User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    "SI PUO' FARE"
    Data Registrazione
    06 Dec 2003
    Messaggi
    8,606
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Anche per Banca Italia siamo alla frutta

    Il Bollettino economico di via Nazionale dipinge un Paese
    in declino. In otto anni è crollato l'export. Investimenti fermi
    Bankitalia: "L'Italia rischia
    di non agganciare la ripresa"
    Aumentano i posti di lavoro, ma solo quelli a termine
    Famiglie sempre più indebitate per acquistare la casa


    La sede di Bankitalia

    ROMA - L'Italia corre il rischio di perdere il treno della ripresa internazionale già partita in modo sensibile negli Stati uniti, in Giappone e in Cina. E quel che è peggio potrebbe accumulare ritardi anche nei confronti della più lenta ripresa del Vecchio continente. E' la Banca d'Italia a lanciare l'allarme nel suo Bollettino economico. Secondo gli economisti di via Nazionale nell'anno in corso il Pil crescerà di appena l'1%, circa la metà di quell'1,9% previsto dal governo a settembre. E con una crescita così limitata sarà difficile secondo Bankitalia, anche raggiungere l'obiettivo di contenimento del rapporto deficit-pil al 2,2% per quest'anno.

    Italia in declino. E' impietosa l'analisi della Banca d'Italia, che ripercorre la debolezza strutturale del sistema italiano. Gli economisti di via Nazionale mettono così in rilievo una produzione industriale in calo da tre anni, la costante perdita di quote di mercato del made in Italy, la debolezza del sistema imprenditoriale malato di nanismo e di scarsa innovazione tecnologica, un'inflazione più alta di quella dell'area euro e, in ultimo, lo squilibrio dei conti pubblici.

    Crolla l'export, calano gli investimenti. A dimostrare il declino dell'Italia è innanzitutto la quota dell'export italiano rispetto al commercio mondiale che in otto anni si è ridotta di un terzo, passando dal 4,5% del 1995 al 3,0% del 2003. Preoccupa anche la produzione industriale che nell'ultimo triennio si è complessivamente ridotta del 3%. Vanno giù anche gli investimenti che nel 2003, per la prima volta dalla recessione degli inizi degli anni Novanta, sono tornati a diminuire.
    - Pubblicità -


    Il lavoro. Notizie positive giungono dall'occupazione che ha continuato a crescere nel 2003 malgrado la difficile congiuntura. Eppure il ritmo con cui si creano nuovi posti di lavoro appare più lento e tornano ad aumentare i contratti a termine rispetto a quelli a tempo indeterminato. Se l'occupazione è in leggera crescita, in decisa discesa sono invece i redditi da lavoro: tra il 1995 e il 2003 i redditi per unità standard di lavoro sono cresciuti in termini reali dell'1,7%, solo un terzo rispetto alla crescita della produttività nel periodo (+5,1%). Nello stesso periodo sono invece cresciuti i profitti di ben due punti percentuali.

    Le famiglie sempre più indebitate. Cresce l'indebitamento delle famiglie, anche se resta nettamente più basso nei confronti degli altri Paesi di Eurolandia. Gli italiani si sono indebitati soprattutto per acquistare la casa. E a preoccupare via Nazionale è la forte prevalenza dei finanziamenti a tasso variabile. Nel caso in cui il costo del denaro dovesse tornare a salire, i piani di ammortamento potrebbero rivelarsi troppo onerosi.

    Caso Parmalat. La Banca d'Italia è tornata poi a ripetere che "l'effetto diretto dell'insolvenza del gruppo Parmalat sul sistema bancario è limitato". Più consistente invece l'effetto sui risparmiatori che, sottolinea Bankitalia, si sono fatti più cauti dopo le perdite accumulate a fronte dell'investimento effettuato in titoli emessi dalle società coinvolte in recenti casi di dissesto, in particolare Parmalat.

    Le soluzioni. La ricetta della Banca d'Italia per uscire dall'impasse non è nuova: "una politica economica che, attraverso riforme strutturali, persegua l'abbattimento del carico fiscale e la graduale riduzione del disavanzo pubblico".


    (16 marzo 2004)
    "La guerra è la vicenda in cui innumerevoli persone, che non si conoscono affatto, si massacrano per la gloria e per il profitto di alcune persone che si conoscono e non si massacrano affatto." (Paul Valèry, poeta francese).

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ospite

    Predefinito Re: Anche per Banca Italia siamo alla frutta

    In Origine Postato da ossoduro
    Il Bollettino economico di via Nazionale dipinge un Paese
    in declino. In otto anni è crollato l'export. Investimenti fermi
    Bankitalia: "L'Italia rischia
    di non agganciare la ripresa"
    Aumentano i posti di lavoro, ma solo quelli a termine
    Famiglie sempre più indebitate per acquistare la casa


    La sede di Bankitalia

    ROMA - L'Italia corre il rischio di perdere il treno della ripresa internazionale già partita in modo sensibile negli Stati uniti, in Giappone e in Cina. E quel che è peggio potrebbe accumulare ritardi anche nei confronti della più lenta ripresa del Vecchio continente. E' la Banca d'Italia a lanciare l'allarme nel suo Bollettino economico. Secondo gli economisti di via Nazionale nell'anno in corso il Pil crescerà di appena l'1%, circa la metà di quell'1,9% previsto dal governo a settembre. E con una crescita così limitata sarà difficile secondo Bankitalia, anche raggiungere l'obiettivo di contenimento del rapporto deficit-pil al 2,2% per quest'anno.

    Italia in declino. E' impietosa l'analisi della Banca d'Italia, che ripercorre la debolezza strutturale del sistema italiano. Gli economisti di via Nazionale mettono così in rilievo una produzione industriale in calo da tre anni, la costante perdita di quote di mercato del made in Italy, la debolezza del sistema imprenditoriale malato di nanismo e di scarsa innovazione tecnologica, un'inflazione più alta di quella dell'area euro e, in ultimo, lo squilibrio dei conti pubblici.

    Crolla l'export, calano gli investimenti. A dimostrare il declino dell'Italia è innanzitutto la quota dell'export italiano rispetto al commercio mondiale che in otto anni si è ridotta di un terzo, passando dal 4,5% del 1995 al 3,0% del 2003. Preoccupa anche la produzione industriale che nell'ultimo triennio si è complessivamente ridotta del 3%. Vanno giù anche gli investimenti che nel 2003, per la prima volta dalla recessione degli inizi degli anni Novanta, sono tornati a diminuire.
    - Pubblicità -





    Il lavoro. Notizie positive giungono dall'occupazione che ha continuato a crescere nel 2003 malgrado la difficile congiuntura. Eppure il ritmo con cui si creano nuovi posti di lavoro appare più lento e tornano ad aumentare i contratti a termine rispetto a quelli a tempo indeterminato. Se l'occupazione è in leggera crescita, in decisa discesa sono invece i redditi da lavoro: tra il 1995 e il 2003 i redditi per unità standard di lavoro sono cresciuti in termini reali dell'1,7%, solo un terzo rispetto alla crescita della produttività nel periodo (+5,1%). Nello stesso periodo sono invece cresciuti i profitti di ben due punti percentuali.

    Le famiglie sempre più indebitate. Cresce l'indebitamento delle famiglie, anche se resta nettamente più basso nei confronti degli altri Paesi di Eurolandia. Gli italiani si sono indebitati soprattutto per acquistare la casa. E a preoccupare via Nazionale è la forte prevalenza dei finanziamenti a tasso variabile. Nel caso in cui il costo del denaro dovesse tornare a salire, i piani di ammortamento potrebbero rivelarsi troppo onerosi.

    Caso Parmalat. La Banca d'Italia è tornata poi a ripetere che "l'effetto diretto dell'insolvenza del gruppo Parmalat sul sistema bancario è limitato". Più consistente invece l'effetto sui risparmiatori che, sottolinea Bankitalia, si sono fatti più cauti dopo le perdite accumulate a fronte dell'investimento effettuato in titoli emessi dalle società coinvolte in recenti casi di dissesto, in particolare Parmalat.

    Le soluzioni. La ricetta della Banca d'Italia per uscire dall'impasse non è nuova: "una politica economica che, attraverso riforme strutturali, persegua l'abbattimento del carico fiscale e la graduale riduzione del disavanzo pubblico".


    (16 marzo 2004)
    Otto anni...quindi il declino è cominciato con il centro sinistra


    Poi per ristabilire la verità l'Italia avrà quest'anno un Pil dell'1% più dei fenomenali francesi e tedeschi


    Quest'anno il Pil italiano potra' crescere dell'1%. La Banca d'Italia giudica, quindi, ''condivisibili'' le ultime stime, che sono state riviste al ribasso, dai centri di previsione. "


    Bye

 

 

Discussioni Simili

  1. Anche Ciarrapico nel PDL...siamo alla frutta.
    Di UbertoC nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 13-03-08, 21:29
  2. Siamo alla frutta
    Di donrodrigo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 28-09-07, 02:38
  3. Siamo Alla Frutta...
    Di giuliano nel forum Destra Radicale
    Risposte: 81
    Ultimo Messaggio: 25-02-06, 15:32
  4. Siamo alla frutta
    Di lerimini nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 26-03-05, 13:59
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-07-04, 16:24

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226