User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: www.ilfederalismo.net

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    www.ilfederalismo.net

    E' online la versione elettronica dell'interessante foglio settimanale padano, a questo indirizzo

    http://www.ilfederalismo.net/

    Copre un po' tutto il panorama padanista, quasi come ai vecchi tempi, si va da governativi come Castelli/Maroni a gente tipo Bontempi/Savoini fino a Stagnaro passando per il classico Oneto, sferzante e preciso, al solito, di cui riporto il pezzo che, tra l'altro, esprime idee con cui questo forum concorda pienamente.



    Roma (ladrona) doma


    Garibaldi: «La corruzione nei plebisciti,
    nella Camera, nei ministeri, nei tribunali fu alzata a sistema di governo». E un giovane Mussolini scrisse: «Roma è il focolare d’infezione della vita politica nazionale. Basta con lo stupido pregiudizio unitario per cui tutto dev’essere concentrato in Roma»

    Dai giorni per qualcuno gloriosi del Risorgimento, la popolazione dello stivale è poco più che raddoppiata (di 2,24 volte). Nello stesso periodo, Napoli - che era a metà Ottocento la città più popolosa della penisola - aveva 416.000 abitanti: oggi (censimento 2001) ne ha 1.005.000 ed è perciò aumentata di 2,52 volte. Milano e Torino ne avevano rispettivamente 181.000 e 143.000 e oggi 1.302.000 e 905.000, con aumenti di 7,19 e di 6,33 volte. Nel 1853 Roma aveva 175.000 abitanti, oggi ne ha 2.460.000 ed è cresciuta di 14,05 volte, il doppio di Milano. Tutte le città si sono ingrandite molto più rapidamente in numero di abitanti rispetto alle percentuali complessive a causa del generalizzato inurbamento che ha caratterizzato la storia mondiale dell’ultimo secolo. Sembra fare eccezione Napoli che non ha particolari attrattive economiche, che è salassata dall’emigrazione e il cui aumento sembra solo frutto dell’esuberanza testosteronica (con una sola erre) di cui i partenopei vanno notoriamente molto orgogliosi. Milano e Torino sono invece cresciute grazie al loro prodigioso sviluppo economico e alla grande richiesta di forza lavoro che, l’industria prima e il terziario, poi hanno espresso.E Roma? A cosa deve la sua prodigiosa espansione? A Roma non ci sono industrie, non c’è offerta di lavoro (almeno nel senso stretto del termine), eppure la città è cresciuta più di tutte le altre e continua a farlo. Per secoli a Roma ci si andava solo a fare i chierichetti (i “cergeti” di un noto proverbio ligure), i preti e le “segnorine” necessarie per un pio ma esuberante mercato di singles. Oggi la professione dei chierichetti è molto decaduta, la vocazione a fare il prete è in rapido calo (a fronte del vorticoso aumento dei cardinali) e anche le fanciulle più generose hanno cambiato status e variegato le formule della loro offerta professionale. Così oggi a Roma si va per fare le veline, per zampettare in Rai, a Cinecittà o nell’Alitalia, si va per fare i giornalisti, i portavoce, i giocolieri, i consulenti e gli impiegati ai ministeri, cioè di tutto, salvo che lavorare. In generale l’essere capitale rende (anche più del capitale): è successo a Parigi e a Londra, e più recentemente a Brasilia, Islamabad, Abu Dhabi e a Bujumbura. Ma Roma è la sola città che ha l’eterna vocazione a fare la capitale: dell’Impero, dei Papi e della gaia Repubblica. La menata dura da 2.757 anni, e allegramente: la prima Roma aveva più di 200 giorni all’anno di feste, che non erano giorni di non-lavoro (cosa che non avrebbe costituito alcuna tangibile differenza) ma di distribuzione gratuita di grano e di gioiosi giochi circensi, molti dei quali non proprio commendevoli sul piano dei buoni rapporti col resto del mondo animale. Neanche i Papi della seconda Roma si tiravano indietro: feste in piazza Navona allagata, bisbocce sacre e profane, raffinato collezionismo artistico e antiquario. La terza Roma non ha giustamente voluto essere da meno: drena soldi da tutte le parti come le altre due, senza però graziosamente trasformarli in monumenti, eserciti, basiliche, giubilei e indulgenze. Se li mangia e basta, lasciando cadere qualche briciola verso Sud, giusto per tenere la gente tranquilla, come si usava al Colosseo.È una città che somiglia sempre solo a se stessa. Cambiano tempi e regimi ma lei resta un’efficiente idrovora di risorse che riesce a guastare tutto quello con cui viene in contatto. Tutti quelli, anche per bene, che ci sono caduti dentro - generali barbari, cardinali ispirati, riformatori politici - sono diventati romani: l’hanno scampata solo quelli (Lutero, San Carlo e pochi altri) che se la sono squagliata per tempo. Non si sono salvati i risorgimentalisti onesti, naufragati subito nella Banca Romana (Garibaldi ha scritto: «La corruzione dei pubblicisti, nei plebisciti, nei collegi elettorali, nella Camera, nei ministeri, nei tribunali (…) fu alzata a sistema di governo»), non i fascisti padani impaltati nel Tevere, non il Vento del Nord del 1945.Oggi qualcuno si scandalizza perché si parla di “Roma ladrona”. È un’accusa (quasi) trimillenaria giustificata da un fare (quasi) trimillenario, che suscita reazioni (quasi) trimillenarie: ve lo ricordate il “ratto delle Sabine”? Nel 968 Liutprando, vescovo di Cremona, spiegava all’imperatore Niceforo Foca come l’epiteto di “romano” fosse presso la sua gente il peggiore degli insulti, perché comprendeva «ogni idea di ignobiltà, avarizia, lussuria, menzogna e di ogni altro vizio» («quicquid ignobilitatis, quicquid avaritiae, quicquid luxuriae, quicquid mendacii, immo quicquid vitiorum est»). Non hanno detto di meglio Lutero (che la identificava con la Babilonia dell’Apocalisse) e i riformati (Ulrich van Hutten ha scritto nel suo Vadiscus che le sole ragioni per recarsi a Roma erano la vana curiosità, la lusinga del guadagno e il desiderio di condurre una vita licenziosa); Nathaniel Hawthorne ha descritto Roma come: «un luogo dove i delitti e le calamità secolari, le molte battaglie, il sangue versato con noncuranza e le miriadi di morti hanno corrotto tutto il suolo determinando un influsso che rende l’aria pestifera ai polmoni dell’uomo». Nel 1910, su Lotta di classe, l’ancora socialista Mussolini scriveva: «Roma, città parassitaria di affittacamere, di lustrascarpe, di prostitute, di preti e di burocrati, Roma - città senza proletariato degno di questo nome - non è il centro della vita politica nazionale, ma sibbene il centro e il focolare d’infezione della vita politica nazionale (…). Basta, dunque, con lo stupido pregiudizio unitario per cui tutto, tutto, tutto dev’essere concentrato in Roma - in questa enorme città-vampiro che succhia il miglior sangue della nazione».Sappiamo poi come è andata a finire (“Roma doma”): come tanti altri anche Mussolini, che pur veniva da un paese sano e ricco di anticorpi, è stato corroso dai miasmi dell’Urbe. Publio Fiori, Walter Veltroni e Francesco Rutelli ci sono nati.
    Gilberto Oneto

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ottimo anche per chi non può acquistarlo in edicola vista la scarsa diffusione nelle altre regioni della Padania.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ottimo anche questo numero, complimenti.

  4. #4
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ribadisco che si tratta veramente di una bella e utile pubblicazione....quello che avrebbe dovuto essere laPadania è invece Il Federalismo....approfondimento e ragionamento: ottimo!

    Avanti così Stefania me racumandi!
    --------------
    The Warrior

  5. #5
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Era un pezzo che non guardavo Telepadania, sono due sere che con la scusa dei rifiuti la guardo, beh....quella nuova giornalista, la Piazzo devo dire che è molto ma molto brava, complimenti davvero ha una maniera di condurre la trasmissione che è un piacere ascoltarla....la Sapori dovrebbe imparare un pò da questa a come fare le domande e a come controllarsi un pochino....non sempre l'estetica è frutto anche di bravura, in questo caso la Piazzo non è proprio una bellezza, ma dopo un paio di volte da tanto è brava diventa perfino graziosa.....

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da El Venexian
    borghese e filo-amerikano , nulla a che fare col nazional-populismo che dovrebbe identificarci.
    Hiiii...sempre caustico! Con quello che ha prodotto la Lega negli ultimi tempi meglio apprezzare questi piccoli passi...nazional-populismo? I leghisti hanno smesso di essere "nazional-qualcosa" quando Bossi ha iniziato a deragliare sul patriottismo che non deve essere nazionalismo...perché gli -ismi sono brutti bla bla bla...e poi il doppio patriottismo contro il terrorismo, itagliano e padano e tutto quell' immondo delirio senza capo né coda...meglio che non ci pensi. Borghese? Dai, lascialo ai compagni sto termine che sa da centro sociale o curva...

    Paolo

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Jul 2002
    Località
    Luna
    Messaggi
    467
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Purtroppo vorrei acquistare in edicola "Il Federalismo" ma non lo trovo in Toscana... ho seguito qualche flash del direttore Stefania Piazzo e mi chiedo, ottima scelta, ma perchè l'hanno "tirata fuori" solo adesso? E' fresca, puntuale, moderata ma tenace e federalista. Peccato che non sia anche bella... ma non si può avere tutto... ma come ha detto giustamente Pensiero... diventa carina... grande PIAZZO!
    Spero che sia sempre più pubblicizzato questo settimanale e diffuso soprattutto da ora in poi in vista delle ELEZIONI.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Francamente trovo stucchevoli e fuori luogo (se non addirittura maleducate) queste consdierazioni estetiche sulla giornalista. Mi sembrano residui di mentalità italica secondo cui una "femmina" se è "carina" allora automaitcamente deve avere qualcosa in più delle altre a prescindere dal lavoro dalla preparazione e dalle competenze che ha e dimostra di avere.Vediamo di finirla con queste ruggini da mentalità mediterranea, anche perchè la Piazzo non deve fare la modella nè l'annunciatrice o la hostess.

    Quanto a "el venxian" fate a meno di considerarlo poichè trattasi di un clone provocatore cui provvederà quanto prima la derattizzazione.

  9. #9
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Concordo con Nanths.
    Stefania Piazzo è una delle poche giornaliste che stimo veramente e che mi ha sempre ispirato fiducia. La ammiro per il coraggio nell'intraprendere la sua nuova iniziativa editoriale e le faccio i più sinceri auguri.

    Riporto la lettera scritta da Stefania Piazzo ad Antonio Leoni direttore de IL VASCELLO (quotidiano gratuito con news dedicate a Cremona e con finestre sul mondo, esito di collaborazioni professionali senza compenso, in piena indipendenza ideologica e commerciale).

    Lo trovate on line:

    http://www.vascellocr.it/index.htm


    Dal glorioso “Mondo Padano” di un tempo a direttrice de “Il Federalismo”: brava Stefania

    Caro direttore,
    è da tempo che penso di scriverti...
    Un po’ l’emozione mi frena sulla tastiera ma da qualche parte devo pur iniziare.
    Stefania Piazzo, praticante di Mondo Padano, ovvero secoli fa, da lunedì 5 aprile sarà in edicola da direttore del settimanale “Il Federalismo”.
    Una nemesi storica: usciamo il lunedì, siamo in formato tabloid, siamo in tre gatti. Un piccolo giardinetto di collaboratori ci accompagnerà, per iniziare. Avventura durissima, in salita.
    Fino a qualche settimana fa ero caporedattore al centrale de "la Padania". Ora sono qui, mi sento più leggera e, finalmente, di nuovo in gioco.
    Sai, il momento politico è delicato, dire che tutto fibrilla è un eufemismo. In questi anni, tanti, ho visto passare qui dentro piccoli e grandi uomini, condiviso uffici con presidenti di Camera, gli amici di ieri sono diventati ministri, col segretario politico non mangio più una pizza da tanto....
    Però, in tutti questi anni, credimi, non ho mai dimenticato la lezione che tu mi hai dato a Mondo Padano. Lì ho imparato tutto quanto mi è servito per difendermi professionalmente, per superare le ostilità. Saper fare il mestiere mi ha sempre salvata.
    Grazie, Antonio.
    E voglio dirtelo anche anticipandoti che sul quotidiano Media.Com oggi in edicola a pagina 2 mi dedicano mezza pagina. Ma io dedico a te, nel raccontare la mia breve carriera, la riconoscenza per avermi avviata a questo mestiere. Se potessi avere un fax, te ne invierei volentieri copia.
    Ti seguo sempre sul Vascello!
    Con affetto
    Stefania
    ----------
    Quando la classe non è acqua. E pensare che ho tirato parecchie volte le orecchie alla mia cara Stefania... Ma c’è chi capisce e chi, ahimè, no. Pubblico la lettera, perchè un nuovo giornale è un fiore che sboccia. Qualsiasi idea esprima, bisogna apprezzare il suo profumo. Stefania saprà dargli il suo amore e il suo calore, sarà un giornale bellissimo, statene certi. E andate a comperarlo siate o no di quel parere, chè non si vive d’aria ed in un Paese civile le idee si confrontano, non si censurano.


    --------------------------------------------------------------------------------

  10. #10
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Orso Brrrrr
    Concordo con Nanths.
    Stefania Piazzo è una delle poche giornaliste che stimo veramente e che mi ha sempre ispirato fiducia.


    --------------------------------------------------------------------------------
    no..non ho capito... ma qualcuno ha detto l'incontrario? mi pare di no.......

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226