User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post LIBERTA' D'INSEGNAMENTO: IL CASO ANGELA PELLICCIARI

    Postato il Domenica, 18 ottobre @ 06:06:07 CDT di davide

    DI ANDREA CARANCINI
    andreacarancini.blogspot.com/

    Spiace dirlo, ma il pericolo più subdolo che corre in Italia la libertà di espressione non viene da Berlusconi ma dalle vestali della “cultura della legalità” (Di Pietro, Furio Colombo, Travaglio, Flores d’Arcais) schierate come sono per l’introduzione del reato di omofobia, ancor meglio se inserito in una riedizione “hard” della legge Mancino.

    Scriveva l’altro ieri Furio Colombo su il Fatto Quotidiano che nel ddl Concia la Lega Nord “intravedeva il rischio di un reato d’opinione tipo la legge Mancino, che punisce il razzismo praticato con parole e opere dalla dirigenza politica e organizzativa degli uomini di Umberto Bossi…”.[1]
    In realtà, come stiamo per vedere, la legge Mancino (opportunamente mitigata nel 2006 su iniziativa del Ministro Roberto Castelli) venne istituita nel 1993 non per punire il “razzismo” ma per punire quello che i sionisti considerano razzista, con gravi conseguenze non solo per la libertà di parola (art. 21 della Costituzione) ma anche per la libertà d’insegnamento (articolo 33).



    Il caso che andiamo a esaminare è al riguardo emblematico, per quanto rapidamente dimenticato: si tratta della buriana scatenatasi nel 2006 sul capo della prof. Angela Pellicciari (foto), docente di storia e filosofia in un liceo romano. La prof. Pellicciari, nota e autorevole studiosa del Risorgimento[2] , per approfondire lo studio delle dittature del Novecento aveva indicato ai propri studenti il metodo delle fonti dirette, invitando alla lettura del Manifesto di Marx e del Concordato di Mussolini e Rocco. Fin qui tutto bene; quando però indicò per il nazismo la lettura delle Conversazioni a tavola di Hitler, apriti cielo. Su imput di alcuni genitori di sinistra, Repubblica regalò alla docente la sua “settimana di passione” (attaccandola dall’11 al 18 Febbraio 2006): non solo la prof. aveva osato, in precedenza, cambiare i libri di testo per insegnare il Risorgimento “in chiave di revisionismo storico” ma, orrore, aveva proposto Hitler come testo scolastico, per di più nell’edizione “maledetta” di Franco Freda.[3]

    Ce n’era abbastanza per uno “scandalo” che, pur privo di conseguenze giudiziarie[4] , si concluse con l’umiliazione della docente, sottoposta ai giudizi invasivi di storici “illustri”[5] , alla sconfessione del preside (che impose il ritiro del testo incriminato)[6] , ad un’inchiesta dell’Ufficio scolastico[7] , e all’imposizione di una conferenza “riparatrice” del sopravvissuto di Auschwitz Pietro Terracina.[8]

    Eppure, la Pellicciari aveva riscosso anche la significativa approvazione di uno studioso non certo sospetto di “negazionismo” come Lucio Villari, il quale aveva dichiarato che “In linea di principio sono d’accordo con il metodo della professoressa, perché tutti i testi devono essere conosciuti e studiati”.[9] E qui arriviamo al punto del caso Pellicciari, di una docente “colpevole” di aver voluto esercitare, al meglio, la propria libertà d’insegnamento: un diritto, per l’articolo 33 della Costituzione, ma un reato per la legge Mancino, per cui “è punito: con la reclusione sino a tre anni chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico” (Articolo 1, comma a)).[10]

    In qualsiasi modo: quindi anche mediante un libro di testo, pur criticamente vagliato.

    Si capisce quindi l’opportunità costituzionale di una legge come quella n°85 del 2006 che ha depenalizzato la mera “diffusione” di testi “proibiti”[11] , condotta che invece la proposta di legge presentata da Di Pietro espressamente vorrebbe reintrodurre.[12]

    Insomma, in regime “dipietrista” non solo la Pellicciari rischierebbe la galera ma, se vi finisse, una volta uscita le sue vicissitudini non sarebbero comunque finite: le verrebbero infatti applicate le seguenti pene aggiuntive:

    a) obbligo di prestare un’attività non retribuita in favore della collettività per finalità sociali e di pubblica utilità;
    b) obbligo di rientrare nella propria abitazione o in un altro luogo di privata dimora entro un’ora determinata e di non uscirne prima di un’altra ora prefissata (per un periodo non superiore a un anno);
    c) sospensione della patente di guida, del passaporto e di documenti di identificazione validi per l’espatrio per un periodo non superiore a un anno (nonché divieto di detenzione di armi proprie di ogni genere);
    d) divieto di partecipare, in qualsiasi forma, ad attività di propaganda elettorale per le elezioni politiche o amministrative successive alla condanna, e comunque per un periodo non inferiore a tre anni[13]

    Di Pietro, Colombo, Travaglio, Flores d’Arcais: meglio conoscerli.

    Andrea Carancini
    Fonte: Andrea Carancini
    Link: Andrea Carancini: Libertà d'insegnamento: il caso Angela Pellicciari
    16.10.2009

    [1] Il Fatto Quotidiano, Mercoledì 14 Ottobre 2009, p. 1.
    [2] angela pellicciari
    [3] Studiate su quel testo di Hitler a Roma è polemica in un liceo - Repubblica.it » Ricerca
    [4] All’epoca era ancora in vigore la legge Mancino.
    [5] Hitler in classe, l' accusa degli storici - Repubblica.it » Ricerca
    [6] Libro su Hitler, il preside lo ritira - Repubblica.it » Ricerca
    [7] Dopo Hitler fa lezione Terracina - Repubblica.it » Ricerca
    [8] Ibidem
    [9] Dopo Hitler fa lezione Terracina - Repubblica.it » Ricerca
    [10] Testo della Legge Mancino (25/6/93, n. 205)
    [11] L 85/2006
    [12] http://www.camera.it/_dati/leg16/lav...PDL0014740.pdf [13] Ibidem.

    http://www.comedonchisciotte.org/sit...ticle&sid=6380
    Ultima modifica di Eridano; 19-10-09 alle 09:20
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 30-05-09, 14:19
  2. Intervista ad Angela Pellicciari sul libro: "Risorgimento ed Europa".
    Di merello nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-05-09, 10:50
  3. Avete mai letto Angela Pellicciari?
    Di merello nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 12-05-09, 13:08
  4. La liberta" di insegnamento
    Di danko (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-08-08, 12:45
  5. Ora: Angela Pellicciari da Ferrara.
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 09:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226