User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 35
  1. #1
    Insorgente
    Data Registrazione
    25 Jul 2002
    Località
    Da ogni luogo e da nessuno
    Messaggi
    2,654
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Appello per la liberazione di Cesare Battisti



    Appello per la liberazione dello scrittore Cesare Battisti

    I servizi speciali francesi hanno arrestato lo scrittore Cesare Battisti, rifugiato in Francia ormai da quattordici anni. Su di lui pende una domanda di estradizione presentata dal governo italiano, sulla base di una condanna pronunciata in contumacia oltre un ventennio fa.

    E’ bene ricordare che a Cesare Battisti fu concesso asilo politico solo dopo che un magistrato francese ebbe vagliato le “prove a suo carico”, e le ebbe giudicate contraddittorie e “degne di una giustizia militare”. A Battisti erano stati addossati tutti gli omicidi commessi da un’organizzazione clandestina a cui aveva appartenuto negli anni ’70, anche quando circostanze di fatto e temporali escludevano una sua partecipazione.

    Dal momento della sua fuga dall’Italia, prima in Messico e poi in Francia, Cesare Battisti si è dedicato a un’intensa attività letteraria, centrata sul ripensamento dell’esperienza di antagonismo radicale che vide coinvolti centinaia di migliaia di giovani italiani e che spesso sfociò nella lotta armata. La sua opera è nel suo assieme una straordinaria e ineguagliata riflessione sugli anni ’70, quale nessuna forza politica che ha governato l’Italia da quel tempo a oggi ha osato tentare.
    La vita di Cesare Battisti in Francia è stata modesta, piena di difficoltà e di sacrifici, retta da una eccezionale forza intellettuale. E’ riuscito ad attirarsi la stima del mondo della cultura e l’amore di una schiera enorme di lettori. Ha vissuto povero ed è povero tuttora. Nulla lo lega a “terrorismi” di sorta, se non la capacità di meditare su un passato che per lui si è chiuso tanti anni fa. Trattarlo oggi da criminale è un oltraggio non solo alla verità, ma pure a tutti coloro che, nella storia anche non recente, hanno affidato alla parola scritta la spiegazione della loro vita e il loro riscatto.

    Certo, c’è chi ha interesse a che una voce come quella di Cesare Battisti venga tacitata per sempre. Chi, per esempio, contribuì alle tragedie degli anni ’70 militando nelle file neofasciste o in quelle di organizzazioni – clandestine quanto i Proletari armati per il comunismo - chiamate Gladio o Loggia P2, e sospettate di un numero impressionante di crimini. Chi fa oggi della xenofobia la propria bandiera. In una parola, una gran parte del governo italiano attuale.

    Noi invece vorremmo che di scrittori capaci di affrontare di petto il passato come Cesare Battisti ce ne fossero tanti, e che i cittadini francesi capissero chi rischiano di perdere, per la vigliaccheria dei loro governanti: un uomo onesto, arguto, profondo, anticonformista nel rimettere in gioco fino in fondo se stesso e la storia che ha vissuto. In una parola, un intellettuale vero. Non era tradizione della Francia privarsi di uomini così, per farli inghiottire da una prigione. Ci auguriamo che la Francia non sia cambiata tanto da tacere di fronte a un simile delitto.

    Sì, delitto. Avete letto bene.

    - Per aderire: http://www.miserabili.com/archives/012064.html#012064

    - Il sito di Cesare: http://www.cesarebattisti.net/

    - La petizione francese: http://www.mauvaisgenres.com/arrestation_battisti.htm

    - Per saperne di più sul contesto giuridico e politico in cui furono processati molti degli attuali esuli parigini, cfr. Luther Blissett Project, "Nemici dello Stato. Criminali, mostri e leggi speciali nella società di controllo", Derive Approdi 1999, scaricabile gratuitamente qui:
    http://www.wumingfoundation.com/ital...ownloads.shtml
    E' un testo datato nelle sue parti più teoriche, che andrebbe depurato di certe forzature nonché riveduto e aggiornato per quanto riguarda l'Italia di oggi, ma lo crediamo ancora utile per la ricostruzione storica delle leggi d'emergenza sul terrorismo e le conseguenze che ebbero sulle vite di migliaia di persone (capp. 1-6).

    Firmato da

    Valerio Evangelisti, scrittore
    Serge Quadruppani, scrittore
    Marco Muller, produttore cinematografico
    Wu Ming, scrittori
    Vauro, disegnatore
    Giuseppe Genna, scrittore
    Luigi Bernardi, scrittore ed editore
    Marco Philopat, scrittore ed editore
    Tiziano Scarpa, scrittore
    Helena Janeczek, scrittrice
    Davide Ferrario, regista
    Florence Thinard, scrittrice
    Pascal Dessaint, scrittore
    Topolin Edizioni
    Jorge Vacca, editore
    Sante Notarnicola, poeta
    Giorgio Tinelli, ricercatore universitario
    Francesco Mattioli, disegnatore
    Weiner Marchesini, saggista
    Hobo Rosati, webmaster
    Roberto Vignoli, editore
    Nilo-Manuel Casares Rivas, critico d'arte
    Andrea Erra
    Simone P. Barillari, scrittore
    Gian Marco Mazzocchi
    Sergio Rossi, editor
    Daniela Bandini, giornalista
    Cesare Castaldo
    Matteo Bastetti
    Claudio Tulli, di Materiali resistenti
    Laura Grazioli, pubblicitaria
    Tiziano Borrelli
    Jari Lanzoni
    Gian Paolo Serino, critico letterario
    Tiziano Cardetti, redattore
    Fabrizio Demontis
    Cosimo Polisena
    Monica Mazzitelli, scrittrice e membro Inciquid
    Federico Alessandro Amico
    Alessandro Bertante, scrittore e giornalista
    Rossano Astremo, scrittore
    Francesca Masera
    Stefano Mano, libreria SpazioPiù
    Salvatore Ditaranto, webmaster
    Loredana Simonetti
    Roberto Caselli
    Matteo Marchetti
    Alex Cremonesi, del gruppo La Crus
    Girolamo de Michele, scrittore
    Massimiliano Di Giorgio, giornalista
    Ugo Tassinari, giornalista e saggista
    Luca Mazzocco, marketing manager
    Ilaria Carretta
    Gabriella Fuschini, scrittrice
    Giovanni Secondulfo, ingegnere
    Carlo Mor
    Armando As Chianese, giornalista
    Stefano Lanticina
    R. Benassi
    Paolo Casarini, educatore professionale
    Maria D'Amico, giornalista
    Michele De Pirro
    Maximiliano "Strelnik" Bianchi, blogger
    Stefano Pasquini, artista
    Stefania Carrara
    Giorgio Gianotto
    Mauro Trotta,giornalista e critico letterario
    Emiliano Mattioli
    Annalisa Rosso
    Andrea Pompei
    Claudio Giacchino
    Andrea Di Pietro
    Pietro Izzo
    Alberto Raviola, psicologo
    Giacomo Mason
    Federico Tassi
    Emiliano Viti, consigliere comunale Genzano (Rm)
    Maria Teresa Carbone
    Roberto Saviano, giornalista
    Cinzia Bonatti
    Mauro Smocovich, scrittore
    Paola Tavella
    Nico Maccentelli, redattore
    Maurizio Casetta
    Mélanie Fazi
    Federica Cangini
    Massimiliano Pittana, IT manager
    Silvia Elisa Costa, di typesletter.splinder.it
    Redazione di Altremappe, www.altremappe.org
    Claudio Paolantoni
    Giuliano Santoro
    Giorgio Locatelli, imprenditore
    Andrea Dell'Amico, systems administrator
    Alfredo Simone, giornalista
    Umberto Morbiducci, ricercatore
    Paolo Fanti
    Robin Benatti, traduttore
    Luca Conti, traduttore e critico musicale
    Fabio Lanza, giornalista a New York
    "Vogliamo distruggere tutti quei ridicoli monumenti del tipo "a coloro che hanno dato la vita per la patria" che incombono in ogni paese e, al loro posto, costruiremo dei monumenti ai disertori. I monumenti ai disertori rappresentano anche i caduti in guerra perchè ognuno di loro è morto malidicendo la guerra e invidiando la fortuna del disertore. La resistenza nasce dalla diserzione"

    Partigiano antifascista, Venezia, 1943





    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    11 Jun 2002
    Messaggi
    313
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Appello per la liberazione di Cesare Battisti

    In origine postato da Paddy Garcia


    Appello per la liberazione dello scrittore Cesare Battisti

    I servizi speciali francesi hanno arrestato lo scrittore Cesare Battisti, rifugiato in Francia ormai da quattordici anni. Su di lui pende una domanda di estradizione presentata dal governo italiano, sulla base di una condanna pronunciata in contumacia oltre un ventennio fa.

    E’ bene ricordare che a Cesare Battisti fu concesso asilo politico solo dopo che un magistrato francese ebbe vagliato le “prove a suo carico”, e le ebbe giudicate contraddittorie e “degne di una giustizia militare”. A Battisti erano stati addossati tutti gli omicidi commessi da un’organizzazione clandestina a cui aveva appartenuto negli anni ’70, anche quando circostanze di fatto e temporali escludevano una sua partecipazione.

    Dal momento della sua fuga dall’Italia, prima in Messico e poi in Francia, Cesare Battisti si è dedicato a un’intensa attività letteraria, centrata sul ripensamento dell’esperienza di antagonismo radicale che vide coinvolti centinaia di migliaia di giovani italiani e che spesso sfociò nella lotta armata. La sua opera è nel suo assieme una straordinaria e ineguagliata riflessione sugli anni ’70, quale nessuna forza politica che ha governato l’Italia da quel tempo a oggi ha osato tentare.
    La vita di Cesare Battisti in Francia è stata modesta, piena di difficoltà e di sacrifici, retta da una eccezionale forza intellettuale. E’ riuscito ad attirarsi la stima del mondo della cultura e l’amore di una schiera enorme di lettori. Ha vissuto povero ed è povero tuttora. Nulla lo lega a “terrorismi” di sorta, se non la capacità di meditare su un passato che per lui si è chiuso tanti anni fa. Trattarlo oggi da criminale è un oltraggio non solo alla verità, ma pure a tutti coloro che, nella storia anche non recente, hanno affidato alla parola scritta la spiegazione della loro vita e il loro riscatto.

    Certo, c’è chi ha interesse a che una voce come quella di Cesare Battisti venga tacitata per sempre. Chi, per esempio, contribuì alle tragedie degli anni ’70 militando nelle file neofasciste o in quelle di organizzazioni – clandestine quanto i Proletari armati per il comunismo - chiamate Gladio o Loggia P2, e sospettate di un numero impressionante di crimini. Chi fa oggi della xenofobia la propria bandiera. In una parola, una gran parte del governo italiano attuale.

    Noi invece vorremmo che di scrittori capaci di affrontare di petto il passato come Cesare Battisti ce ne fossero tanti, e che i cittadini francesi capissero chi rischiano di perdere, per la vigliaccheria dei loro governanti: un uomo onesto, arguto, profondo, anticonformista nel rimettere in gioco fino in fondo se stesso e la storia che ha vissuto. In una parola, un intellettuale vero. Non era tradizione della Francia privarsi di uomini così, per farli inghiottire da una prigione. Ci auguriamo che la Francia non sia cambiata tanto da tacere di fronte a un simile delitto.

    Sì, delitto. Avete letto bene.

    - Per aderire: http://www.miserabili.com/archives/012064.html#012064

    - Il sito di Cesare: http://www.cesarebattisti.net/

    - La petizione francese: http://www.mauvaisgenres.com/arrestation_battisti.htm

    - Per saperne di più sul contesto giuridico e politico in cui furono processati molti degli attuali esuli parigini, cfr. Luther Blissett Project, "Nemici dello Stato. Criminali, mostri e leggi speciali nella società di controllo", Derive Approdi 1999, scaricabile gratuitamente qui:
    http://www.wumingfoundation.com/ital...ownloads.shtml
    E' un testo datato nelle sue parti più teoriche, che andrebbe depurato di certe forzature nonché riveduto e aggiornato per quanto riguarda l'Italia di oggi, ma lo crediamo ancora utile per la ricostruzione storica delle leggi d'emergenza sul terrorismo e le conseguenze che ebbero sulle vite di migliaia di persone (capp. 1-6).

    Firmato da

    Valerio Evangelisti, scrittore
    Serge Quadruppani, scrittore
    Marco Muller, produttore cinematografico
    Wu Ming, scrittori
    Vauro, disegnatore
    Giuseppe Genna, scrittore
    Luigi Bernardi, scrittore ed editore
    Marco Philopat, scrittore ed editore
    Tiziano Scarpa, scrittore
    Helena Janeczek, scrittrice
    Davide Ferrario, regista
    Florence Thinard, scrittrice
    Pascal Dessaint, scrittore
    Topolin Edizioni
    Jorge Vacca, editore
    Sante Notarnicola, poeta
    Giorgio Tinelli, ricercatore universitario
    Francesco Mattioli, disegnatore
    Weiner Marchesini, saggista
    Hobo Rosati, webmaster
    Roberto Vignoli, editore
    Nilo-Manuel Casares Rivas, critico d'arte
    Andrea Erra
    Simone P. Barillari, scrittore
    Gian Marco Mazzocchi
    Sergio Rossi, editor
    Daniela Bandini, giornalista
    Cesare Castaldo
    Matteo Bastetti
    Claudio Tulli, di Materiali resistenti
    Laura Grazioli, pubblicitaria
    Tiziano Borrelli
    Jari Lanzoni
    Gian Paolo Serino, critico letterario
    Tiziano Cardetti, redattore
    Fabrizio Demontis
    Cosimo Polisena
    Monica Mazzitelli, scrittrice e membro Inciquid
    Federico Alessandro Amico
    Alessandro Bertante, scrittore e giornalista
    Rossano Astremo, scrittore
    Francesca Masera
    Stefano Mano, libreria SpazioPiù
    Salvatore Ditaranto, webmaster
    Loredana Simonetti
    Roberto Caselli
    Matteo Marchetti
    Alex Cremonesi, del gruppo La Crus
    Girolamo de Michele, scrittore
    Massimiliano Di Giorgio, giornalista
    Ugo Tassinari, giornalista e saggista
    Luca Mazzocco, marketing manager
    Ilaria Carretta
    Gabriella Fuschini, scrittrice
    Giovanni Secondulfo, ingegnere
    Carlo Mor
    Armando As Chianese, giornalista
    Stefano Lanticina
    R. Benassi
    Paolo Casarini, educatore professionale
    Maria D'Amico, giornalista
    Michele De Pirro
    Maximiliano "Strelnik" Bianchi, blogger
    Stefano Pasquini, artista
    Stefania Carrara
    Giorgio Gianotto
    Mauro Trotta,giornalista e critico letterario
    Emiliano Mattioli
    Annalisa Rosso
    Andrea Pompei
    Claudio Giacchino
    Andrea Di Pietro
    Pietro Izzo
    Alberto Raviola, psicologo
    Giacomo Mason
    Federico Tassi
    Emiliano Viti, consigliere comunale Genzano (Rm)
    Maria Teresa Carbone
    Roberto Saviano, giornalista
    Cinzia Bonatti
    Mauro Smocovich, scrittore
    Paola Tavella
    Nico Maccentelli, redattore
    Maurizio Casetta
    Mélanie Fazi
    Federica Cangini
    Massimiliano Pittana, IT manager
    Silvia Elisa Costa, di typesletter.splinder.it
    Redazione di Altremappe, www.altremappe.org
    Claudio Paolantoni
    Giuliano Santoro
    Giorgio Locatelli, imprenditore
    Andrea Dell'Amico, systems administrator
    Alfredo Simone, giornalista
    Umberto Morbiducci, ricercatore
    Paolo Fanti
    Robin Benatti, traduttore
    Luca Conti, traduttore e critico musicale
    Fabio Lanza, giornalista a New York
    Scrittore o non scrittore, artista o non artista, il sig. in questione è, secondo la legge italiana, un criminale. Quindi, che paghi. In più è un latitante.
    On. Claudio Martelli

  3. #3
    Insorgente
    Data Registrazione
    25 Jul 2002
    Località
    Da ogni luogo e da nessuno
    Messaggi
    2,654
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    L'incubo Battisti
    di Giuseppe Genna

    Quanto sta succedendo in queste ore, in questi giorni a Cesare Battisti è, e lo è con esattezza scientifica, quanto sta accadendo in questi anni all'Italia e all'Europa: la minaccia realizzata della violazione del diritto in nome di una dottrina superindividuale e astratta, elettorale e ipocrita, che mostra il suo vero volto quando si attiva per maciullare idee e corpi. A rischio di apparire generalista e massimalista, affermo: c'è una continuità - che nemmeno più è inquietante - tra il caso Battisti, la deriva del Vecchio Continente e l'orrore perpetrato in Afghanistan e Iraq. Si tratta di un medesimo ente saturnino, vòlto con sistematica predeterminazione a divorare non i figli suoi, ma i figli dell'uomo. La nonchalance con cui oggi, in Europa, si censurano le idee in tv e sui giornali, si sistemano i conti in un ok corral indecente e amorale, si scatenano conflitti preventivi e si compiono alla luce del sole crimini patenti - questo è il paesaggio che chi si ritiene ancora umano è chiamato oggi a modificare con forza e fatica. I nodi vengono al pettine: e sono nodi di capelli di un cuoio strappato a viva forza dai crani di chi pensa, di chi tenta di ricordare e di ridiscutere il passato per aprire il futuro. Sono enormi le conseguenze implicite che sprigionano dalla scelta del governo italiano di domandare l'estradizione di Battisti: costringono tutti noi a verificare con mano chi sono le persone che si schierano - non, questa volta, per una battaglia armata, ma per una battaglia di idee. Battaglia che, come si nota in questi ultimi anni, non è che comporti meno sangue delle precedenti. Il prezzo della lotta per il pacifismo, i diritti dell'uomo e la libertà, che sia condotta con la potenza delle idee e dei sentimenti oppure con altri supporti, è un prezzo amaro e pesante. Eppure ciò non toglie che lo tsunami di speranza in Movimento che si sta scatenando finisca per travolgere chi vi si oppone: dimostra la storia dell'uomo che quando si spalanca una crepa ideale, una frattura da cui il bene può scaturire, per una legge superfisica il bene emerge. Da anni, questo è il punto, si sta rifacendo la Rivoluzione Francese: ed è una Rivoluzione Francese planetaria. Sorprenderebbe se fosse la Francia la prima nazione a sfilarsi da una simile Rivoluzione Francese.

    Per quanto concerne l'Italia, è necessario superare il disgusto emetico che provoca la condotta di un governo cieco e reazionario come l'attuale. Il comportamento di Berlusconi e dei suoi è, una volta ancora, di una leggerezza che sa di tragico, e fa parte di una precisa strategia di innalzamento delle quote di conflitto e di ansia collettiva interne al Paese. La soluzioncina, che soltanto un ragiunatt brianteo poteva trovare geniale, di riaprire in questo modo una falla devastante nell'autocoscienza di una nazione, è una trovata degna di uno Scaramacai quale in effetti è il coboldo governativo. Non si toccano in questo modo immorale i meccanismi di elaborazione storica, faticosissima per l'Italia, di un decennio tragico come i Settanta: un periodo che si vorrebbe decontestualizzare dal periodo stesso, una guerra civile autentica che si vorrebbe fare passare per scaramuccia tra serial killer splatter - come a tutti gli effetti è stato dipinto dai media nazionali Cesare Battisti, in questo caso vittima emblematica di un meccanismo di stritolamento memoriale e politico.
    Si badi bene: non è qui questione della colpevolezza vera o presunta (nel caso di Battisti, ben meno che presunta, se gli sono accollati due omicidi, uno a Milano e uno a Venezia, avvenuti nello spazio di mezz'ora...). Qui è in gioco una questione enorme, che non è mai slittata fuori dal consorzio civile italiano. La stagione di piombo non ha schiacciato o segnato una generazione soltanto: in realtà non ha mai smesso di condizionare la vita nazionale. Se pensiamo allo spauracchio rosso, agitato nel perenne periodo pre-elettorale che Berlusconi ha imposto alla vita politica del Paese, osserviamo come il proprietario di Mediaset abbia preordinatamente evocato, più che i rigori russi dello stalinismo, il brivido eversivo che fece tremare la borghesia italiana. Una borghesia, tra l'altro, che rientra negli obbiettivi dell'attuale governo italiano impoverire fino alla cancellazione. La presenza dei rifugiati a Parigi è sempre stata avvertita come minaccia memoriale costante, come spada di Damocle sulla testa di ogni coalizione politica. Sopita al di là delle Alpi, questa minaccia non cessava di allarmare i sonni dei potenti transeunti del Belpaese. A nulla è valso l'obnubilamento degli Ottanta, quando si è cercato di fare bere più di una città agli italiani. A niente ha condotto la stagione del giustizialismo che ha figliato, come ogni parto giustizialista, un reazionariato che biascica dialetto lombardo.
    Scrivo quanto segue assumendomi ogni responsabilità di ciò che dico, senza trasmetterla alla redazione e alla direzione di Carmilla.
    Io penso che la questione dei postumi del terrorismo e della rivolta di massa italiana sia un fenomeno unico in Europa e che non sia stata risolta; penso che non tocchi semplicemente una componente ideologica di sinistra, ma anche personaggi di destra, il che non significa che spero in una soluzione a base di tarallucci Mulino Bianco e vino all'etanolo; penso che si sia tentata oltre ogni limite una politica di imposizione dei processi di rimozione collettiva, cosa che presupporrebbe una condizionabilità del mondo e della storia e dell'uomo, il che è opera non soltanto impossibile, ma criminale; penso che questo tentativo di imporre la rimozione a un'intera collettività sia stata effettuata attraverso strategie consapevoli di condizionamento psichico, attraverso l'inoculazione di un virus sottoculturale che ha il suo apice nel berlusconismo di massa; penso che pochissimi ma spettacolari elementi umani della generazione che fece i Settanta dovrebbero vergognarsi, non semplicemente per l'abiura compiuta verso una prospettiva storica che praticarono, ma per l'incredibile e strenua opera di conversione al potere costituito da nessuno, che li ha incoronati re per un giorno e piazzati su troni di cartapesta e cartastampata; penso che costoro, ben lungi dall'essere memoria storica di un passato che non passa anche senza di loro, costituiscano un ostacolo di abnorme entità sulla strada della rielaborazione di ciò che fu e ciò che non fu; penso che l'attuale classe dirigente sia emersa non dalla reazione ai fatti recenti di una bufala rivoluzionaria condotta nelle aule di tribunale, bensì dall'impossibilità di affrontare criticamente lo spettro degli anni Settanta; e penso che le nuove generazioni si siano rotte i coglioni di osservare inermi questa incredibile messa in abisso di una questione che non è sovrastorica, ma storica, e che come tale è naturale che sia metabolizzata.
    Per l'appunto, io faccio parte della generazione che, ai tempi, giocava a pallone ai giardinetti. La stessa generazione che però ricorda bene il volto impietrito della madre quando fu ritrovato il cadavere di Moro e ascoltò le parole disanimate: "Qui finisce un decennio, adesso arriveranno i carrarmati per strada". La madre che non inutiva che i carrarmati non sarebbero giunti in strada, ma nell'etere, è uno dei legami più veri e vivi che gli attuali trentenni mantengono con una stagione che vissero non da adulti - ma da bambini, con il portato di un'innocenza scevra da croste ideologiche, capace di osservare le storie di sangue con un terrore lontano da ogni aspettativa, per quello che erano: storie di sangue.

    Penso che quell'innocenza bambina, non disgiunta dalla vita della storia che si fece e che continua a farsi, sia oggi la premessa necessaria per arrivare presto a quanto arriveremo: sciogliere il nodo, non tagliarlo. E' la medesima premessa che mi fa vergognare di essere italiano quando l'Italia fa in modo che si vada a prelevare Cesare Battisti e lo si traduca in carcere, per un'attesa kafkiana che riguarda non soltanto il suo destino, ma quello di tutti noi - e poiché il destino è soltanto il presente, si intende qui che quell'incubo in cui hanno gettato Battisti è l'incubo del mio e del nostro presente.
    "Vogliamo distruggere tutti quei ridicoli monumenti del tipo "a coloro che hanno dato la vita per la patria" che incombono in ogni paese e, al loro posto, costruiremo dei monumenti ai disertori. I monumenti ai disertori rappresentano anche i caduti in guerra perchè ognuno di loro è morto malidicendo la guerra e invidiando la fortuna del disertore. La resistenza nasce dalla diserzione"

    Partigiano antifascista, Venezia, 1943





  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Oct 2003
    Località
    ..
    Messaggi
    2,693
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Appello per la liberazione di Cesare Battisti

    In origine postato da Paddy Garcia
    [

    Certo, c’è chi ha interesse a che una voce come quella di Cesare Battisti venga tacitata per sempre. Chi, per esempio, contribuì alle tragedie degli anni ’70 militando nelle file neofasciste o in quelle di organizzazioni – clandestine quanto i Proletari armati per il comunismo - chiamate Gladio o Loggia P2, e sospettate di un numero impressionante di crimini.
    Preme ricordare che Gladio e' stata assolta con formula piena da ogni processo e dopo l'ultima totale assoluzione del 2001, perfino i PM hanno rinunciato a fare ricorso contro la sentenza e riconosciuto la legittimita' della struttura.

    Chi scrive che Gladio e' sospettata di un numero impressionante di crimini, o porta le prove concrete o altrimenti qualcuno potrebbe anche querelarlo.

  5. #5
    Insorgente
    Data Registrazione
    25 Jul 2002
    Località
    Da ogni luogo e da nessuno
    Messaggi
    2,654
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    L'Humanité: Battisti deve restare in Francia
    [dal quotidiano francese L'Humanité, 13.2.04]

    Cesare Battisti è stato arrestato a casa sua, martedì, da agenti della Dat, la Divisione nazionale Antiterrorismo, e trattenuto in carcere sotto richiesta di estradizione. Nessuna procedura accusatoria è stata ingaggiata contro di lui da parte della giustizia francese. E' grazie alla richiesta del governo Berlusconi che lo scrittore è stato arrestato, in virtù di una domanda di estradizione che la giustizia francese aveva già rifiutato nel 1990. Nessun nuovo elemento è stato prodotto dalle autorità italiane. Cesare Battisti, negli anni Settanta, era uno dei responsabili del PAC (Proletari Armati per il Comunismo), un'organizzazione di estrema sinistra che propugnava la violenza politica. E' stato condannato all'ergastolo, mentre era latitante, sulla base di dichiarazioni di pentiti, che le negoziariono con la polizia. Un processo manifestamente truccato, che lo accusò, per fare solo un esempio, di avere commesso due omicidi, lo stesso giorno alla stessa ora, a Venezia e a Milano. Una condanna ottenuta in base a leggi eccezionali, che aggravavano la pena in funzione del contesto politico, in un paese dove non vengono riprocessati i contumaci. In pratica, fatti di trent'anni fa, che sarebbero caduti in prescrizione o amnistiati, e che Battisti ha negato sempre di avere commesso. Nel 2002, egli ha riconosciuto comunque l'errore politico dei PAC, senza abiurare comunque agli ideali della sua giovinezza. Nel 1985, François Mitterrand dichiarò che la Francia non avrebbe mai estradato coloro che risultava non fossero personalmente responsabili di crimini contro la vita e che avessero dichiarato l'abbandono definitivo della violenza a ogni livello. Era, per l'appunto, il caso di Battisti, come di paolo Persichetti, professore alla Paris VIII, estradato nell'agosto 2002. Il ministro della Giustizia, Dominique Perben, desideroso di confermare l'immagine di un governo francese dal polso fermo e giustizialista - anche avventurandosi nei territori dell'estrema destra -, oltre che di compiacere a Berlusconi, nostante sia patente la violazione dei diritti, torna su un affare su cui già è stata emessa in Francia una sentenza, e fa crollare una volta ancora, insieme alla tradizione dell'asilo politico che la Francia ha sempre concesso, i principi fondamentali del diritto. Una richiesta di sospensione del provvedimento cautelare è stata presentata dagli avvocati di Battisti, insieme a una domanda di scarcerazione. Intanto, si sta organizzando la solidarietà.
    "Vogliamo distruggere tutti quei ridicoli monumenti del tipo "a coloro che hanno dato la vita per la patria" che incombono in ogni paese e, al loro posto, costruiremo dei monumenti ai disertori. I monumenti ai disertori rappresentano anche i caduti in guerra perchè ognuno di loro è morto malidicendo la guerra e invidiando la fortuna del disertore. La resistenza nasce dalla diserzione"

    Partigiano antifascista, Venezia, 1943





  6. #6
    Insorgente
    Data Registrazione
    25 Jul 2002
    Località
    Da ogni luogo e da nessuno
    Messaggi
    2,654
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    Appello a Chirac per la liberazione di Cesare Battisti

    Un gruppo di importanti scrittori francesi (Michel Quint; Claude Mesplède; Pascal Dessaint; François Joly; Guillaume Chérel) ha steso un appello al presidente Chirac e al Parlamento e al ministro della Giustizia di Francia, per protestare contro lo scandaloso arresto di Cesare Battisti. Il testo, che qui riproduciamo nella traduzione di Paolo Chiocchetti, verrà inoltrato alle autorità lunedì 16. Lo scrittore Philippe Sollers era stato precedentemente ricevuto dal presidente Chirac, esponendogli il caso di Battisti.

    Lettera ai presidenti dei gruppi parlamentari all’Assemblea Nazionale, al Guardasigilli e al Presidente della Repubblica Francese

    “Siamo degli scrittori che non sopportano piu’ la situazione che si e’ venuta a creare con l’arresto e forse domani l’estradizione del nostro collega romanziere e amico Cesare Battisti”

    Il romanziere Cesare Battisti e’ minacciato d’estradizione verso l’Italia, dove si trova sotto il peso di una condanna che risale all’epoca delle azioni terroristiche condotte durante gli anni ’70. Rifugiato in Francia dal 1990, come molti altri militanti italiani, aveva ottenuto dal presidente Mitterrand l’assicurazione di poter vivere in Francia, alla condizione di non fare piu’ attivita’ politica. Da allora Cesare Battisti ha rispettato questo impegno. Ha messo su famiglia ed e’ diventato scrittore, fornendo nei suoi romanzi delle testimonianze uniche su quel periodo e sugli avvenimenti che ha vissuto.
    Un'allarmante anticipazione di quanto ora succede si era verificata nel 2002, costringendoci alla stesura di una petizione nazionale firmata da numerosi romanzieri, critici, editori, traduttori e personalita’ varie. Queste firme erano state depositate presso i rappresentanti del ministero della cultura. La situazione era rimasta immutata. La parola data dal presidente Mitterrand a nome della Francia era stata rispettata.
    Improvvisamente le cose sono cambiate. Abbiamo appena appreso che nella mattinata di martedi’ 10 febbraio 2004, Cesare Battisti è stato arrestato arrestato nel suo domicilio dalla BAT, per essere poi incarcerato sulla base di una richiesta di estradizione. Se una tale procedura venisse portata a termine, sarebbe la parola data dalla voce di un presidente francese che verrebbe insultata, e il senso dell’onore della Francia calpestato.

    Siamo tutti noi, Francesi di tutte le origini, ad essere offesi da questa mancanza alla nostra parola data tramite un presidente eletto a suffragio universale. Ed evidentemente noi non possiamo che esprimere la vergogna da cui siamo pervasi.

    E’ la sorte di un uomo, di una famiglia ma anche l’onore delle lettere francesi e della nazione che sono in gioco. Nell’ora in cui l’Italia ha il coraggio di guardare sul grande schermo le Brigate Rosse all’opera con le lore vicissitudini, i loro tormenti, le loro contraddizioni: nell’ora del matrimonio principesco Savoia–Coureau, del ritorno degli aristocratici in Italia, noi saremo piu’ nazionalisti che il re di un paese nel quale non siamo...?

    Ci sono dei conti che e’ indegno regolare per altri. Cosi’ Tolomeo offri’ in passato la testa di Pompeo a Cesare, che ne fu oltraggiato. Si puo’ sperare che Berlusconi si senta insultato dal fatto che gli si consegni un uomo che e’ un esempio di umanita’, perche’ questa umanita’ la misura alla sua riconquista?

    E’ per questo che domandiamo al Guardiasigilli e al Presidente della Repubblica francese, a nome nostro, a nome di uomini che non sono in nulla migliori di Cesare Battisti, di restituire la liberta’ a Cesare e di riconfermargli il diritto di asilo, che in nome della nostra dignita’ sta a tutti noi francesi di conferire.

    Michel Quint; Claude Mesplède; Pascal Dessaint: François Joly; Guillaume Chérel
    "Vogliamo distruggere tutti quei ridicoli monumenti del tipo "a coloro che hanno dato la vita per la patria" che incombono in ogni paese e, al loro posto, costruiremo dei monumenti ai disertori. I monumenti ai disertori rappresentano anche i caduti in guerra perchè ognuno di loro è morto malidicendo la guerra e invidiando la fortuna del disertore. La resistenza nasce dalla diserzione"

    Partigiano antifascista, Venezia, 1943





  7. #7
    membro
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    Como Muggiò
    Messaggi
    6,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    e perchè libero? perchè è uno scrittore?
    e Priebke naturalmente in galera vero?
    siete penosi.

  8. #8
    Insorgente
    Data Registrazione
    25 Jul 2002
    Località
    Da ogni luogo e da nessuno
    Messaggi
    2,654
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Consigliato...

    ... a chi continua a trattare questo caso con la solità superficialità.

    P.G.

    Cesare Battisti e le libertà in Italia
    di Wu Ming 1

    “La vera questione politica posta dal terrorismo è sì sapere come vi si entra, ma soprattutto come se ne esce.”
    François Mitterrand, 1985

    "E' noto che io sono per l'indulto. E' una cosa notoria. E' come chiedermi: ma lei ha i capelli bianchi? Certo. Sarei stato favorevole anche all'amnistia."
    Francesco Cossiga, La Repubblica, 31/07/1997

    "Purtroppo ogni tentativo mio e di altri colleghi della destra o della sinistra di far approvare una legge di amnistia e di indulto si è scontrato soprattutto con l'opposizione del mondo politico che fa capo all'ex-partito comunista."
    Francesco Cossiga, lettera a Paolo Persichetti, s.d. [2002]

    L'appello per la liberazione di Cesare Battisti, arrestato a Parigi il 10 febbraio scorso, ha avuto in pochi giorni un sorprendente numero di adesioni. La sera di domenica 15 si era a quota 1360. Scrittori, registi, produttori cinematografici, deputati, docenti universitari, giornalisti, addirittura missionari, e "semplici" cittadini/e hanno voluto esprimere la loro solidarietà. [1]
    Oltre a questo appello ne esistono altri, in italiano e soprattutto in francese, uno dei quali ha raccolto molte migliaia di firme. C'è anche una lettera aperta al presidente Jacques Chirac, firmata da alcuni scrittori. A Parigi è tutto un vorticare di iniziative, assemblee, conferenze stampa, e oggi (16 febbraio) c'è stata una manifestazione (non autorizzata) di fronte alla Santé. Quattro deputati (tre verdi e il trotzkista Alain Krivine) sono entrati e hanno chiesto di parlare con Cesare. Il ministro della giustizia Dominique Perben ha dato ordine di impedirglielo, cosa che pare essere illegale.
    Per tornare in Italia, la casa editrice Derive Approdi ha mandato in ristampa il romanzo di Battisti L'ultimo sparo, pubblicato nel 1998, e devolverà tutti i proventi alla difesa legale. Credo che tutti gli editori solidali con Cesare dovrebbero acquisire i diritti dei suoi libri non ancora pubblicati in Italia, o pubblicati ma fuori catalogo, e mandarli in libreria con la stessa clausola.
    L'esame della situazione di Cesare da parte della magistratura francese sarà più lungo di quanto ci s'immaginava. Il problema principale è che, se il 3 marzo non dovesse essere accolta la domanda di libertà provvisoria presentata dai suoi avvocati, questo periodo lo trascorrerà tutto in galera. In calce a questo articolo c'è il conto corrente sul quale versare contributi per alleviare la sua situazione.


    Nei giorni scorsi, qualcuno ha espresso legittimi dubbi e perplessità su questo caso e sull' appello. Qualcuno altro ha detto e scritto vere e proprie idiozie, frutto di incancrenimento ideologico e/o disinformazione sui temi dell'emergenza e della giustizia. Con questo articolo vorrei mettere le cose in prospettiva per quanto mi è possibile, contribuire a fare chiarezza, senza il pesante linguaggio ideologico solitamente utilizzato per discutere di questi temi.
    Per prima cosa farò un breve compendio della "Dottrina Mitterrand" e della situazione dei rifugiati italiani in Francia; dopo qualche cenno sul contesto in cui Cesare Battisti fu processato e condannato, descriverò il contesto di oggi, quello del nuovo "allarme terrorismo", passando brevemente in rassegna alcune bufale propinateci dopo l'11 Settembre; nel paragrafo successivo cercherò di rispondere ai dubbi suscitati dall'appello, infine chiuderò con un personalissimo commento sullo stato delle libertà nel nostro Paese.
    E' un compito che reputo urgente ma che non è facile. Spero mi verranno perdonati i tagli con l'accetta e le inevitabili sbavature.


    1. La “Dottrina Mitterrand” fino all'arresto di Persichetti

    Nel 1984 viene ufficializzata la cosiddetta “Dottrina Mitterrand” (espressione imprecisa ma largamente utilizzata) sui rifugiati politici italiani. Più di un centinaio di reduci degli "anni di piombo" ottengono il permesso di restare in Francia. In cambio devono rendersi visibili alle autorità e rinunciare in modo inequivoco alla violenza politica. L'esplicito intento dello stato francese è concedere a costoro una via d'uscita dalla clandestinità, ma è altrettanto determinante il fatto che le autorità italiane presentino dossier raffazzonati e lacunosi. Caso dopo caso, si fa evidente che quelle persone hanno subito processi (basati sulle leggi d'emergenza del periodo 1975-82) che il diritto francese considera iniqui.
    Per la comunità dei rifugiati, questa differenza di cultura giuridica diverrà un secondo livello di tutela, anche a prescindere dalla Dottrina Mitterrand.
    La Francia non va idealizzata, sia ben chiaro, però là non esistono bizzarre fattispecie di reato come “concorso morale” o “compartecipazione psichica”. Al contrario, gli italiani sono abituati alla violazione di uno dei più antichi princìpi del diritto: “Cogitationis poenam nemo patitur” [Non si punisca nessuno per il pensiero].
    Il codice penale francese, a differenza di quello italiano, non prevede uno sparverso di reati associativi distinti solo da trucchetti semantici che significano diversi anni di galera in più o in meno. Eclatante l'esempio degli artt. 270 e 270 bis, rispettivamente “associazione sovversiva” e “associazione sovversiva con finalità di terrorismo e di eversione dell'ordine democratico”. La descrizione del reato è praticamente identica, solo che nel primo caso rischi da 5 a 12 anni, nel secondo da 7 a 15. Un lascito della legge n.15, 6/02/1980, meglio nota come “Legge Cossiga”.
    In Francia è ben raro condannare un imputato in base alle dichiarazioni di un solo testimone. In Italia, invece, è consuetudine: tutti i processi del caso “7 Aprile” erano costruiti sulle deposizioni di Carlo Fioroni; le condanne a Sofri, Bompressi e Pietrostefani sono basate sulla chiamata in correità di Leonardo Marino. Una sola persona che accusa è ritenuta più credibile di decine di testimoni che scagionano. [2]
    Infine in Francia, come accade in tutti i paesi europei e come è previsto dalla Convenzione Europea sui diritti umani del 1954, una condanna in contumacia non può diventare definitiva. Se un condannato par contumace si presenta o viene catturato, la sentenza è annullata e il processo si rifà in sua presenza.
    Di contro, la prassi giudiziaria italiana in materia di contumacia è in totale dispregio del principio romano "Ne absens damnetur" ["Non si condanni un assente"]. La Corte Europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo, la Corte Costituzionale italiana e la Corte di Cassazione (a sezioni unite) hanno chiesto alla magistratura di rispettare la Convenzione Europea, che in teoria lo Stato italiano ha recepito con la legge n.848 del 4/8/1955. I tribunali se ne fottono altamente, e continuano a pronunciare condanne definitive in contumacia. Secondo il giornalista Stefano Surace, anch'egli vittima di questa prassi, in Italia sono 5000 i detenuti condannati in questo modo [3].
    Tornando alla Francia: per diciotto anni non vi sono estradizioni, fino all'agosto 2002, quando Paolo Persichetti viene arrestato e rimpatriato, in base a un decreto d'esradizione firmato nel 1994 dall'allora primo ministro Edouard Balladur. E' il segnale di un cambio di fase. Il guardasigilli Perben dichiara che d'ora in avanti le vicende dei rifugiati italiani saranno valutate caso per caso.


    2. Dare a Cesare quel che è di Cesare

    L'enfasi posta dal diritto penale italiano sui reati associativi (e in particolare sulla "fattispecie terroristica") ha spesso portato i PM a fregarsene delle responsabilità individuali in fatti concreti, che hanno via via perso importanza a vantaggio del "fine ultimo". Sovente si è processata prima l'ideologia degli imputati, vera base della "fattispecie terroristica", e solo in seconda battuta i reati specifici di cui erano accusati.
    A memoria di questa tendenza, andrebbe scolpita nel marmo una dichiarazione di un giudice istruttore del processo "7 Aprile" (spezzone romano), rilasciata al "Corriere della Sera" il 27/5/1979: "Stiamo cercando di ricostruire il percorso ideologico che ha portato l'imputato a commettere i gravissimi reati di cui è accusato... L'imputato non si è ancora accorto di questo e continua ad attendersi che gli venga contestato un fatto preciso".
    Il 5 luglio dello stesso anno, sullo stesso giornale si poteva leggere un'intervista a Pietro Calogero, titolare dello "spezzone veneto" dello stesso processo, in cui il magistrato definiva "ingenuo e sbagliato" pretendere "prove di fatti terroristici specifici".
    Tra l'altro, questo ha portato alla progressiva scomparsa di reati intermedi come il "favoreggiamento": si è tutti terroristi e basta.
    Con un clima del genere, era prassi quotidiana che a un imputato fossero attribuiti tutti i crimini commessi dal gruppo di cui faceva parte, anche quando circostanze oggettive ne rendevano impossibile la presenza e partecipazione.
    Successe anche a Cesare Battisti, condannato per vari omicidi, due dei quali avvenuti lo stesso giorno a Milano e Venezia, a meno di mezz'ora di distanza.
    Per tali reati, dei quali si proclama innocente, fu condannato in contumacia con sentenza definitiva. Soprattutto per questo il 29 maggio del 1991 la Chambre de Accusation di Parigi si oppose all'estradizione, in quanto contraria alla Convenzione Europea dei Diritti Umani.
    Poiché il governo italiano non ha presentato nessun nuovo documento, di fatto l'arresto, la carcerazione e il nuovo riesame della situazione di Battisti violano un principio che sta molto a cuore ai francesi: non si può essere processati due volte per lo stesso reato, cosa che in questi giorni hanno fatto notare anche il Syndicat de la Magistrature e il Syndicat des Avocats de France.


    3. Dai pacchi-bomba ai bombaroli-pacco passando per "Mamma li turchi!"


    Il ministro degli interni Pisanu ha definito l'arresto di Battisti "un ulteriore significativo passo in avanti nella lotta al terrorismo".
    Stiamo parlando di un uomo che ha abbandonato la lotta armata e da più di vent'anni non commette alcun reato. Nel frattempo, non solo è rimasto perfettamente visibile e reperibile da chiunque, vivendo alla luce del sole e lavorando come portinaio di un condominio, ma è addirittura divenuto un personaggio pubblico, uno scrittore che lavora con prestigiose istituzioni culturali e i cui libri sono pubblicati da grossi editori.
    Stiamo parlando di una persona il cui rimpatrio non aggiungerebbe alcunché alla nostra comprensione della lotta armata degli anni Settanta.
    Aver messo le mani su questa persona viene spacciato come una brillante operazione anti-terrorismo.
    Anche l'estradizione di Persichetti fu presentata come un eroico blitz o un'operazione da 007. La realtà era ben diversa: Persichetti era docente a contratto all'Università di Paris VIII, i suoi orari di lezione e ricevimento erano appesi in bacheca e disponibili sul sito web dell'ateneo. Non era poi difficile "scovarlo".
    Purtroppo, dopo l'11 Settembre e il nefasto ritorno delle "nuove BR", in nome dell'allarme-terrorismo si può ammannire all'opinione pubblica qualunque cazzata, anche madornale.
    Negli USA l'isteria sul terrorismo ha portato a leggi di abnorme liberticidio come il Patriot Act o l'Homeland Security Act, e a inviti ridicoli alla popolazione, come quello a sigillare gli infissi delle case con nastro isolante per far fronte a possibili attentati chimici [4].
    In Italia, oltre alle farse mediatiche e alle storie di manette facili, è partita una grande seduta spiritica per evocare i fantasmi del passato.
    Ai movimenti è stato imposto un dibattito senza capo né coda su violenza e non-violenza, le contiguità tra lotte sociali e terrorismo, la presa di distanza dai pacchi-bomba (come se la distanza non fosse già oggettiva e ben evidente). Trappola retorica in cui il ceto politico "no global" è caduto a faccia in giù, quando proprio non ci si è buttato con un'incudine al collo.
    Il già citato art. 270 bis figura negli avvisi di garanzia consegnati dalle Alpi alla Sicilia a occupanti di centri sociali, sindacalisti di base, attivisti anti-guerra e reduci dalle manifestazioni anti-G8 di Genova [5].
    Sul versante della caccia al terrorista islamico, abbiamo assistito a ripetute campagne d'allerta su attentati dati per imminenti, per poi scoprire che non avevano alcun fondamento [6].
    Altrettanto gravi sono i numerosi casi di "mostrificazione" dei musulmani, gente sbattuta al fresco e sui TG di prima serata sulla base di indizi inconsistenti, in seguito (quando gli è andata bene) liberata senza clamore e senza una scusa.
    A Bologna, il 20 agosto 2002, cinque persone vengono arrestate all'interno della basilica di S. Petronio, in Piazza Maggiore. Secondo la Procura, stavano facendo un sopralluogo per preparare un attentato. Il reato di cui sono accusati è il solito 270 bis. Acriticamente, i media amplificano la notizia. Il "Corriere della Sera", fottendosene della presunzione d'innocenza, titola: "Al Qaeda voleva colpire a Bologna. Piano per un attentato alla basilica di San Petronio sventato da un’operazione dei carabinieri. Nel mirino l'affresco con Maometto all'Inferno".
    Ma chi sono gli arrestati? Si tratta di un professore italiano e quattro cittadini marocchini, in visita turistica a Bologna, entrati in S. Petronio con una videocamera e sorpresi a chiacchierare in arabo davanti al famoso affresco, che per i musulmani è altamente blasfemo. Del resto, come reagirebbe Baget Bozzo se gli arabi scrivessero "Porco Dio" a caratteri cubitali sui muri delle moschee?
    In meno di ventiquattr'ore, per fortuna, la vicenda si sgonfia. L'equivoco è chiarito, i cinque vengono scarcerati, la Procura di Bologna e i media (locali e nazionali) hanno fatto una gran figura di merda, ma tanto verrà dimenticata nel giro di pochi giorni.
    E' solo un piccolo preludio alla grande demonizzazione dei musulmani in Italia.
    Nei due anni successivi, a orientare le indagini dell'Antiterrorismo sarà il mito della "cellula terroristica in sonno", cioè non attiva ma pronta a diventarlo (il famoso reato "a consumazione anticipata" di cui parlava Calogero).
    Le indagini sono nutrite di cultura del sospetto e interpretazioni capziose al limite del paranoico. Come nei giorni del "7 Aprile" e dintorni, una conversazione telefonica in arabo su una partita di calcio diventa un messaggio in codice su un attentato da preparare in Germania. Comunissime espressioni idiomatiche arabe diventano inquietanti squarci su esistenze clandestine. Sulla confusione tra un verbo e un altro si costruiscono altissimi castelli di carte.
    Tutto queste emerge nel processo di Milano contro i membri della moschea di Viale Jenner, sospettati di legami con Al Qaeda. Certo, si tratta di appartenenti all'Islam radicale, ma di per sé non è un reato. Alla spinosa questione, Carlo Bonini e Giuseppe D'Avanzo dedicano un pezzo apparso su "La Repubblica" del 27 gennaio scorso, dal titolo: "Quando la caccia ad Al Qaeda mette a rischio lo stato di diritto". E' una presa di posizione importante, dato che sul loro stesso giornale ha scritto per molto tempo Magdi Allam, i cui articoli e libri criminalizzanti hanno contribuito non poco a diffondere la peggior cultura del sospetto [7].
    L'articolo include una dichiarazione virgolettata di Renzo Guolo, studioso dei fondamentalismi contemporanei: "E' problematico provare che proselitismo e propaganda ideologica si traducono automaticamente in favoreggiamento delle organizzazioni terroristiche. La distinzione tra l'appartenenza all'Islam radicale o alla sua ala jihadista è spesso sottile, ma paradossalmente coincide con quella che separa i reati d'opinione da quelli di terrorismo". [8]
    Cogitationis poenam nemo patitur, appunto.
    Pochi giorni fa, il 12 febbraio scorso, all'aeroporto di Venezia viene bloccato un volo Alitalia per Roma. Motivo? A bordo c'è un passeggero di cittadinanza irachena. Un terrorista iracheno? No, un iracheno e basta. Volo ritardato di due ore, tutti scesi, si passa il metal detector mentre la polizia interroga il sospetto (ma sospetto in base a che?) e gli perquisisce i bagagli, già passati al check-in senza problemi. Risultato: il tizio è un rifugiato politico residente in Norvegia, che ha un appuntamento all’ambasciata turca di Roma per ottenere un visto [9].
    Che l'allarme terrorismo sia il più delle volte esagerato pare rivelarlo un fatto recentissimo: i famosi Nuclei Territoriali Antimperialisti (banda armata attiva nel Nord-Est su cui si indagava dalla metà degli anni Novanta) in realtà non sarebbero mai esistiti. Tutto un bluff portato avanti da un ex-giornalista di destra un po' mitomane, tale Luca Razza, 36 anni, nel 1998 candidato alle amministrative del comune di Udine nella lista d "SOS Italia", piccolo movimento filo-Haider. Aveva preso un unico voto. Presumibilmente il suo.
    E i documenti degli NTA? Copia-e-incolla da articoli di giornale e vecchie "risoluzioni strategiche" delle BR trovate sul web. Gli attentati? Roba da ladri di polli: qualche auto incendiata e poco più. Razza avrebbe anche rivendicato azioni non compiute da lui, ad esempio facendo una telefonata dopo l'omicidio Biagi. "Ho iniziato a scrivere quei documenti per fare uscire il mio disagio e la mia rabbia. Anche professionale: mi piace molto scrivere, è la mia passione, e nel 1992 sono stato allontanato da un quotidiano dove lavoravo come giornalista pubblicista [...] [Ho] fatto tutto questo senza intenzione di uccidere alcuno e senza volontà di eversione dell' ordinamento". Una bella sequenza di "scherzi" per i quali lo avrebbero aiutato due burloni amici suoi.
    Nel bel mezzo di tutto ciò, l'arresto di Battisti viene definito "un ulteriore significativo passo in avanti..." etc. etc.


    4. L'appello, le reazioni, la "soluzione politica"

    Secondo alcuni che si atteggiano a lucidi strateghi della realpolitik, non sarebbe il momento di criticare il sistema giudiziario, perché la priorità è liberarsi di Berlusconi, e oggi il "garantismo" è strumentalizzato dal governo e dobbiamo distinguerci e così via.
    Per prima cosa, quello del governo non è garantismo. Certo, questa destra cerca di depenalizzare una ristretta tipologia di reati commessi solo dai ricchi, nascondendo il privilegio di classe e l'indole golpista dietro una caricatura di garantismo. Al contempo, però, impone a tutti gli altri leggi autoritarie e liberticide sulle droghe, sull'immigrazione, sui diritti dei lavoratori, sulla fecondazione assistita, sui manicomi, sugli orari dei locali pubblici e chi più ne ha più ne metta. Vorrebbero addirittura vietare ai bambini sotto gli undici anni di partecipare a manifestazioni ("fatta eccezione per le udienze papali"). [10]
    Non va dimenticato che mentre Lorsignori ingaggiavano un braccio di ferro con la magistratura sulle questioni che li toccavano direttamente, non hanno mai smesso di comportarsi da partito d'ordine: se ne fottono se le carceri scoppiano (facendosi scavalcare "a sinistra" da Wojtila: forse dovrebbero vietare ai bambini anche le udienze papali); non vogliono dare la grazia a nessuno; fanno sparare sui manifestanti...
    Al rimpatrio coatto dei rifugiati a Parigi sembra tenerci particolarmente il ministro Castelli, bell'esempio di "garantista", che ha affrontato più volte il problema col collega Perben. Ci tiene perché vuole utilizzare le estradizioni nel clima di allarme descritto al paragrafo precedente. Non c'è dunque nessuna contraddizione tra la lotta contro le estradizioni e per il superamento dell'emergenza, e la lotta contro questo governo che strumentalizza le paure della gente per negare i diritti fondamentali.
    In secondo luogo, è vero che la priorità è detronizzare l'Unto, ma se per farlo si deve imporre un nuovo Pensiero Unico sulla magistratura, intesa come casta d'eroi da venerare e a cui dare sempre e solo ragione, si passa da un autoritarismo all'altro, dal messianesimo forzitaliota al messianesimo giudiziario, senza superare l'emergenza e ben lontani dal risolvere i problemi del nostro ordinamento, anzi, quasi certamente aggravandoli.
    Aggiungo che, parlando delle leggi speciali, non possiamo tacere sulle gravi responsabilità del PCI, che appoggiò con entusiasmo - e talora addirittura propose - le misure più autoritarie. Allo stesso modo non possiamo tacere sulle responsabilità dei suoi eredi, prima PDS poi DS, che negli ultimi vent'anni non hanno fatto né assecondato un solo passo per uscire dalla cultura dell'emergenza e chiudere quella pagina di storia. Anzi, a più riprese e su diversi temi i DS si sono presentati come il campione dei partiti d'ordine, invariabilmente "più realisti del re", anche per paura di essere lasciati "fuori dalla modernità". Brrrrrr...
    Insomma, lottare contro la destra non può significare mettersi la mordacchia e non criticare più la sinistra istituzionale, o la magistratura.
    Oggi a proporre una soluzione politica all'emergenza è proprio uno dei principali protagonisti della repressione, Francesco Cossiga. Fin da quand'era al Quirinale sostiene la necessità di un indulto, un'amnistia, comunque un atto che parta dalla ri-contestualizzazione della lotta armata, la sua restituzione a una dimensione (nel bene e nel male) politica. Nel 1997, in un'intervista a "Sette", dichiarò: "Non avevamo a che fare con criminali comuni. L'amnistia non è il perdono. E' uno strumento politico: vuol dire chiudere politicamente un periodo storico. Quella del '68 e del '77 è stata una generazione di militanti. E anch'io sono un militante." Con dichiarazioni come questa, l'ex-Presidente si è più volte esposto a una pioggia di strali, cosa che sembra divertirlo un mondo.
    Se lo stesso Cossiga - che sulla più allucinante delle leggi speciali ci mise addirittura il nome - afferma che la soluzione al problema non può essere trovata dentro il diritto penale e nelle pieghe delle vicende individuali, si capisce quanto siano fuori contesto le obiezioni del tipo: "Ma perché Battisti non torna in Italia ad affrontare la giustizia, anziché comportarsi come Craxi?", "Ma perché non va in galera? Al massimo chiederà la grazia", o addirittura: "Ma perché è fuggito? Non poteva comportarsi come Adriano Sofri?".
    Son tutti integerrimi, quando si tratta della galera degli altri.
    Innanzitutto, togliamo di mezzo il paragone con Craxi. A Cesare Battisti è stato riconosciuto lo status di rifugiato politico, e per motivi più che buoni. A prescindere da qualunque valutazione sulla vicenda giudiziaria ed esistenziale dell'ex-leader socialista, sono due situazioni diverse sotto ogni punto di vista.
    Chi fa questo genere di obiezioni ha una visione completamente schiacciata su un presente che crede eterno, senza principio e senza fine. Non sa nulla del contesto di fine anni Settanta, non sa da cosa alcuni sono fuggiti: processi grotteschi per la negazione del diritto di difesa; imputati ammassati in gabbie, sovente in pessime condizioni psicofisiche, reduci da mesi o anche anni di carcerazione preventiva in culo al mondo, nelle carceri speciali; in queste ultime c’erano anche i cosiddetti “braccetti della morte” (sezioni di isolamento assoluto) e vigevano angherie da parte degli agenti di custodia, perquisizioni corporali intime ripetute ogni giorno etc.; nel frattempo i capi d'accusa "lievitavano" per allungare a dismisura i termini del carcere preventivo; infine, i media prima contribuivano alla tua "disumanizzazione", facendo di te un mostro, poi si scordavano che esistevi. Tutte cose denunciate da Amnesty International nei suoi rapporti di quegli anni.
    E' del tutto privo di senso il paragone con quanto subito da Adriano Sofri, per quanto grave: altra epoca, altra copertura mediatica dei processi, condizioni di detenzione completamente diverse. Sofri scrive su due o tre quotidiani e un rotocalco, appare in tv, scrive libri, ha intorno a sé una vastissima rete di solidarietà, la lotta per la sua grazia è portata avanti da un'alleanza politica trasversale, "terzista". Inoltre ha una certa età. Situazione completamente diversa da quella di un ventenne-venticinquenne mandato in un carcere speciale alla fine degli anni Settanta. E comunque Pietrostefani, co-imputato di Sofri, ha fatto la stessa scelta di Cesare Battisti, e nessuno gli ha rotto i coglioni, nemmeno Sofri, il quale non ha mai preteso che le sue scelte valessero per tutti. Ma poi, scusate, si fugge da che mondo è mondo, e solo in Italia la contumacia è considerata prova di colpevolezza.
    La grazia. Sofri, che nemmeno l'ha chiesta, assiste (immagino in preda al disgusto) al delirio che la proposta ha scatenato. Massimo Carlotto spinse il suo metabolismo impazzito oltre i 140 chili e sulla soglia della morte prima che gli fosse concessa. A Curcio non la diedero anche se la proponeva Cossiga, allora Capo dello Stato.
    Battisti, a differenza di Sofri, non ha grossi agganci politici. A differenza di Carlotto, gode di buona salute. A differenza di Curcio, è accusato di reati di sangue. Insomma, il più morto dei binari morti.
    Un'altra obiezione all'appello, di natura del tutto differente, è questa: "Si è messa troppa enfasi sul fatto che Battisti è uno scrittore". Può pure darsi. E' un appello scritto rapidamente (non da noi, ma da alcuni amici di Cesare), e - soprattutto - rivolto all'opinione pubblica di Francia, dove la persona in questione non è descritta come un macellaio, un aguzzino, una belva assetata di sangue, bensì come uno scrittore. In parole povere: in questi giorni non è in galera il Cesare Battisti del 1980, ma quello del 2004, e l'appello descrive quest'ultimo. L'appello è rivolto ai francesi perché, allo stato attuale e per tutti i motivi descritti sopra, in Italia una campagna d'opinione non sortirebbe alcun effetto.
    Termino questo paragrafo con una riflessione da cinefilo: in Inghilterra, sulle aberrazioni delle loro leggi antiterrorismo, ci hanno realizzato un film come “Nel nome del padre”. In Italia, di vicende come quella di Gerry Conlon e compagnia ne abbiamo letteralmente centinaia, anche più spaventose di quella. Dove cazzo sono i film? [11] Se ve ne viene in mente qualcuno mandatemi il titolo.


    4. Lo stato delle libertà in Italia

    In parole poverissime: in questo Paese c'è una grandissima voglia di spaccare i maroni al prossimo. Si vuole metter becco nella libera scelta di una persona di non farsi amputare un piede, ci si indigna perché i testimoni di Geova rifiutano le trasfusioni di sangue, si vorrebbero risolvere complicate questioni di bioetica con scorciatoie come il silenzio-assenso, si infilano nei consultori preti per convincere le ragazze a non abortire, si propone la "castrazione chimica" per i pedofili, AN ha una proposta di legge contro le sette sataniche...
    Nel 1998 alcuni membri dell'allora Luther Blissett Project scrissero un corposo saggio intitolato "Nemici dello Stato: criminali, mostri e leggi speciali nella società di controllo", pubblicato da Derive Approdi, nel quale si parlava di "molecolarizzazione dell'emergenza", cioè "un suo spingersi dalla res publica ai microlegami sociali, dall'ordine pubblico alla privacy, fino ai recessi delle differenze singolari. In altre parole: dal Politico (territorio già completamente colonizzato e strutturato) al Culturale (in senso lato, antropologico) allo.. Spirituale".
    Non riporto qui nemmeno uno dei numerosissimi esempi riportati in quel saggio. Mi limito a dire che, da allora, la situazione è nettamente peggiorata, e non è solo una questione di destra e sinistra, o di comunicazione mediale viziata dal conflitto d'interessi. La questione va molto più a fondo: è in atto un'offensiva contro la libertà d'espressione in tutte le sue accezioni, dalla libertà di culto a quella di cura e scelta terapeutica.
    Sovente il nostro presunto "oltranzismo" su questi temi (che è poi lo stesso oltranzismo di Voltaire) ci ha attirato molte critiche (e addirittura calunnie e tentativi di censura). Alcuni di noi hanno preso posizione per la libertà di parola degli storici negazionisti contro la legge Fabius-Gayssot [12], dei neofascisti contro la Legge Mancino, dei dissidenti in materia di HIV/AIDS. In vicende ben note abbiamo difeso la libertà d'associazione dei satanisti. Per noi non si transige: alle idee, per quanto rivoltanti o sconvenienti le si possa considerare, vanno comunque opposte altre idee, non la forza dello Stato in armi. Per l'ennesima volta: cogitationis poenam nemo patitur. E ci interessano i "casi-limite", perché su di loro si sperimenta la restrizione delle libertà di tutti quanti.
    Questo non può essere un pezzo esaustivo, ad esempio non potevo certo citare tutti gli episodi di falso allarme sul terrorismo. Spero però di aver dissipato alcuni equivoci. Di lavoro da fare ce n'è tantissimo, e non si creda che con la caduta di Berlusconi lo stato delle libertà in Italia, lo stato di queste libertà, registri un sensibile miglioramento. Bisogna lottare, non lasciarsi imbavagliare, rifiutare per quanto possibile i ricatti morali della realpolitik.

    15-16 febbraio 2004

    Per contribuire alla campagna di solidarietà a Cesare Battisti:
    Valentine Battisti BNP Paribas 30004 01861 00001268951 84
    E' inoltre possibile inviare un assegno riscuotibile in Francia a questo indirizzo:
    Valentine Battisti - 1, rue Bleue - 75009 Paris


    NOTE

    1. Stavolta a Giuseppe Genna non gli si può proprio dire un cazzo. Si è sbattuto notte e dì per far firmare l'appello e informare sul caso di Cesare. Gli va riconosciuto senza se e senza ma.

    2. Ecco altre due caratteristiche tipiche del nostro sistema giudiziario/mediatico: la prima è l'inversione dell'onere della prova, ovvero non è lo Stato che deve dimostrare la tua colpevolezza, sei tu che devi provare la tua innocenza; la seconda è l'escrescere dei "pentitismi", delle delazioni, delle chiamate di correo, dei "super-testimoni". Il lavoro d'indagine viene quasi interamente sostituito dalle rivelazioni del tale o del tal altro, sostituzione che si è fatta sistema con la legge sui pentiti del 1982 ed è oggi considerata naturale.

    3. Nel 2002 Stefano Surace, sessantanovenne, fu arrestato e incarcerato a causa di tre condanne per oscenità risalenti a più di trent'anni prima, quando dirigeva la rivista "Le Ore". Surace non sapeva nulla di quei processi, si era trasferito in Francia ed era stato condannato in contumacia. Al suo ritorno in Italia fu arrestato. La vicenda fece un certo scalpore, per ottenerne la liberazione si mossero la FNSI e Reporters Sans Frontières.

    4. Quello del nastro isolante era un consiglio dell'amministrazione Bush. Poi si è scoperto che la più grande ditta produttrice di nastro isolante negli Stati Uniti aveva contribuito alla campagna elettorale repubblicana. Cfr. http://www.thenation.com/doc.mhtml?i=20030331&s=drmarc

    5. Cfr. l'arresto di alcuni militanti di Cosenza e Taranto nel novembre 2002, storia raccontata da Claudio Dionesalvi nel suo libro "Mammagialla", Rubbettino, Cosenza 2003.

    6. cfr. http://www.repubblica.it/2003/k/sezi...a/bodava.html.

    7. L'unica opera di controinformazione su Magdi Allam è la memorabile serie di articoli "Il Pinocchio d'Egitto", scritti da Valerio Evangelisti nella prima fase della guerra in Iraq e pubblicati su carmillaonline.com: http://www.carmillaonline.com/cgi-bi...ch=Magdi+Allam


    8. L'articolo si trova qui in formato pdf: http://www.difesa.it/ministro/rasseg...0127/56dq0.pdf

    9. Cfr. http://www.repubblica.it/2004/b/sezi...a/venezia.html


    10. Da "Panorama" del 4/2/2004: "La parlamentare Alessandra Mussolini è assolutamente contraria a una proposta 'che' sostiene 'dà un'immagine deteriore della politica, la politica è importante, fa parte della vita, io stessa da piccola leggevo il quotidiano anziché Topolino'.

    11. Con la lodevole eccezione de "Il fuggiasco" di Andrea Manni, che racconta la vicenda di Massimo Carlotto.

    12. Appunto, non è il caso di idealizzare la Francia. La legge Fabius-Gayssot, approvata dal parlamento francese il 13/7/1990, all'art. 8 punisce (con pene da un mese a un anno di reclusione, e/o con un'ammenda da 2000 a 300.000 franchi) “coloro che avranno contestato… l'esistenza di uno o più crimini contro l'umanità come li si è definiti nell'articolo 6 dello statuto del Tribunale militare internazionale, allegato all'accordo di Londra dell'8 agosto 1945, e che sono stati commessi dai membri di un'organizzazione dichiarata criminale in applicazione dell'articolo 9 del suddetto statuto, o da una persona riconosciuta colpevole di tali crimini da una giurisdizione francese o internazionale” (trad.nos.)
    "Vogliamo distruggere tutti quei ridicoli monumenti del tipo "a coloro che hanno dato la vita per la patria" che incombono in ogni paese e, al loro posto, costruiremo dei monumenti ai disertori. I monumenti ai disertori rappresentano anche i caduti in guerra perchè ognuno di loro è morto malidicendo la guerra e invidiando la fortuna del disertore. La resistenza nasce dalla diserzione"

    Partigiano antifascista, Venezia, 1943





  9. #9
    LA MAFIA FA SCHIFO!
    Data Registrazione
    16 Feb 2004
    Località
    Napoli, Algeria
    Messaggi
    779
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down

    Appello volgare e sconcertante... E' un assassino, un delinquente ed un vigliacco. Vigliacco tre volte: ha ammazzato un uomo, ha condannato un ragazzo innocente sulla sedia a rotelle e poi è fuggito. Gli si può solo riconoscere il "merito" di essersi "rifatto" una vita da scrittore per lavarsi la coscienza. Come i mafiosi lavano il denaro sporco.
    Nessuna differenza.
    Nessuna pietà per un criminale!
    Perché dovremmo averla per lui?
    Ha avuto per caso pietà il Battisti mentre premeva il dito sul grilletto?
    Morte all'Islam!
    Ora e sempre PORCO ALLAH!

  10. #10
    Insorgente
    Data Registrazione
    25 Jul 2002
    Località
    Da ogni luogo e da nessuno
    Messaggi
    2,654
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La Lega per i Diritti dell'Uomo: liberate Battisti

    Nel pomeriggio di ieri, presso la sede parigina della Lega per i Diritti dell'Uomo, si è tenuta una conferenza stampa sulla situazione di Cesare Battisti.
    In una sala affollatissima, sono intervenuti:
    - Michel Tubiana, presidente della lega per i Diritti dell'Uomo, che ha messo in connessione i casi di Cesare Battisti e di Paolo Persichetti, denunciando il malfunzionamento della giustizia italiana che ha imposto processi iniqui negli anni Settanta e Ottanta, e terminando il suo intervento con una riflessione sull'attuale posizione del governo francese: "Rinnegare la parola data non è soltanto un attentato all'onore della Francia, significa sovvertire tutti i fondamenti della politica".
    - Irène Terrel, avvocato di Cesare Battisti, a proposito della posizione del governo parla di una "forma di oltraggio all'etica politica". Terrel ha fatto giustizia sul caso dei vicini di casa di Cesare Battisti, che avrebbero sporto denuncia contro di lui: si tratta di una deliberata volontà di criminalizzazione. Ha inoltre ricordato come sia falso sostenere che Cesare, una volta estradato in Italia, avrebbe diritto a un nuovo processo: egli dovrebbe al contrario scontare le condanne comminategli mentre era in contumacia. De Felice, altro avvocato di Battisti, ha letto un passo di un documento della polizia che pretenderebbe che, nel '91, la corte di appello abbia sentenziato A FAVORE all'estradizione - quando la verità è esattamente l'opposto.
    - Philippe Sollers ha dato lettura di un magnifico testo di Erri De Luca che presto sarà pubblicato su Le Monde.
    - Sono stati letti messaggi o sono intervenuti direttamente rappresentanti delle seguenti organizzazioni: Cimade (organizzazione umanitaria protestante), Sindacato degli Avvocati di Francia, France Liberté (Danielle Mitterrand), Sindacato della Magistratura.
    - Il biologo Albert Jacquard (una personalità estremamente nota in Francia) ha preso la parola in qualità di semplice cittadino.
    - Michèle Lesbre, scrittore, ha presentato l'appello francese e ha segnalato un gran numero di iniziative di solidarietà: il sindaco di Valence, la cittadina di Frontignan, in cui si tiene un festival del noir, ha intenzione di nominare Battisti cittadino onorario.
    - Serge Quadruppani ha presentato l'appello italiano e ha spiegato perché è così difficile che passi in Italia, come le forze politiche svolgano un ruolo centrale nell'impedire un riesame del periodo 70-80, in nome della lotta contro il terrorismo, e perché la sinistra abbia delegato ai giudici il tentativo di risolvere i problemi che la politica non è più in grado di affrontare - in particolare: come sbarazzarsi di Berlusconi e del berlusconismo.
    - Un rappresentante del Partito comunista francese (di cui erano presenti molti eletti) ha annunciato che il gruppo comunista del Consiglio comunale parigino proporrà che Cesare Battisti venga nominato "amico della Città di Parigi".
    - Il Capo di Gabinetto di François Hollande, segretario generale del Partito Socialista, ha letto un messaggio di quest'ultimo che insiste nuovamente sulla necessità di "rispettare la parola data".
    La riunione si è conclusa con la lettura di "alcune parole di Cesare Battisti", un testo scritto in occasione dell'espulsione di Paolo Persichetti.
    "Vogliamo distruggere tutti quei ridicoli monumenti del tipo "a coloro che hanno dato la vita per la patria" che incombono in ogni paese e, al loro posto, costruiremo dei monumenti ai disertori. I monumenti ai disertori rappresentano anche i caduti in guerra perchè ognuno di loro è morto malidicendo la guerra e invidiando la fortuna del disertore. La resistenza nasce dalla diserzione"

    Partigiano antifascista, Venezia, 1943





 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cesare Battisti
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 03-01-11, 16:55
  2. CESARE BATTISTI
    Di Gidue nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-11-09, 17:59
  3. Cesare Battisti
    Di kolciak1 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 03-12-08, 10:22
  4. Sulla liberazione di Cesare Battisti in Francia
    Di Affus nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-03-04, 13:18
  5. Cesare Battisti
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 02-11-02, 12:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225