User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl

    Bossi cede su Lombardia e Piemonte, ma porta a casa un importante risultato.

    Bossi ce l'ha fatta e il Veneto, alle prossime regionali, dovrebbe passare nelle mani della Lega Nord. Giancarlo Galan, pur avendo avuto Berlusconi come invitato di nozze, ha perso la partita per la successione.
    Il Veneto - se gli elettori saranno d'accordo, naturalmente - andrà all'attuale ministro delle Politiche agricole, Luca Zaia, attivissimo e dotato anche di un ottimo ufficio stampa.

    Gli incontri romani dell'ultima settimana tra Bossi, Fini e Berlusconi avrebbe portato, infatti, a definire un accordo tra Pdl e Lega. A Bossi andrebbe il Veneto, mentre il Pdl riconferma quanto già era stato detto qualche settimana fa per la Lombardia, dove resta in sella Formigoni.
    Anche la candidatura per il Piemonte è affidata al Pdl: dovrebbe correre Crosetto, ma la conquista alle prossime regionali non è facile, perché il centro-sinistra, che ha la presidenza del Piemonte con Mercedes Bresso, non parte già battuto.

    Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl - IL SALVAGENTE - quotidiano on-line dei consumatori

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl

    Tutto sembra filare secondo copione.

    La lega sta crescendo nei consensi, e si deve dire a chi vota che si sta ottenendo qualcosa.
    Se non si ottiene alcunché per i popoli del Nord, almeno che si ottenga qualcosa per le cadreghe.
    Prima ci sono i capi e la struttura e poi, se dio vorrà, anche qualcosa per i comuni mortali.
    Si parla del federalismo solidale che dovrebbe dare dei risultati entro i prossimi dieci anni.

    Ma la lega ha un problema della sopravvivenza per il segretario federale di adesso e per quello futuro che dovrà essere in grado di capire a che cosa serve la lega.
    .
    Se il capo si ritira o si fa un congresso poterebbe verificarsi che i Veneti dopo 20 anni di sottomissioni ai Lombardi vogliano la segreteria federale.
    E' andata bene che la lega nel Veneto ha preso meno voti alle europee (anche se di poco) del PDL , per non avere in modo automatico il diritto di avere la Presidenza della regione.

    Vedere del 22 luglio
    http://forum.politicainrete.net/pada...de-bossi.htmll

    No il posto della Presidenza i Veneti devono averlo grazie a Bossi.
    E' un sacrificio dei Lombardi (cupola belleriana) che in cambio possano avere il diritto per contrappeso di mantenere nel loro ambito la Segreteria federale futura.

    Pertanto già Calderoli si era mosso per promettere la Presidenza della regione ai Veneti.
    E con quell' annuncio si evidenziava chi potrebbe essere il futuro segretario federale.

    Vedere 4 agosto
    http://forum.politicainrete.net/pada...tture-sud.html

    Però bisogna parlare chiaro.
    Ancora adesso con la bomba alla caserma, almeno mezzo milione di voti in più arrivano tranquilli.
    Non solo, ma la tensione del pericolo dinamitardo aumenta perché non si trovano 50 (?) Kg, di polvere base.
    Sarebbe stato giusto che la lega avesse avuto anche la Presidenza del Piemonte. Un minimo di riconoscimento per il lavoro di imbambolamento che compie la lega.

    Ma tutti sanno che il Destino della stella italiana è sempre presente.
    Una regione si, due no.
    Ed allora nasce in Piemonte la grana di un primo escluso piemontese al Parlamento che è stato denunciato per oltre un milione ( si dice di più) di euro.

    30 settembre
    http://forum.politicainrete.net/pada...o-escluso.html

    Pertanto il povero Cota è bruciato, non può dimettersi per fare il Presidente.
    Perché non si sa come andranno a finire le cose.

    Il più importante è che il posto di segretario federale futuro sia sicuro.

    roma è grande ma è anche fortunata. ( forse un po' previdente).
    Ultima modifica di jotsecondo; 16-10-09 alle 14:02

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,017
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl

    un bel casino da quanto leggo...

    mi spaventa il seguito del popolo dietro a sta gente .
    "Non sei uno schiavo perchè qualcuno ti domina,ma qualcuno ti domina perchè sei uno schiavo."



  4. #4
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl

    Bossi e il boomerang Veneto: se lo conquista perderà potere

    La partita del Veneto è cruciale per i rapporti nel centro-destra ma anche per capire gli equilibri fra regionalisti e padanisti, e la solidità della leadership bossiana.
    Questi ultimi punti sono i più interessanti.
    Ovunque – dai Paesi Baschi alla Corsica - il mondo autonomista è dilaniato da particolarismi e divisionismi, e quello padano non fa eccezione. Il più grande merito di Bossi è stato di avere riunificato una galassia litigiosa in un solo movimento e in un solo progetto: per farlo ha dovuto impiegare il suo rude ma indubbio carisma e usare il pugno di ferro per schiacciare ogni tendenza centrifuga e particolarismo.
    Il disegno originale era stato lucidamente delineato da Miglio: in una prima fase Bossi avrebbe dovuto liquidare ogni dissidenza e frazionismo per consolidare e rendere inattaccabile la propria posizione per poi – in un secondo tempo - favorire la formazione di una classe politica federalista in grado di utilizzare tutte le potenzialità delle vocazioni localiste e di costituire il nucleo umano della struttura federale della Padania futura, fatta di ampie autonomie tenute assieme dalla consapevolezza che solo con la dimensione macroregionale si può affrontare con successo prima Roma e poi la competizione globale. Allo stesso tempo si doveva, con un vero e proprio processo di “nation building”, definire il disegno di Padania identitaria e culturale e non solo socio-economica.
    Più attento ai suoi destini personali che a quelli del progetto, Bossi ha però protratto all’infinito la prima fase, quella del controllo ferreo della struttura, procrastinando sine die la condivisione delle responsabilità e relegando il processo identitario ai concorsi di bellezza e ai film di fantasy medievale. Così oggi abbiamo il paradosso di un partito che si professa liberista, autonomista e federalista ma che al proprio interno è rigidamente autocratico, piramidale e centralista: verrebbe da dire “leninista”.
    Per mantenersi saldo al potere, Bossi ha sacrificato molti degli uomini migliori delle autonomie locali, come il piemontese Gremmo, il ligure Bampi o il friulano Cecotti. Oggi ha un partito solido, in grado di gestire un buon numero di consensi ma incapace a superare una soglia ormai consolidata, e che difende la propria condizione di monopolio anche grazie agli sbarramenti delle leggi elettorali che ha fatto approvare.
    L’autonomismo veneto è particolarmente vitale ma, anche per reazione al lombardocentrismo bossiano, è sterilmente regionalista e dilaniato dalle divisioni. Nessun movimento regionalista può sostituirsi al progetto padanista. Lo aveva capito con chiarezza Giorgio Panto (che aveva carisma, idee chiare e anche disponibilità di mezzi finanziari e mediatici) e solo la sua drammatica morte ha interrotto un disegno di collegamento con le altre realtà regionali, una sorta di “altra Lega” in grado di fare produttiva concorrenza.
    Oggi Bossi ha il totale controllo della situazione ma è di fronte a una scelta drammatica.
    Se in Veneto impone un candidato forte (Tosi o Zaia, vecchio amico di Panto) rischia di trovarsi una forte figura carismatica, un concorrente di valenza e popolarità sovraregionale in grado di ridestare interesse nella grande massa di autonomisti e di leghisti delusi rifugiati nell’astensionismo.
    Una rinuncia rimpinguerebbe i suoi crediti personali presso gli alleati ma scatenerebbe i risentimenti della base con conseguenze imprevedibili.
    Potrebbe designare un candidato più controllabile e meno pericoloso ma indebolirebbe sia la coalizione che il partito.
    Una bella rogna! È condannato a vincere ma “con (tantissimo) giudizio”. Un eccesso di successo potrebbe mettere in crisi il suo potere personale. Se avesse dato retta a Miglio oggi non sarebbe il despota di un partito medio ma l’icona osannata di un movimento molto più forte e di un Paese più libero. Potrebbe sempre iniziare oggi la “fase due” ma è difficile fare crescere alberi vigorosi dove per vent’anni si è gettato il diserbante.

    Gilberto Oneto

    Bossi e il boomerang Veneto: se lo conquista perderà potere - Interni - ilGiornale.it del 21-10-2009

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    Bossi e il boomerang Veneto: se lo conquista perderà potere

    .

    Gilberto Oneto

    Bossi e il boomerang Veneto: se lo conquista perderà potere - Interni - ilGiornale.it del 21-10-2009
    beh mi pare che le " preoccupazioni" di oneto corrispondano un po troppo a quelle del suo " editore" ...
    vulgus vult decipi

  6. #6
    Cromag
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    37,756
    Mentioned
    294 Post(s)
    Tagged
    50 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Rif: Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    Il disegno originale era stato lucidamente delineato da Miglio: in una prima fase Bossi avrebbe dovuto liquidare ogni dissidenza e frazionismo per consolidare e rendere inattaccabile la propria posizione per poi – in un secondo tempo - favorire la formazione di una classe politica federalista in grado di utilizzare tutte le potenzialità delle vocazioni localiste e di costituire il nucleo umano della struttura federale della Padania futura, fatta di ampie autonomie tenute assieme dalla consapevolezza che solo con la dimensione macroregionale si può affrontare con successo prima Roma e poi la competizione globale. Allo stesso tempo si doveva, con un vero e proprio processo di “nation building”, definire il disegno di Padania identitaria e culturale e non solo socio-economica.
    Se Zaia sarà governatore penso proprio questa benedetta seconda fase potrà partire.
    Sul fronte "nation building" invece silenzio di tomba , forse potrebbe nascere solo se la Lega corresse da sola in Veneto con un super candidato e vincesse , a quel punto potrebbe coi soldi pubblici finanziare una Tele Veneto identitaria e un sacco di associazioni similari.
    Ma pare che Silvio non sia cosi fesso e alla fine abbia trovato la "quadra".
    Salvini, finto sovranista e vero neocon (sionista, americanista, ricchista)
    Maduro ce l'ha duro e ve lo mett'ar culo!

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luca Zaia al posto di Galan, la Lega strappa il Veneto al Pdl

    Ma Zaia non è quello che è andato in Abruzzo con l'elicottero da roma, ha fatto una intervista per una televisione e poi se ne è tornato a roma? Bei candidati sul serio :gluglu:

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 82
    Ultimo Messaggio: 02-10-09, 01:27
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-05-09, 12:20
  3. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 12-04-08, 07:01
  4. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-04-08, 16:11
  5. Zaia nel futuro della Lega in Veneto?
    Di yurj nel forum Padania!
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 15-03-05, 11:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226