Gli Stati Uniti attaccano l' Iran attraverso il gruppo terroristico Jundullah finanziato dalla CIA
di Paul Joseph Watson - 20/10/2009

Fonte: duffysblog



Finanziare e armare il ramo di Al-Qaeda fa parte della direttiva del 2007 della Casa Bianca per destabilizzare il governo iraniano.

Il governo degli Stati Uniti ha efficacemente attaccato l'Iran ieri dopo che il suo gruppo terroristico proxy Jundullah ha lanciato un attacco suicida contro la Guardia Rivoluzionaria Iraniana presso il loro quartier generale di Pishin, vicino al confine con il Pakistan.

I leader del gruppo terroristico sunnita Jundullah affiliato ad Al-Qaeda hanno rivendicato la responsabilità di un attentato suicida in Iran, che ha ucciso oltre 40 persone ieri. Il gruppo è finanziato e addestrato dalla CIA e viene utilizzato per destabilizzare il governo iraniano, secondo quanto riferito dal Telegraph di Londra e da ABC News.

Nel dopo l'attacco, che ha ucciso almeno cinque comandanti della Guardia Rivoluzionaria Iraniana insieme a decine di altre vittime, i report dei media hanno oscillato tra accuse iraniane di coinvolgimento di Stati Uniti e Gran Bretagna e le secche smentite per conto del Dipartimento di Stato Usa.

Tuttavia, il fatto che il gruppo Jundullah, che da subito ha rivendicato la responsabilità per l'attacco e rilasciato il nome dell'attentatore "Abdol Vahed Mohammadi Saravani", sia apertamente finanziato e gestito dalla CIA e dal Mossad non è in discussione, è stato ampiamente dimostrato da anni.

"Il presidente George W. Bush ha dato l'approvazione alla CIA per lanciare operazioni segrete (covert "black" operations) per ottenere un cambiamento di regime in Iran"- hanno rivelato le fonti di intelligence. Bush ha firmato un documento ufficiale, approvando i piani della CIA per una campagna di propaganda e disinformazione destinata a destabilizzare ed infine rovesciare, lo Stato teocratico dei mullah ", come riportato dal Telegraph di Londra nel maggio 2007.





Nell'ambito di tale campagna di destabilizzazione la CIA è coivolta nel "fornire supporto di piena collaborazione, la fornitura di denaro e di armi, ad un gruppo attivista iraniano, Jundullah, che ha condotto raid in Iran dalle basi in Pakistan", ha affermato il rapporto.

Jundullah è un'organizzazione sunnita propaggine di Al-Qaeda, che precedentemente era guidata dalla presunta mente del 9/11 Khalid Sheikh Mohammed. Il fatto che essia sia supportata direttamente dal governo degli Stati Uniti sia sotto Bush che ora sotto Obama distrugge tutta la legittimità della "guerra al terrore" in un istante.

Il gruppo è stato accusato di una serie di attentati in Iran mirati a destabilizzare il governo di Ahmadinejad ed è attiva anche in Pakistan, dopo essere stata additata per il suo coinvolgimento in attacchi a stazioni di polizia e di autobombe al Centro Culturale Pakistan-USA nel 2004.

Il gruppo produce anche video e letteratura di propaganda per l'ala mediatica di Al-Qaeda, As-Sahab, che a sua volta è strettamente collegata con il complesso militare-industriale INTELCENTER, il gruppo che mette a disposizione i video di Al-Qaeda per i media occidentali.

Nel maggio del 2008, ABC News scrisse che il Pakistan stava minacciando di consegnare sei membri del Jundullah all'Iran dopo essere stati presi in custodia dalle autorità pakistane.

"Ufficiali U.S.A. raccontano ad ABC che funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti spesso si incontrano e consigliano i leader Jundullah, e funzionari dei servizi segreti (attuali ed ex) stanno lavorando per evitare che gli uomini vengano inviati in Iran ", ha riferito ABC news, sottolineando ancora una volta lo stretto rapporto tra il gruppo terroristico e la CIA.

Nel luglio del 2009, un membro Jundullah ha ammesso dinanzi al tribunale di Zahedan Iran che il gruppo è stato un proxy per gli Stati Uniti e Israele.

Abdolhamid Rigi, un membro anziano del gruppo e il fratello del leader del gruppo Abdolmalek Rigi, che era uno dei sei membri dell'organizzazione estradato dal Pakistan, ha detto al giudice che Jundullah veniva addestrato e finanziato da "gli Stati Uniti e sionisti". Ha anche detto che al gruppo era stato ordinato da America e Israele di intensificare i loro attacchi in Iran.

Jundullah non è il solo gruppo terroristico anti-iraniano di cui il governo degli Stati Uniti è stato accusato di finanziamento, nel tentativo di fare pressione sul governo iraniano.

Molteplici fonti credibili, inclusi gli informatori segreti degli Stati Uniti ed ex personale militare, hanno affermato che gli Stati Uniti stanno conducendo operazioni militari segrete all'interno dell'Iran utilizzando i gruppi di guerriglia per compiere attacchi sulle unità della Guardia Rivoluzionaria Iraniana.

Si sospetta ampiamente che la ben nota organizzazione terroristica di estrema destra conosciuta come Mujahedeen-e Khalq (MEK), un tempo comandata dai temuti servizi segreti di Saddam Hussein, stia ora lavorando esclusivamente sotto la direzione delle operazioni della CIA per l'esecuzione remota di attentati in Iran.

Dopo un bombardamento in Iran nel marzo 2007, il Telegraph di Londra ha inoltre riferito di come un alto funzionario della CIA abbia fatto una soffiata sul fatto che l'America stesse segretamente finanziando gruppi terroristici in Iran nel tentativo di montare la pressione contro il regime islamico di rinunciare al suo programma nucleare.

Una storia dal titolo, "Gli USA finanziano gruppi terroristici per seminare il caos in Iran", rivela come i finanziamenti per gli attacchi effettuati dai gruppi terroristici "provengono direttamente dal bilancio riservato della CIA," un dato di fatto che ora è "un grande segreto", secondo un ex alto funzionario della CIA di Washington che ha parlato anonimamente al The SundayTelegraph.

L'ex-agente del Dipartimento di Stato di contro-terrorismo degli Stati Uniti Fred Burton ha rafforzato la tesi, raccontando al giornale, "Gli ultimi attacchi all'interno dell'Iran, sono in linea con gli sforzi degli Stati Uniti per la fornitura e la formazione delle minoranze etniche iraniane a destabilizzare il regime iraniano".

John Pike, capo dell'influente think tank "Sicurezza Globale" di Washington, ha dichiarato: "Le attività dei gruppi etnici si sono surriscaldate negli ultimi due anni e sarebbe uno scandalo se ciò non fosse stato almeno in parte il risultato dell'attività della CIA. "

Il tempismo dei bombardamenti mirati ai membri della Guardia Rivoluzionaria Iraniana di ieri erano chiaramente orchestrati per farli coincidere con i colloqui tra i rappresentanti di Iran, Russia, Francia, Stati Uniti e dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica a Vienna di oggi sulle reali intenzioni nucleari dell'Iran.
Articolo originale : U.S. Attacks Iran Via CIA-Funded Jundullah Terror Group

Autore : Paul Joseph Watson - 19 ottobre 2009

Traduzione e revisione : Dissident Translator Team (R - Duffy - Stefania - Oscillator)


Copyright Arianna Editrice 2009