User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Affus
    Ospite

    Predefinito La legge Naturale (versione riveduta e corretta )

    LA LEGGE NATURALE , L’AUTORITA’, LA POLITICA

    Per Aristotile l’autorità nasce dal diritto di natura e non dal consenso popolare a un “trattato” o

    con la delega che il popolo fa a un principe per mettere un freno alle individualità istintuali dell’uomo cosi come è inteso dal darwinismo e dal giusnaturalimo .

    IL Filosofo dice che le leggi naturali sono leggi comuni a tutti gli uomini o , piu limitatamente , a tutti i popoli civili , e che ,pertanto , sono ricavabili da una considerazione generale sulla natura umana . Egli dice : “giusto naturale è quello che ha dappertutto ha la stessa efficacia “.(Aristotile, Etica Nicomachea )

    E Cicerone riferendosi ad Aristotile sentenziera’ : << In ogni cosa

    Il consenso di tutti i popoli è da considerarsi legge di natura >>.

    “ IL consenso di tutti è la voce stessa della natura “ (Cicerone , Tuscolane,1,13-14). Molti autori in seguito si adopereranno a dimostrare che non esiste nessuna legge di natura nei popoli perché essi hanno spesso leggi opposte , ma che dei pagani , non condizionati ideologicamente arrivino a dire con il semplice uso della ragione , con la forza della loro autorità culturale e della loro esperienza , che esistono delle leggi di natura universale a cui tutti i popoli danno o non danno il consenso , è gia una meta eccezionale ed e’ la dimostrazione che il problema della legge universale naturale risale alla creazione dell’uomo . La ragione umana , non condizionata da nessun sistema religioso preciso , arriva da sola ad ammettere la necessita di leggi di natura oggettive anche se venisse a mancare il consenso popolare a causa di condizioni contingenti particolari. Forse a questo si riferiva Aristotile quando individuava almeno nei “popoli civili” una certa sensibilità alla legge naturale universale .

    Per il Filosofo la prima comunità naturale è la famiglia che nasce dall’unione o da una comunione di un uomo con una donna uniti da un patto naturale .

    In essa vigono regole comportamentali private tra i membri, non separate pero’ da una morale universale nello stesso tempo personale.

    La prima cosa che faranno i giusnaturalisti sarà di dimostrare che se esiste una legge universale, non é certo quella data dalla natura ma è quella che deduce la scienza nel considerare la natura ferina dell’uomo. E’ L’uomo con la sua osservazione scientifica che deduce le leggi universali di natura e se si sbagliano le osservazioni “scientifiche “ , si sbagliano addirittura le leggi universali che regolano l’universo !

    Per i giusnaturalisti c’è un conflitto insanabile tra l’individuo e lo Stato ,anzi lo Stato è l’espressione di quella assoluta libertà ferina che l’individuo non potrà mai permettersi altrimenti avremmo la legge della giungla e l’anarchia della foresta dove ognuno lotta per la propria sopravvivenza .

    Per loro l’autorità nasce da un contratto a cui però il popolo deve dare una specie di consenso .

    Stessa cosa faranno gli illuministi nel dimostrare che non esiste nessuna legge di natura universale nel senso aristotelico ma esiste una deduzione scientifica della libertà, fraternità e uguaglianza fra gli uomini.

    Salvo poi dire che i negri e gli ebrei non erano esseri normali tanto è vero che Voltaire era azionista di compagnie di navigazione per il trasporto e la vendita di schiavi negri in America e Garibaldi che guidava navi negriere prima di darsi alla liberazione dei popoli oppressi , trovava coerente il suo ideale e il suo comportamento .

    Lo storicismo in seguito si affannerà pure lui a dimostrare che non esiste alcune “legge di natura” ma tutto di pende dalla natura delle cose, dai bisogni materiali ed economici degli uomini di una determinata classe sociale ed economica in una determinata e storica situazione sociale.

    Senonché Aristotile aveva individuato per davvero la stella polare in mezzo a tutte le tempeste e vicissitudini degli uomini e dei popoli , infatti egli ci dice che quando in un territorio ci sono due o più comunità o famiglie, queste debbono regolare i loro rapporti sociali , e proprio da questo nasce la naturale necessità dell’autorità e quindi delle leggi. Allora nasce la politica come conseguenza dell’etica sociale .

    Ad esempio due o tre famiglie di pastori in uno stesso territorio hanno bisogno di regole o almeno di una consuetudine orale oppure scritta, dove si dice che le pecore degli uni non debbono sconfinare nei pascoli dell’altro; non debbono rubarsi il bestiame a vicenda, anche nel caso di capi dispersi……

    Hanno bisogno di dividersi il territorio, le sorgenti d’acqua e stabilire una autorità TERZA che faccia osservare queste leggi.

    Poteva essere un sacerdote o un re, a volte anche un delinquente, ma era la natura stessa del vivere comune che richiedeva altre leggi di diritto civile; così nasceva la politica.

    Quindi il Filosofo non considera l’autorità come quel potere necessario per regolare gli istinti dell’ homo homini lupus, ma quel potere che regola i rapporti tra individui e tra comunità e classi sociali per uno sviluppo ordinato di ognuna per i fini assegnatigli dalla stessa natura .

    Non esiste conflitto innato tra individuo e autorità ; non ci deve essere, oppure distinguere sempre nell’autorità colei che dovrebbe assicurare una giustizia giusta, che non è altro se non l’antico concetto ebraico di : “occhio per occhio e dente per dente”, parole che non significano vendetta sul nemico, ma giustizia al disopra degli interessi e delle parti.

    Già l’opera la Politica di Aristotele e anche il Codex del diritto romano non sembrano altro che una ripetizione, una replica di uno dell’altro circa la giustificazione del potere politico e imperiale senonchè in secoli recenti se ne sono venuti altri naturalisti e ci anno insegnato che bisogna studiare “ i bisogni umani” che non sono molto diversi da quelli delle bestie e che il loro metodo era finalmente scientifico e certo al contrario di quello della tradizione pagana ed ebraica che fondano l’autorità su una esigenza etica di giustizia giusta al disopra delle parti.

    Diceva Dio a Mosè nel Deuteronomio: “non devi guardare nè a destra, nè a sinistra nel giudizio del tuo prossimo.” Ovvero la giustizia non tiene conto del censo sociale dell’individuo sia ricco e sia povero , anche se questo fosse nel bisogno .

    Il potere quindi non è in antitesi al diritto naturale dell’individuo ma un ordinatore e regolatore di rapporti tra individui e tra società o comunità di grado superiore.

    L’individuo non è contrapposto allo Stato ,ma è lo sviluppo ordinato della sua vita sociale .

    Nel modello Aristotelico la società umana passa da una piccola a una più grande per progressione geometrica.

    Le società e l’individuo per Aristotile non sono un’ astratto stato naturale in cui casualmente si sarebbe trovato l’uomo cronologicamente prima della necessità dello Stato che reprimesse le singole individualità, ma entità concrete, come la famiglia naturale consistente di due persone , maschio e femmina , che si associano, non essendo nemici tra loro a causa della natura ferina.

    Sono due persone buone di natura che si amano e non hanno bisogno di scrivere regole di convivenza per paura del prevalere dei loro istinti . Quindi il modello di società Aristotelico è aperto nel senso che le società variano di numero e progressione ma non c’è contrapposizione tra individuo e società, dove o prevale l’uno o prevale l’altro.

    Per Aristotile la società perfetta e ultima è lo Stato in cui c’è un rapporto di progressione e continuità dalla famiglia.

    L’individuo non è un individuo isolato e pericoloso come un leone nella giungla che abbia bisogno di uccidere per sopravvivere o che deve stare sempre in agguato per procacciarsi il cibo.

    La società non è una classe di individui nella stessa situazione economica in lotta con un’altra classe che bisogna sopprimere.

    L’uomo non è l’homo artificialis creato dalla cultura.

    Anche lo Stato non è artificialis ma nasce dalla difesa di questi gruppi di individui nel territorio, per procurarsi i mezzi di sussistenza e dividersi il lavoro.

    Queste cose non vanno fatte se non avendo un modello etico ben preciso, dato dalla stessa natura umana che non è solo animale.

    Il principio di legittimazione dell’autorità quindi non è il consenso se pur importante ma lo stato di necessità naturale che nasce dalla stessa natura sociale e non dalla lotta degli egoismi tra individui

    La società pre politica per il Filosofo è la famiglia la quale è quella società che organizza la casa (Oikos).

    Il primo libro della Politica di Aristotile riguarda il governo della casa, la società domestica e la sua economia.

    Non esistono per il Filosofo artificiali individui isolati viventi al di fuori di qualsiasi norma in uno stato di libertà e uguaglianza primigenia che oggi predomina nel modello darwiniano di famiglia e lo si costata dal fatto che ogni volta che si parla della difesa del nucleo famigliare come primo modello politico più piccolo, se ne viene sempre fuori qualcuno di destra o di sinistra a dirci che è una concezione reazionaria ogni interpretazione che considera lo Stato come lo sviluppo della famiglia.

    Il modello del potere è infatti quello del padre sul figlio esteso per gradi al re o al capo.

    Lo stato per Aristotile non è meno naturale delle altre forme più naturali del vivere sociale.

    Lo stato civile oggi vive della chimera contrattualistica fatta passare per società civile.

    Gli stati non si sono formati per un atto di ragione umana ma per un atto naturale.

    C’è una società al disopra delle altre società che si differenzia per un maggior grado di autorità sulle altre tra loro e questa società è lo Stato.

    Questa autorità non dipende da nessuna altra se non dalla legge morale di natura che giustifica il suo esistere.

    L’autorità viene dall’alto perché il padre comanda per natura sul figlio e non viceversa, per contratto, il figlio dice al padre cosa deve fare.

    Ora dove bisogna collegare l’azione della Politica in questo discorso?

    Un movimento politico cerca di ristabilire i principi etici universali violati nel corpo sociale e colloca al loro giusto posto in ordine etico le varie società minori per il loro fine naturale e nel fare questo ha le giustificazioni etiche e morali nell’uso dei mezzi che ha a disposizione . (cr)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    caro affus,
    ci risiamo con i polpettoni sul diritto naturale?
    Ma toglimi una curiosità: cosa è per te il diritto naturale? Cosa il diritto positivo?

    Augustinus

  3. #3
    Affus
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Augustinus
    caro affus,
    ci risiamo con i polpettoni sul diritto naturale?
    Ma toglimi una curiosità: cosa è per te il diritto naturale? Cosa il diritto positivo?

    Augustinus

    Polpettoni ?
    Con questo articolo metterò a ferro e fuoco i mass media della mia diocesi, chiunque lo rifiutera solo di pubblicarlo, si dichiarera sic e simpliciter contro la legge naturale ! Avranno bisogno di un tribunale ecclesiastico perchè gli faro passare i guai !!!!!
    legge naturale = legge fondata sulla natura dell'uomo.
    legge positiva = deliberata dagli organi dotati di potere legislativo .

  4. #4
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Affus

    .....
    legge naturale = legge fondata sulla natura dell'uomo.
    ....
    Che vuol dire "fondata sulla natura dell'uomo"??? Sii più chiaro ed esplicito.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,996
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Si è dato da fare, diamogli un premio.
    La famosa artista idolo delle folle :" si figuri che uno ha addirittura scritto che avrei dovuto investire i MIEI soldi comprando un bar! Io!!!! La barista!!!!"

  6. #6
    Affus
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Augustinus
    Che vuol dire "fondata sulla natura dell'uomo"??? Sii più chiaro ed esplicito.
    L'uomo nella sua caratteristica piu pregnante , si distingue dagli animali per la sua razionalita e spiritualita .
    Le sue leggi quindi lo preservano nella sua natura materiale , ma sopratutto spiritule. Le sue leggi morali quindi si fondano su questa sua specificita di natura .
    E se l'articolo non me lo pubblicano sul giornale diocesano , saranno guai per tutti !

  7. #7
    Affus
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Augustinus
    Che vuol dire "fondata sulla natura dell'uomo"??? Sii più chiaro ed esplicito.

    Capisci che, a questo punto venire a parlare di "liberta di Cristo" e "liberta dello spirito" , "spirito di liberta" oppure dire "Cristo ci ha liberati e siamo liberi" significa dire una pura follia perchè la liberazione di Cristo per adesso non riguarda la liberta dalla legge morale e politica ,ma quella interiore dello spirito .
    Per troppo tempo certi prelati che puzzano di massoneria ci hanno confuso le idee e hanno spaccato la spiritualita cristiana apportando solo rovina e confusione .

  8. #8
    Affus
    Ospite

    Predefinito Re: La legge Naturale (versione riveduta e corretta )

    Originally posted by Affus
    LA LEGGE NATURALE , L’AUTORITA’, LA POLITICA

    Per Aristotile l’autorità nasce dal diritto di natura e non dal consenso popolare a un “trattato” o

    con la delega che il popolo fa a un principe per mettere un freno alle individualità istintuali dell’uomo cosi come è inteso dal darwinismo e dal giusnaturalimo .

    IL Filosofo dice che le leggi naturali sono leggi comuni a tutti gli uomini o , piu limitatamente , a tutti i popoli civili , e che ,pertanto , sono ricavabili da una considerazione generale sulla natura umana . Egli dice : “giusto naturale è quello che ha dappertutto ha la stessa efficacia “.(Aristotile, Etica Nicomachea )

    E Cicerone riferendosi ad Aristotile sentenziera’ : << In ogni cosa

    Il consenso di tutti i popoli è da considerarsi legge di natura >>.

    “ IL consenso di tutti è la voce stessa della natura “ (Cicerone , Tuscolane,1,13-14). Molti autori in seguito si adopereranno a dimostrare che non esiste nessuna legge di natura nei popoli perché essi hanno spesso leggi opposte , ma che dei pagani , non condizionati ideologicamente arrivino a dire con il semplice uso della ragione , con la forza della loro autorità culturale e della loro esperienza , che esistono delle leggi di natura universale a cui tutti i popoli danno o non danno il consenso , è gia una meta eccezionale ed e’ la dimostrazione che il problema della legge universale naturale risale alla creazione dell’uomo . La ragione umana , non condizionata da nessun sistema religioso preciso , arriva da sola ad ammettere la necessita di leggi di natura oggettive anche se venisse a mancare il consenso popolare a causa di condizioni contingenti particolari. Forse a questo si riferiva Aristotile quando individuava almeno nei “popoli civili” una certa sensibilità alla legge naturale universale .

    Per il Filosofo la prima comunità naturale è la famiglia che nasce dall’unione o da una comunione di un uomo con una donna uniti da un patto naturale .

    In essa vigono regole comportamentali private tra i membri, non separate pero’ da una morale universale nello stesso tempo personale.

    La prima cosa che faranno i giusnaturalisti sarà di dimostrare che se esiste una legge universale, non é certo quella data dalla natura ma è quella che deduce la scienza nel considerare la natura ferina dell’uomo. E’ L’uomo con la sua osservazione scientifica che deduce le leggi universali di natura e se si sbagliano le osservazioni “scientifiche “ , si sbagliano addirittura le leggi universali che regolano l’universo !

    Per i giusnaturalisti c’è un conflitto insanabile tra l’individuo e lo Stato ,anzi lo Stato è l’espressione di quella assoluta libertà ferina che l’individuo non potrà mai permettersi altrimenti avremmo la legge della giungla e l’anarchia della foresta dove ognuno lotta per la propria sopravvivenza .

    Per loro l’autorità nasce da un contratto a cui però il popolo deve dare una specie di consenso .

    Stessa cosa faranno gli illuministi nel dimostrare che non esiste nessuna legge di natura universale nel senso aristotelico ma esiste una deduzione scientifica della libertà, fraternità e uguaglianza fra gli uomini.

    Salvo poi dire che i negri e gli ebrei non erano esseri normali tanto è vero che Voltaire era azionista di compagnie di navigazione per il trasporto e la vendita di schiavi negri in America e Garibaldi che guidava navi negriere prima di darsi alla liberazione dei popoli oppressi , trovava coerente il suo ideale e il suo comportamento .

    Lo storicismo in seguito si affannerà pure lui a dimostrare che non esiste alcune “legge di natura” ma tutto di pende dalla natura delle cose, dai bisogni materiali ed economici degli uomini di una determinata classe sociale ed economica in una determinata e storica situazione sociale.

    Senonché Aristotile aveva individuato per davvero la stella polare in mezzo a tutte le tempeste e vicissitudini degli uomini e dei popoli , infatti egli ci dice che quando in un territorio ci sono due o più comunità o famiglie, queste debbono regolare i loro rapporti sociali , e proprio da questo nasce la naturale necessità dell’autorità e quindi delle leggi. Allora nasce la politica come conseguenza dell’etica sociale .

    Ad esempio due o tre famiglie di pastori in uno stesso territorio hanno bisogno di regole o almeno di una consuetudine orale oppure scritta, dove si dice che le pecore degli uni non debbono sconfinare nei pascoli dell’altro; non debbono rubarsi il bestiame a vicenda, anche nel caso di capi dispersi……

    Hanno bisogno di dividersi il territorio, le sorgenti d’acqua e stabilire una autorità TERZA che faccia osservare queste leggi.

    Poteva essere un sacerdote o un re, a volte anche un delinquente, ma era la natura stessa del vivere comune che richiedeva altre leggi di diritto civile; così nasceva la politica.

    Quindi il Filosofo non considera l’autorità come quel potere necessario per regolare gli istinti dell’ homo homini lupus, ma quel potere che regola i rapporti tra individui e tra comunità e classi sociali per uno sviluppo ordinato di ognuna per i fini assegnatigli dalla stessa natura .

    Non esiste conflitto innato tra individuo e autorità ; non ci deve essere, oppure distinguere sempre nell’autorità colei che dovrebbe assicurare una giustizia giusta, che non è altro se non l’antico concetto ebraico di : “occhio per occhio e dente per dente”, parole che non significano vendetta sul nemico, ma giustizia al disopra degli interessi e delle parti.

    Già l’opera la Politica di Aristotele e anche il Codex del diritto romano non sembrano altro che una ripetizione, una replica di uno dell’altro circa la giustificazione del potere politico e imperiale senonchè in secoli recenti se ne sono venuti altri naturalisti e ci anno insegnato che bisogna studiare “ i bisogni umani” che non sono molto diversi da quelli delle bestie e che il loro metodo era finalmente scientifico e certo al contrario di quello della tradizione pagana ed ebraica che fondano l’autorità su una esigenza etica di giustizia giusta al disopra delle parti.

    Diceva Dio a Mosè nel Deuteronomio: “non devi guardare nè a destra, nè a sinistra nel giudizio del tuo prossimo.” Ovvero la giustizia non tiene conto del censo sociale dell’individuo sia ricco e sia povero , anche se questo fosse nel bisogno .

    Il potere quindi non è in antitesi al diritto naturale dell’individuo ma un ordinatore e regolatore di rapporti tra individui e tra società o comunità di grado superiore.

    L’individuo non è contrapposto allo Stato ,ma è lo sviluppo ordinato della sua vita sociale .

    Nel modello Aristotelico la società umana passa da una piccola a una più grande per progressione geometrica.

    Le società e l’individuo per Aristotile non sono un’ astratto stato naturale in cui casualmente si sarebbe trovato l’uomo cronologicamente prima della necessità dello Stato che reprimesse le singole individualità, ma entità concrete, come la famiglia naturale consistente di due persone , maschio e femmina , che si associano, non essendo nemici tra loro a causa della natura ferina.

    Sono due persone buone di natura che si amano e non hanno bisogno di scrivere regole di convivenza per paura del prevalere dei loro istinti . Quindi il modello di società Aristotelico è aperto nel senso che le società variano di numero e progressione ma non c’è contrapposizione tra individuo e società, dove o prevale l’uno o prevale l’altro.

    Per Aristotile la società perfetta e ultima è lo Stato in cui c’è un rapporto di progressione e continuità dalla famiglia.

    L’individuo non è un individuo isolato e pericoloso come un leone nella giungla che abbia bisogno di uccidere per sopravvivere o che deve stare sempre in agguato per procacciarsi il cibo.

    La società non è una classe di individui nella stessa situazione economica in lotta con un’altra classe che bisogna sopprimere.

    L’uomo non è l’homo artificialis creato dalla cultura.

    Anche lo Stato non è artificialis ma nasce dalla difesa di questi gruppi di individui nel territorio, per procurarsi i mezzi di sussistenza e dividersi il lavoro.

    Queste cose non vanno fatte se non avendo un modello etico ben preciso, dato dalla stessa natura umana che non è solo animale.

    Il principio di legittimazione dell’autorità quindi non è il consenso se pur importante ma lo stato di necessità naturale che nasce dalla stessa natura sociale e non dalla lotta degli egoismi tra individui

    La società pre politica per il Filosofo è la famiglia la quale è quella società che organizza la casa (Oikos).

    Il primo libro della Politica di Aristotile riguarda il governo della casa, la società domestica e la sua economia.

    Non esistono per il Filosofo artificiali individui isolati viventi al di fuori di qualsiasi norma in uno stato di libertà e uguaglianza primigenia che oggi predomina nel modello darwiniano di famiglia e lo si costata dal fatto che ogni volta che si parla della difesa del nucleo famigliare come primo modello politico più piccolo, se ne viene sempre fuori qualcuno di destra o di sinistra a dirci che è una concezione reazionaria ogni interpretazione che considera lo Stato come lo sviluppo della famiglia.

    Il modello del potere è infatti quello del padre sul figlio esteso per gradi al re o al capo.

    Lo stato per Aristotile non è meno naturale delle altre forme più naturali del vivere sociale.

    Lo stato civile oggi vive della chimera contrattualistica fatta passare per società civile.

    Gli stati non si sono formati per un atto di ragione umana ma per un atto naturale.

    C’è una società al disopra delle altre società che si differenzia per un maggior grado di autorità sulle altre tra loro e questa società è lo Stato.

    Questa autorità non dipende da nessuna altra se non dalla legge morale di natura che giustifica il suo esistere.

    L’autorità viene dall’alto perché il padre comanda per natura sul figlio e non viceversa, per contratto, il figlio dice al padre cosa deve fare.

    Ora dove bisogna collegare l’azione della Politica in questo discorso?

    Un movimento politico cerca di ristabilire i principi etici universali violati nel corpo sociale e colloca al loro giusto posto in ordine etico le varie società minori per il loro fine naturale e nel fare questo ha le giustificazioni etiche e morali nell’uso dei mezzi che ha a disposizione . (cr)


    Amici , ho avuto assicurazioni che questo articolo , ancora da me riveduto e corretto, sara pubblicato sul quindicinale diocesano .
    Come vedete , non tutto resta aria fritta quando discutiamo .

  9. #9
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Affus
    E se l'articolo non me lo pubblicano sul giornale diocesano , saranno guai per tutti !




    Oddio, muoio dal ridere.

    Non vorrei essere nei panni del responsabile del giornale diocesano
    _______________________
    Gli zeri, per valere qualcosa,
    devono stare a destra.

  10. #10
    Affus
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by marcejap



    Oddio, muoio dal ridere.

    Non vorrei essere nei panni del responsabile del giornale diocesano
    beh , non buttiamoci completamente a terra .

    Giorni fa una ragazza mia compaesana , mi chiedeva il permesso per citare due miei articoli di storia locale nella sua tesi di laurea .
    come vedi , c'è pure chi mi prende a livello scientifico .
    Mi ha scritto su interenet a un mio sito e ho scoperto che abita
    a meno di cinquanta metri da casa .

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Domanda molto indiscreta... (VERSIONE CORRETTA CON RISPOSTA MULTIPLA)
    Di catartica nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 26-01-09, 22:58
  2. Cos'è la legge naturale ?
    Di Affus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-12-07, 01:19
  3. Rothbard e la legge naturale
    Di Brontosaurus nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 219
    Ultimo Messaggio: 20-07-05, 22:01
  4. Legge Naturale
    Di Talib nel forum Cattolici
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 04-07-05, 21:04
  5. Legge Naturale
    Di Talib nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-07-05, 22:39

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226