User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: il generale tedesco che preferite

Partecipanti
14. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Generalfeldmarschall Walter von Brauchitsch

    0 0%
  • Generaloberst Franz Halder

    0 0%
  • Generalfeldmarschall Werner von Blomberg

    0 0%
  • Generalfeldmarschall Wilhelm Keitel

    0 0%
  • General der Artillerie Alfred Jodl

    1 7.14%
  • Generalfeldmarschall Gerd von Rundstedt

    1 7.14%
  • Generalfeldmarschall Walther von Reichenau

    0 0%
  • Generalfeldmarschall Erich von Manstein

    2 14.29%
  • Generalfeldmarschall Ewald von Kleist

    0 0%
  • Generalfeldmarschall Albert Kesselring

    1 7.14%
  • Generalfeldmarschall Erwin Rommel

    4 28.57%
  • Generalfeldmarschall Walter Model

    1 7.14%
  • General der Panzertruppen Hans Jurgen von Armin

    0 0%
  • Generalfeldmarschall Friedrich Paulus

    1 7.14%
  • Generaloberst Frido von Serger und Etterlin

    0 0%
  • Generalfeldmarschall Gunther von Kluge

    0 0%
  • Oberstgruppenfuher Josef "Sepp" Dietrich

    2 14.29%
  • General der Panzertruppen Hasso von Manteuffel

    0 0%
  • Generaloberst Heinz Guderain

    1 7.14%
  • Generaloberst Kurt Student

    0 0%
Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Un bimbo un voto

  1. #1
    Superpol
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    30,122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un bimbo un voto

    E' un idea che circola da un po' in Europa, quella di dare il dirtto di voto a tutti anche ai bambini. Ovviamente tale voto sarebbe eserctato per delega dai genitori comunque l'idea alla base e' quella di dare maggiore potere alle famiglie, in modo da orientare direttamente le politiche dei governi verso il sostegno della famiglia. Le Acli si apprestano a formualre una proposta di questo genere sulla falsa scia di quella che si sta discutendo in Germania.
    Dunque votate numerosi!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Sep 2003
    Messaggi
    1,343
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sono contrario al voto per delega. La famiglia non rappresenta l'unicita' della persona (una testa un voto). Sono per introdurre il diritto di voto per i ragazzi di 15 anni alle amministrative. Esercitato direttamente.

  3. #3
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un bimbo un voto

    In Origine Postato da MetaPapero
    E' un idea che circola da un po' in Europa, quella di dare il dirtto di voto a tutti anche ai bambini. Ovviamente tale voto sarebbe eserctato per delega dai genitori comunque l'idea alla base e' quella di dare maggiore potere alle famiglie, in modo da orientare direttamente le politiche dei governi verso il sostegno della famiglia. Le Acli si apprestano a formualre una proposta di questo genere sulla falsa scia di quella che si sta discutendo in Germania.
    Dunque votate numerosi!

    NO al limite farei votare dai 16 anni

  4. #4
    Re del Fondoscala
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Messaggi
    61,858
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    non cambierei, per me va bene così, è giusto votare da maggiorenni

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Senza offesa, ma a me sembra una cavolata. Un conto è casomai dare il diritto di voto anche ai sedicenni a tutte le elezioni (poiché ritengo che siano maturi, insieme a molti quattordicenni e quindicenni), un altro è votare per delega: primo perché non ti parfe che nel segreto dell'urna i genitori non votino chi pare a loro, secondo perché i bambini sono politicamente influenzati e dalla famiglia e dalla televisione, non avendo ancora la capacità critica di poter esprimere senza essere condizionati da tali fattori le proprie idee, oltre al fatto che non possono certo saperne più di tanto di politica.
    Ricordo nel '91, quando avevo l'età di 7-8 anni, ero a favore della prima guerra del Golfo, proprio perché ero condizionato dalla televisione e non potevo capire certe cose... bene, se avessi dovuto votare attraverso una delega ai miei genitori, e se essi avrebbero rispettato le mie indicazioni.... chi avrebbe mandato al governo io e i miei coetanei ?

  6. #6
    Superpol
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    30,122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'idea e' un po' piu' complessa.
    Dunque attualmente una famiglia di quattro persone (con due bimbi piccoli) , conta elettoralmente parlando come una coppia di single. Se si parte dal presupposto che grossomodo ognuno vota "egoisticamente", per difendere cioe' i propri interessi, e' evidente che coloro i quali hanno una famiglia sulle spalle voteranno a favore di chi promette loro efficaci politiche famigliari, mentre d'altro canto i partiti politici saranno invogliati a presentare politiche familiari serie per catturare un serbatoio di voti che in Italia si aggira attorno ai 10 milioni. Ovviamente allo stato attuale delle cose il voto di un genitore vale quanto quello di un single, e questo a mio parere non e' proprio giusto.
    C'e' poi un altro discorso. In realta' molte leggi (ad esempio la riforma delle pensioni) sono decise oggi ma avranno un impatto nel futuro. Sentire, pesare sotto forma di voti , coloro i quali molto probabilmente ci pagheranno le pensioni mi sembra estremamente corretto.

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Sep 2003
    Messaggi
    1,343
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da MetaPapero
    L'idea e' un po' piu' complessa.
    Dunque attualmente una famiglia di quattro persone (con due bimbi piccoli) , conta elettoralmente parlando come una coppia di single. Se si parte dal presupposto che grossomodo ognuno vota "egoisticamente", per difendere cioe' i propri interessi, e' evidente che coloro i quali hanno una famiglia sulle spalle voteranno a favore di chi promette loro efficaci politiche famigliari, mentre d'altro canto i partiti politici saranno invogliati a presentare politiche familiari serie per catturare un serbatoio di voti che in Italia si aggira attorno ai 10 milioni. Ovviamente allo stato attuale delle cose il voto di un genitore vale quanto quello di un single, e questo a mio parere non e' proprio giusto.
    Scusami. Premessa: sono genitore di una coppia di fatto.

    Esiste una profonda sfiducia nella visione che "paventi": single da una parte e genitori dall'altra. Spero che il parlamento (e chi l'ha votato quindi") assomigli un po' di piu' ad qualche "mitico" consiglio delgli anziani in cui si prenda in esame la situazione del villaggio tutto. Perche' il villaggio e' uno. Di piu' ognuno ha e deve avere gli stessi diritti degli altri. Di fatto, in questo caso, al netto di tutte le considerazioni, un genitore peserebbe piu' di un non-genitore. Senza garanzia possibile alcuna che il genitore esegua le intenzioni del figlio.



    C'e' poi un altro discorso. In realta' molte leggi (ad esempio la riforma delle pensioni) sono decise oggi ma avranno un impatto nel futuro. Sentire, pesare sotto forma di voti , coloro i quali molto probabilmente ci pagheranno le pensioni mi sembra estremamente corretto.
    Qui nasce uno corto-circuito logico (e quindi di principio). Il genitore esprime le esigenze del figlio? (oltre al problema "tecnico" di garantire che questo accada).

    Credo che il figlio sia "soggetto" di un percorso e non "oggetto" di un processo guidato. Quindi, anche nel voto, deve essere lui/lei ad agire e non "indurre" l'azione del genitore. Il quale puo' essere tentato di "interpretare" le eigenze del figlio proiettando su di lui, oltre che l'amore, aspettative ed esigenze che in realta' sono del padre e/o della madre.

    Quindi, voto si ai 15-16-enni, ma diretto. Valutare se solo per amministrative.

    Ciao. dado.

  8. #8
    Superpol
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    30,122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Le obiezioni che ai sono serie. La proposta si basa sul concetto che noi genitori/single/anziani si voti "egoisticamente", si voti cioe' in base alle proprie esigenze non in base alle reali necessita' di un paese/comunita'. E' ovvio ad esempio che se si dovesse decidere se investire in asili nido/scuola o case di riposo un anziano propenderebbe per la seconda mentre il genitore per la prima, questo almeno in line di massima. Non nego esistano altruisti e/o persone di mentalita' aperta e previdente, se pero' guardo l'Italia mi sembra che siano in netta minoranza.

    Ovviamente il fine ultimo della proposta e' indirizzare il governo verso politiche famigliari, tenendo presente che ci sono 10 milioni di individui che comunque sono una risorsa/speranza ma nonnhanno voce in capitolo fino ai 18 anni.

    Sono comunque d'accordo con te quando dici di abbassare l'eta' per votare. Io la porterei a 14, previo esame di educazione civica

  9. #9
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    117,132
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    208 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito

    Il Gazzettino, Venerdì, 2 Aprile 2004


    Roma
    Il 90,5\% degli italiani è contrario alla possibilità di allargare il voto ai minorenni facendoli rappresentare dai genitori. È il risultato di un'indagine online lanciata dalle Acli, il cui convegno nazionale si è aperto ieri.

    L'estensione del voto ai minorenni, neonati compresi, lascia perplesso soprattutto il mondo delle donne: il 92,7\% del pubblico femminile si dice infatti contrario all'idea di accollarsi la responsabilità di decidere sulle presunte preferenze elettorali dei propri figli. Analizzando, invece, le varie zone del Paese, la contrarietà è più forte nel Mezzogiorno: tra Sud e Isole, il 93,8\% degli intervistati non approva la proposta.

    Favorevoli al voto ai minorenni tramite delega ai genitori è solo il 5\% della popolazione, mentre il 4,5\% afferma di non avere alcuna posizione sull'argomento. Il sondaggio è stato effettuato tra il 20 e il 27 febbraio scorsi, su un campione nazionale di 800 persone, rappresentativo della popolazione italiana con più di 14 anni di età.

 

 

Discussioni Simili

  1. Bimbo michelin
    Di venetoimpenitente nel forum Fondoscala
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 25-03-11, 16:11
  2. un bimbo in pericolo
    Di giovannipresbit nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-01-08, 21:16
  3. un bimbo in pericolo
    Di giovannipresbit nel forum La Filosofia e il Pensiero Occidentale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-01-08, 18:47
  4. Ed il Bimbo de oro......
    Di Nirvana nel forum Fondoscala
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 23-09-04, 21:37
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-03-04, 20:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226