User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    681
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bossi E La Chiesa Romana

    HA PERFETTAMENTE RAGIONE.

    IL DEMONE DEL DENARO GLI HA RUBATO IL SANGUE AI VESCOVONI.

    LI RITROVERO' ALL'INFERNO.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sangue, onore e Padania!
    Data Registrazione
    06 Apr 2002
    Località
    The Ice-Veiled Throne Of Ultima Thule
    Messaggi
    323
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E dai non dire così che mi sembri "mangiapeccati"

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Langbarten
    E dai non dire così che mi sembri "mangiapeccati"
    cioè il multietnico piemontese

  4. #4
    AUTODIFESA ETNICA TOTALE!
    Data Registrazione
    20 Oct 2003
    Località
    "Noi vogliamo solo essere liberi e continuare a vivere come sempre, conservando ciò ch'è nostro senza dover obbedire a signori stranieri" Il Signore degli Anelli, pg. 530
    Messaggi
    1,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking

    i cattotalebani di tradcatt sono indignati dal richiamo di Bossi alla povertà evangelica...
    insomma, tradizione di qua, tradizione di là, ma alla fine se gli tocca la borsa, i vescovoni si incazzano !!
    Altro che "regno dell'altro mondo"... sono più che mondani, questi....

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Eomer
    i cattotalebani di tradcatt sono indignati dal richiamo di Bossi alla povertà evangelica...
    insomma, tradizione di qua, tradizione di là, ma alla fine se gli tocca la borsa, i vescovoni si incazzano !!
    Altro che "regno dell'altro mondo"... sono più che mondani, questi....
    ah sono indignati? chi l'avrebbe detto...

    comunque la cosa importante, come scriveva in un threa di qualche tempo fa aran banjo è evitare che con bizantini distinguo si cerchi di salvare una parte della chiesa (vaticano primo vaticano secondo e vaccate varie). Il marciume è totale, e questa chiesa è solo una sanguisuga dei popoli padani, dato che abbiamo la sfrotuna di avere la sega legale di questo potentato praticamente all'interno dello stato che ci opprime.

  6. #6
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bossi la banderuola

    Un giorno è celtico,un altro chiama il Papa sua santità...e un altro ancora lo chiama "il polacco".

    Detto questo,spero che adesso mantenga quest'ultima definitiva(?) posizione.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Bossi la banderuola

    In origine postato da Dragonball
    Un giorno è celtico,un altro chiama il Papa sua santità...e un altro ancora lo chiama "il polacco".

    Detto questo,spero che adesso mantenga quest'ultima definitiva(?) posizione.
    esatto...hai ragione in pieno...se non altro la posizione di scontro frontale con pretume e cleraglia vari è più presentabile. Veidamo quanto durerà però...d'altronde lui è un cattolico tradizionalista

    comunque quello che va alla "chiesa" non torna più nelle nostre tasche. Roma ladrona si veste sia con la giacca e cravatta dei politic sia con le sottane del clero...fradolcino sicuramente si ricorderà uno slogan tipo

    CLORO AL CLERO
    DIOSSINA ALLA DICCì
    PIOMBOPIOMBOPIOMBO SULL'EMME ESSE I

    indicatissimo, in verità

  8. #8
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Bossi la banderuola

    In origine postato da Nanths
    esatto...hai ragione in pieno...se non altro la posizione di scontro frontale con pretume e cleraglia vari è più presentabile. Veidamo quanto durerà però...d'altronde lui è un cattolico tradizionalista

    comunque quello che va alla "chiesa" non torna più nelle nostre tasche. Roma ladrona si veste sia con la giacca e cravatta dei politic sia con le sottane del clero...fradolcino sicuramente si ricorderà uno slogan tipo

    CLORO AL CLERO
    DIOSSINA ALLA DICCì
    PIOMBOPIOMBOPIOMBO SULL'EMME ESSE I

    indicatissimo, in verità
    Lo scontro frontale è sconsigliabile contro uno degli stati più potenti del mondo.

    Mentre il discorso dell' 8 per mille è una minaccia non tanto velata in risposta alle continue e inaccettabili ingerenze della pretaglia italo-mafiosa nel confronto politico.

    Sappiamo che la Chiesa è contro la devolution e contro il federalismo e non fa mistero di esserlo ogni giorno che passa.

    Quindi se i padioti fossero persone serie (e non lo sono affatto) questa minaccia sarebbe più che sufficiente per indurre a più miti propositi i preti di merda.

  9. #9
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'IMPOSIZIONE DELL'OTTO PER MILLE E' UNA VERA TRUFFA

    Se potete, leggetevi l'intero post, non solo le parti in grassetto
    .................................................. ..............



    l'inghippo dell'otto per mille sottoscritto da Craxi per acquisire benemerenze presso il Vaticano

    L'otto per mille al vaticano

    Il finanziamento alla Chiesa Cattolica, deciso con la revisione concordataria del 1984, con l'inghippo dell'otto per mille sottoscritto da Craxi per acquisire benemerenze presso il Vaticano, è, nella formulazione italiana, null'altro che una truffa in quanto la percentuale dei contribuenti che firmano l'otto per mille a favore della Chiesa cattolica è di circa il 45%, che poi in sede di liquidazione dell'importo calcolato diventa quasi il 90%.
    In altri paesi con forte presenza cattolica le cose sono regolate in modo più giusto e trasparente. In Germania ad esempio il credente versa volontariamente alla sua chiesa un 9 per cento dell'imposta sul reddito pagato, chi non vuole semplicemente non paga; in Spagna il contribuente può dichiarare che lo 0,5 per cento del gettito fiscale possa essere destinato alla Chiesa o allo Stato, in assenza di scelta la cifra è destinata ad altri fini. In Italia invece la Chiesa Cattolica, mai sazia di privilegi, è riuscita a mettere a punto e far approvare un meccanismo perverso che le consente di incamerare quasi totalmente il cosiddetto otto per mille dell'IRPEF, qualunque sia la scelta o la non scelta degli italiani. La relativa legge che consente la truffa può essere quindi considerata più rispondente a reciproci interessi politico-economici che a una precisa definizione della volontà dei cittadini.

    Il nuovo sistema di finanziamento dell'organizzazione ecclesiastica è oggi regolato dalla legge 222 del 20.05.1985, e recepisce gli accordi raggiunti il 15.11.1984 da Mons. Attilio Nicora e dal prof. Francesco Margiotta Broglio. Al secondo titolo del punto 3 del Protocollo Addizionale Beni ecclesiastici e sostentamento del clero", viene superato il precedente sistema della congrua sia nella forma dell'erogazione sia nella gestione dei fondi. L'articolo 21 infatti prevede la creazione di un "Istituto per il sostentamento del clero" alle dipendenze del vescovo di ogni diocesi, e di un "Istituto Centrale" alle dipendenze della CEI, dove far confluire l'enorme tributo dell'otto per mille e i versamenti fino a due milioni detraibili dalla denuncia dei redditi.
    L'articolo 46, che prevede appunto questa forma di erogazione, chiamata "obolo" perché elargisce un contributo personale, grava comunque sulle pubbliche finanze sotto forma di minori introiti di imposta. C'è da aggiungere che gli esperti finanziari pensavano che da queste libere offerte venisse la parte più rilevante del finanziamento della chiesa, ma così non è stato. Il loro gettito è stato di circa 45 miliardi l'anno, ed è attualmente in diminuzione. Questo smacco dimostra in maniera clamorosa che il nuovo finanziamento in nessun modo si può chiamare "Autofinanziamento".
    L'entità dell'otto per mille dell'IRPEF è attualmente di circa mille miliardi ma, per effetto dell'inflazione, è ovvio che il suo aumento farà sempre lievitare la percentuale da attribuire alla Chiesa Cattolica. Questo versamento effettuato da TUTTI i cittadini può essere suddiviso mediante una scelta espressa fra lo Stato, la Chiesa Cattolica e le altre piccole confessioni religiose che hanno accettato di partecipare alla spartizione (i Testimoni di Geova, i più pericolosi concorrenti del Vaticano, sono da dieci anni in attesa di essere inseriti, ma inutilmente).
    Ma il meccanismo perverso che favorisce la Chiesa Cattolica è la quota dell'otto per mille di quei cittadini che, intendendo sottrarsi a tale invito, non firmano nessuna preferenza e di quei cittadini che, riconoscendosi in un'etica laica, scelgono lo Stato Italiano e loro malgrado sono quasi totalmente aggiunti alla quota riservata alla Chiesa Cattolica, in virtù di uno stratagemma ideato per aggirare l'ostacolo dei non credenti e mantenere il più alto possibile l'introito per la Chiesa Cattolica.
    Lo stesso comma 3 si conclude così: ...in caso di scelta non espressa da parte dei contribuenti la destinazione si stabilisce in proporzione alle scelte espresse. Quale che sia, cioè, la percentuale delle scelte espresse, anche la quota su cui non è stata effettuata nessuna scelta viene distribuita alla Chiesa Cattolica o allo Stato, in percentuale alle scelte a loro favore. Solo fra loro, perché le altre confessioni dignitosamente non hanno accettato di partecipare a questa ulteriore spartizione.
    Un esempio concreto: se su 100 cittadini 90 non si esprimono (per disinteresse o per tacita delega allo Stato), e solo 8 firmano per la Chiesa Cattolica, l'80 per cento della quota IRPEF stabilita andrà alla Chiesa Cattolica. Ecco come in Italia una evidente minoranza può diventare la quasi totalità degli italiani che finanzieranno, loro malgrado, un'associazione religiosa. Anche le somme accumulate per la scelta a favore dello Stato sono convogliate ad opere assistenziali, in Italia quasi interamente in mano alla Chiesa Cattolica. In tal modo non viene assolutamente rispettata la volontà di chi, non scegliendo o scegliendo lo Stato, ha inteso sottrarsi all'obbligo di partecipare a questa specie di referendum che, fra l'altro, viola il diritto di riservatezza. Non solo viene limitata la libertà di scegliere o non scegliere, ma è evidente l'intrusione nel segreto delle coscienze.

    Questa situazione si aggrava ulteriormente da quando la legge consente ai lavoratori dipendenti di affidare al datore di lavoro la redazione della proprio denuncia dei redditi, per possibili rischi di rappresaglie sul posto di lavoro.
    Un'altra cosa non corretta è il sistema di conteggio delle scelte effettive dei contribuenti la cui percentuale non viene attribuita contando la reale destinazione della scelta espressa, ma con un sorteggio a campione che molti ritengono addirittura illegale.
    Quanto all'entità delle somme erogate alla CEI sulla base di tale forma di finanziamento, è previsto un complesso sistema di transizione che stabilisce anticipi e conguagli annuali e di triennio in triennio. Gli acconti versati dallo Stato alla CEI con il nuovo sistema dell'otto per mille sono di circa 700 miliardi l'anno, salvo poi conguagli e ulteriori anticipi che nel 1996 hanno raggiunto la ragguardevole cifra di 1500 miliardi più 800 miliardi, sempre a conguaglio, che la magnanimità dei vescovi ha accettato fossero rateizzati. Dopo l'erogazione di quest'enorme cifra, che dalle disastrate casse della Repubblica Italiana è passata a rimpinzare quelle del Vaticano, il Card.Ruini ha avuto modo di dichiararsi soddisfatto e durante una recente assemblea della CEI ha indicato anche come saranno ripartiti i 1500 miliardi appena ricevuti:
    565 miliardi per mantenere e assicurare gli stipendi ai 40.000 preti italiani;
    10 miliardi per un fondo domestiche, vista la quasi scomparsa delle perpetue;
    390 miliardi alle diocesi per l'edilizia, per i monasteri di clausura, per le facoltà di teologia e altri enti del
    genere;
    190 miliardi al restauro dei beni culturali ecclesiastici e a iniziative nel campo delle catechesi;
    10 miliardi a un fondo per la cultura;
    30 miliardi per case canoniche delle parrocchie del sud;
    280 miliardi alle spese di carità, ma di questi 140 saranno dirottati per opere (?) nel terzo mondo.
    Un esempio di opere nel terzo mondo sono anche i 40.000 dollari donati dal Vaticano alla Croazia durante la
    guerra con la Bosnia.
    Come è a tutti evidente solo una minima parte dell'otto per mille va in opere di carità, che oltretutto non sono verificabili da nessuno, come conferma l'art.44 del titolo 2 sempre del Protocollo Addizionale: si stabilisce che la CEI trasmetta annualmente all'Autorità Statale un rendiconto relativo all'effettiva utilizzazione delle somme ricevute a vario titolo direttamente dai cittadini o dallo Stato". Su tali rendiconti, però, non sono previsti né controlli né verifiche.
    Prima lo Stato stipendiava direttamente i preti, ora, con la nuova intesa, il finanziamento va direttamente ai vescovi, aumentando notevolmente l'autorità nei loro confronti. Di diversa natura sono i contributi che vanno a sostenere opere e associazioni cattoliche nel contesto del finanziamento di attività sociali, assistenziali, scolastiche, editoriali di vario genere: sono finanziamenti in gran
    parte assicurati dalle Regioni, dai Comuni e ancora dallo Stato.
    La verità è che tra una cosa e l'altra lo Stato Italiano sta concentrando un'enorme quantità di denaro nelle casse di uno stato straniero non democratico e non controllabile. C'è da osservare infine che nella pubblicità svolta attraverso radio, televisioni pubbliche e private, giornali, opuscoli e perfino le comunicazioni bancarie ai clienti e con l'aiuto massiccio delle aziende a partecipazione statale come la SIP prima, la Telecom adesso, la CEI afferma di non ricevere più contributi diretti dallo Stato, in seguito ad una scelta di libertà e di povertà evangelica. Niente di più falso.
    La legge parla esplicitamente di somme ricevute "direttamente" dallo Stato, come del resto i fatti confermano. Il regime di privilegio si evidenzia anche perché a fare propaganda è sostanzialmente solo la gerarchia cattolica, lo Stato non entra praticamente in competizione e le altre confessioni non hanno la forza per garantirsi una vera campagna di spot.
    La Chiesa con i suoi enormi patrimoni ha da tempo capito che la forza del cristianesimo sta nel potere che si mantiene con il possesso e il continuo accumulo di ricchezze, catturando e azzannando i beni della terra. Attilio Nicora detto "Monsignor otto per mille" e ora vescovo di Verona è un esempio attuale della febbrile penetrazione della Chiesa nel mondo della finanza.
    A lui, per aver ideato la truffa dell'otto per mille, il Vaticano sta riservando una luminosa carriera (prossimo arcivescovo di Milano?); intanto a Verona, attraverso l'opera sua, è sorto un grosso Pool di Banche cattoliche, una sorta di IOR, che per importanza è il terzo polo in Italia. Il Pool unisce infatti la Cariverona, l'Unicredito a cui fanno capo la Cassamarca di Treviso, la Cassa di Risparmio di Trieste, la Cassa di Risparmio di Gorizia, quella di Udine e Pordenone, la Banca di Trento e Bolzano (già della
    Curia Trentina). E' in patto con l'Ambro-Veneto e con la Cassa di Risparmio di Torino e Genova, ed ha comprato quote della Popolare di Verona (la Popolare con quei soldi ha pagato il Banco dei Santi che ora fa parte della Popolare, il cui presidente Zanotto, come i suoi dirigenti, è sempre dell'Opus Dei).
    Alla Chiesa adesso non interessano più i partiti di riferimento: il gregge è ormai politicamente disperso. Alla Santa Chiesa interessano ora più che altro le BANCHE. Il grande polo bancario padano dovrebbe essere di 43 mila miliardi di raccolta, 26 mila miliardi di impieghi, 7 mila miliardi di patrimonio con 800 sportelli. Tutto sotto l'egida della Chiesa Cattolica e la protezione dello Spirito Santo. E' sotto gli occhi di tutti l'immagine di un cristianesimo aziendale, di possesso e di rapina, visto che i loro immensi patrimoni immobiliari e le loro ricchezze in genere non pagano una lira di tasse. La degenerazione capitalista tanto denunciata da Wojtyla è solo ipocrisia.


    www.disinformazione.it/8permille.htm

  10. #10
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Bossi la banderuola

    In origine postato da LosVonRom
    Lo scontro frontale è sconsigliabile contro uno degli stati più potenti del mondo.

    Mentre il discorso dell' 8 per mille è una minaccia non tanto velata in risposta alle continue e inaccettabili ingerenze della pretaglia italo-mafiosa nel confronto politico.

    Sappiamo che la Chiesa è contro la devolution e contro il federalismo e non fa mistero di esserlo ogni giorno che passa.

    Quindi se i padioti fossero persone serie (e non lo sono affatto) questa minaccia sarebbe più che sufficiente per indurre a più miti propositi i preti di merda.
    infatti se non sbaglio la dichiarazione di bossi era che vorrebbe una chiesa povera e basata sul territorio

    ...cosa che alla ricca multinazionale romana con sede in vaticano e' suonata ovviamente come una gravissima minaccia ..

    ma in questo e' perfettamente tradizionalista mie cari ' celtopadani' solo e' che e' la tradizione mediovale e non quella posttridentina ..a cui continuano ad essere legati gli sterili contestatori del vaticano II..


    credo che in sostanza bsssi abbia intuito quello che vado dicendo da sempre .. La religiosita' europea e padana affondano nel primo medioevo in quella sintesi fatta dal cristianesimo celtico che il vescovo di roma e la sua corte hanno cominciato a ripidiare fin dall'anno mille ...

    Il che significa in soldoni che san francesco , san benedetto, sant'ambrogio, sant'antonio ect.. a noi vanno bene ...

    ....e il 'papa re' in trono a san pietro no .

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Chiesa Romana e schifezze varie
    Di cyber81 nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-06-08, 16:12
  2. La chiesa romana è già in campagna elettorale
    Di Barbera nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 04-02-08, 16:31
  3. Le differenze con la Chiesa Catt Romana
    Di destracristiana nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03-01-06, 21:41
  4. Inaccettabili ingerenze della chiesa romana...
    Di Nanths nel forum Padania!
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 20-05-05, 11:22
  5. Cattolicità della chiesa romana?
    Di Qoelèt nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-09-02, 19:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226