User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I conservatori e Sarkozy

    Malumori francesi

    La "nuova destra" di Sarkò non piace ai conservatori e alla Francia profonda


    di Michele Marchi

    l'Occidentale, 19 Ottobre 2009



    Tempo di bilanci all’Eliseo, nel momento in cui Sarkozy si appresta a tagliare il traguardo di metà mandato. Il suo quinquennato sta entrando nella fase decisiva, quell’ultimo anno e mezzo che aprirà poi le porte alla corsa presidenziale del 2012. E’ lecito riflettere sulla strada percorsa dall’iper-presidente cercando però di non farsi condizionare dal turbolento clima mediatico che ha caratterizzato la sua rentrée dopo le vacanze estive.

    I precedenti della Quinta Repubblica parlano chiaro: passare indenni il primo biennio presidenziale è da sempre compito arduo per gli inquilini dell’Eliseo. De Gaulle, dopo la prima elezione diretta del 1965, nel 1967 dovette affrontare complicate elezioni legislative, vinte dai gollisti per pochi seggi. Giscard nel 1976 ruppe con il suo Primo ministro Chirac e da quel momento il fronte gollista-giscardiano si mostrò sempre meno compatto. Cosa dire poi di Mitterrand, che a due anni della storica elezione del 1981, dovette abbandonare il suo interventismo statale e il programma socialista per sposare quel rigore economico che avrebbe impedito al Paese la bancarotta e l’uscita dal nascente sistema monetario europeo?

    Per Chirac infine il passaggio del primo biennio presidenziale si è rivelato un doppio incubo: come dimenticare il dissennato scioglimento dell’Assemblea nazionale, con successivi cinque anni di coabitazione con il socialista Jospin? D’altra parte dopo la plebiscitaria elezione del 2002 contro Le Pen, proprio con le elezioni regionali del 2004 (20 regioni su 22 ai socialisti), il suo quinquennato mostrò di aver perso tutta la carica propulsiva.

    Dunque se ci si ferma a confrontare la situazione odierna con quella passata, Sarkozy può legittimamente dormire sonni tranquilli. L’opposizione praticamente non esiste. I socialisti sono impegnati in un lento quanto irrilevante tentativo di rifondazione. Bayrou è risultato perdente nel farsi catalizzatore di tutti gli oppositori dell’inquilino dell’Eliseo. La sinistra estrema è incapace di trasformare in patrimonio politico le tensioni sociali comunque presenti nel Paese e il movimento ecologista non è stato in grado di dare seguito all’ottimo risultato alle europee.

    Se a questo vuoto sul fronte politico si aggiunge poi la lunga crisi di rappresentanza e di iscritti che stanno vivendo i sindacati, è impossibile non rilevare gli ampi spazi a disposizione del presidente per dispiegare la sua azione di governo. È vero che il suo livello di popolarità, pur salito rispetto ai picchi disastrosi dello scorso anno, non ha mai superato con convinzione il 50% e non è mai riuscito a staccare quello del suo Primo ministro Fillon, ma la situazione sembra comunque essersi stabilizzata e non c’è dubbio che, nelle condizioni attuali, la sua rielezione sarebbe garantita. Basti pensare che, secondo un recente sondaggio, lo sfidante preferito per contrastare Sarkozy è de Villepin, mentre Royal si trova staccata di sei punti percentuali, allo stesso livello dell’anticapitalista Besancenot e il segretario del Ps Aubry è considerata la sfidante ideale solo dal 4% degli intervistati.

    Eppure, nonostante una situazione invidiabile, il clima politico transalpino è avvelenato da una serie di questioni particolarmente spinose per il Presidente. Innanzitutto la contrastata “tassa ecologica”, con i critici che hanno accusato Sarkozy di voler essere “più verde dei verdi”. In secondo luogo la vicenda Frédéric Mitterrand, prima con la difesa (peraltro insieme a Kouchner) di Polanski, poi con il ritorno su un libro pubblicato dall’attuale ministro della cultura, nel quale si parla esplicitamente della sua omosessualità e del suo turismo sessuale in Estremo Oriente. In terzo luogo il progetto di abolizione della taxe professionelle (una sorta di Irap francese) che si lega in maniera stretta all’ambizioso progetto di riforma delle collettività territoriali. Infine la nota vicenda della probabile nomina del figlio Jean alla guida dell’istituto di gestione del quartiere d’affari de La Défense.

    Uno è il dato che accomuna i malumori sorti su queste quattro delicate questioni: ben più degli strali lanciati dai socialisti o da quelli provenienti dalla stampa, il Presidente deve preoccuparsi del “mal di pancia” che attraversa il suo partito e il suo elettorato, in particolare quello tradizionale, più conservatore e della Francia profonda.

    Il discorso diventa più complesso e va al di là della polemica quotidiana: fino a che punto Sarkozy può spingersi nell’imporre la sua nuova idea di destra? Sul banco degli imputati è innanzitutto la strategia d’ouverture, che con l’arrivo di un Mitterrand al governo ha messo a dura prova il livello di sopportazione sia dell’elettorato che degli eletti post-gollisti. È certamente vero che l’inquilino dell’Eliseo ha favorito una cultura del merito e dell’eccellenza in base alla quale il governo del Paese deve associare i migliori. Ma l’elezione di Sarkozy nella primavera del 2007 era stata caratterizzata anche da una vera e propria offensiva valoriale, in cui cultura d’impresa, insistenza sul valore-lavoro e promozione individuale si contrapponevano ai dis-valori della cultura sessantottina.

    La promessa di più efficienza e di un nuovo “modello francese” è stata l’asse portante della sua lunga campagna presidenziale. È certamente giusto ricordare che la crisi economico-finanziaria dello scorso anno ha rimesso in discussione larga parte del programma di Sarkozy. Resta il fatto che proprio l’elettorato e i simpatizzanti di destra sono i più critici sulla questione Mitterrand, così come su quella Jean Sarkozy e sulla svolta ecologista.

    Se dall’elettorato si passa poi agli eletti dell’Ump il livello di malumore cresce. Il processo Clearstream, fortemente voluto dall’Eliseo, sta in realtà rivelandosi un’arma a doppio taglio. Da un lato le responsabilità di de Villepin sono probabilmente destinate ad essere accertate, ma dall’altro si sta riaprendo la competizione tra sarkozisti e villepenisti all’interno dell’Ump. Se a questo dato si aggiunge la sempre più accentuata autonomia del capogruppo Ump all’Assemblea nazionale Jean-François Copé e il probabile scontro tra l’ex-fedelissimo Patrick Devedjan e il figlio Jean nell’Hauts-de-Seine, il clima non è quello auspicabile in vista delle decisive elezioni regionali del 2010, vero e proprio trampolino di lancio in vista dell’appuntamento presidenziale del 2012.

    A preoccupare ulteriormente l’inquilino dell’Eliseo sono state le dichiarazioni di due pesi massimi del centro-destra transalpino come Raffarin e Juppé. Il primo ha espresso le sue perplessità sulla gestione istituzionale del quinquennato, arrivando a proporre una riforma in senso presidenziale, che eliminerebbe il Primo ministro ma anche il potere di scioglimento presidenziale dell’Assemblea nazionale. Il secondo, al momento al lavoro nella commissione Juppé-Balladur per il grande “prestito nazionale”, è intervenuto più volte polemicamente sia sulla riforma delle collettività territoriali che sulla tassa verde.

    I segnali sono chiari: Sarkozy deve concretamente rassicurare la destra. È vero, come ricordano molti suoi fedelissimi, che è lui l’artefice della vittoria del 2007, così come di quella alle europee del 2009 e sarà ancora a lui che si dovrà un’eventuale vittoria nel 2012. Ma è altresì importante ricordare che la storia della Quinta Repubblica è ricca di autorevoli faide a destra: Chaban-Delmas nel 1974 e Balladur nel 1995 (entrambi “silurati” da Chirac) sono due esempi da non trascurare. Sarkozy può al momento vantare un bilancio complessivamente in attivo. Oltre agli ottimi successi sul fronte internazionale (ritorno francese nella Nato, rilancio del Trattato di Lisbona e ottimo semestre di presidenza dell’Ue), sul fronte delle riforme interne il suo attivismo ha portato anche ad interessanti risultati. Scudo fiscale, riforma dei regimi speciali (e in genere numerose riforme della sécurité sociale), snellimento del personale amministrativo, riforma della giustizia minorile, riforma istituzionale, fiscalità “verde” e autonomia universitaria possono essere ascritti al fronte dei successi.

    Ecco allora che l’intervista rilasciata a «Le Figaro» sabato scorso è un ritorno al puro stile di Sarkozy. Poco spazio per i bilanci e molto per il rilancio. Difesa dell’industria francese, priorità alla crescita (senza ascoltare chi, come Nicolas Baverez, attacca la cultura del debito pubblico), rifiuto di aumentare la pressione fiscale, severità sui temi dell’immigrazione e accentuazione di quelli della sicurezza. Sulla nuova riforma pensionistica, la lotta alla microcriminalità, il contenimento della disoccupazione e la riforma dell’istruzione secondaria Sarkozy si giocherà l’esito delle regionali 2010 e le sue chances di rielezione nel 2012. Sul fondo resta una difficoltà comune alle forze di centro-destra europee. I punti di contatto con la proposta politica di Cameron in Gran Bretagna e di Fini in Italia sono evidenti. È lecito però chiedersi fino a che punto possa spingersi e secondo quali modalità possa proseguire il processo di modernizzazione della destra continentale. Il laboratorio francese rimane certamente un interessante punto di osservazione.


    La "nuova destra" di Sarkò non piace ai conservatori e alla Francia profonda | l'Occidentale

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Sarkozy inizialmente non era partito male, sembrava essere l'uomo giusto dei neogollisti per superare l'empasse Chirac e anche per riproporre certe tematiche care all'elettorato lepenista: si definitiva di Destra con convinzione, era meno incline alla correttezza politica, ha aperto la Republique alla Chiesa cattolica e alle radici cristiane, alzato i toni contro l'immigrazione clandestina e la criminalità delle banlieues...dopo un pò invece ha cominciato a imbarcare socialisti e sfociare più "a sinistra", ha divorziato risposandosi con Carla Bruni con la quale ha iniziato ad inebetire i francesi con storielle e mondanità tipicamente radical-chic, e ha pure ceduto parecchio alle richieste degli islamici. Non ci dispiacerebbe un ritorno sulla scena politica francese del gollista duro e puro Charles Pasqua anche se al momento non possiamo che preferire il visconte vandeano De Villiers, che tra l'altro sembra disposto ad arrivare a compromessi con la stessa Ump. Inoltre bisognerà vedere cosa accadrà nel Front National con il ritiro di Le Pen, che ultimamente secondo noi era parecchio scaduto su posizioni terzomondiste e filo-islamiche a causa di Soral e per i rapporti amichevoli con Dieudonné. Forse tutti i frammenti del primo Front National potrebbero ricomporsi.. Sembra comunque che Mégret, Lang e la Nuova destra popolare (fuoriusciti dal FN) si stiano coordinando.

    carlomartello
    Ultima modifica di carlomartello; 19-10-09 alle 15:49

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    Sarkozy inizialmente non era partito male, sembrava essere l'uomo giusto dei neogollisti per superare l'empasse Chirac e anche per riproporre certe tematiche care all'elettorato lepenista: si definitiva di Destra con convinzione, era meno incline alla correttezza politica, ha aperto la Republique alla Chiesa cattolica e alle radici cristiane, alzato i toni contro l'immigrazione clandestina e la criminalità delle banlieues...dopo un pò invece ha cominciato a imbarcare socialisti e sfociare più "a sinistra", ha divorziato risposandosi con Carla Bruni con la quale ha iniziato ad inebetire i francesi con storielle e mondanità tipicamente radical-chic, e ha pure ceduto parecchio alle richieste degli islamici. Non ci dispiacerebbe un ritorno sulla scena politica francese del gollista duro e puro Charles Pasqua anche se al momento non possiamo che preferire il visconte vandeano De Villiers, che tra l'altro sembra disposto ad arrivare a compromessi con la stessa Ump. Inoltre bisognerà vedere cosa accadrà nel Front National con il ritiro di Le Pen, che ultimamente secondo noi era parecchio scaduto su posizioni terzomondiste e filo-islamiche a causa di Soral e per i rapporti amichevoli con Dieudonné. Forse tutti i frammenti del primo Front National potrebbero ricomporsi.. Sembra comunque che Mégret, Lang e la Nuova destra popolare (fuoriusciti dal FN) si stiano coordinando.

    carlomartello
    Sono d'accordo con te riguardo Sarkozy. Forse è tutta colpa di Carlà o forse no... Sembra una maledizione, ma oggi in genere quando un conservatore va al potere finisce che piace agli avversari e delude il proprio elettorato!
    SADNESS IS REBELLION

  4. #4
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Ripassiamo un attimo i punti deboli di Sarkozy


    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio

    Eppure, nonostante una situazione invidiabile, il clima politico transalpino è avvelenato da una serie di questioni particolarmente spinose per il Presidente. Innanzitutto la contrastata “tassa ecologica”, con i critici che hanno accusato Sarkozy di voler essere “più verde dei verdi”.
    Non ero a conoscenza di questo odioso balzello tinto di verde (per renderlo forse più simpatico e accettabile?); ma un conservatore che si rispetti dovrebbe diminuire le spese piuttosto che aumentare a dismisura la pressione fiscale, simbolo dell'oppressione dello Stato sul libero cittadino, che si vede rapinato dei frutti del proprio lavoro. Questa tendenza "green" da parte di vari leader conservatori moderati europei (compreso David Cameron, che si è spinto a modificare il simbolo dei Tories fino a riprendere la Quercia verde) non risulta convincente, tanto più che pare attuata quasi sulla scia delle prediche di certi pseudo-scienziati liberal. Il recupero e la salvaguardia della terra, elementi apprezzabili per un conservatore, non devono tradursi in una gragnuola ingiustificata di tasse.


    Citazione Originariamente Scritto da Florian
    In secondo luogo la vicenda Frédéric Mitterrand, prima con la difesa (peraltro insieme a Kouchner) di Polanski, poi con il ritorno su un libro pubblicato dall’attuale ministro della cultura, nel quale si parla esplicitamente della sua omosessualità e del suo turismo sessuale in Estremo Oriente.
    Stendiamo un velo pietoso. Sarkozy difende e protegge squallidi esponenti politici o di cultura simpatici alla sinistra. Perchè rendersi amici uno stupratore e un pederasta? Grave errore. Stupratori e pederasti stanno bene in carcere.


    Citazione Originariamente Scritto da Florian
    In terzo luogo il progetto di abolizione della taxe professionelle (una sorta di Irap francese) che si lega in maniera stretta all’ambizioso progetto di riforma delle collettività territoriali.
    Non conosco, neppure superficialmente, questi progetti. In linea di massima - smentendo in parte il primo commento - l'abolizione dell'Irap pare giusta ed evidentemente necessaria.

    Citazione Originariamente Scritto da Florian
    Infine la nota vicenda della probabile nomina del figlio Jean alla guida dell’istituto di gestione del quartiere d’affari de La Défense.
    Un episodio dal sapore nepotistico tutto sommato perdonabile, se confrontato con quanto avviene a casa nostra.

    Citazione Originariamente Scritto da Florian
    il Presidente deve preoccuparsi del “mal di pancia” che attraversa il suo partito e il suo elettorato, in particolare quello tradizionale, più conservatore e della Francia profonda.
    Dissenso inevitabile quando ci si impalma con l'emblema supremo dello schifo radical-chic. Carlà rappresenta per certi versi la pietra tombale sulla credibilità di Sarkozy. Un personaggio più odioso e nefasto non lo poteva trovare.

    Citazione Originariamente Scritto da Florian
    Sul banco degli imputati è innanzitutto la strategia d’ouverture, che con l’arrivo di un Mitterrand al governo ha messo a dura prova il livello di sopportazione sia dell’elettorato che degli eletti post-gollisti. È certamente vero che l’inquilino dell’Eliseo ha favorito una cultura del merito e dell’eccellenza in base alla quale il governo del Paese deve associare i migliori. Ma l’elezione di Sarkozy nella primavera del 2007 era stata caratterizzata anche da una vera e propria offensiva valoriale, in cui cultura d’impresa, insistenza sul valore-lavoro e promozione individuale si contrapponevano ai dis-valori della cultura sessantottina.
    Proprio un Mitterand doveva cooptare! E' come se Sarkozy dicesse che sì, è giusto promuovere i meritevoli, ma visto che a destra ce ne sono pochini, è meglio pescare dall'altra parte...magari fra i figli di papà imbevuti di cultura post-sessantottina. La cultura del buonismo, della fannullaggine, del demerito, dell'irresponsabilità, della contestazione all'autorità.
    Così non va. Altro errore grave.

    Insomma, Sarkozy non convince. Resta in sella più per il demerito degli avversari, che per merito suo. Ha ancora un pò di tempo per riparare agli errori compiuti...ci dia retta Presidente, lasci stare le brunette fighette senza cervello, si liberi al più presto di Mitterand...ritorni alla origini, prima che sia troppo tardi.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo con te riguardo Sarkozy. Forse è tutta colpa di Carlà o forse no... Sembra una maledizione, ma oggi in genere quando un conservatore va al potere finisce che piace agli avversari e delude il proprio elettorato!
    Dal Ministro degli Interni para-lepenista contrario alla Turchia in Europa, a Sarkò-Carlà coppia della Francia para-veltroniana, in effetti...
    Anche se ogni tanto rilancia i toni di un tempo, per esempio ultimamente ha proposto il divieto del burka e la castrazione chimica per gli stupratori seriali.

    carlomartello

  6. #6
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    Anche se ogni tanto rilancia i toni di un tempo, per esempio ultimamente ha proposto il divieto del burka e la castrazione chimica per gli stupratori seriali.

    carlomartello
    Addirittura? Qui in Italia si griderebbe allo scandalo...
    A quanto vedo non tutto è perduto.

  7. #7
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    ultimamente ha proposto il divieto del burka e la castrazione chimica per gli stupratori seriali.
    Personalmente sono sempre stato contrario alla cosiddetta "castrazione chimica". E' una misura velatamente femminista che mi ripugna.
    Ultima modifica di Florian; 19-10-09 alle 18:49
    SADNESS IS REBELLION

  8. #8
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    Personalmente sono sempre stato contrario alla cosiddetta "castrazione chimica". E' una misula velatamente femminista che mi ripugna.
    Io sono favorevole alla castrazione chimica, solo se accettata dall'interessato come forma medica di guarigione volontaria. Una castrazione obbligatoria mi sembra effettivamente eccessiva. Certo è che comprendo tale posizione (di fronte a certi atti, non so cosa farei se fossi parente della vittima...)

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I conservatori e Sarkozy

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    Personalmente sono sempre stato contrario alla cosiddetta "castrazione chimica". E' una misura velatamente femminista che mi ripugna.
    In effetti...è proprio questo il problema: che le proposte sarkoziste vadano in direzioni come il femminismo piuttosto che altrove (la Lega per esempio ne fa un discorso identitario e securitario).

    carlomartello
    Ultima modifica di Florian; 19-10-09 alle 18:49

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 02-05-10, 10:56
  2. Sarkozy
    Di pensiero nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 25-11-07, 14:54
  3. Sarkozy e il filoamericanismo di noi Conservatori
    Di Italianhawk83 nel forum Conservatorismo
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 28-05-07, 19:29
  4. Sarkozy
    Di tolomeo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 20-03-07, 14:53
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-01-06, 11:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226