User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: I-Tal-Ya

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking I-Tal-Ya



    Edizioni Effepi Telefono 010-6423334 - 338-9195220 http://www.angelfire.com/rnb/effepi/ E-mail: [email protected]




    Pagine 48, € 6,50



    ...Questo incremento era principalmente dovuto a due fattori: il primo era rappresentato dalle annessioni del 1918 (a Trieste risiedeva una numerosa comunità ebraica), il secondo da una maggio- re accuratezza dei censimenti.

    “Tra il 1931 e il 1938 – scrive il De Felice – si ebbe una leggerissima ripresa demografica; non è però ad essa che si può far risalire lo sbalzo da 39.000 a 47.000 unità registrato dai rispettivi censimenti […] Per avere un quadro completo dell’ebraismo italiano si dovrebbe poi aggiungere a queste cifre quelle dei regnicoli residenti nelle colonie e all’estero”. (3)

    Ora, secondo Livio Livi, il principale studioso ebreo di statistica (4), all’inizio del secolo l’elemento ebraico non superava le 40.000 unità e – sostanzialmente – era composto da elementi di ceppo sefardita, mancando quasi completamente l’elemento askhenazita.

    Nel 1910 – stando al Livi – assommavano a 35.798, ma con questa particolarità: “Sopra 5.951 persone notevoli ben 125 sono israelite; appena 17,9 sopra 100.000 abitanti pei cristiani, ben 292,7 per gli ebrei: una frequenza 16 volte più grande in confronto di quella dei cristiani […] La superiorità numerica degli ebrei risulta ancora più forte fra gli uomini politici, i giuristi, gli economisti e finanzieri, i medici, i matematici, i letterati, i pubblicisti”. (5)

    Secondo il censimento dell’agosto 1938 gli ebrei in Italia erano così distribuiti:

    Ripartizione per regioni
    Lazio 12.943
    Venezia Tridentina 989

    Lombardia
    11.559
    Campania
    714

    Venezia Giulia, Zara
    8.185
    Umbria
    228

    Toscana
    5.931
    Sicilia
    202

    Piemonte
    5.439
    Abruzzi e Molise
    138

    Veneto
    3.822
    Puglie
    122

    Emilia
    2.964
    Sardegna
    67

    Liguria
    2.770
    Calabria
    24

    Marche
    1.218
    Lucania
    10




    3 - Renzo De Felice, Storia degli ebrei italiani sotto il fascismo, Torino 1993.
    4 - Livio Livi, Gli Ebrei alla luce della statistica, Firenze 1918-1920
    5 - Livio Livi – ibidem.


    --------------------------------------------------------------------------------

    La Repubblica Italiana – democratica, antifascista, giudaica

    La nascita della repubblica italiana, quella democratica e antifascista per intenderci, avvenne sotto l’ala benevola dei servizi di sicurezza angloamericani che di questa nuova colonia sono i tutori e i detentori del potere reale. Secondo Vincenzo Vinciguerra: “Il dopo, che noi abbiamo vissu-to e ancora viviamo, è stato scritto dagli Stati Uniti d’America nell’Europa occidentale e dall’Unione Sovietica in quella orientale, che hanno alimentato, per i loro fini la contrapposizione fra fa-scismo e antifascismo, utile mezzo perpetuare una divisione degli animi che impedisse all’Europa di riscoprire la sua forza e con la essa la possibilità di determinare da sé il proprio destino”.
    In un periodo storico assurdo, le iniziative politiche sono assurde: pensiamo all’on. Caradonna, uno dei dirigenti di spicco dell’MSI che, durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, inviò i ‘Volontari Nazionali’ a difesa del Tempio, al Portico d’Ottavia nel Ghetto di Roma, o a quei deputati della ‘Destra Nazionale’ che hanno ripetutamente votato ogni risoluzione di solidarietà a favore d’Israele...
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Messaggi
    14,441
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "In un periodo storico assurdo, le iniziative politiche sono assurde: pensiamo all'on. Caradonna, uno dei dirigenti di spicco dell'MSI che, durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, inviò i 'Volontari Nazionali' a difesa del Tempio, al Portico d'Ottavia nel Ghetto di Roma, o a quei deputati della 'Destra Nazionale' che hanno ripetutamente votato ogni risoluzione di solidarietà a favore d'Israele..."

    Questo la dice lunga sul msi...
    finti camerati,e servi dei giudei!



  3. #3
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Buona parte dei massimi dirigenti del MSI (Movimento Sionista Italiano) sono sempre stati filoamericani, filosionisti, filoatlantici.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226