User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    2,572
     Likes dati
    0
     Like avuti
    6
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Destra Conservatrice e Massoneria

    Vorrei chiedervi pareri su questo "scottante" legame.

    Ho sempre ritenuto la Massoneria (e qualsiasi loggia deviata) il male assoluto per il pianeta.

    Credo che anche diversi esponenti (in passato e nel presente) della cosiddetta Destra Conservatrice non siano esenti dall'appartenenza alle varie logge mondiali.

    Vorrei sapere il vostro parere e se ritenete questa una discriminante...

    saluti

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    75,937
     Likes dati
    10,778
     Like avuti
    15,647
    Mentioned
    1279 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Rif: Destra Conservatrice e Massoneria

    Citazione Originariamente Scritto da msdfli Visualizza Messaggio
    Vorrei chiedervi pareri su questo "scottante" legame.

    Ho sempre ritenuto la Massoneria (e qualsiasi loggia deviata) il male assoluto per il pianeta.

    Credo che anche diversi esponenti (in passato e nel presente) della cosiddetta Destra Conservatrice non siano esenti dall'appartenenza alle varie logge mondiali.

    Vorrei sapere il vostro parere e se ritenete questa una discriminante...

    saluti
    anch'io sono abbastanza contrario alla massoneria odierna considerandola un'associazione segreta e quindi parallela e quando necessario, perchè no, in opposizione ai governi, uno stato nello stato.

    All'origine la massoneria è nata da intellettuali e borghesi che si opponevano a governi autocrati e reazionari, penso alla carboneria in Europa o alla massoneria degli Stati Uniti contro il colonialismo inglese ed ebbe un'utilità determinante.

    Ma ora che il dibattito è aperto e libero, fin troppo, queste confraternite diventano obsolete e perdono il loro significato nobile che avevano nel XVIII e XIX secolo e appaiono ai miei occhi dei gruppi di potere che difendono interessi economici e politici di pochi a scapito della comunità.

    Sono curioso di leggere le motivazioni di coloro che ritengono la massoneria positiva, io oggi di vantaggi non glie ne trovo

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
     Likes dati
    655
     Like avuti
    1,110
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Destra Conservatrice e Massoneria

    L'altroieri ho visto in tv una puntata di Voyager che esaltava la Massoneria, quasi a farne una benefattrice dell'umanità. Al riguardo, ho letto anche il libro di Gervaso (massone pure lui). Anche se molti punti mi sono ancora oscuri... non mi piace.
    SADNESS IS REBELLION

  4. #4
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    75,937
     Likes dati
    10,778
     Like avuti
    15,647
    Mentioned
    1279 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Rif: Destra Conservatrice e Massoneria

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    L'altroieri ho visto in tv una puntata di Voyager che esaltava la Massoneria, quasi a farne una benefattrice dell'umanità. Al riguardo, ho letto anche il libro di Gervaso (massone pure lui). Anche se molti punti mi sono ancora oscuri... non mi piace.
    storicamente è certo che la massoneria ha avuto la sua utilità.
    In Italia credo sia stata determinante al Risorgimento e all'unità del paese. In Francia è stata sicuramente determinante alla creazione di una repubblica laica (non che le due cose mi vadano a genio)
    Ma col XX secolo non vedo altre utilità che non vadano al di là della protezione di lobbies politico-economiche

  5. #5
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
     Likes dati
    33
     Like avuti
    90
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Destra Conservatrice e Massoneria

    Citazione Originariamente Scritto da msdfli Visualizza Messaggio
    Vorrei chiedervi pareri su questo "scottante" legame.

    Ho sempre ritenuto la Massoneria (e qualsiasi loggia deviata) il male assoluto per il pianeta.

    Credo che anche diversi esponenti (in passato e nel presente) della cosiddetta Destra Conservatrice non siano esenti dall'appartenenza alle varie logge mondiali.

    Vorrei sapere il vostro parere e se ritenete questa una discriminante...

    saluti
    concordo con la definizione di "male assoluto" o "Sinagoga di Satana" come disse Sua Santità Clemente XII (In eminenti)

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    2,572
     Likes dati
    0
     Like avuti
    6
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Destra Conservatrice e Massoneria

    Consiglio all'ottimo Florian di non guardare Voyager perchè programma di una bassezza documentaria di infimo livello, quasi meno documentato di History Channel (vero canale di divulgazione al servizio delle lobby).
    Il livello di attendibilità dei documentari di voyager è pari a zero;
    si è costruito un suo filone di appassionati di esoterismo
    a cui propina da anni sempre le solite castronerie sul graal
    e sui sasso di tihuanaco.

    A Gervaso non do molto credito anche se lui più che un massone classico era un P2ista, cosa diversa dal Grandoriente.

    L'unico massone che ha scritto un bel documentato libro è Aldo Mola.

    Resta fermo il mio giudizio di male assoluto riguarda a qualsiasi forma di loggia segreta, perchè moralmente antipopolare.
    E purtroppo di logge e loggettine in Italia ne abbiamo a migliaia.

    La sola idea di STATO NELLO STATO mi da il voltastomaco

    Credo che l'ideologia di destra (conservatrice o radicale che sia) deve rifuggire a questi legami.

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    4,295
     Likes dati
    63
     Like avuti
    323
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Thumbs up Re: Rif: Destra Conservatrice e Massoneria

    Leone XIII il 20 Aprile 1884 - oggi 20 Aprile 2018 ricorre l'anniversario - pubblicò l’Enciclica "Humanum Genus" (uno dei tantissimi documenti del Magistero dei Papi, quelli veri e legittimi, di condanna della massoneria, il primo ci fu addirittura nel lontano 1738 e parecchi altri seguirono fino a Pio XII!!) nella quale già si denunciava chiaramente il progetto massonico che oggi un po' ovunque vediamo quasi pienamente realizzato:



    Humanum Genus (20 aprile 1884) | LEONE XIII
    http://w2.vatican.va/content/leo-xii...num-genus.html


    «Lasciate che vi additaiamo la Massoneria come nemica, ad un tempo, di Dio, della Chiesa e della Patria!» - ( Papa Leone XIII, in: Enc. "Humanum genus" del 1884).
    https://forum.termometropolitico.it/...assoneria.html
    Humanum Genus
    https://forum.termometropolitico.it/...massonici.html
    https://forum.termometropolitico.it/...i-massoni.html
    https://forum.termometropolitico.it/...la-chiesa.html





    Radio Spada | Radio Spada ? Tagliente ma puntuale
    http://www.radiospada.org
    Edizioni Radio Spada - Home
    http://www.edizioniradiospada.com
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/?fref=nf
    “Il 20 aprile 1884 la Santità di Nostro signore Papa Leone XIII pubblica l'enciclica Humanum genus contro la setta dei Massoni.”





    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...c8&oe=5B545410



    https://www.radiospada.org/2015/11/h...ria-cattolica/
    «Humanum genus: summa d’antimassoneria cattolica -di Davide Consonni-
    https://www.radiospada.org/2015/11/h...ria-cattolica/

    I tipi delle edizioni Radio Spada non potevano non dedicare una delle loro pubblicazioni all’antimassonica enciclica Humanum Genus di Leone XIII. Il testo pubblicato dalla nostra casa editrice è giunto alle seconda ristampa, quindi pare doveroso ribadire l’importanza e l’attualità dei contenuti presenti nell’Humanum Genus e piú in generale le istanze avanzate dalla secolare battaglia antimassonica. Il valore che tale enciclica rappresentó nella cattolica battaglia contro la perfida setta dei massoni é enorme e riconosciuto unanimamente dalle opposte fazioni. Tale epica pagina di magistero perenne rappresenta la summa apicale delle argomentazioni, avanzate da romani Pontefici, atte a motivare la scomunica vigente, fin dal 1738, per i settari. Per meglio rendere merito all’apostolica voce alzata contro le perfide sette ci asteniamo dal sintetizzarne i dettami e passiamo a citare direttamente alcuni passi dell’enciclica Humanum Genus del maggio 1884:
    (...) Di seguito, oltre indirizzare coloro che volessero acquistare il testo delle Radio Spada Edizioni intitolato “Humanum Genus: dissertazione su massoneria, sette segrete e cosmopolitismo”, proponiamo sia la conferenza che precedette il progetto della stesura del libro sia una recensione ad opera del buon Mattia Rossi apparsa su “Il Giornale”.
    HUMANUM GENUS – CONFERENZA CONTRO LA MASSONERIA [VIDEO]:
    HUMANUM GENUS ? CONFERENZA CONTRO LA MASSONERIA [VIDEO] | Radio Spada
    http://www.radiospada.org/2014/12/hu...soneria-video/
    Mattia Rossi recensisce ‘Humanum genus’ su ‘Il Giornale’: Mattia Rossi recensisce ?Humanum genus? su ?Il Giornale? | Radio Spada

    Humanum Genus. Dissertazione su Massoneria, Sette segrete e Cosmopolitismo: Humanum Genus. Dissertazione su Massoneria, Sette segrete e Cosmopolitismo





    https://i2.wp.com/www.radiospada.org...052337_787.png »


    Humanum Genus. Dissertazione su Massoneria, Sette segrete e Cosmopolitismo
    “«Humanum Genus» è un’enciclica di Papa Leone XIII, datata 20 aprile 1884.
    Con questa enciclica, Leone XIII condanna il relativismo morale e filosofico della Massoneria. Di fronte ad una situazione di ricorrente ostilità nei confronti della Chiesa, il papa condanna la Massoneria e le sette ostili alla Chiesa, che «con lungo ostinato proposito» mirano ad impedirne l’influenza, il magistero e l’autorità, e riaffermano «la piena separazione della Chiesa dallo Stato». (…) Il Papa parla di una vera e propria guerra condotta contro la Santa Sede: «contro l’Apostolica Sede e il Romano Pontefice arde più accesa la guerra. Prima di tutto egli fu, sotto bugiardi pretesti, spogliato del principato civile, propugnacolo della sua libertà e de’ suoi diritti; fu poi ridotto a una condizione iniqua, e per gli infiniti ostacoli intollerabile; finché si è giunti a questo estremo, che i settari dicono aperto ciò che segretamente e lungamente avevano macchinato tra loro, doversi togliere di mezzo lo stesso spirituale potere dei pontefici, e fare scomparire dal mondo la Divina istituzione del Pontificato».
    (…) Sulle asserite remotissime origini della Massoneria, a parte gli studi apologetici di autori massoni, è interessante ricordare uno studio apparso sulla «Civiltà Cattolica»[1], la rivista della Compagnia di Gesù dove, pur negandosi una qualsiasi derivazione diretta della Massoneria dalle antichissime scuole iniziatiche orientali e specialmente da quella Alessandrina del I secolo del cristianesimo, si riconosce in quelle l’ispirazione originale della forma e dei riti della Massoneria, apparsa poi come istituzione nella prima parte del secolo XVIII.
    Alla nefasta azione delle sette eretiche di ogni epoca sono ascrivibili gravi colpe, fra cui la formulazione e propagazione di alcune filosofie luciferine e correnti di pensiero nocive al genere umano, perfettamente incarnate, a volte integralmente a volte parzialmente, dalla setta dei massoni, in tutte le sue viscose diramazioni nella società scristianizzata e sfaccettature nell’ambito del vasto «movimento arcobaleno»: mondialista e cosmopolita."

    "CENNI SUGLI AUTORI:

    Carlo Di Pietro (Potenza 1976 - giornalista) ha scritto: Il Diavolo e l’Anticristo; Apologia del Papato; I Santi e il Demonio; Il sacramento del diavolo: Omosessualismo, sodomia e Cattolicesimo; Preghiere dei Cristiani ai Santi Angeli di Dio; Il ritorno di Cristo: riflessioni sui segni dei tempi; Le tasse e la Chiesa; Inferi, inferno e limbo; La devozione alla Vergine Maria. La Madonna non è un idolo pagano; I castighi di Dio; Esorcismi, benedizioni, imposizioni delle mani ... chi può farli; Vita eterna: l’Inferno; La satanica bandiera della pace; I Diavoli - Guida essenziale; Il Burattinaio; Tutto sui diavoli; Preghiere di guarigione psico-fisica e di liberazione dal demonio (2 volumi); Torneremo nelle catacombe. è presente come AA VV in numerosi testi. Ha curato: Yo fui mason/Ero Massone; Il terrore dei demonii, San Michele Arcangelo. Ha introdotto: Le Forze occulte della Sovversione ed Islam, metafisica medievale araba e filosofia moderna ebraica (di C. Nitoglia); numerosi altri libri di teologia e devozione (di M. Stanzione). Pubblica i suoi studi su Radio Spada, Agere Contra e Living Church Australia.

    Davide Consonni (Bergamo 1989) è un sociologo laureatosi alla Bicocca di Milano con la tesi “Analisi antropologica e storiografica sulle origini della ritualità massonica”. Scrive di questioni massoniche e pubblica per i tipi di Radio Spada. Frequenta l’oratorio milanese dell’Istituto Mater Boni Consilii (I.M.B.C.).

    INDICE:
    Introduzione
    «Humanum Genus», breve storia del documento e caratteristiche delle principali filosofie luciferine
    «Humanum Genus», sulle sette ostili alla Chiesa ed alla fede
    La dimenticata «Enciclopedia Cattolica» e la Massoneria:
    - Definizione;
    - Operatività;
    - Politica;
    - Origini della Massoneria speculativa;
    - Massoneria anglosassone;
    - Orientamenti massonici in Francia ed Inghilterra;
    - La Massoneria in Italia;
    - La Massoneria dopo la Restaurazione;
    - La Massoneria nel Risorgimento e nella vita pubblica italiana;
    - Massoneria e fascismo;
    - Sforzi per la riconciliazione con la Chiesa;
    - Dottrine e riti;
    - Condanne emanate dalla Santa Sede.
    Cosmopolitismo, crisi economica e distruzione delle identità nazionali:
    - Di cosa si tratta;
    - Totalitarismi e Massoneria;
    - Massoneria oggi;
    - Massoneria e Chiesa, oggi;
    - Distruzione delle identità;
    - La Nazione e la Chiesa;
    - Riflessioni sulla contemporaneità.
    Massoneria e Europeismo
    Massoneria e Nazioni Unite
    La Corte Europea dei diritti dell’uomo condanna l’Italia e dà ragione alla Massoneria
    Il Ven:. Fr:. Giorgio Napolitano e la massoneria italiana
    Napolitano, Grasso, Boldrini: tutti inviano auguri alla massoneria per il XX Settembre!
    Quando un Pontefice piace alla setta massonica
    PAGINE 144 formato A5
    © 2015 Edizioni Radio Spada
    ISBN 9788898766161
    PREZZO: €14,90 + spese di spedizione"





    Don Francesco Ricossa ieri 19 aprile 2018, Sant’Espedito, è tornato a pubblicare su “Sodalitium” alcuni avvertimenti importanti su certe effettive ambiguità dottrinali ‘tradizionaliste’ (ad es. posizioni semi-fallibiliste sul Papato, alcune simpatie un po' sospette verso autori del passato dottrinalmente di dubbia ortodossia, soprattutto artisti e letterati, e così via) presenti su “Radio Spada”, in particolare su quanto scritto da Alessandro Guzzi (bravo scrittore di notevole acutezza intellettuale ma abbastanza ambiguo, infatti tra l'altro sto appunto leggendo il suo libro "Trasformazione del Male" e mi sono subito accorto di certe contraddizioni, i primi capitoli davvero validissimi di difesa del Cattolicesimo integrale con dura critica al mondialismo, alla giudeo-massoneria, all'eresia neo-modernista ed al vaticano-secondismo mentre in seguito riferimenti più o meno elogiativi a scrittori e poeti decadenti od esotericheggianti, diverso tempo fa avevo anche visitato più volte il suo sito personale ed avevo ricavato una medesima impressione); in passato aveva fatto doverose precisazioni su quanto detto e pubblicato da Maurizio Blondet, su Massimo Introvigne e soci, sulla TFP (“Tradizione, Famiglia e Proprietà” ) di Plinio Correa de Oliveira, sul pensiero di Ezra Pound ed in generale di certo ‘tradizionalismo’ ibrido e spurio catto-esoterico che spesso mischia il Cattolicesimo in apparenza intransigente con richiami più o meno velati all’esoterismo persino cabalistico, al perennialismo guenoniano e correnti affini, ecc.
    Don Ricossa ha parlato anche a Modena sul tema controverso "Massoni, modernisti, tradizionalisti" il 14/10/2017 durante la "XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO", quel giorno io c'ero insieme a Don Floriano ed altri fedeli e conoscenti ed è stata una conferenza molto istruttiva ed edificante; la segnalo qui sotto, c'è il video integrale su youtube nella pagina di "Sodalitium"...
    Personalmente ritengo fondate queste critiche e le condivido, pur rilevando alcune esagerazioni ossessive e polemiche di condanna eccessiva verso il progetto RS forse dettate a volte anche da eventuali motivi di astio personale, dato che quel che sostiene Don Ricossa è oggettivamente conforme alla dottrina cattolica, anche se per il resto continuo a stimare molto Piergiorgio Seveso e Luca Fumagalli (fedeli dell'IMBC e sedevacantisti tesisti di vecchia data tra l'altro, come ben si sa), Andrea ed Ilaria Giacobazzi e molti altri nonchè ad ammirare tutto quel che di buono sul blog ed a livello editoriale pubblica e fa per la causa del Cattolicesimo "Radio Spada" (molti articoli e libri pubblicati sono effettivamente essenziali, da comprare e da studiare), merito oggettivo per il quale vanno ampiamente ringraziati che nessuno può negare loro; in ogni caso, da leggere per una seria riflessione:



    Un astrologo per Radio Spada - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/un-astrologo-radio-spada/
    Un astrologo per Radio Spada - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/u...o-radio-spada/

    “Un astrologo per Radio Spada 19 aprile 2018
    Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Comunicato n. 38/18 del 19 aprile 2018, Sant’Espedito.”
    Uno gnostico a Reggio Emilia (l?aldilà secondo Maurizio Blondet) - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/uno-gnosti...rizio-blondet/
    Uno gnostico a Reggio Emilia (l?aldilà secondo Maurizio Blondet) - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/u...rizio-blondet/

    “Uno gnostico a Reggio Emilia (l’aldilà secondo Maurizio Blondet) 12 giugno 2017
    Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Comunicato n. 58/17 del 12 giugno 2017, San Giovanni di San Facondo
    Uno gnostico a Reggio Emilia (l’aldilà secondo Maurizio Blondet)
    (…) Già in passato sono stati segnalati degli articoli di Maurizio Blondet in constrasto con la dottrina e l’esegesi cattolica (…)”
    I cattivi maestri della cattiva esegesi - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/i...ttiva-esegesi/
    Repetita iuvant: Ezra Pound e la Teosofia - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/r...e-la-teosofia/

    “Repetita iuvant: Ezra Pound e la Teosofia 12 aprile 2018
    Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Comunicato n. 36/18 del 12 aprile 2018, San Zeno
    Repetita iuvant: Ezra Pound e la Teosofia
    Ezra Pound e la Teosofia, di don Francesco Ricossa (dalla rivista “Sodalitium”, n. 67, dicembre 2015).”
    Ezra Pound e la Teosofia - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/ezra-pound-e-la-teosofia/



    Lezioni di Modena 2017 - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/lezioni-modena-2017/
    «Sodalitium IMBC – Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1017-2017: i tre secoli della massoneria moderna".

    Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1017-2017: i tre secoli della massoneria moderna". Prima lezione: ”Le origini e la fondazione della setta massonica” Relatore: don Francesco Ricossa.
    https://www.youtube.com/watch?v=gvUCP2DKmP4
    Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1717-2017: i tre secoli della massoneria moderna". Seconda lezione: "L'enciclica Humanum genus di Leone XIII" Relatore: don Francesco Ricossa.
    https://www.youtube.com/watch?v=np81U4rH5yQ
    Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1717-2017: i tre secoli della massoneria moderna". Terza lezione: "Massoni, modernisti, tradizionalisti". Relatore: don Francesco Ricossa.
    https://www.youtube.com/watch?v=VXyxiFj6Zj0
    https://www.youtube.com/user/sodalitium»

    Intervista di don Francesco Ricossa a "Rivarol" - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/intervista...cossa-rivarol/
    «Intervista di Don Francesco Ricossa, rilasciata al settimanale francese Rivarol, pubblicata sul n° 3305 del 15 novembre 2017, condotta da Jérôme Bourbon.

    Il Direttore della rivista Sodalitium, l’italiano Don Francesco Ricossa, ogni anno, da un decennio, tiene a Parigi una serie di conferenze di alto livello su questioni importanti relative all’attualità religiosa o alla dottrina cattolica. In occasione del terzo centenario della nascita della massoneria moderna, il 26 novembre terrà una serie di istruzioni, ciascuna seguita dalle domande del pubblico, su questo fenomeno, la sua origine, la sua dottrina, le sue ramificazioni, la sua infiltrazione e la sua influenza negli ambienti “cattolici” sia modernisti, sia tradizionalisti. Gli abbiamo rivolto quindi delle domande su questo tema importante, ma anche su altri di attualità. (…)
    Rivarol: Quest’anno non è solo il 500esimo anniversario della Riforma luterana, ma è anche il 300esimo anniversario della nascita della massoneria moderna. In questa occasione, e per commemorare questo triste avvenimento, lei terrà a Parigi, il 26 novembre, una serie di conferenze sull’argomento. Può dirci di più?
    Don Francesco Ricossa: Questi 300 anni dalla nascita della massoneria moderna sono l’occasione per riflettere su questo fenomeno, su questo nemico feroce del cristianesimo e della fede, tanto più pericoloso in quanto esso agisce, in gran parte, in segreto. A questo scopo, terrò tre istruzioni. La prima è sulla storia della massoneria al contrario. Invece di cominciare dal 1717 e arrivare fino ad oggi, cosa che molte persone si aspettano e che sarebbe interessante, procederemo in senso contrario. Studieremo le origini della massoneria o la massoneria prima della nascita ufficiale della massoneria moderna. Da dove venivano quegli uomini che hanno fondato la massoneria a Londra il 24 giugno 1717? Quali erano le loro idee? E quale è stata l’origine della massoneria, cosa questa che è un problema molto discusso?
    La seconda conferenza verterà sulla dottrina della massoneria. E il punto di partenza sarà l’enciclica di Leone XIII, Humanum genus. Essa sarà completata dal saggio di Arthur Preuss sulla massoneria americana, uno dei lavori migliori sull’argomento, ma che in Francia, curiosamente, non ha avuto una grande eco.
    Il terzo intervento è una questione di attualità: l’influenza che il nemico può avere sui modernisti – cosa evidente – ma anche nei “nostri” ambienti, affinchè si stia in guardia. E’ la parte più polemica e più intrigante, se così si può dire!
    Rivarol: Cosa risponde a coloro che pretendono che la massoneria oggi non abbia più l’influenza che aveva in passato?
    Don Francesco Ricossa:
    Mi permetta di sorridere davanti a tali affermazioni. Un gran maestro del Grande Oriente d’Italia, negli anni sessanta, diceva che la massoneria avrebbe vinto la partita il giorno in cui tutti avrebbero pensato come i massoni, e cioè quando i valori della massoneria sarebbero diventati il modo di pensare del mondo intero. Ci siamo. Vero è che un tempo la massoneria era al governo nei principali paesi, e questo accade anche oggi, sotto una forma o un’altra, ma allora vi era una reazione. Vi erano quelli che difendevano i principi della massoneria e quelli che vi si opponevano, le autorità della Chiesa cattolica e una parte del popolo. Oggi, anche quelli che si oppongono a parole alla massoneria, cosa che sono pochi a fare, molto spesso senza saperlo, condividono gli stessi princípi della setta. Essi non si rendono neanche conto di approvare e diffondere nei fatti le idee della massoneria. E’ il segno migliore della vittoria dei fratelli tre puntini.
    Certuni non si accorgono neanche della presenza nefasta della massoneria perché essa è veramente dappertutto, anche tra coloro che pretendono di essere l’autorità della Chiesa cattolica. Le riunioni di Assisi sono anch’esse una manifestazione impressionante di ciò che si fa nelle logge. Vi è utilizzato lo stesso metodo e allo stesso scopo. Il fondatore della comunità Sant’Egidio, Andrea Riccardi, che organizza queste riunioni di Assisi, alcuni anni fa ha dichiarato che si ispira al pensiero del rabbino di Livorno, Elie Benamozegh, un uomo molto vicino alla massoneria e desideroso di realizzare i princípi del noachismo, anche citati nelle Costituzioni di Anderson e cioè nelle costituzioni che regolano la massoneria moderna.
    Rivarol: I movimenti della destra radicale in Europa, non sono anch’essi infiltrati dalla massoneria?
    Don Francesco Ricossa: Sì, e questa infiltrazione esiste da due punti di vista: dal punto di vista degli uomini e dal punto di vista delle idee. Vi sono dei movimenti in cui i massoni sono accettati e perfino promossi. In maniera aperta o nascosta. E poi vi è un problema di idee: persone che non sono degli iniziati ma condividono i princípi più importanti della massoneria. Non parlo solo di quei princípi che sono diventati, ahimè, il pensiero comune a tutti, che si insegnano a scuola, che si proclamano nelle “parrocchie”: libertà, uguaglianza, fraternità ecc., ma parlo dell’esoterismo. Nei “nostri” ambienti, quelli che si oppongono spesso sinceramente alla triade rivoluzionaria e al mondo moderno, lo fanno frequentemente in nome di una dottrina esoterica che è l’essenza stessa della massoneria. Si esce da un errore per cadere in un altro errore non meno grave.
    Rivarol: Pensa all’influenza che possono avere pensatori come René Guénon e Julius Evola negli ambienti della destra radicale?
    Don Francesco Ricossa: Questi due pensatori, Guénon ed Evola, possono aver detto qualcosa di vero, in particolare sul rigetto e la denuncia del mondo moderno, mischiato a molte cose false, di modo che sono numerosi quelli che, pensando di opporsi al mondo attuale, aderiscono a tutti i princípi della massoneria. Questo è evidente nel caso di René Guénon, poiché era lui stesso un iniziato. Nel caso di Evola, la sua appartenenza alla massoneria è lungi dall’essere dimostrata, ma il fatto che fosse un intellettuale le cui frequentazioni massoniche sono evidenti e che non ha mai nascosto la sua dottrina esoterica, ne fanno oggettivamente un compagno di strada della massoneria.
    Rivarol: Quali sono stati i rapporti tra il fascismo italiano e la massoneria?
    Don Francesco Ricossa: Il fascismo italiano è stato inizialmente un pragmatismo mosso dall’istinto politico di Mussolini, che è cambiato numerose volte, adattandosi alla pratica. E’ certo che all’inizio del fascismo la maggior parte dei gerarchi erano degli iniziati, quasi tutti quelli che nel 1943 hanno votato contro il Duce nel Gran Consiglio del Fascismo erano anche massoni, ma anche alcuni di quelli che sono rimasti al suo fianco nella Repubblica Sociale Italiana. Ma è anche vero che il fascismo ha dichiarato illegali tutte le società segrete, di modo che la massoneria, sotto Mussolini, è praticamente sparita dal paese ed è tornata ad avere diritto di cittadinanza solo quando gli Alleati americani ed inglesi sono sbarcati in Italia. E’ vero altresì che quelli che hanno provato prima della guerra ad assassinare Mussolini venivano dalla Teosofia e dunque erano legati alla massoneria. Le cose sono dunque complicate. Io ne ho parlato su Sodalitium in un articolo su un personaggio molto amato negli ambienti fascisti, il grande poeta Ezra Pound, il quale veniva da un ambiente inglese molto vicino alla Teosofia.
    Nessun dubbio, peraltro, che il fascismo all’origine fosse vicino ai princípi del Risorgimento. Ed è anche vero che, durante il Regime, certuni hanno pensato che il governo di Mussolini avrebbe condotto al trionfo dell’esoterismo, per esempio il gruppo di Evola e Reghini, ma non solo loro, anche quello di D’Annunzio. Questa corrente voleva che il fascismo segnasse una continuazione del movimento risorgimentale in un senso chiaramente esoterico. Ma rimase delusa al momento del Concordato. Altre correnti hanno invece pensato che il fascismo, malgrado tutti i suoi difetti dottrinali, a poco a poco, avrebbe potuto costituire, da un punto di vista più pratico che speculativo, un rimedio alla rivoluzione italiana ed hanno lavorato a questo scopo; per esempio Mons. Benigni, il fondatore del Sodalitium Pianum, che si opponeva ai princípi del movimento fascista, ma che ha collaborato attivamente col Regime, e questo allo scopo di portarlo su posizioni cattoliche. Tutti hanno quindi provato a portare questo governo dalla propria parte.
    Rivarol: Cosa risponde a quelli che distinguono tra una buona e una cattiva massoneria, una massoneria bianca, monarchica, tradizionalista che sarebbe rispettabile, e una massoneria rossa, atea, rivoluzionaria che sarebbe da rigettare?
    Don Francesco Ricossa: Rispondo che la massoneria ha lavorato per tagliare la testa al Re! E’ vero che ci sono stati dei monarchici tra i massoni e anche tra i nemici della Rivoluzione francese; e avevano ragione di essere contro la Rivoluzione, ma avevano il torto di essere influenzati dall’esoterismo massonico, penso in particolare ad un Joseph de Maistre.
    La Chiesa non fa distinzione tra massoneria inglese e massoneria francese, tra una massoneria di destra e una massoneria di sinistra. Tutte le massonerie si richiamano ad una tradizione, che evidentemente è la loro tradizione che non è la nostra!
    Vi sono dei princípi comuni ad ogni massoneria; noi abbiamo ristampato il libro di Arthur Preuss, Saggio sulla massoneria americana. Lo scopo dell’autore era di dimostrare che la massoneria anglosassone condivide gli stessi princípi della massoneria latina, la stessa feroce opposizione alla Chiesa. E’ un’illusione credere ad una massoneria rispettosa della religione. Bisogna dunque lottare contro ogni massoneria e contro ogni esoterismo, anche se è sostenuto da persone che non sono iniziati in Loggia.
    Rivarol: Come si possono definire brevemente i princípi della massoneria?
    Don Francesco Ricossa: E’ difficile dare in poche parole una visione d’insieme della massoneria. Prima di tutto vi è una dottrina ufficiale, che la massoneria proclama per gli altri, quella che noi conosciamo e che presiede al governo dei nostri paesi: la libertà, l’uguaglianza, la fraternità, la libertà religiosa, la laicità, la tolleranza, la non discriminazione. Cose che tutti condividono. Cose che tutti bevono come il latte materno, è l’aria che respiriamo. Ma vi è anche e soprattutto una dottrina esoterica, che è il vero pensiero massonico. Papa Leone XIII, nell’enciclica Humanum genus, spiega che il punto essenziale della massoneria è il naturalismo, l’adogmatismo. Non v’è nulla che sia superiore alla natura, neanche Dio, che se anche esiste (cosa a cui non tutte le logge credono) si confonde con la natura. Tutto ciò che è stato rivelato, il mondo della grazia, la Rivelazione, la trascendenza divina, i dogmi di fede, è inaccettabile in massoneria.
    Occorre comprendere che nella massoneria esistono due aspetti, che devono essere distinti. Un aspetto razionalista e un aspetto magico, il quale non è contrario, ma complementare al primo. Si osserva la negazione della vera religione, ma questa, negata in maniera razionalista, è come rimpiazzata dai misteri massonici che sono la riedizione delle vecchie eresie della gnosi pagana e della kabbala ebraica, le quali hanno più o meno gli stessi princípi. I misteri del paganesimo, uniti alla corrente dell’alchimia Rosa-Croce, dell’ermetismo, del neoplatonismo, costituiscono la filosofia e la religione massoniche, che sfociano nel culto del Serpente. Non stupisce che tra i personaggi della tradizione massonica si esalti Caino, una linea certo tradizionale, ma demoniaca. Quando il poeta italiano Carducci scrive il suo Inno a Satana, egli mostra questi due aspetti della massoneria: un naturalismo razionalista, Satana è il simbolo della negazione di Dio nel progresso umano, e allo stesso tempo una tendenza demoniaca, magica e satanica.
    Rivarol: Che pensare della distinzione tra massoneria materialista e massoneria spiritualista?
    Don Francesco Ricossa:
    E’ la stessa massoneria, si tratta di due facce della stessa medaglia. La massoneria materialista è sempre esoterica. Senza l’esoterismo, senza il simbolismo, senza il segreto, non c’è massoneria. E allo stesso tempo, la massoneria esoterista, con la sua pretesa di collegarsi alle antiche tradizioni di tutte le religioni, è in fin dei conti materialista. Perché: qual è questa tradizione, quali sono questi misteri, qual’è questo divino di cui parlano? E’ niente. Il materialismo e lo spiritualismo non si oppongono in massoneria. Presso alcuni, prevale l’aspetto materialista grossolano, in altri l’aspetto simbolico religioso. Ma in realtà i due si ritrovano nella stessa dottrina.
    Rivarol: La sua terza conferenza su massoneria, modernismo e tradizionalismo sembra polemica. Cosa intende dimostrare con questa istruzione?
    Don Francesco Ricossa:
    Si tratta in effetti della parte meno intellettuale della conferenza, quella che si presta di più a delle polemiche. Cercherò di dimostrare i legami tra il modernismo e l’occultismo, il modernismo e il pensiero massonico. Nel modernismo, come nella massoneria, vi sono queste due facce, un aspetto naturalista e un aspetto (falsamente) mistico: il modernista filosofo, storico, politico è un razionalista e un agnostico. E al tempo stesso pretende di essere un credente, mentre non lo è. La dottrina modernista e la dottrina massonica si ricollegano con l’altra.
    Più sorprendente è la questione del tradizionalismo. Con questo termine si intende non il tradizionalismo del XIX secolo, che, pur essendo stato la filosofia della Restaurazione e con Lamennais, ahimè, anche del liberalismo, è l’antenato sia del modernismo sia del guénonismo; ma il tradizionalismo moderno, quello che si oppone al Vaticano II e al quale ci ricolleghiamo noi. Anche nei “nostri” ambienti vi sono delle infiltrazioni sia di idee sia di certe persone che sviluppano una tendenza esoterica. Vi sono molti casi concreti da esaminare. E’ quello che farò in questa conferenza. E anche fra coloro che non hanno frequentazioni o idee esoteriche, alcuni, nei raggruppamenti tradizionalisti, utilizzano i metodi massonici per arrivare ai loro scopi. Bisogna mettere in luce la questione. Si tratta dunque di un oggetto di discussione per guardarsi da certi problemi.
    Ovviamente, tutto questo bisogna farlo senza cadere in un inconveniente assai frequente, ahimè, in coloro che combattono a giusto titolo la massoneria, e cioè il farlo senza spirito critico sufficiente, senza il sostegno di documenti, senza prove verificate, senza un’approfondita formazione. Vi è, nell’antimassonismo, un lato serio e perfino indispensabile, ma vi sono anche delle opere, degli autori, dei siti meno seri e meno affidabili. Vi sono parimenti di quelli che mettono in guardia dalle infiltrazioni massoniche, cosa che condivido, e quelli che pretendono che tutti quelli che non la pensano come loro siano dei massoni. Il che è ridicolo e può gettare, a torto, del discredito su tutta la scuola anti-massonica.
    Rivarol: Nel corso delle sue conferenze, parlerà della questione della giudeo-massoneria?
    Don Francesco Ricossa:
    Si tratta di una questione veramente importante. Ne parleremo nella prima conferenza, perché il pensiero della kabbala è incontestabilmente presente nell’origine della massoneria. D’altronde, non solo nella massoneria, ma in ogni sorta di esoterismo. Parleremo di questa questione anche nella seconda istruzione, perché una parte importante della dottrina massonica in fondo non è altro che kabbalismo. Ma non ci sarà un’istruzione esplicitamente ed esclusivamente dedicata alla giudeo-massoneria. Questo soggetto meriterebbe da solo un nuovo congresso. Forse un altro anno!»
    Rivarol intervista don Ricossa - Centro Studi Giuseppe Federici



    http://www.antimassoneria.org/
    Modena, IMBC, 14/10/2017: ?Della setta massonica? - Antimassoneria.org
    http://www.antimassoneria.org/modena...tta-massonica/
    http://antimassoneria.altervista.org...anum-Genus.pdf



    Humanum Genus (20 aprile 1884) | LEONE XIII
    http://w2.vatican.va/content/leo-xii...num-genus.html
    «HUMANUM GENUS
    LETTERA ENCICLICA
    AI VENERABILI FRATELLI PATRIARCHI
    PRIMATI ARCIVESCOVI VESCOVI
    E AGLI ALTRI ORDINARI
    AVENTI CON L’APOSTOLICA SEDE
    PACE E COMUNIONE.
    "CONDANNA DEL RELATIVISMO FILOSOFICO
    E MORALE DELLA MASSONERIA"
    VENERABILI FRATELLI
    SALUTE E APOSTOLICA BENEDIZIONE
    Dato a Roma, presso San Pietro, il giorno 20 Aprile 1884, anno VII del Nostro Pontificato.
    LEONE PP. XIII»




    Luca, Sursum Corda!
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Destra Conservatrice
    Di Dark Knight nel forum Partiti Polliani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-01-12, 12:38
  2. Risposte: 166
    Ultimo Messaggio: 02-07-08, 14:41
  3. Destra Conservatrice : La Destra di sempre per Politica Online.
    Di Templares nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 12-06-06, 09:40
  4. Destra Conservatrice- Destra sociale.
    Di m.calu (POL) nel forum Conservatorismo
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 16-12-05, 15:36
  5. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 08-03-05, 09:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •