User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito «Anche i padani fuori di qui» Quel Veneto «oltre» la Lega

    Ma basterà poi un governatore leghista? Non è che Luca Zaia il trevisano e Flavio Tosi il veronese, i due candidati alla poltrona di candidato, saranno già un po’ troppo lombardocentrici, visto che militano sul Carroccio? Signore e signori benvenuti in Veneto, dove se sei nato a Legnago uno di Vittorio Veneto ti domanderà con un po’ di disprezzo: «Situ dea bassa?», e un veneziano te lo dirà in un’altra lingua: «Te xì miga dea bassa?», ché c’è un dialetto per ogni area geografica, qui, e da Bassano a Padova le aree sono almeno sette. La Lega sembra il minimo, non il massimo comun denominatore, in questa terra di rivendicazioni indipendentiste che si autoalimentano nel mito dell’autodeterminazione. Per dire.
    In vista delle prossime Regionali, il «Partito nasional veneto», Pnv, ha annunciato che farà le primarie per scegliere il proprio candidato alla presidenza della Regione. Quanto a quelli della «Liga Veneta Repubblica», che si chiamano così perché il nome «Liga Veneta» senza suffissi appartiene alla Lega Nord e Umberto Bossi li ha già trascinati in tribunale un po’ di volte per riaffermarlo, il loro slogan è: «Veneti sì, padani no. Veneto e basta».
    Non è questione di scavalcare il Senatùr a destra, tant’è vero che la «Liga Veneta Repubblica» non disdegna alleanze a sinistra, se serve, e c’è pure un gruppo, l’«Unità popolare veneta», che si ispira al basco Batasuna. È questione, semplicemente, di essere oltre la Lega Nord. Si capisce poi che, così dicono i suoi, l’Umberto non si fidi granché dei veneti. Era il 12 maggio 1997 quando gli otto «Serenissimi», braccio operativo del «Veneto Serenissimo governo», armi in pugno occuparono piazza San Marco issando la bandiera del Leone sul Campanile, in una crociata, dissero, contro l’antica annessione del Veneto al Regno d’Italia, sì, ma anche contro quella recente allo «Stato padano» di cui Bossi aveva annunciato di voler proclamare l’indipendenza nel settembre successivo. Bisogna partire da lì, perché da allora poco è cambiato. Non a caso la Liga, nata nel 1980, sarà pure la «madre di tutte le leghe», quelle che Bossi riunì su un unico Carroccio, ma il Carroccio i suoi 25 anni li ha celebrati col compleanno della più giovane Lega Lombarda.
    Il viaggio nella galassia dell’autodeterminazione lo ha fatto Francesco Jori, trent’anni di carriera giornalistica proprio nel Nordest, ex inviato speciale e vicedirettore de Il Gazzettino, oggi editorialista dei quotidiani del Nordest del gruppo L’espresso. Quello che colpisce, nel frastagliato panorama che descrive (Dalla Lega alla Liga, ed. Marsilio), sono le date. Perché se nessuno dei movimenti della prima ora s’è ancora arreso, gli altri hanno iniziato a proliferare in anni recenti, dal 2002 a oggi. Jori ne ha contati tredici, ma precisa come sia impossibile dar conto in modo esauriente di tutte le sigle «del venetismo». Se solo «Progetto Nordest» ha una rappresentanza istituzionale significativa, con un consigliere regionale e quattro alla Provincia di Treviso, la vitalità degli altri si misura al di là dei consensi elettorali, dall’opera di tessitura del Pnv, che mira a far convergere tutti i movimenti autonomisti regionali e «al referendum per l’indipendenza della Venetia», al «Veneto Serenissimo Governo» che, scrive Jori, guidato dall’ex Serenissimo Fausto Faccia e «mai di fatto chiuso dopo l’evento di piazza San Marco del 1997, ha ripreso visibilità il 20 luglio 2008, proclamando “la continuazione della Veneta Serenissima Repubblica”», con tanto di Radio, sulla quale «dal 13 marzo 2009, ogni venerdì, Luca Peroni racconta la sua avventura, “storia di un Serenissimo che liberò San Marco”». E poiché qui inevitabilmente le rivendicazioni indipendentiste si fondono con la difesa delle radici, alle sigle più politiche come «Veneto Libero», che contesta l’annessione del 1866 o «I Veneti», che vuole l’autogoverno, si affiancano associazioni culturali come «Raixe venete», che coordina 52 associazioni con tanto di bimestrale e sito web, «Milizia veneta», che dal 2002 celebra fatti e personaggi storici della Serenissima, e «Par San Marco», nata nel 2004 per «far rinascere i valori spirituali del popolo veneto».
    Ma tutto il mondo è paese e non mancano le lotte di potere. Tanto per cominciare i governi sono due: oltre al Veneto Serenissimo Governo c’e il «Governo del popolo veneto», fa riferimento a «Life», movimento creato dall’ex leghista Fabio Padovan, ed è guidato da Daniele Quaglia, eletto in regolari, si fa per dire, «elezioni del popolo veneto». L’ultimo nato poi, il «Forum dei veneti», si è già spaccato su una questione di «careghe». Alla fine, c’è da credere che tutti si dovranno «accontentare» della via federalista all’autogoverno, votando uno degli uomini del Senatùr.

    «Anche i padani fuori di qui» Quel Veneto «oltre» la Lega - Interni - ilGiornale.it del 20-10-2009

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Anche i padani fuori di qui» Quel Veneto «oltre» la Lega

    Non sono di Vittorio Veneto,e neanche della provincia di Treviso,dalle mie parti "situ dea bassa?" diventa "sito dea bassa?" eeh troppo diversi non diventeremo mai una nazione, se chi scrive questi articoli lo fa in buona fede ogni tanto dovrebbe scrivere su quali abissi separino il nord dal sud,quelli si reali.

    La verità è che se quel giornalista è settentrionale,è colpa anche di questi traditori se siamo la regione che riceve meno dallo stato e una di quelle che dà di più.



  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    187
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Anche i padani fuori di qui» Quel Veneto «oltre» la Lega

    Citazione Originariamente Scritto da Quayag Visualizza Messaggio
    Non sono di Vittorio Veneto,e neanche della provincia di Treviso,dalle mie parti "situ dea bassa?" diventa "sito dea bassa?" eeh troppo diversi non diventeremo mai una nazione, se chi scrive questi articoli lo fa in buona fede ogni tanto dovrebbe scrivere su quali abissi separino il nord dal sud,quelli si reali.

    La verità è che se quel giornalista è settentrionale,è colpa anche di questi traditori se siamo la regione che riceve meno dallo stato e una di quelle che dà di più.
    Quoto.

    Quanto mi fanno incazzare quei venduti che ti spiegano come i padovani siano troppo diversi dai trevigiani, i vercellesi troppo diversi dai torinesi, i bergamaschi de hura troppo diversi dai bergamaschi de sota per poter far parte di un'unico stato/federazione/regione autonoma.... PERO' allo stesso tempo ti spiegano che siamo tutti perfettamente uguali, fratelli-ditaglia con napoletani, siciliani, ecc.

    Ma no che questa gente non scrive in buona fede... il suo compito e' quello di continuare a far credere alla gente che un'entita' politica autonoma tipo Catalunya o Galles e' impossibile in Veneto o in Padania, e dunque bisogna scavare su tutte le minuzie, l'accento di Pordenone e' diverso da quello di Udine...i tortellini di Parma sono piegati in modo diverso dai tortellini di Bologna... e la gente ci crede anche, come se fossero queste le cose importanti per avere l'autonomia politica e non invece il fatto che teniamo su l'economia e paghiamo solo tasse.

    E purtroppo ci sono anche i pirla in buona fede, quelli che mettono su il 20simo movimento veneto solo per litigare con gli altri 19 su chi e' piu' veneto degli altri.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,163
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: «Anche i padani fuori di qui» Quel Veneto «oltre» la Lega

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    E purtroppo ci sono anche i pirla in buona fede, quelli che mettono su il 20simo movimento veneto solo per litigare con gli altri 19 su chi e' piu' veneto degli altri.
    Già, proprio così.
    Comunque alcuni sono in buona fede, altri no.
    In Veneto servizi segreti, estrema destra e spezzoni di gladio
    han fatto tutti la loro parte.:giagia:

 

 

Discussioni Simili

  1. Quel plebiscito- truffa che asservì il Veneto
    Di Dark Knight nel forum Lega
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18-05-10, 09:26
  2. oltre l'indulto.....fuori anke.....
    Di kanekorso nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-12-06, 20:47
  3. Chi si ricorda ancora di quel Veneto?
    Di Maxadhego nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-05-05, 15:32
  4. Veneto: Cavaliere Presenta Statuto Lega Anche In 'veneziano'
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-09-02, 18:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226