User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    zilath mexl rasnal
    Data Registrazione
    23 Feb 2003
    Località
    *Aritimna
    Messaggi
    697
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post "Quei maledetti longobardi..."

    Da "ttL, tuttoLibritempolibero", supplemento de "La Stampa" del 13 Marzo 2004 p. 6

    http://www.lastampa.it/_settimanali/...ibri/art15.asp


    Quei maledetti longobardi
    Giorgio Ruffolo: «La fatale spaccatura fra Nord e Sud del paese è l'eredità oggettiva di quell'invasione>>

    13/3/2004



    C’ E’ un libro appena uscito di Giorgio Ruffolo, brillante protagonista del dibattito politico nei primi governi del centro-sinistra, che parla dei secoli che sono stati come se fossero ieri, o ieri l'altro. Come se Ruffolo, anziché muoversi tra Antica Roma, invasioni barbare, Medio Evo, fosse in ricognizione attraverso quegli Anni Sessanta in cui era segretario generale della programmazione economica. O stazionasse sul finire degli Anni Ottanta, quando era ministro dell'Ambiente. Invece sta parlando di epoche e protagonisti remoti. E affronta il tutto senza fronzoli. I Longobardi? "Diciamo la verità: all'Italia, forse per una oscura legge di contrappasso, sono toccati, in definitiva, i barbari meno intelligenti e più grossolani d'Europa. Totalmente incapaci di fondersi con il popolo vinto, allevatori di maiali e cacciatori forsennati, totalmente incapaci di lavoro produttivo, gente rozza, per l'Italia una vera maledizione...". Maledetti longobardi, dunque, che - a parte l'immettere un po' di parole nuove nel vecchio lessico - determinano, secondo Ruffolo, la "fatale spaccatura fra il Nord e il Sud del paese, che è l'eredità oggettiva di quell'invasione, l'altra eredità, della frammentazione, del privatismo politico, dell'indifferenza e diffidenza verso lo Stato; un sentimento che diventerà una radice avvelenata del carattere nazionale...". E la stagione dei liberi Comuni? In ogni conflitto si doveva usare fino in fondo la forza, sino al terrore. L'obiettivo di ogni lotta era la rovina completa di uno dei contendenti: "la vita civile delle città italiane diventava, così, un terribile gioco a somma zero". Con l'incapacità di trasformare la politica in un gioco a somma positiva dove, grazie all'accettazione del compromesso, "tutti, accettando una perdita immediata, realizzano nel tempo un superiore guadagno...". Che sia da allora che il termine compromesso porta con sé un senso non di matura accettazione della realtà ma di svilimento dell'immagine interiorizzata della propria appartenenza? E' un libro giovane e vigoroso quello con cui Giorgio Ruffolo, giunto alla soglia degli ottant'anni, ha deciso di sistemare un po' di conti. Non tanto con il nostro lontano passato - dall'Antica Roma al Rinascimento, come parrebbe suggerire il titolo del suo saggio, Quando l'Italia era una superpotenza - quanto, piuttosto, con le rifrazioni di questo passato nel nostro presente. Ruffolo affronta una sfida non da poco: senza accademiche specializzazioni ma, anche, senza false modestie sul fronte delle sicurezze intellettuali. Con una scrittura di coinvolgente sobrietà - sicuramente piacerà a coloro che amano la divulgazione storica di taglio anglosassone - Ruffolo evita le trappole della storia evenemenziale, le marce forzate sotto la sferza di madama cronologia. Le fasi storiche sono da lui catturate in velocissimi affreschi. L'ascendere e il curvarsi dei cicli economici, delle fortune politiche, delle stagioni culturali: tutto viene fatto rivivere con fulminante sintesi ma senza perdere il gusto del dettaglio, dell'aneddoto, del ritratto efficace. Si comprende che Ruffolo - nelle sterminata e rigorosa biografia alla quale ha attinto - soprattutto per il periodo più remoto, ha avuto un modello. Qualcuno che rifuggiva dalle rigidità accademiche, scompigliato ma tutt'altro che privo di un suo ordine interiore. Capace di applicare agli eventi di un lontano passato la duttile analisi di una passione politica pervasiva e presente. C'è, in questo libro, un'aria e un apprezzamento che si coglie ancora prima di giungere agli espliciti riconoscimenti immessi in bibliografia. Riguarda la stagione di riflessione culturale e di divulgazione storiografica che ha avuto in Gugliemlo Ferrero non secondario protagonista. E che si era concretizzata, giusto un secolo fa, nei cinque volumi dedicati da Ferrero alla Grandezza e decadenza di Roma: tutti pubblicati fra il 1902 e il 1906 dall'editore Treves di Milano. Come è noto la fatica di Ferrero, giornalista e saggista di grande successo, venne stroncata dall'epiteto di dilettante attribuitogli da Gaetano De Sanctis, a lungo illustre storico dell'antichità presso l'università di Torino prima di trasmigrare sul finire degli Anni Venti alla cattedra romana. Cattedra che De Sanctis dovrà lasciare nel 1931, avendo rifiutato giuramento di fedeltà al regime. Nel 1923, licenziando il quarto volume della sua Storia dei Romani De Sanctis sente anche lui l'urgenza di parlare - attraverso il passato, per mezzo della sua storia di Roma - del presente. Tanto che appone all'opera una dedica non equivoca: "A quei pochissimi che hanno parimenti sdegno di essere oppressi e di farsi oppressori". Rifrazioni. Rifrazioni fra Antica Roma e regime autoritario mussoliniano in un De Sanctis che pure, davanti al nuovo Impero (quello del Duce), avrà poi qualche cedimento. Vicenda di obbligate rifrazioni anche oggi: tra passato lontano e vicinissimo presente. Dove materia dell'interrogarsi di Ruffolo non è certo l'improponibile contrapposizione tra ieri e oggi. O la meschina comparazione tra la ben modesta collocazione del nostro Paese sul palcoscenico planetario e i successi colti in periodi lontanissimi dall'Antica Roma (il ferro di Roma). O dai vitalissimi banchieri e mercanti di Milano e Firenze, Genova e Venezia su tutta l'Europa quattrocentesca (l'oro dei mercanti).
    Ruffolo si dedica a cose più serie e utili. Lavora sulla terra di nessuno, a confine tra continuità e intermittenze, dove si modellano molti dei caratteri originari della nostra storia. E' una sfida che, di tanto in tanto, a distanza di decenni (il saggio L'Italiano. Il carattere nazionale come storia e come invenzione di Giulio Bollati è del 1983), qualche coraggioso riprende. Scommessa proficua soprattutto nei periodi di stasi, quando perfino la bellezza e la composita civiltà giunta da un passato ineguagliabile, paiono contare poco o nulla davanti ad ambizioni di grana grossa e di corto respiro. Dimentiche, come dice Ruffolo, dell'essenza del miracolo italiano: "L'aver creato una ricchezza che non si trasformò in potenza ma si trasfigurò in bellezza". Tanto che, come dice Braudel, "quando sull'Italia cadde la notte, tutta l'Europa ne fu illuminata".
    LUOGHI COMUNI
    Giorgio Boatti ([email protected])

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    zilath mexl rasnal
    Data Registrazione
    23 Feb 2003
    Località
    *Aritimna
    Messaggi
    697
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Quei maledetti longobardi..."

    In Origine postato da nhmem
    Da "ttL, tuttoLibritempolibero", supplemento de "La Stampa" del 13 Marzo 2004 p. 6

    http://www.lastampa.it/_settimanali/...ibri/art15.asp
    ...dimenticavo, è la recensione del libro di Giorgio Ruffolo "Quando l'Italia era una superpotenza. Il ferro di Roma e l'oro dei mercanti", Einaudi, pp. 314, € 11

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 Aug 2013
    Messaggi
    14,308
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito un matrimonio.........letale

    Scusate , risponde a verita' il fatto che tra i motivi maggiori della fine dei Lonogobardi deve annoverarsi un matrimonio di un Re Longobardo con una principessa cristiana che facendo battezzare tutti i figli cancello' i longobardi come popolo che erano distiunti dagli altri come pagani ?

    grazie

  4. #4
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: un matrimonio.........letale

    In Origine postato da Ferruccio
    Scusate , risponde a verita' il fatto che tra i motivi maggiori della fine dei Lonogobardi deve annoverarsi un matrimonio di un Re Longobardo con una principessa cristiana che facendo battezzare tutti i figli cancello' i longobardi come popolo che erano distiunti dagli altri come pagani ?

    grazie
    se stai parlando del bergamasco Authari che sposò Teodolinda è in parte verò, però nn devi dimenticare che i longobardi erano già cristiani non cattolici ma ariani o meglio lo erano i duchi, il popolo conservò i vecchi riti sin circa al mille nella bassa e al 1600 sulle alpi.

    la rozzezza dei longobardi è pari alla malignità della chiesa, la loro principale nemica, che fu unica loro descrittrice...

  5. #5
    Nuovo Iscritto
    Data Registrazione
    16 May 2004
    Messaggi
    8
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation longobardi

    scusate, ma visto che vi interessa il tema dei longobardi, leggete il mio post sull'ipotesi della nascita del termine, che non e' certo tedesco, ma romanzo.
    epicuro
    ps - sarei contento di avere pareri e critiche

  6. #6
    zilath mexl rasnal
    Data Registrazione
    23 Feb 2003
    Località
    *Aritimna
    Messaggi
    697
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: longobardi

    In Origine postato da epicuro
    scusate, ma visto che vi interessa il tema dei longobardi, leggete il mio post sull'ipotesi della nascita del termine, che non e' certo tedesco, ma romanzo.
    epicuro
    ps - sarei contento di avere pareri e critiche

    Ecco il link http://www.politicaonline.net/forum/...hreadid=100294

 

 

Discussioni Simili

  1. Popolo "Padano", figlo di Celti e Longobardi: sicuri?
    Di Leonardo Cecchi nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-09-11, 15:52
  2. "Padani", figli di Celti e Longobardi?
    Di Leo Italico nel forum Padania!
    Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 30-05-11, 13:00
  3. ho letto "noi celti e longobardi" ma ho dei dubbi
    Di campodimarte nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-04-08, 02:19
  4. "Quei maledetti longobardi"
    Di Ichthys nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-03-04, 01:26
  5. Stefano Gasparri, "La cultura tradizionale dei Longobardi"
    Di Mjollnir nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 30-08-02, 02:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226