User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Bello e dannato
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Parma - Milano Due - Roma Nord
    Messaggi
    17,506
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Il più indoeuropeo dei connubi

    CASTA E MATRIMONIO (tratto da "I quattro sensi della vita" di Alain Daniélou)

    Il principale problema, nella relazione fra le razze e fra le caste, riguarda il matrimonio. Per il legislatore indù il matrimonio è innanzi tutto un'istituzione sociale che ha come scopo esclusivo la propagazione di una specie e la preservazione delle razze, delle caste, delle comunità, potremmo anche dire delle nazioni. Per gli indù c'è una differenza assoluta fra i divertimenti erotici di ogni natura che fanno parte dello sviluppo armonioso dell'individuo e il matrimonio che ha come scopo la famiglia, la continuazione di una specie. Il matrimonio non è dunque una questione di amore ma è piuttosto il risultato di una scelta ponderata che tiene conto esclusivamente dell’ereditarietà, dell'equilibrio e della felicità dei figli.
    Per piaceri transitori e momentanei non c'è affatto bisogno di una istituzione come il matrimonio. Considerare il matrimonio sotto questo profilo significa misconoscerne completamente la dignità. Il matrimonio d'amore, di occasione o riparatorio, che può essere rotto con il divorzio, così come è inteso oggi da molti popoli occidentali è, dal punto di vista indù, un’istituzione assurda e immorale, una sorta di prostituzione legalizzata che non corrisponde a niente sul piano morale o sociale. Il matrimonio non è semplicemente una ufficializzazione delle relazioni sessuali. E un'istituzione importante il cui unico scopo è la prole, la continuazione della specie nelle migliori condizioni possibili, ambientali ed ereditarie.
    Avendo come base il rispetto delle specie, che sono opera del Creatore, il matrimonio è un’istituzione che interessa la casta, la razza, la professione, la nazione, e con la quale l’individuo non ha il diritto di giocare poiché essa riguarda tutti gli altri individui. II divorzio non è ammesso che per le caste artigianali le cui leggi sono differenti e per le quali non esiste in pratica alcun divieto sessuale, il che fa parte dei loro privilegi. La poligamia fa parte del privilegio della casta dei principi (guerrieri).
    Se le restrizioni riguardo al matrimonio sono severamente osservate da parte di tutti, le differenti caste o razze possono vivere insieme in buona amicizia, possono trarre profitto le une dalle altre senza pericolo per i costumi, le tradizioni e la progenitura di ciascun gruppo. Nell'India antica la donna non è mai stata rinchiusa come è accaduto dopo l'invasione musulmana e fino a oggi. A quell'epoca era rispettata da tutti e il matrimonio fra caste diverse era inimmaginabile. È soltanto dopo l’arrivo dei musulmani e poi dei cristiani, i quali hanno sanzionato unioni razzialmente disparate, che la donna indù ha perduto le libertà di cui godeva fuori dalla propria casa. La legislazione indù non è puritana, tiene conto in larga misura delle debolezze umane, ma il matrimonio fuori-casta è considerato come un atto antisociale che rischia di mettere in pericolo l'intera struttura sulla quale riposa l’equilibrio della società. A questo riguardo i codici morali dell'Occidente moderno e dell'India sono completamente differenti, poiché l'Occidente considera morali anche le unioni più eterogenee qualora siano legalizzate, senza preoccuparsi degli eventuali problemi dei figli. L'indù, al contrario, considera il matrimonio d'amore o fuori casta come più immorale e come più socialmente pericoloso di qualsiasi forma di unione temporanea, di prostituzione, di omosessualità, o di fantasia sessuale ove non entrano in gioco che questioni di ordine morale o di equilibrio individuale, rispetto alle quali ogni legislazione ha ben poche giustificazioni ed è dunque tirannica, giacché, solamente quando l'azione dell’individuo rappresenta un pericolo per terzi innocenti (in questo caso la prole) e di conseguenza per la società, lo Stato è legittimato e obbligato a ridurre la libertà individuale. I legislatori indù erano convinti che l'incrocio delle razze o delle caste distrugga, in grande misura, il valore delle due parti che si mescolano e ricreano una materia umana primitiva priva delle virtù dei due gruppi che bisognerà di nuovo plasmare e formare forse per secoli, sino a quando una nuova mescolanza divenga omogenea e possa dare vita a una razza, a una civiltà nuova, dotata di caratteristiche proprie. Le razze miste costituiscono generalmente una sorta di isolante ostile e corruttivo che separa profondamente le due razze che l'hanno generato, e non possono mai, salvo rare eccezioni, servire al loro avvicinamento. Se, al contrario, ogni possibilità di matrimonio (...) resta assolutamente fuori questione, allora noi possiamo facilmente legarci con persone, di ogni razza, di ogni casta e trarre grandi vantaggi dalle loro qualità e dalla loro cultura. Astenersi da ogni tentativo di matrimonio fuori dalla propria casta e dalla propria razza è, dal punto di vista indù, un elemento di decenza sociale tanto fondamentale quanto, per esempio, astenersi dal fare proposte sentimentali a ogni donna che si incontra, il che renderebbe piuttosto difficile la vita sociale.
    In realtà la questione è quasi identica nei due casi. La differenza risiede solo in una prospettiva di tempi. L'avventura temporanea che è immorale nella misura in cui rischia di mettere in pericolo la vita di una famiglia equivale a ciò che rappresenta, nei confronti della vita di una razza, di una casta, di una civiltà millenaria, il matrimonio di due individui disparati, che non ha senso, giacché il matrimonio non dovrebbe essere che un anello nella trasmissione della vita di una specie, un istante della vita di una razza, di una dinastia. L’unione procreatrice che rischia di disorganizzare la vita di una razza è in sé molto più antisociale e immorale di un’avventura passeggera senza conseguenze.
    L'arte di essere P.A.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il più indoeuropeo dei connubi

    Come non condividere?
    Anche se in realtà l'endogamia era molto meno rigida di quanto si creda comunemente. Ad esempio che un uomo di casta superiore sposasse una donna di casta inferiore, ma contigua, ciò era ampiamente permesso.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    17 May 2009
    Località
    ZOG
    Messaggi
    3,279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il più indoeuropeo dei connubi

    Citazione Originariamente Scritto da JnanaTapas Visualizza Messaggio
    Come non condividere?
    Anche se in realtà l'endogamia era molto meno rigida di quanto si creda comunemente. Ad esempio che un uomo di casta superiore sposasse una donna di casta inferiore, ma contigua, ciò era ampiamente permesso.
    Ciò nonostante si sono mantenuti forti contenuti razziali slavi e irano-afghani nelle caste superiori a differenza di quelle basse pur se l'influenza dravidica tipicamente indiana è notevolissima.
    .

  4. #4
    Smoderatore
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    15,670
    Mentioned
    27 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il più indoeuropeo dei connubi

    Largamente condivisibile.

    Anche se ho una concezione più occidentale (in senso buono, cioè romano e cristiano) del matrimonio.

  5. #5
    .
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    9,351
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il più indoeuropeo dei connubi

    Citazione Originariamente Scritto da Enea Visualizza Messaggio
    Ciò nonostante si sono mantenuti forti contenuti razziali slavi e irano-afghani nelle caste superiori a differenza di quelle basse pur se l'influenza dravidica tipicamente indiana è notevolissima.
    Slavi? In India?

    Un tripudio di ostbaltische Rasse...

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    17 May 2009
    Località
    ZOG
    Messaggi
    3,279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il più indoeuropeo dei connubi

    Citazione Originariamente Scritto da Prinz Eugen Visualizza Messaggio
    Slavi? In India?

    Un tripudio di ostbaltische Rasse...
    Parlavo di genetica non di antropologia fisica.
    L'r1a è rilevato al 18% nelle caste superiori, l'elemento sale se si va al nord fino ad un 25%.
    .

 

 

Discussioni Simili

  1. LA MAFIA, UN FENOMENO INDOEUROPEO
    Di acchiappaignoranti nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-10-09, 11:07
  2. Recensione Natale Indoeuropeo
    Di herrenklub (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-12-08, 16:19
  3. Natale indoeuropeo - Roma 13/12/08
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 13-12-08, 13:34
  4. kRN RADICALE INDOEUROPEO
    Di ulfenor nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-11-07, 09:58
  5. Amare l'indoeuropeo
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 16-01-07, 10:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226