User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    La "milanesità" esiste... E non è solo tradizione

    Milano e la sua gente: premiata l'inchiesta del giornalista Ferdinando Maffioli
    La "milanesità" esiste... E non è solo tradizione


    PIERGIORGIO RIVA
    --------------------------------------------------------------------------------
    Sul computer scrivi milanesità e immediatamente il correttore automatico ti segnala con una sottolineatura che il termine è sconosciuto. Allora cerchi sul vocabolario e il risultato è analogo. Eppure la milanesità esiste e non è un'astrazione. Certamente è difficile definirla perché ha molte sfaccettature, come un brillante. È un modo di vivere, di pensare, di lavorare, di competere, un desiderio di affermazione, di appartenenza a una comunità, anche se all'ombra della Madonnina non si è nati. E proprio chi di Milano ha fatto una seconda patria ha maggiormente il culto della milanesità, al pari dei milanesi doc. Ma è proprio così o solo il ricordo di una tradizione?
    Il giornalista Ferdinando Maffioli, nato a Milano, ha voluto verificare conducendo un'inchiesta tra la gente, ritenendo il termine piuttosto abusato, un'etichetta di un passato ormai tramontato. Una serie di interviste a tutto campo riportate in un'intera pagina de "Il Giornale" hanno dato, per lui scettico, un risultato inatteso, sintetizzato nel titolo "La milanesità? È viva e vegeta".
    Maffioli, incontrato al Circolo della Stampa in occasione della premiazione del concorso giornalistico "Attilio e Ada Carosso", ci dichiara che non è stato facile far parlare la gente sul significato di milanesità e sulla sua attualità nel vivere quotidiano ma "è stato sufficiente scavare e allora ho scoperto che è un sentimento comune e diffuso fra quanti hanno voglia di fare ed è simbolo di un'onestà intellettuale". Per Ferdinando Maffioli "chi non è nato a Milano, ma qui vive e lavora, la milanesità è l'essere azionista di una metropoli che non esclude nessuno e sa premiare i più meritevoli". Non a caso il giornalista ha ricevuto, per la sua inchiesta, un assegno di 10mila euro disposto dalla Fondazione Carosso, riconoscimento riservato a chi sulla stampa, la radio e la televisione, è riuscito a svelare i segreti della milanesità, "dote essenziale - come sottolineato dal bando del concorso - per conquistare nella vita sociale posizioni di prestigio mediante il lavoro, lo studio, la paziente e volonterosa costruzione del proprio avvenire". Analogo premio è stato assegnato a Margherita De Bac per l'articolo "Tumori, 50 anni di sfida per rispettare le donne", apparso sul Corriere della Sera e dedicato all'impegno nella professione e nella ricerca del prof. Umberto Veronesi che ha contribuito a fare di Milano un polo di eccellenza internazionale nel settore della cura del cancro.
    Nella Sala Bracco del Circolo della Stampa sono stati anche attribuiti dal prof. Francesco Ogliari, animatore del premio e presidente della giuria, gran maestro del cerimoniale e affascinante oratore, i riconoscimenti "Maestri di Vita" ai personaggi citati negli articoli: il poeta Franco Loi, cantore della lingua milanese, il prof. Veronesi, entrambi presenti, e al sindaco di Milano Gabriele Albertini che, impegnato a New York, ha fatto pervenire un significativo messaggio sulla milanesità che "si acquisisce non per nascita, ma per scelta nell'adesione ai valori plurisecolari di una città, che con grande generosità accoglie i figli adottivi offrendo a tutti, senza pregiudizi, pari opportunità nel rigoroso rispetto delle regole dettate dal senso civico che è orgoglio della tradizione meneghina". A presentare la serata il giornalista Tullio Barbato, direttore di Radio Meneghina che con garbo non disgiunto dalla schiettezza ha collegato i vari interventi, tutti godibili tra l'attualità e l'amarcord.
    Il lavoro di selezione della giuria, come ricordato da Giuseppe Gallizzi, presidente del Circolo della Stampa, non è stato facile poiché tutti i partecipanti sono risultati meritevoli. A giudicare i lavori, personaggi di spicco, quasi tutti milanesi d'adozione: Gaetano Afeltra, scrittore e giornalista, Fedele confalonieri, presidente di Mediaset, Giuseppe De Luca, procuratore generale onorario della Suprema Corte di Cassazione, Mino Durand, giornalista, Massimo Ferrario, direttore del Centro di produzione Rai-Tv di Milano, Giuseppe Gallizzi, giornalista, Giancarla Mursia, editore e monsignor Riccardo Pezzoni, canonico del Duomo di Milano, che ha portato il saluto e l'apprezzamento dell'arcivescovo di Milano, il card. Dionigi Tettamanzi, un lombardo autentico, definito una "chioccia amorevole e protettiva succeduta a un'aquila" nella guida dell'arcidiocesi nel solco di una tradizione evangelizzatrice.
    La Milano della comunicazione è stato il tema trattato da Massimo Ferrario che nel tratteggiarre la figura di Attilio Carosso del quale ha preso il posto nella guida della Rai a Milano, ne ha ricordato l'impegno civile, le capacità professionali che consentirono alla sede di corso Sempione di conquistare un primato nazionale assoluto, nonché le innate doti di comunicatore con il grande successo della trasmissione "ciciarem un cicinin" realizzata con Attilio Spiller e le voci di Liliana Feldmann, Evelina Sironi, Fausto Tommei e il poeta di redazione Alberto Cavaliere, tanto per citare.
    Il parlare con il linguaggio della gente è stato il segreto della popolarità della milanesità, appannata a partire dagli anni 70 dal ridimensionamento centralistico romano.(ndr)
    Oggi la Rai a Milano, ha annunciato Ferrario, sta ritrovando il suo ruolo di spirito di servizio del territorio supportato da idonei stanziamenti. La Rai come ieri è tornata un cantiere, una città nella città con ritrovato entusiasmo del personale altamente qualificato in tutti i settori delle produzioni radiotelevisive. Un segnale importante è anche la trasmissione "Nati a Milano" relegata nei programmi della notte anticipata, tra un paio di settimane alle 23. Ma la vetrina di cosa ha significato la Rai per Milano e per il sistema radiotelevisivo nazionale sarà la grande mostra in fase di allestimento alla Triennale di Milano, aperta al pubblico per tre mesi. Anche questa è milanesità, autentica.


    [Data pubblicazione: 06/02/2004]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La "milanesità" esiste... E non è solo tradizione

    In origine postato da Nanths
    Milano e la sua gente: premiata l'inchiesta del giornalista Ferdinando Maffioli
    La "milanesità" esiste... E non è solo tradizione


    PIERGIORGIO RIVA
    --------------------------------------------------------------------------------
    Sul computer scrivi milanesità e immediatamente il correttore automatico ti segnala con una sottolineatura che il termine è sconosciuto. Allora cerchi sul vocabolario e il risultato è analogo. Eppure la milanesità esiste e non è un'astrazione. Certamente è difficile definirla perché ha molte sfaccettature, come un brillante. È un modo di vivere, di pensare, di lavorare, di competere, un desiderio di affermazione, di appartenenza a una comunità, anche se all'ombra della Madonnina non si è nati. E proprio chi di Milano ha fatto una seconda patria ha maggiormente il culto della milanesità, al pari dei milanesi doc. Ma è proprio così o solo il ricordo di una tradizione?
    Il giornalista Ferdinando Maffioli, nato a Milano, ha voluto verificare conducendo un'inchiesta tra la gente, ritenendo il termine piuttosto abusato, un'etichetta di un passato ormai tramontato. Una serie di interviste a tutto campo riportate in un'intera pagina de "Il Giornale" hanno dato, per lui scettico, un risultato inatteso, sintetizzato nel titolo "La milanesità? È viva e vegeta".
    Maffioli, incontrato al Circolo della Stampa in occasione della premiazione del concorso giornalistico "Attilio e Ada Carosso", ci dichiara che non è stato facile far parlare la gente sul significato di milanesità e sulla sua attualità nel vivere quotidiano ma "è stato sufficiente scavare e allora ho scoperto che è un sentimento comune e diffuso fra quanti hanno voglia di fare ed è simbolo di un'onestà intellettuale". Per Ferdinando Maffioli "chi non è nato a Milano, ma qui vive e lavora, la milanesità è l'essere azionista di una metropoli che non esclude nessuno e sa premiare i più meritevoli". Non a caso il giornalista ha ricevuto, per la sua inchiesta, un assegno di 10mila euro disposto dalla Fondazione Carosso, riconoscimento riservato a chi sulla stampa, la radio e la televisione, è riuscito a svelare i segreti della milanesità, "dote essenziale - come sottolineato dal bando del concorso - per conquistare nella vita sociale posizioni di prestigio mediante il lavoro, lo studio, la paziente e volonterosa costruzione del proprio avvenire". Analogo premio è stato assegnato a Margherita De Bac per l'articolo "Tumori, 50 anni di sfida per rispettare le donne", apparso sul Corriere della Sera e dedicato all'impegno nella professione e nella ricerca del prof. Umberto Veronesi che ha contribuito a fare di Milano un polo di eccellenza internazionale nel settore della cura del cancro.
    Nella Sala Bracco del Circolo della Stampa sono stati anche attribuiti dal prof. Francesco Ogliari, animatore del premio e presidente della giuria, gran maestro del cerimoniale e affascinante oratore, i riconoscimenti "Maestri di Vita" ai personaggi citati negli articoli: il poeta Franco Loi, cantore della lingua milanese, il prof. Veronesi, entrambi presenti, e al sindaco di Milano Gabriele Albertini che, impegnato a New York, ha fatto pervenire un significativo messaggio sulla milanesità che "si acquisisce non per nascita, ma per scelta nell'adesione ai valori plurisecolari di una città, che con grande generosità accoglie i figli adottivi offrendo a tutti, senza pregiudizi, pari opportunità nel rigoroso rispetto delle regole dettate dal senso civico che è orgoglio della tradizione meneghina". A presentare la serata il giornalista Tullio Barbato, direttore di Radio Meneghina che con garbo non disgiunto dalla schiettezza ha collegato i vari interventi, tutti godibili tra l'attualità e l'amarcord.
    Il lavoro di selezione della giuria, come ricordato da Giuseppe Gallizzi, presidente del Circolo della Stampa, non è stato facile poiché tutti i partecipanti sono risultati meritevoli. A giudicare i lavori, personaggi di spicco, quasi tutti milanesi d'adozione: Gaetano Afeltra, scrittore e giornalista, Fedele confalonieri, presidente di Mediaset, Giuseppe De Luca, procuratore generale onorario della Suprema Corte di Cassazione, Mino Durand, giornalista, Massimo Ferrario, direttore del Centro di produzione Rai-Tv di Milano, Giuseppe Gallizzi, giornalista, Giancarla Mursia, editore e monsignor Riccardo Pezzoni, canonico del Duomo di Milano, che ha portato il saluto e l'apprezzamento dell'arcivescovo di Milano, il card. Dionigi Tettamanzi, un lombardo autentico, definito una "chioccia amorevole e protettiva succeduta a un'aquila" nella guida dell'arcidiocesi nel solco di una tradizione evangelizzatrice.
    La Milano della comunicazione è stato il tema trattato da Massimo Ferrario che nel tratteggiarre la figura di Attilio Carosso del quale ha preso il posto nella guida della Rai a Milano, ne ha ricordato l'impegno civile, le capacità professionali che consentirono alla sede di corso Sempione di conquistare un primato nazionale assoluto, nonché le innate doti di comunicatore con il grande successo della trasmissione "ciciarem un cicinin" realizzata con Attilio Spiller e le voci di Liliana Feldmann, Evelina Sironi, Fausto Tommei e il poeta di redazione Alberto Cavaliere, tanto per citare.
    Il parlare con il linguaggio della gente è stato il segreto della popolarità della milanesità, appannata a partire dagli anni 70 dal ridimensionamento centralistico romano.(ndr)
    Oggi la Rai a Milano, ha annunciato Ferrario, sta ritrovando il suo ruolo di spirito di servizio del territorio supportato da idonei stanziamenti. La Rai come ieri è tornata un cantiere, una città nella città con ritrovato entusiasmo del personale altamente qualificato in tutti i settori delle produzioni radiotelevisive. Un segnale importante è anche la trasmissione "Nati a Milano" relegata nei programmi della notte anticipata, tra un paio di settimane alle 23. Ma la vetrina di cosa ha significato la Rai per Milano e per il sistema radiotelevisivo nazionale sarà la grande mostra in fase di allestimento alla Triennale di Milano, aperta al pubblico per tre mesi. Anche questa è milanesità, autentica.


    [Data pubblicazione: 06/02/2004]
    Due cose da far notare...intanto il trito e ritrito ritornello buonista-meridionalista della "milanesità" che si acquisisce...duole che nemmeno sulla Padania i commentatori si sprechino a contestare la diemnticanza dell'imprescndibile parametro etnico ben sintetizzabile nell'espressione "E' Milano non malano". Ma ormai certe cose non vanno più di moda in certe redazioni....

    Seconda cosa, la trasmissione "Nati a Milano" citata è ottima.

  3. #3
    100% sardu
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sardìnnia
    Messaggi
    28,942
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    franco loi?
    loi è un cognome in lingua sarda, per qualche strano caso fonetico esiste anche da voi oppure è di origine sarda?

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Perdu
    franco loi?
    loi è un cognome in lingua sarda, per qualche strano caso fonetico esiste anche da voi oppure è di origine sarda?
    Ci sono delle colonie di "Loi" su Milan e Turin, ma il cognome è sciruamente originario della Sardegna centro-meridionale.

    Franco Loi poi è nato a Genova da genitori sardi, appunto.
    Però è del 1930, non è un acquisito del dopoguerra

  5. #5
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    c'è anche un ceppo Giuliano del cognome ma è un itagliotizzazione perpetrata dai fasci, di un cognome ungherese...

  6. #6
    il merovingio
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Nel cuore profondo della Padania
    Messaggi
    8,652
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La "milanesità" esiste... E non è solo tradizione

    In origine postato da Nanths



    la milanesità che "si acquisisce non per nascita, ma per scelta nell'adesione ai valori plurisecolari di una città, che con grande generosità accoglie i figli adottivi offrendo a tutti, senza pregiudizi, pari opportunità nel rigoroso rispetto delle regole dettate dal senso civico che è orgoglio della tradizione meneghina".




  7. #7
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A suo tempo ho potuto conoscere molti milanesi autentici, quelli, ad esempio ma non solo, della zona Stazione Centrale.
    Tutta la zona a sinistra della stazione, che oggi è zeppa di grattacieli, alla fine degli anni '50 era una zona di periferia, con vecchie case popolari e cascine (non lontano, dall'altra parte di viale Brianza, c'è la via Gluck, dove in quel tempo c'era ancora l'erba... cantata da Celentano). Lì abitava un collega di lavoro che parlava un milanese assolutamente affascinante, ricchissimo di termini gergali e di espressioni tipiche: fummo amici per molti anni, finchè i destini di lavoro ci allontanarono definitivamente. Aveva un cognome tipico: lo potrei anche dire perchè in Lombardia è comune quasi come Brambilla.
    La sua milanesità era non solo tipica, ma esemplare sotto tutti gli aspetti, affascinante come la sua parlata.
    Devo dire che nonostante avessimo molta affinità in senso lato, io non mi sono mai sognato di acquisire la sua milanesità, perchè avrei dovuto imparare la sua lingua al suo livello. Ma per lui, quella lingua era la lingua madre, per me no, per cui mi sarebbe stato impossibile.
    Voglio dire che non credo alla milanesità acquisita nel senso profondo del termine: ciascuno rimane ciò che è.
    Affinchè si verifichi un cambiamento sostanziale, non basta una generazione, ci vogliono secoli.
    Credo che la milanesità esista anche oggi, ma che la stessa non sia più generalizzata come un tempo, anzi...
    Piuttosto vedo una melanizzazione molto apparente, ma non certo una milanesità acquisita da un puntodi vista profondamente etico.
    Del resto se un milanese o un veneto si trasferissero stabilmente per lavoro in Campania o in Sicilia (cosa che accade raramente, ma accade), pensate che acquisirebbero la Napoletanità o la Palermitanità (?) così facilmente?

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jul 2002
    Messaggi
    582
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Piuttosto vedo una melanizzazione molto apparente, ma non certo una milanesità acquisita da un puntodi vista profondamente etico.
    Del resto se un milanese o un veneto si trasferissero stabilmente per lavoro in Campania o in Sicilia (cosa che accade raramente, ma accade), pensate che acquisirebbero la Napoletanità o la Palermitanità (?) così facilmente?
    Direi che hai usato un termine molto appropriato; purtroppo oggi la MELANINA dilaga in quel di Milano. Tra allogeni vecchi e nuovi, l'originario retaggio Celtico sta praticamente scomparendo...

  9. #9
    Tradizion semper Viv !
    Data Registrazione
    24 Jan 2003
    Località
    INSUBRIA
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Landser
    Direi che hai usato un termine molto appropriato; purtroppo oggi la MELANINA dilaga in quel di Milano. Tra allogeni vecchi e nuovi, l'originario retaggio Celtico sta praticamente scomparendo...
    L'originario retaggio CELTICO a Milano esiste ancora, ed è piuttosto forte, anche se non lo vedi....... per il momento ........

 

 

Discussioni Simili

  1. Prete smonta mito Babbo Natale: "bimbi, non esiste, sono solo fesserie"
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 28-12-14, 15:21
  2. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 24-09-13, 12:56
  3. Risposte: 125
    Ultimo Messaggio: 19-12-12, 16:28
  4. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 13-01-08, 12:09
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 08-07-02, 00:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226