorno a ogni partita, in ogni stadio e non è soltanto violenza fisica. E' la violenza dei più forti che fanno e disfano le squadre non secondo intelligenza e progetti, ma secondo la prepotenza dei portafogli. E' la violenza verbale che i responsabili delle squadre e della purtroppo inesistente Lega Calcio, stoltamente appaltata al Milan da poveracci che credevano di poter vendere l'anima ottenenendo qualche briciola dalla torta di Berlusconi, si scambiano, accusandosi reciprocamente di nefandezze finanziare, corruzione, conti fasulli, risultati programmati, favori inigusti che gasano i cervellini bolliti dei tifosi più stupidi.

    E siamo soltanto all'inizio, perché, come avevamo facilmente previsto, la "fuga" del Milan (ma dove, da San Vittore?) già scatena sospetti e insinuazioni di sudditanza al potere politico-mediatico-finanziario-sportivo del suo padrone che ampiamente se li merita, perché non ha mai voluto tagliare il gomitolo dei propri interessi attorcigliati.

    Si punisca esemplarmente Materazzi. Venga inviato alla Cayenna come Papillon, legato alla colonna Infame, fustigato col nerbo di bue, va bene. Purché gli ipocriti non credano che schiacciare una zanzara significhi bonificare la palude.

  10. #10
    il merovingio
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Nel cuore profondo della Padania
    Messaggi
    8,652
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Materazzi è un figlio di puttana.
    Mi ricordo ancora quando, in un derby Milan-Inter di un anno fa (se non sbaglio), un'ora prima della partita, ancora vestito in pantaloni e camicia, andò da solo sotto la curva del Milan x fare lo sborone....
    spero che lo squalifichino fino a fine stagione.

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Non abbandonate i cani ALTRIMENTI........
    Di Atlantideo nel forum Fondoscala
    Risposte: 115
    Ultimo Messaggio: 18-07-13, 17:07
  2. Fermarli subito altrimenti..........!!
    Di afm nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-12-11, 02:01
  3. Altrimenti ?.....ci arrabbiamo.....;)
    Di Stan Ruinas nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 14-08-08, 01:08
  4. Altrimenti c' arrapiamo
    Di gianniguelfi nel forum Fondoscala
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 25-09-05, 17:47
  5. Materazzi
    Di locke (POL) nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 15-05-03, 19:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226