User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    (AGI) - Roma, 13 ott. - “Qualcosa di bello si annuncia, qualcosa di grande, negli sviluppi autonomi delle varie storie, quella radicale e quella verde”. Lo ha detto a Radio Radicale Marco Pannella, che ha aggiunto: “Oggi nel mondo e in Italia la radicalita’ verde, ambientalista e radicale e’ esenziale come alternativa di regime e non, come ha rischiato di essere tuttora, come una presenza all’interno del ghetto di una delle due componenti del regime dominante, cioe’ quella di sinistra. La notizia che, dopo quanto accaduto in Francia, i Verdi tedeschi stanno preparando un accordo, che e’ un vero rovesciamento di posizioni, con i liberali e i democristiani e’ di grande importanza e tra l’altro illumina l’importantissimo congresso dei Verdi di Fiuggi dove piu’ che mai e’ l’anima, la storia umana del movimento Verde che a un certo punto si e’ affermata, sconvolgendo le previsioni in larga parte burocratiche di sottopotere che venivano fatte. Qualcosa di bello si annuncia, qualcosa di grande, negli sviluppi autonomi delle varie storie, quella radicale e quella verde”.

    Pannella ha concluso: “Noi onerammo gli amici verdi di una incursione, perche’ finalmente si decidessero a presentarsi con il simbolo, che noi regalavamo, a delle elezioni politiche che erano le regionali nelle quali non volevano intervenire perche’ alcuni, autorevolissimi, dicevano che poteva esserci il sorpasso del Pci sulla Dc e che quindi non bisognava essere presenti. Noi ci organizzammo assieme e fu il primo grosso intervento politico verde ambientalista in Italia, una novita’ che oggi si ripropone in tutta la sua attualita’. La necessaria radicalita’ storica dell’ambientalismo come alternativa ad un malgoverno del territorio mondiale e’ l’altro volto della radicalita’ Radicale. La moneta che va spesa oggi secondo anche molte iniziative, non solo americane, e’ una moneta che ha sulla faccia il grande simbolo del Sole che ride e sull’altra il grande simbolo della nonviolenza radicale. Il simbolo verde e il simbolo radicale devono essere rivisti nella loro interezza e anche nella loro oggettiva identita’ comune”. (AGI)

    Cav Elezioni PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Radicalpignolo
    Data Registrazione
    16 Apr 2004
    Località
    www.radicalweb.it
    Messaggi
    18,344
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    Citazione Originariamente Scritto da Burton Morris Visualizza Messaggio
    PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    (AGI) - Roma, 13 ott. - “Qualcosa di bello si annuncia, qualcosa di grande, negli sviluppi autonomi delle varie storie, quella radicale e quella verde”. Lo ha detto a Radio Radicale Marco Pannella, che ha aggiunto: “Oggi nel mondo e in Italia la radicalita’ verde, ambientalista e radicale e’ esenziale come alternativa di regime e non, come ha rischiato di essere tuttora, come una presenza all’interno del ghetto di una delle due componenti del regime dominante, cioe’ quella di sinistra. La notizia che, dopo quanto accaduto in Francia, i Verdi tedeschi stanno preparando un accordo, che e’ un vero rovesciamento di posizioni, con i liberali e i democristiani e’ di grande importanza e tra l’altro illumina l’importantissimo congresso dei Verdi di Fiuggi dove piu’ che mai e’ l’anima, la storia umana del movimento Verde che a un certo punto si e’ affermata, sconvolgendo le previsioni in larga parte burocratiche di sottopotere che venivano fatte. Qualcosa di bello si annuncia, qualcosa di grande, negli sviluppi autonomi delle varie storie, quella radicale e quella verde”.

    Pannella ha concluso: “Noi onerammo gli amici verdi di una incursione, perche’ finalmente si decidessero a presentarsi con il simbolo, che noi regalavamo, a delle elezioni politiche che erano le regionali nelle quali non volevano intervenire perche’ alcuni, autorevolissimi, dicevano che poteva esserci il sorpasso del Pci sulla Dc e che quindi non bisognava essere presenti. Noi ci organizzammo assieme e fu il primo grosso intervento politico verde ambientalista in Italia, una novita’ che oggi si ripropone in tutta la sua attualita’. La necessaria radicalita’ storica dell’ambientalismo come alternativa ad un malgoverno del territorio mondiale e’ l’altro volto della radicalita’ Radicale. La moneta che va spesa oggi secondo anche molte iniziative, non solo americane, e’ una moneta che ha sulla faccia il grande simbolo del Sole che ride e sull’altra il grande simbolo della nonviolenza radicale. Il simbolo verde e il simbolo radicale devono essere rivisti nella loro interezza e anche nella loro oggettiva identita’ comune”. (AGI)

    Cav Elezioni PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE


    La vittoria di Angelo Bonelli nel Congresso dei Verdi apre scenari interessanti. Di fatto sono stati epurati i sinistroidi del partito, e Bonelli stesso ha riconosciuto che la colpa dei Verdi italiani è quella di essere stati capaci di rivolgersi soltanto ad un elettorato ideologicizzato e di sinistra, senza aprire a tutti coloro i quali sono ambientalisti ma appartengono all'area moderata. E' notizia attuale che i verdi tedeschi stiano aprendo un dialogo con i liberali di Westerwelle e la CDU della Merkel, e ciò a dimostrazione che soltanto in Italia ambientalismo era arrivato a diventare sinonimo di comunismo.
    Se i Verdi sapranno farsi portatori di nuove istanze e abbandonare certi astrusi estremismi credo che potranno rappresentare il naturale complemento dell'area radicale.
    Dio perdona, LIBERAMENTE senza dubbiamente no.

  3. #3
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    Citazione Originariamente Scritto da LIBERAMENTE Visualizza Messaggio
    La vittoria di Angelo Bonelli nel Congresso dei Verdi apre scenari interessanti. Di fatto sono stati epurati i sinistroidi del partito, e Bonelli stesso ha riconosciuto che la colpa dei Verdi italiani è quella di essere stati capaci di rivolgersi soltanto ad un elettorato ideologicizzato e di sinistra, senza aprire a tutti coloro i quali sono ambientalisti ma appartengono all'area moderata. E' notizia attuale che i verdi tedeschi stiano aprendo un dialogo con i liberali di Westerwelle e la CDU della Merkel, e ciò a dimostrazione che soltanto in Italia ambientalismo era arrivato a diventare sinonimo di comunismo.
    Se i Verdi sapranno farsi portatori di nuove istanze e abbandonare certi astrusi estremismi credo che potranno rappresentare il naturale complemento dell'area radicale.
    Infatti, la vittoria di Bonelli è importante, se diventano di nuovo i verdi del "movimento" e non i verdi delle poltrone di sottogoverno possono diventare importantissimi. Meno male che l'ala burocraticopoltronara della Francescato è andata via.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    19 Apr 2009
    Località
    Targato SA
    Messaggi
    1,899
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    Citazione Originariamente Scritto da LIBERAMENTE Visualizza Messaggio
    La vittoria di Angelo Bonelli nel Congresso dei Verdi apre scenari interessanti. Di fatto sono stati epurati i sinistroidi del partito, e Bonelli stesso ha riconosciuto che la colpa dei Verdi italiani è quella di essere stati capaci di rivolgersi soltanto ad un elettorato ideologicizzato e di sinistra, senza aprire a tutti coloro i quali sono ambientalisti ma appartengono all'area moderata. E' notizia attuale che i verdi tedeschi stiano aprendo un dialogo con i liberali di Westerwelle e la CDU della Merkel, e ciò a dimostrazione che soltanto in Italia ambientalismo era arrivato a diventare sinonimo di comunismo.
    Se i Verdi sapranno farsi portatori di nuove istanze e abbandonare certi astrusi estremismi credo che potranno rappresentare il naturale complemento dell'area radicale.
    :giagia::giagia::giagia::giagia::giagia:

    Vota Cavaliere Nero alla Camera

    Repubblicano Liberaldemocratico

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Messaggi
    727
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    favorevole a un'alleanza coi verdi! :giagia:

  6. #6
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    Tutti insieme appassionatamente?

    • da L'Opinione del 14 ottobre 2009, pag. 3

    di Biagio Marzo

    Per quella che si chiama comunemente eterogenesi dei fini, due forze politiche distinte e distanti tra di loro hanno assunto un comune denominatore: Marco Pannella. Nessuno si aspettava che l’entrata in scena di Pannella, nell’assemblea di Bobo Craxi, rivalutasse la tradizione dei socialismo autonomista e libertario e, nel contempo, determinasse solo per la sua presenza il capovolgimento delle sorti del congresso dei Verdi. Non pensiamo minimamente che Pannella pur chiamandosi Marco di nome, abbia le medesime facoltà del Leone alato di "preparare la strada" - incipit del Vangelo Secondo Marco - per nuove prospettive, ma in politica mai dire mai. Sicché, il combinato disposto di Socialisti e Verdi hanno messo in crisi Sinistra e libertà (SL). Già di per sé incapace di decollare, per troppe contraddizioni culturali e politiche al suo interno. Oltretutto, non ha alcun leader capace di guidarlo. Neppure Niki Vendola, che pure si era proposto al ruolo di leader, non è il tipo, per la sua cultura politica, in grado di risollevare le sorti della sinistra. Vale la pena ricordare che è stata profetica la frase di Daniel Cohn Bendit a margine della Assemblea di Bagnoli di SL: ‘la sinistra è un bellissimo ricordo". La presenza di Pannella acquista altresì un significato importante per la scelta compiuta dai Radicali italiani, nell’ultimo Comitato nazionale, di scendere direttamente nelle prossime elezioni regionali, per questo motivo hanno lanciato una campagna di raccolta di "pre firme" per la presentazione delle liste Bonino - Pannella. Nello stesso tempo, hanno chiesto degli incontri, per verificare se c’è ancora un terreno di intesa, al Pd in cui sono stati ospitati nelle ultime politiche e all’Idv di Di Pietro, partito apparentato con il Pd. Con i democratici non crediamo che ci possa essere un’alleanza dopo che si è rimangiato la parola data per quanto riguarda la candidatura di Marco Pannella nelle scorse europee. Con Di Pietro, è meglio mettersi l’anima in pace, sapendo già d’ora che non ci potrà essere alcuna alleanza, visto che lui è giustizialista tanto al chilo e loro garantisti a prova di bomba. Alla luce dei fatti, i Radicali di Pannella, i Socialisti di Bobo Craxi e i Verdi di Boato e Bonelli potrebbero giocare le medesima partita elettorale. Beninteso, la nostra è solo una ipotesi di scuola, non essendoci elementi che possano convalidare le reali intenzioni dei giocatori di cui sopra. L’unica novità è legata agli avvenimenti della scorsa settimana in cui sono successi dei fatti di rilievo politico nell’area dei socialisti e nel partito dei Verdi, mentre infuriava la polemica nei confronti della Corte costituzionale e il Capo dello Stato alimentata da Presidente del consiglio. Benché le due forze non abbiano eletti in Parlamento e non contano un fico secco nel teatro politico, le loro ultime iniziative potrebbero mettere in moto un nuovo processo di alleanze, in vista delle prossime elezioni elettorali. I Socialisti riscoprono la peculiarità autonomista, per cui le alleanze a geometria variabile sono la scelta politica per avere almeno alcuni eletti e per costruire, se ci saranno le condizioni, un radicamento nuovo, svincolato dal residuato elettorale del vecchio Psi, anche perché in via di consunzione. Insomma, un soggetto nuovo di zecca, per le idee e per le proposte, capace di calamitare consensi tra i ceti sociali innovatori, stanchi del populismo imperante, dei conformismo, nemico di ogni politica di cambiamento e della antipolitica: negazione assoluta di cultura delle istituzioni. Bobo Craxi ha lanciato la sfida al Ps di Nencini e il segretario socialista, pur rivendicando con molto orgoglio le sue nobili ascendenze politiche, si è dichiarato in linea di principio disposto confluire in "Sinistra e libertà", con il PS al pari delle altre componenti che faranno parte. Il che significa, però, sia pure tra mille clausole e subordinate, che Nencini, accettando l’auto scioglimento del Partito socialista, ha decretato la morte. A maggior ragione, dopo che Vendola e Fava hanno chiesto il congresso anticipato, accelerando sulla tabella di marcia fissata a Bagnoli, in una assemblea in cui ha gettato le basi per un socialismo a misura dei problemi della società in continua evoluzione. Marco Boato e Angelo Bonelli hanno vinto il congresso dei Verdi in cui avrebbero dovuto soccombere, lasciando via libera a Grazia Francescano e a Loredana De Petris per dar vita alle liste di Sinistra e Libertà. Mentre la coppia vincente sceglie il mantra di Daniel Cohn Bendit secondo cui la sinistra è un concetto superato, piaccia o no, il tempo è post ideologico per cui l’unica politica possibile è il trasversalismo, la coppia sconfitta è l’opposto, sottomessa alla sinistra più d’antan che ci possa essere in giro e ferma a un mondo che non esiste più. Il vecchio ecologismo, screditato dal ministerialismo, ha fatto il suo tempo, e rischia di fa perire i Verdi definitivamente e meno male che a Fiuggi si siano fatti carico Boato e Bonelli di rilanciarlo in chiave riformista. In conclusione. Negli anni Ottanta apparve il fenomeno dei Verdi, tuttora importante, soprattutto in Nord Europa e in Francia, dove, sotto la guida di Cohn-Bendit, gli ecologisti hanno recentemente ottenuto una clamorosa affermazione elettorale. Quella guida che in Italia, senza alcun dubbio, è mancata e la cui assenza stava portando allo scioglimento del partito, ma, per via dello sforzo di Boato e Bonelli, i Verdi ritroveranno l’identità perduta. Bene. A condizione che i Verdi non vadano dietro a movimenti disseminatori di populismo e di antipolitica.

    biagio.marzo@virgilio.it

  7. #7
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE

    "Agenda Coscioni" insieme a "Terra"

    • da Prima Comunicazione del 21 ottobre 2009, pag. 37

    L’attenzione reciproca fra i Verdi - appena usciti da una turbolenta assemblea nazionale, a Fiuggi dal 9 all’11 ottobre, che a sorpresa ha portato alla presidenza Angelo Bonelli - e i Radicali trova un cotè editoriale con l’alleanza stretta fra il quotidiano Terra, organo della Federazione ambientalista, e Agenda Coscioni, mensile dell’associazione Luca Coscioni, fondata dal ricercatore morto a 38 anni di sclerosi laterale amiotrofica, presidente radicale tra il 2001 e il 2006. Sabato 3 ottobre infatti il quotidiano e il mensile si sono fusi in un unico prodotto, 13 pagine per Terra e 27 pagine per Agenda Coscioni (quest’ultima stampata all’incontrario), con ciascuno la sua prima pagina, Terra in prima e Agenda Coscioni in ultima. Prezzo di copertina 1,50 curo invece dell’euro dei giorni normali. L’iniziativa nasce da un’idea dell’editore che ha in gestione Terra, Luca Bonaccorsi. "Su temi come la libertà di cura e di ricerca scientifica, il testamento biologico eccetera siamo molto vicini", dice. L’abbinamento proseguirà una volta al mese. Nel frattempo, Terra ha lanciato su Terra - Quotidiano di informazione pulita l’abbonamento on line per chi volesse leggere il quotidiano via Internet (Terra è distribuito solo in 70 città, e non arriva in Sicilia e Sardegna). Un nuovo portale più avanzato è infine in preparazione per novembre.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 21-11-09, 16:35
  2. Fini annuncia il Congresso Nazionale di AN
    Di UldericoDL nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 06-09-07, 00:15
  3. Chi ne sa qualcosa di questo progetto di legge di Boato(Verdi)?
    Di are(a)zione nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-06-07, 03:45
  4. Iraq: Pannella...ciascuno facendo ORA qualcosa
    Di Wolare nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-03-03, 23:03
  5. Te ne frega qualcosa di Pannella?
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 21-04-02, 22:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226