User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 May 2009
    Messaggi
    1,477
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Unhappy La stella a cinque punte sulla mano di Paolo VI

    Dott. Don Luigi Villa – da: «Stella a cinque punte: firma del Pontificato di Paolo VI»

    Questa è la «porta di bronzo» quando venne inaugurata, sul «Battente del Bene», al n° 12, vi figurava il «Concilio Ecumenico Vaticano II»: quattro Padri conciliari tra Giovanni XXIII e Paolo VI.



    Però, mentre Giovanni XXIII e gli altri quattro Padri conciliari erano scolpiti con la faccia che guardava in avanti, Paolo VI (l’ultimo a destra) era invece scolpito di profilo, in modo da presentare, ben visibile, la Sua mano sinistra con su, incisa, l’insegna massonica: la «Stella a cinque punte», o «Pentalfa massonico».



    Poco tempo dopo l’inaugurazione di quella «nuova porta di bronzo» della basilica di San Pietro, il sottoscritto (don Luigi Villa) vi andò per vederla. Osservandola bene, notò subito quell’insegna massonica sul dorso della mano sinistra di Paolo VI. Allora, immediatamente, mi recai da un Cardinale…per denunciare il fatto. Egli mi assicurò che avrebbe subito provveduto. Infatti, quando io, poco tempo dopo, ritornai a Roma, proprio per vedere quella «porta di bronzo», notai subito che quella insegna massonica sul dorso della mano sinistra di Paolo VI era stata raschiata: si vedeva solo il rosso vivo del rame. Era chiaro! Vistisi scoperti, i responsabili del fatto avevano provveduto, prima, a far raschiare il simbolo massonico dalla mano, poi, successivamente – come io stesso vidi in un altro mio ritorno a Roma – avevano sostituito il pannello n° 12 con un altro – l’attuale – sul quale, però, non vi comparivano più le sei figure di prima, ma solo cinque, come ognuno può vedere.





    Ora: come si può spiegare che un Papa (Paolo VI) si sia fatto scolpire la propria immagine su quella «porta di bronzo», con sul dorso della Sua mano quel simbolo massonico, pur sapendo che sarebbe rimasta lì a testimoniare, lungo i secoli, che Lui, Paolo VI, sarebbe stato giudicato un «Papa massone»?
    E certo non si può dire che quell’opera dello scultore Minguzzi fosse stata eseguita senza il Suo volere e senza la Sua approvazione, perché fu proprio Lui a benedirla nel giorno del Suo compleanno, come fu anche pubblicato, poi, su un «Inserto Speciale» de «L’Osservatorio Romano», per il Suo ottantesimo Compleanno[1], e proprio con quel satanico marchio massonico sulla mano, quasi a firma – e non generica – del Suo Pontificato!

    «Stella a cinque punte»: firma del pontificato di Paolo VI
    Questa affermazione è inquietante, perché questa «firma» della «stella a cinque punte», scolpita sul dorso della mano di Paolo VI, sulla «formella» originale della «porta di bronzo» della Basilica di San Pietro, è forse l’atto più sconcertante e temerario di una tremenda realtà che, durante tutto il Suo pontificato, è continuata ad affiorare, fino a formarne un mosaico che mette a nudo l’incredibile e inqualificabile atteggiamento di Palo VI nei confronti della Massoneria![2]
    E questo lo fece dopo 250 anni di rinnovate «scomuniche», «ammonimenti», «sanzioni», e dopo circa 200 « documenti» del Magistero della Chiesa contro la Massoneria, e dopo 16 Encicliche e più di 590 «condanne» contro questa setta, bollata come «regno di Satana» da Leone XIII nella Sua Enciclica del 1884: «Humanum genus».
    Subito dopo la pubblicazione di questa Enciclica, l’alto iniziato Tommaso Ventura, dopo aver riconosciuta l’«Humanun genus» come «il più celebre solenne documento antimassonico», scrisse: «Il Papa Leone XIII vide molto giusto; comprese che cosa fosse la Massoneria; ne svelò la fisionomia precisa; ne denudò le aspirazioni in termini inequivocabili»[3]
    Ora, la Chiesa non ebbe mai né incertezze né dubbi nella sua lotta contro la Massoneria; fu solo con l’avvento del Vaticano II, e soprattutto con Paolo VI, che il «nuovo atteggiamento» capovolse la precedente posizione del Magistero della Chiesa, adottando posizioni «ecumeniche» e «liberali» nei confronti della Massoneria fino ad «auspicare la pace tra le due istituzioni»!
    Per gettare un po’ di luce su questo strano aspetto della personalità di Paolo VI, elenchiamo alcuni dei tanti altri «fatti» e «detti» che Lo riguardano ad hoc:

    1) In una rivista massonica si legge: il Gran Maestro Gamberini, il giorno stesso dell’annuncio a Pontefice di Montini, disse: «Questo è l’uomo che fa per noi!»
    2) Il «necrologio», o elogio funebre, che l’ex Gran Maestro di Palazzo Giustiniani, Giordano Gamberini, ha fatto di Paolo VI su «La Rivista Massonica»: «Per noi è la morte di CHI ha fatto cadere la condanno di Clemente XII e dei suoi successori. Ossia, è la prima volta – nella storia della Massoneria moderna – che muore il Capo della più grande religione occidentale non in istato di ostilità coi massoni». E conclude: «per la prima volta, nella storia, i Massoni possono rendere omaggio al tumulo di un Papa, senza ambiguità né contraddizione»
    3) In una lettera privata, scritta da un massone, amico del noto scrittore francese, conte Lion de Poncis, esperto in questioni massoniche, si legge questa frase: «…Con Pio X e Pio XII, noi framassoni potemmo ben poco, ma, “avec Paul VI, nous avons vencu!”» (“con Paolo VI, noi abbiamo vinto”).
    4) Sotto il Suo Pontificato sono state introdotte, in Italia, le «leggi massoniche», quali: il divorzio, l’aborto, la separazione tra Chiesa e Stato… E vi fu un profondo inserimento della Massoneria anche nelle strutture ecclesiastiche ordinarie.
    5) Il 13 novembre 1964, Paolo VI depose la «tiara» (“il triregno”) sull’altare, rinunciandovi definitivamente. Un gesto, questo, che fu l’obiettivo della «Rivoluzione Francese». Il massone Albert Pike scrisse: «Gli ispiratori, i filosofi e i capi storici della Rivoluzione francese avevano giurato di rovesciare la “CORONA” e la “TIARA” sulla tomba di Jacques de Molay»[4]
    6) Durante il Suo viaggio in Terra Santa, nel 1954, sul monte degli Ulivi, a Gerusalemme, Paolo VI abbracciò il Patriarca ortodosso Athenagoras I, massone del 33° grado. Poi, alla vigilia della chiusura del Vaticano II, tutti e due si tolsero le rispettive «scomuniche», lanciate nel 1054.
    7) Questa Sua coincidenza di vedute con «piano massonico» la si può trovare anche nell’identità dei Suoi programmi con i piani massonici dell’ONU e dell’UNESCO. Si legga, ad esempio, la Sua Enciclica «Populorum progressio», in cui Paolo VI parla di una «banca mondiale», dietro la quale c’è un «Governo mondiale», che regnerebbe grazie a una «religione sintetica e universale»

    (…)

    [1] «Inserto Speciale» de «L’Osservatorio Romano», Domenica 25 settembre 1977, p. XI
    [2] Per approfondimenti si legga: «Paolo VI…beato?» del sac. Luigi Villa, edizioni Civiltà
    [3] Tommaso Ventura, «Massoneria alla sbarra – Sua vera origine – Sua vera essenza», Atanor, 1961
    [4] Albert Pike, «Morals and Dogma» vol II, p. 156
    ------------------------------------------------------------------------------------
    Per approfondire:

    - Significato massonico della stella a 5 punte:
    http://www.disinformazione.it/pentalfa.htm

    http://www.disinformazione.it/pentalfa.htm

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    3,801
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Thumbs down Re: La stella a cinque punte sulla mano di Paolo VI

    Le prove che Montini/"Paolo VI" sia stato un falso "papa" e sommo impostore (oggettivamente tale, pur spettando ad un futuro Pontefice la dichiarazione ufficiale canonica, ed a prescindere dalle sue intenzioni soggettive che avrà giudicato unicamente Dio, il solo a cui spetti il giudizio definitivo su chiunque di noi...) sono molteplici, pur essendo ormai stato anche ufficialmente "canonizzato" ed acclamato come "santo" dal suo successore Bergoglio e dai suoi compari della setta vaticano-secondista...

    Don Luigi Villa (3 febbraio 1918 -18 novembre 2012) avrebbe 100 anni se fosse ancora vivo ed avrebbe assistito persino alla "canonizzazione" di "San Paolo VI" (sic!!) cioè all'apoteosi della "massoneria ecclesiastica" da lui tanto combattuta pubblicamente per decenni senza tregua con estrema determinazione ed eroico coraggio: onore a questo grande sacerdote...
    Questa domenica 18 novembre 2018 ricorrerà l'anniversario della sua morte: RIP...




    Chiesa viva -la verità vi farà
    http://www.chiesaviva.com/

    https://chiesaviva.dnsfree.eu/donluigivilla.pdf

    E? morto don Luigi Villa - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/e...n-luigi-villa/

    Don Villa è morto
    http://www.salpan.org/SCANDALI/Don_L...%A8_morto.html

    Franco Adessa - Don Luigi Villa - Biografia
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV3...igi_Villa.html



    Questo sabato 17 novembre 2018 si terrà a MILANO il "XVII CONVEGNO DI STUDI ALBERTARIANI", v. qui sotto per tutte le informazioni precise, con relatore sempre lo stimato Don Francesco Ricossa dell’ “Istituto Mater Boni Consilii” (I.M.B.C.):




    Centro Studi Davide Albertario ? integralmente cattolici
    http://www.davidealbertario.it

    17/11/2018, convegno di studi albertariani - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/1...-albertariani/

    Convegno studi albertariani 2018 e video edizioni passate - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/c...-albertariani/

    XVII Convegno di Studi Albertariani ? Centro Studi Davide Albertario
    http://www.davidealbertario.it/2018/...-albertariani/
    «XVII CONVEGNO DI STUDI ALBERTARIANI.
    Tutti Santi…Da “san” Giovanni XXIII a “san” Paolo VI, ovvero la canonizzazione del Concilio Vaticano II
    1º intervento. La canonizzazione dei santi secondo la dottrina tradizionale della Chiesa
    2º intervento. “Il fumo di satana nella Chiesa”: la “canonizzazione” di G.B. Montini e la ­situazione attuale della Chiesa
    relatore don Francesco Ricossa
    Milano, Sabato 17 novembre 2018, ore 15,00
    presso Andreola Central Hotel
    in via Domenico Scarlatti 24 (vicino alla Stazione Centrale)
    Per informazioni:
    Centro Studi Davide Albertario
    Centro Studi Davide Albertario ? integralmente cattolici
    http://www.davidealbertario.it
    e-mail: [email protected]


    “Milano, sabato 17 novembre 2018:
    http://www.davidealbertario.it/2018/...-albertariani/
    https://www.facebook.com/events/1724524070917527/
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...5c&oe=5C818E3D





    17° CONVEGNO DI STUDI ALBERTARIANI - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/17-convegn...-albertariani/

    Omelia sulla "canonizzazione" Paolo VI - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/omelia-sul...ione-paolo-vi/

    Sodalitium - Sito ufficiale dell'Istituto Mater Boni Consilii
    http://www.sodalitium.biz/




    Segnalo questo convegno perchè l'argomento è della massima importanza - seppur riconosciuto come tale da pochi, purtroppo anche tra i cattolici - e consiglio fortemente di andarci almeno a tutti coloro che abitano in zona; ci dovrei essere anch'io con altre persone insieme alle quali mi farò il bel viaggio...Forse verrà con noi, se non ha altri impegni o programmi più urgenti, anche Don Floriano...se Dio vorrà...





    Riguardo alla “XIII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO” tenutasi a MODENA il 20 ottobre 2018 aggiungo ulteriori dettagli qui a seguire:




    https://forum.termometropolitico.it/...di-cristo.html
    “Questa XIII edizione ha registrato il maggior numero di presenze. Le registrazioni delle tre lezioni saranno caricate sul canale YouYube di Sodalitium appena possibile: https://www.youtube.com/user/sodalitium
    La settimana scorsa a Modena: la tredicesima giornata per la regalità sociale di Cristo (organizzata dalla rivista Sodalitium e dal Centro Studi Federici). Video delle lezioni di don Ricossa: I video della giornata di Modena - Centro Studi Giuseppe Federici
    I video della giornata di Modena - Centro Studi Giuseppe Federici
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...a7&oe=5C88E90A





    «Dalla bacheca di don Ugo Carandino: "La vergogna della tradizione” è stato uno dei libri più venduti alla giornata di Modena. Ho ringraziato pubblicamente don Francesco Ricossa, autore del libro, per aver fatto quello che altri avrebbero dovuto e potuto fare: denunciare questa mentalità malsana, che si è insinuata nei nostri ambienti, che presenta in modo positivo i testi omosessuali di autori omosessuali (e il vizio genera altri vizi: oltre alla ‘peste rosa' diversi di questi personaggi erano infetti dalla 'peste nera' dell’occultismo, dell’esoterismo, ecc.). Per prendere l’esempio storico della crisi modernista e la condanna di san Pio X, molti vedevano e sapevano eppure tacevano (le omissioni e convivenze di tanti vescovi e rettori di seminario), chi per quieto vivere, chi per interesse, chi per debolezza: e così i modernisti proseguirono a insinuarsi nella Chiesa (tra l’altro in talare e con il Messale di san Pio V: nulla di nuovo sotto il sole ratzingeriano). Così pure nel nostro piccolo mondo, per gli stessi motivi (quieto vivere, interesse, debolezza) delle persone conosciute per le loro attività pubbliche (conferenze, libri, articoli) preferiscono tacere (almeno in pubblico): solo don Ricossa ha sentito il dovere (soprattutto sacerdotale) di denunciare pubblicamente la cosa. Fanno eccezione Roberto de Mattei e Rino Cammilleri che, pur non avendo la nostra posizione dottrinale, hanno pubblicamente preso posizione (raccomando in particolare la recensione al libro pubblicata da “Corrispondenza Romana”). In questo senso le giornate di Modena e i convegni albertariani non sono fine a se stessi (imbarcare qualsiasi 'fenomeno' pur di riempire la sala e pavoneggiarsi, tipico dello spirito sessantottino narcisista e puerile descritto da Marcello Veneziani) ma sono organizzati per il bene delle anime, riaffermando la sana dottrina e condannando gli errori, nella chiarezza dottrinale e senza ambiguità o omissioni sulla questione centrale dell’autorità nella Chiesa.»
    Novità libraria: "La vergogna della tradizione" - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/novita-lib...la-tradizione/
    http://www.sodalitium.biz/wp-content...vo-226x300.jpg
    Un'importante recensione - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/unimportante-recensione/


    «Carlo Di Pietro - Sursum Corda
    "XIII giornata per la regalità sociale di Cristo"
    Sono pronte le cartelline per i partecipanti alla giornata di sabato 20 ottobre a Modena (si ringrazia per il lavoro gli amici del "Centro Studi Federici" della Valmarecchia), con una cartolina del gen. Hermann Kanzler nel 130° anniversario della sua morte (1888-2018).
    Dalla bacheca di Giuseppe Federici
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...ed&oe=5C88BB1F






    Il banchetto di Carlo di Pietro a Modena 2018:


    “SVRSVM CORDA www.sursumcorda.cloud ”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...43&oe=5C4CE337






    Da Carlo Di Pietro ho comprato tutti i 5 libri (3 quest’anno e 2 quello scorso) pubblicati dalle sue edizioni “Sursum Corda”:



    https://www.sursumcorda.cloud/
    https://www.sursumcorda.cloud/sostienici/libri.html

    https://www.sursumcorda.cloud/sostie...ur-detail.html
    Mons. Louis Gaston Adrien de Ségur, La rivoluzione. La rivolta di Lucifero contro Dio, la patria, la famiglia, l'umanità, Sursum Corda 2017.

    “Per conoscere e contrastare la rivolta di Lucifero contro Dio, la patria, la famiglia, l'umanità. Difensore dell'infallibilità del papa e della Chiesa, Mons. de Ségur in questo libro affronta La Rivoluzione, nel tentativo di svelare ed abbattere gli errori e le fallacie, gl'inganni e le calunnie, con cui le settarie congiure tentano d'alienare i popoli. Un compendio di dottrina cattolica antirivoluzionaria e di teologia politica.”

    https://www.sursumcorda.cloud/sostie...no-detail.html
    Gabriele M. Roschini, Chi è Maria? Catechismo mariano, Sursum Corda 2017.

    “Catechismo mariano composto da 235 articoli, semplici ma eruditi. Un'esposizione chiara, ordinata e sintetica di tutto ciò che riguarda la storia, il dogma ed il culto mariano, secondo la forma classica di domande e risposte. Dalla Prefazione: «La parola Catechismo, in questo caso almeno, non è affatto sinonimo di insegnamento elementare e per bambini. Esso, quindi, può andare anche tra le mani degli adulti, ossia, di tutti coloro che vogliono procurarsi una cultura sinteticamente completa intorno alla Vergine Santa. È perciò una piccola Somma mariana».”

    https://www.sursumcorda.cloud/sostie...mo-detail.html
    Padre Jean Baptiste Lemius, Catechismo sul Modernismo. Secondo l’Enciclica Pascendi dominici gregis di Sua Santità Pio X, Sursum Corda 2018.

    "Il Modernismo è «sintesi di tutte le eresie». È un «sistema di vaneggiamenti» che «spalanca la via all’ateismo». In questo volume il Padre Jean Baptiste Lemius (1851 - 1938), usando la Pascendi dominici gregis di Papa San Pio X, illustra ai semplici il Modernismo, ne evidenzia i pericoli ed indica i rimedi. Un Catechismo sul Modernismo attuale più che mai, composto da 510 articoli nella forma di domanda e risposta, introdotto dal Card. Merry del Val, benedetto dal Pontefice e dalla Santa Chiesa."

    https://www.sursumcorda.cloud/sostie...la-detail.html
    Mons. Louis Gaston Adrien de Ségur, L’inferno è dogma o favola? Se esiste. Che cos’è. Come possiamo evitarlo, Sursum Corda 2018.

    "Mons. de Ségur, vero teologo, dimostra l’esistenza dell’inferno. Si tratta di un libro apologetico, ricco di dottrina ma facilmente comprensibile, adatto sia all’erudito che al semplice. L’inferno è creduto da tutti i popoli di ogni tempo, costituisce ciò che si chiama una verità di senso comune, o meglio, di comune sentimento universale."

    https://www.sursumcorda.cloud/sostie...si-detail.html
    Padre Giacinto da Belmonte, Racconti Miracolosi. Con saggio introduttivo sui veri e sui falsi miracoli, Sursum Corda 2018.

    "Il miracolo è una prova sicura della verità. Dobbiamo distinguere il vero dal falso miracolo, chiamato prodigio ed operato da imbroglioni o da maliardi in combutta col demonio. Il vero miracolo è la più autentica ed incontestabile testimonianza che si possa avere della verità di una dottrina."




    Da Paolo Baroni (del “CENTRO CULTURALE SAN GIORGIO” di Ferrara, qui i siti da lui curati: http://www.centrosangiorgio.com/ e http://www.crisinellachiesa.it/ ) ho comprato usati i seguenti ormai piuttosto rari libri:



    Pedro Ortiz de Cisneros de Ribadeneyra, Il principe cristiano, 2 vol., Cantagalli, Siena 1978.

    P. Roger - Thomas O.P., Per una teologia della storia, Borla, Moncalieri 1967.

    Prosper-Louis-Pascal Guéranger, Il senso cristiano della storia, Milano 1982

    Benedetto D'Orazio, La Nostra Suprema Vittoria, Edizioni Paoline, Alba (CN) 1964.




    L'anno scorso - Modena 2017 (Conferenza e seminario di studi di don Francesco Ricossa, direttore della rivista “Sodalitium”, “DELLA SETTA MASSONICA. 1717 – 2017: i tre secoli della massoneria moderna”; XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO) avevo comprato anche questi libri:


    Thomas Molnar, La controrivoluzione, Volpe, Roma 1970.

    Romano Del Corona, AntiRisorgimento: Un protagonista: Monaldo Leopardi, P. Cipriani, Firenze 1974.

    Franco Adessa, Gabriel García Moreno, Editrice Civiltà, Brescia 1997.




    Oltre ai vari gratuiti, molto preziosi, numeri cartacei di "Sodalitium"...


    Sodalitium - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/sodalitium/



    P.S. Mi raccomando, forumisti e lettori, cercate di esserci questo sabato 17 novembre 2018 a MILANO per il "XVII CONVEGNO DI STUDI ALBERTARIANI", spero di vedervi...
    Luca, Sursum Corda – Habemus Ad Dominum!!!
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Stella A Cinque Punte Al Ministero Del Lavoro
    Di Dottor Zoidberg nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-03-07, 19:47
  2. «Stella a cinque punte: firma del Pontificato di Paolo VI»
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-12-03, 19:46
  3. Stella a cinque punte: firma del Pontificato di Paolo VI»
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-08-03, 12:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226