User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 46
  1. #1
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Questo vi era sfuggito?

    E' un articolo del Riformista di una decina di giorni fa. Scusate se qualcun'altro lo ha già postato.

    LETTERA DAL NORD. PARLANO QUELLI CHE DAVANO LA CACCIA AI DEMOCRISTIANI LADRONI

    Ingordi banchettavan gli sciacalli del regime
    Poi la Fininvest ritirò le querele alla Padania
    I rivoluzionari verdi raccontano la rivoluzione tradita: «La Lega non è morta ma è in coma profondo»


    Treviglio. Una sera di diciassette anni fa, a Treviglio, Leonardo Facco era in giro con tre amici, gli stessi con cui aveva messo su una band new wave dal nome "Frend", una storpiatura dell'inglese friends. Pioveva, e così i quattro ripararono nel centro civico culturale. Nella saletta c'era un incontro pubblico e le sedie occupate erano solo sei, tutti anziani. Con i "Frend" la platea quasi raddoppiò. Il signore che parlava era un tizio sui quaranta. Da qualche tempo girava clandestinamente la Lombardia per spiegare quattro parole d'ordine: basta Roma ladrona; basta tasse; più mercato meno Stato; federalismo o secessione; morte alla partitocrazia. Il tizio era Umberto Bossi e quella sera Leo Facco, musicista, anticomunista e libertario nel senso americano del termine, scoprì di avere trovato il suo partito, lui che aveva deciso di non andare mai a votare. Oggi Facco ha trentotto anni e si dichiara «il peggiore nemico della Lega perché la Lega rappresenta il peggio della Prima Repubblica». Facco vive a Treviglio, ventiseimila abitanti in provincia di Bergamo, ed è un giornalista che fa anche l'editore. Con la Leonardo Facco Editore ha fatto conoscere il giovanissimo pupillo di Sergio Ricossa, Alberto Mingardi, e pubblica Enclave rivista libertaria. Nel suo catalogo c'è un libretto che si intitola Elefanti al guinzaglio e in cui si dimostra, «dati alla mano, che solo privatizzando il regno animale, facendolo fruttare, trasformandolo in una risorsa, si può evitarne l'estinzione. Come è accaduto con gli elefanti dello Zimbabwe. Del resto, vi siete mai chiesti perché le galline non si sono estinte a differenza, ad esempio, dei bufali americani?». Il libertarianism di Facco ha una verità o una ricetta per tutto, e sempre con un marchio d'autore. Per esempio, il libro Elettrosmog/Un'emergenza creata ad arte ha la presentazione di Umberto Veronesi, ministro della Sanità nell'ultimo governo di Giuliano Amato. Oppure c'è Pensioni: un affare privato con la prefazione dell'economista Antonio Martino, oggi ministro della Difesa, in cui si ricorda che «il migliore esempio per rivoluzionare le pensioni arriva dal Cile dove, nel lontano 1980, Josè Pinera, ministro del governo presieduto dal generale Augusto Pinochet, portò a termine una riforma epocale».

    Uguali agli altri
    Come giornalista, Facco ha la presunzione di dire che sono «pochi i colleghi ad aver capito la Lega», ma solo perché quasi nessuno «ha vissuto sul territorio e si è messo a girare veramente per le sezioni, per i bar, per i paesi dell'arco pedemontano», arco che comprende Varese, Como, Brescia, Bergamo e Treviso e «dove oggi la Lega va sparendo; persino in Valle Seriana, nell'indomita Bergamasca, ha subito una cocente sconfitta». Guai però a sentenziare che la Lega sia morta. «Semmai è in coma profondo. Dal 1994 tutti hanno cominciato a dire, persino Vittorio Feltri, che la Lega fosse morta e invece i becchini rimanevano immancabilmente a bocca asciutta. Questo giochetto aiutava Bossi perché poi faceva il pieno di voti. No, la Lega non è morta, morirà quando finirà Bossi, anche se già oggi il livello di scannamento interno è impressionante». In coma profondo, sostiene Facco, «la Lega ci è finita perché è diventata un partito di potere. Un tempo la gente bussava alle sezioni della Lega perché trovava un difensore civico. Oggi Bossi lottizza come i socialisti, sta sempre a Roma, è diventato innocuo e non conta nulla. Così gli artigiani, i commercianti, i piccoli imprenditori che lavorano dodici ore al giorno, e lavorano nonostante lo Stato, scelgono direttamente Forza Italia, perché la vedono come una Lega in giacca e cravatta, oppure non votano più perché sono rimasti delusi e pensano "iè istess di öter", sono uguali agli altri». Facco stracciò la tessera della Lega nel 1996. «Capii che Bossi non aveva un progetto politico, ma aveva in testa solo il potere personale, basta vedere tutte le giravolte che ha fatto. Assistevo poi alle porcherie che in tanti facevano per candidarsi alla ricerca di uno sgabello. Attenzione, ritengo legittimo tutto questo, io non voglio forgiare l'uomo nuovo. Solo che non mi andava di essere preso per il culo».

    Sillogismo canaglia
    Nel 1993 Facco si candidò al Consiglio comunale di Treviglio e venne eletto con 130 voti nella lista della Lega. Erano i tempi in cui i leghisti organizzavano la caccia ai democristiani ladroni. Facco aveva però un amico dc che gli disse: «Guarda che questi (i leghisti, ndr) saranno la stessa cosa di quello che noi siamo oggi». La profezia si avverò quasi subito, come raccontano Ciro Paglia e Gennaro Sangiuliano nel loro Il Paradiso/Viaggio nel profondo Nord: nel giro di un anno, il 1993, Bossi cambiò due volte idea sulla Dc. Prima disse che era un partito di canaglie, poi una sera in pizzeria, a Varese, gonfiò il petto e proclamò: «Siamo noi la nuova Dc». Dimenticando però in seguito di completare il sillogismo.

    Il fosso da saltare
    Sostiene ancora Facco che la democristianizzazione di Bossi non spiega del tutto il coma profondo della Lega. «La Lega doveva essere un movimento rivoluzionario e liberista. Invece è diventata autarchica e protezionista senza capire che i piccoli imprenditori devono dire grazie alla globalizzazione». E la rivoluzione? «Tra il 1992 e il 1997 bisognava saltare il fosso. Conosco industriali anche importanti che erano pronti a sostenere questo passo. Lo strappo era possibile». Un'occasione propizia per fare la rivoluzione fu quando migliaia di leghisti si radunarono davanti al carcere di Modena, dove erano rinchiusi i Serenissimi protagonisti dell'assalto al Campanile di San Marco. Paolo Zanoni quel giorno era lì come camicia verde della Guardia nazionale padana: «I carabinieri ci chiesero aiuto per mantenere l'ordine pubblico. Roma non era in grado di fermarci, Roma vacillava. In quei lunghissimi momenti sarebbe bastato lasciar passare la gente, lasciare che si scagliasse con tutta la furia e la rabbia che aveva dentro contro quelle divise». Ma Bossi diede l'ordine alla Gnp di non far passare nessuno. Dice Facco: «Bossi non ha avuto i coglioni per fare la rivoluzione».

    Fininvest padana
    Nell'autunno del 1996 Gianluca Marchi era un giornalista disoccupato quando gli arrivò una telefonata per conto di Bossi. Dalla Lega avevano pensato a lui come il direttore di un quotidiano di commenti e opinioni, che non fosse necessariamente di partito. Dopo averci pensato a lungo, Marchi scrisse una lettera in cui spiegò che non era l'uomo adatto per quel progetto, che avrebbe potuto fare invece un giornale sul modello dell'Unità. La Lega cambiò idea e accettò il suggerimento di Marchi. Nacque la Padania. Il primo numero uscì l'otto gennaio 1997: ottantamila copie tirate ed esaurite già alle otto di mattina. Racconta Marchi: «Il progetto decollò solo grazie al know-how che ci mise a disposizione la Fininvest, grazie ad Aldo Brancher, oggi forzista di ferro. I migliori uomini di Berlusconi in fatto di media aiutarono la Padania a uscire». Eppure un anno prima, nel 1996, il Polo aveva perso le elezioni politiche perché la Lega se ne era andata per conto suo. Con Marchi direttore, la Padania fece poi la famosa campagna su Berlusconi mafioso e che causò in tutto 14 querele: 12 della Fininvest, una di Marcello Dell'Utri, una di Fedele Confalonieri. Le querele sono state poi ritirate in base all'accordo elettorale tra Berlusconi e Bossi alle ultime politiche. Marchi ricorda anche che allora la fortuna della Lega era quella di essere un partito monotematico: «Quando si parlava di pena di morte, c'era gente che scriveva dicendo: "Non dividetevi su questo, pensiamo al federalismo"». Per questo motivo fu creato il Parlamento padano: una volta realizzato il sogno autonomista ognuno sarebbe potuto tornare ai partiti di origine. Alle elezioni con le urne nei gazebo si presentò anche il Partito comunista padano, capeggiato da Matteo Salvini, oggi direttore di Radio Padania.

    La Camisa Verda
    Una volta sulla Padania c'era anche la voce del militante, in genere un corsivo in prima pagina firmato Camisa Verda. La Camisa Verda era Max Gnocchi. Max era un leghista duro e puro che quando ritornò dal viaggio di nozze scrisse nella sua rubrica: «Sceso dalla scaletta dell'aereo che mi riportava a casa, dopo poche ore sono quindi corso al congresso straordinario, per respirare aria di Lega dopo l'astinenza». Max ha 32 anni, abita a Gallarate e lavora nella pasticceria di famiglia dove si fanno degli amaretti morbidissimi che vengono venduti anche a New York, in uno degli store di Dean&De Luca. A Gallarate ha fatto il consigliere comunale per la Lega, ma oggi Max si è iscritto all'Udc «a causa del triplogiochismo di Bossi». Il suo sogno è quello di fare il leghista nell'Udc.

    Il banchetto degli sciacalli
    Dall'Inno della Lega Lombarda: «Ingordi banchettavan gli sciacalli/ sulle coscienze sporche del regime,/ ma quando maggio rinverdì le valli/ dal lungo sonno si svegliò il guerriero/ e tese la sua spada verso il cielo/ lo riconobbe il popolo lombardo/ che s'affrettò all'altare di Pontida».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    man mano che leggevo, mi si chiudeva lo stomaco....

  3. #3
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Pensa che se le cose andavano per il meglio a quest'ora potevo essere leghista...

  4. #4
    il merovingio
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Nel cuore profondo della Padania
    Messaggi
    8,652
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Angry

    E' vero, me lo ricordo benissimo il 1997: la situazione era bollente, si poteva fare una rivoluzione...e invece è stato mandato tutto a puttane...

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da il merovingio
    E' vero, me lo ricordo benissimo il 1997: la situazione era bollente, si poteva fare una rivoluzione...e invece è stato mandato tutto a puttane...
    Ah bè qui sul forum c'è più di uno che ha vissuto in prima persona i fatti di modena. Se vogliono raccontare...

  6. #6
    Iscritto
    Data Registrazione
    04 May 2002
    Messaggi
    822
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "La Camisa Verda
    Una volta sulla Padania c'era anche la voce del militante, in genere un corsivo in prima pagina firmato Camisa Verda. La Camisa Verda era Max Gnocchi. Max era un leghista duro e puro

    A Gallarate ha fatto il consigliere comunale per la Lega, ma oggi Max si è iscritto all'Udc «a causa del triplogiochismo di Bossi». Il suo sogno è quello di fare il leghista nell'Udc".
    Da Il Riformista----


    Basta questo finale a qualificare il livello del personaggio...
    Complimenti!
    Ma finiamola!!!!

  7. #7
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Herr Mann
    "La Camisa Verda
    Una volta sulla Padania c'era anche la voce del militante, in genere un corsivo in prima pagina firmato Camisa Verda. La Camisa Verda era Max Gnocchi. Max era un leghista duro e puro

    A Gallarate ha fatto il consigliere comunale per la Lega, ma oggi Max si è iscritto all'Udc «a causa del triplogiochismo di Bossi». Il suo sogno è quello di fare il leghista nell'Udc".
    Da Il Riformista----


    Basta questo finale a qualificare il livello del personaggio...
    Complimenti!
    Ma finiamola!!!!

    ahahah !! la lega e' morta .. viva l' UDC ...

    di sicuro la lega morira' ma se questi erano i ' duri & puri' e' un miracolo sia sopravvisuta fino ad oggi ..

    e quindi forse avremo anche il miracolo di sopravvivere politicamente a questa gente ' veramente padana' ...cosi' amata dal riformista ... non ha caso edito da quella gente 'romana' che edita pure libero ..

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che la lega possa vivere anche cent'anni è irrilevante, è comuque morta per sempre la lega secessionista e rivoluzionaria di quegli anni.
    E stata uccisa, e chi sia stato il colpevole non è un mistero.
    saluti padani

  9. #9
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da larth
    ahahah !! la lega e' morta .. viva l' UDC ...

    di sicuro la lega morira' ma se questi erano i ' duri & puri' e' un miracolo sia sopravvisuta fino ad oggi ..

    e quindi forse avremo anche il miracolo di sopravvivere politicamente a questa gente ' veramente padana' ...cosi' amata dal riformista ... non ha caso edito da quella gente 'romana' che edita pure libero ..
    Fai pochi giri di parole.
    Leo Facco non è romano.

  10. #10
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    grandioso...talmente deluso che è passato nell'udc!
    bellissimi questi articoli del riformista e di libero, pro lega secessionista, è tutta una manovra gente, svegliatevi, a loro non frega niente della secessione e dei duri&puri, a loro interessa solo sfiancare l'elettorato che ancora è leghista dandogli in pasto un'immagine distorta di bossi e della lega.
    vedo che comunque molti abboccano...

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Mi era sfuggito
    Di Feliks nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-01-13, 15:44
  2. Ma mi è sfuggito qualcosa?
    Di FLenzi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 08-03-08, 18:10
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 31-08-07, 21:06
  4. Ma questo vi è sfuggito?
    Di ITALIANO (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 27-02-06, 00:02
  5. QUESTO articolo mi era sfuggito
    Di VECCHIO nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-01-06, 16:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226